DIALOGO TRA GENITORI E FIGLI GAY

Il dialogo e la comprensione reciproca tra genitori e figli gay, la famiglia come luogo di vera crescita per i ragazzi gay
Rispondi
Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5382
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

DIALOGO TRA GENITORI E FIGLI GAY

Messaggio da progettogayforum » venerdì 15 maggio 2009, 16:29

admin ha scritto:Questo post è dedicato all’avvio di una nuova sezione del forum di Progetto Gay intitolata “GENITORI DI RAGAZZI GAY”.
Tre giorni fa, in tarda serata, mi ha chiamato uno psicologo (particolarmente serio) per discutere con me sulle situazioni di disagio dei ragazzi gay. Anche sa da punti di vista sostanzialmente diversi, le nostre analisi convergevano sull’idea che la grande maggioranza delle situazioni di disagio psicologico dei ragazzi gay non deriva dall’essere gay ma da precedenti situazioni di disagio familiare, aggravate, se mai, dal fatto che un figlio è gay: assenza di dialogo, medicalizzazione del problema, forme più o meno velate di rifiuto... Lo psicologo mi diceva che esistono dei forum per i genitori di ragazzi gay, che in qualche modo favoriscono il dialogo di genitori di ragazzi gay con altri genitori che si trovano nelle stesse situazioni, ma ciò che manca è un forum in cui i genitori possano incontrare ragazzi dell’età dei figli e in cui i ragazzi possano incontrare i genitori di altri ragazzi gay, manca cioè anche in queste situazioni un dialogo tra genitori e fogli che permetta agli uni di capire il punto di vista degli altri e di confrontarsi con loro. E’ in questo senso che Progetto gay intende avviare la nuova sezione del forum: per mettere genitori e figli a confronto in un dialogo reale. L’ambiente di Progetto Gay è totalmente libero da pregiudiziali e mio unico fine è favorire un dialogo vero. In queste situazioni c’è sempre da imparare e nessuno può arrogarsi il diritto di considerarsi portatore di una verità assoluta. Oggi avvio questo strumento di discussione sperando che non cada nel vuoto, nella convinzione, derivata dall’esperienza, che per un ragazzo gay il supporto della famiglia non sia sono utile ma sia di primaria importanza.

Rispondi