Crea sito
 
Oggi è sabato 19 agosto 2017, 11:10

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 1 di 3 [ 25 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Genitori assillano figlio gay
MessaggioInviato: mercoledì 1 giugno 2011, 19:38 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5064
Ciao Project, finalmente trovo un po’ di tempo per scriverti.
 
Sono successe delle cose in queste settimane, ma ti parlo della mia famiglia.
Sarò molto lungo nella mail, un romanzo.. Ma non preoccuparti, rispondi quando puoi.
 
Sopportare la situazione è diventato sempre più difficile, il fatto che io viva in una grande città – nonostante torni a casa più volte al mese – manda i miei genitori in uno stato di assoluta frenesia per il semplice fatto che non possono controllarmi. Sono patetici e incredibilmente oppressivi, sono assolutamente convinti ad esempio che io vada in piscina per chissà quale oscuro motivo a sfondo sessuale, magari perché ho conosciuto qualcuno, tant’è che mio padre mi dice “non è che vai lì a fare qualche cazzata ?”, ripetutamente e continuamente entrambi dicono che verranno a fare irruzione in casa senza avvisarmi. Se fosse solo questo non mi preoccuperei, il fatto è che sono ossessionati dal pensiero che io possa essere gay, tanto da dirmi continuamente cose sconce, che davvero fin ora non ho letto nella mail di nessun ragazzo su progettogay.. Appena appaiono delle ragazze in tv, mio padre commenta schifosamente (davanti a mia madre) e poi insieme mi fanno domande del tipo “e a te, ti piacciono ? (riferito alle tette delle ragazze semi-nude), oppure mi chiedono se mi piacciono i culi delle stesse, mi assillano con domande sessuali ! Allora io sarò anche omertoso, ma non ipocrita, quindi davanti a queste domande non rispondo. Al che, mio padre continuava ad insistere, e a chiedere 4, 5 volte consecutive, dicendo che la cosa gli importa eccome. In pratica mi hanno costretto a fare un mezzo coming out semplicemente non facendomi dire che mi piacciono tette e culi femminili. Mia madre non è da meno, anzi. In un servizio di un tg, in cui si mostrava una manifestazione di baci collettivi, lei guardava, e le sue parole erano “hhh… che schifo…che schifo !” con una espressione - che ben conosco - di disgusto tale, che mi sono sentito morire. Ma il vero macigno di tutta questa storia è permanente, c’è sempre e non va via mai.. Quando siamo insieme, avverto sempre un senso di profondo disagio perché non rispondono come dovrebbero, ogni tanto mi fanno strani sguardi, tutto ciò in un clima di apparente normalità, ma nei fatti mi sento perennemente con un senso di colpa. Mi sento trattato come qualcuno che commette, che ha commesso o che continua a commettere degli sbagli, e anche se non me lo dicono, sono sempre lì a ricordarmelo con gli atteggiamenti, ma non con le parole. Non ce la faccio più a vivere come se avessi commesso chissà cosa, mi fanno sentire sbagliato.. E a volte ci credo, e mi dico che se davvero non avessi nulla da nascondere di me stesso, potrei benissimo dire la verità, ma non lo faccio mai. A contribuire a questo quadretto pittoresco della mentalità della mia famiglia, si è aggiunto mio zio. Un bel giorno mentre parliamo mi dice : “mamma mia sai che è successo ieri nel pullman ? Io dormivo, ma dietro di me sentivo delle voci di due fidanzati, a un certo punto mi giro ed erano 2 gay ! Che schifo.. Stavano lì sui sedili a due che si baciavano, si davano effusioni in pubblico.. Mamma mia che schifo (e ride sbalordito).. pure l’autista poteva vederli.. a fianco a me dalla parte sinistra del bus,  c’erano 2 signori – un marito e una moglie - che li guardavano e ridevano, quante risate si sono fatti ! Ma io quel ragazzo l’avevo squadrato bene, si vedeva che era un po’ ricchione, i modi strani e i capelli particolari.. e poi ad aspettarlo all’arrivo come se niente fosse, c’era la madre.. come se fosse tutto normale ! Mamma mia che schifo.. ”
Inutile dire quel che sentivo dentro, ma al che sorrido e dico: vabbè qui siamo di mentalità molto ristretta, già al nord è una cosa molto più comune..
Macché ! Ma dai.. che schifezza, in pubblico!
Conversazione chiusa. Questa è la mentalità del 95 % delle persone del paese sperduto in cui ho la sfortuna di vivere. Basti dire che mio padre – un uomo col chiodo fisso – tempo fa, dopo tutta la violenza psichica che ho dovuto subire da uno psicologo dal quale fui portato forzatamente, mi chiese : allora, sei guarito ? Sicuro che sei guarito ? Per uno come lui, la più grande punizione divina è un figlio gay. Non gli importa dell’università tanto quanto gli importa delle ragazze. Preferirebbe di gran lunga vedermi muratore con una famiglia che avvocato senza.         
 
A proposito di sessualità, una cosa che invece non ti ho mai detto è la visione distorta che io avevo della sessualità da piccolo. Iniziai presto a rendermi conto di provare attrazione per i ragazzi, ma mi ricordo addirittura che da bambino (circa 8 anni) quando mia madre si assentava, occasionalmente – sarà capitato 3-4 volte nella vita – mi travestivo da donna, con tanto di tacchi e parrucca, e giocai a fare la donna, a recitare nel ruolo di una donna. Capitò una volta che mi beccò, e ricordo che ne fece una vera tragedia, mentre io non davo molta importanza, lo ritenevo semplicemente un “gioco proibito”. Tuttavia nell’adolescenza, quando a 12 anni capii di essere gay, nella mia mente non conoscevo la possibilità di un amore tra uomo e uomo, pensavo al binomio uomo-donna come l’unico possibile, e così – desiderando gli uomini – pregavo tutte le sere chiedendo come mai non fossi nato donna, come mai fossi un ragazzo e non una ragazza. Solo col passare del tempo ho capito che potevo amare un uomo pur essendo me stesso, che non dovevo per forza essere una donna, ma potevo benissimo essere me stesso, e lì finalmente ho capito il mondo. Ciò detto, c’è da dire che non sono assolutamente effeminato, anzi.. Nessuno e poi nessuno conoscendomi superficialmente può pensare a me come ad un gay, tant’è che mi parlano con naturalezza delle varie “schifezze” che vedono in giro, ribadendo tutti la stessa cosa come un disco rotto : che “quelli” si riconoscono subito. Lo psicologo dal quale fui portato di peso, sai cosa disse ai miei ? Che uno è gay se durante l’infanzia si è travestito, se giocava con le bambole (cosa che peraltro non ho mai fatto), se aveva più amicizie femminili che maschili, e cose simili. Immediatamente mia madre mi puntò il dito e disse: si, mi ricordo io che si è travestito, e giocava molto di più con le ragazze.
Oggi penso con rabbia a quel cretino, peraltro non scomparso definitivamente dal mio mondo. Rappresentava l’unica e la grande occasione per spiegare davvero il mondo gay ai miei e spingerli ad accettarmi, nonostante io negassi. Invece, dopo quelle sedute forzate che mi hanno violentato nel profondo, i loro comportamenti sono notevolmente peggiorati, e guarda caso nell’ultimo incontro si videro loro e lui, senza di me . Non so cosa abbia potuto dire, so solo che era molto vicino alla chiesa e il risultato è questo, nonostante mi diceva continuamente “io ho tanti amici gay, apriti con me”. Sono strafelice di non averlo fatto.
Ad oggi sono sempre più convinto che fosse una trappola per farmi “confessare”.
Ti dico ciò perché in qualche maniera si collega a un particolare episodio accaduto. Sono tornato a casa, e nei piccoli paesi come il mio ogni cazzata che si svolge diventa un evento imperdibile, così è accaduto che una semplice commedia (peraltro di mediocre qualità, fatta da ragazzi della mia età all’incirca), divenisse uno di quegli eventi imperdibili ai quali non si può non andare. Sacrilegio ! Ho osato rifiutarmi di seguire capofamiglia, matrona e prole, ed ecco di nuovo gli spietati attacchi al loro ritorno. Me ne hanno dette di tutti i colori, dicono da tempo una frase : “tu non esci per paura ! Hai paura della gente, sei un asociale (a volte anormale) ecc..” E’ da molto tempo che ogni volta che mi rifiuto di uscire (quasi sempre) mi accusano di “paura della gente”. Ho validi motivi per credere che questa stramba teoria gliel’abbia inculcata lo psicologo di allora. E’ proprio da allora che continuano a dire queste cose, ma non hanno capito niente..  E’ verissimo che io non esco affatto nel mio paese, tranne le volte in cui sono obbligato, ma avviene questo per un semplice motivo : non ho come interesse quello di uscire insieme a gente che non mi sarà mai amica, ma al massimo buona conoscente per i motivi che sai, oltre al fatto che non ho un solo argomento in comune con loro, che corrono appresso a gossip e grotteschi eventi paesani come quello di fare un’insulsa commedia di pessima qualità. Ma purtroppo io sono a dir poco isolato. Su una cittadina intera, tutti pensano che uscire sia sacrosanto e doveroso, tutti ! E’ opinione comune, dai bambini agli anziani, che chi non esce la sera ha problemi psichiatrici e va aiutato. Il fatto di preferire un film o un buon libro a una commediucola da strapazzo fatta da 15enni o – comunemente – di preferirli a una semplice uscita la sera in un paesino di 8 mila anime,  li sbalordisce.                                                                                         
La teoria dello psicologo che posso dedurre abbia inculcato ai miei è questa : “non esce perché si sente a disagio tra  la gente, e questo accade perché sa di essere gay e riconosce di essere in errore, quindi voi (i miei genitori) dovete aiutarlo a sopprimere questa parte malata di sé costringendolo o mettendolo nelle condizioni di frequentare gente normale e uscire”.
Cosa è accaduto ? Proprio domenica pomeriggio mentre ero di ritorno a Napoli dove studio, mi chiama la figlia di un tizio amico di mio padre (col padre presente al momento). Ora, questa tizia che ho visto una sola volta prima nella mia vita, mi chiede candidamente “perché non esci ? Ti ho chiamato perché non ti vedo mai.. Ti volevo dire che vorrei che uscissi con noi o con me..” Allibito. Sono rimasto allibito, oltre che profondamente umiliato, ed ero seriamente tentato di mandare questa sciocca affanculo, ma poi la gentilezza ha avuto la meglio e le ho spiegato con calma che io venerdì sera arrivo tardi, sabato sono impegnato con lo sport e domenica alle 5 torno a Napoli, quindi NON CI SONO.        
Mi pare scontato che tutto questo è stato ordito dai miei, guarda caso all’indomani della commediucola mancata.
Un episodio per un 21enne trattato come un bambino, di un’umiliazione che è facile immaginare.
Sai cos’è che li sta mandando in bestia ? Il fatto che ogni giorno di più, come hai potuto notare, alzo la testa e sono sempre più orgoglioso di me, di quello che sono. E lo faccio capire in tutti i modi, in tutte le maniere implicite possibili e immaginabili. Sono fiero di me, e questo non lo accettano. In passato invece mi vergognavo, arrossivo dinanzi ai personaggi gay in tv, e loro ci godevano, come a dire “si rende conto di essere sbagliato, di essere in difetto”. Questo lo hanno capito, e mi stanno rendendo la vita impossibile. Sono solo come non mai, ringrazio ogni giorno Dio per il fatto che almeno sto più tempo a Napoli, lontano, senza di loro. A casa mia non ho nemmeno un briciolo di libertà e dignità, dato che nemmeno in bagno posso andare senza che spiino per vedere se ho pisciato o ho fatto altro.
 
Non immagino come sarà domani, io mi sto impegnando ma in questa situazione non so quanto resisterò. Sono senza amici e senza – non dico amore – ma quantomeno una storia, e questo mi sta rendendo duro, di pietra, nei confronti della vita. A volte piango ricordando com’era una volta, ai tempi delle prime medie, quando tutto non era ancora iniziato, quando la spensieratezza delle amicizie era l’unica cosa nella mia vita. Adesso sono disilluso, morto dentro, senza neppure una famiglia nel vero senso della parola, con una durezza incredibile, insolita da trovare in un 21enne.
Li vedo i miei coetanei, correre per le discoteche, lottare per le vere amicizie, piangere per i primi amori finiti male, gioire per il primo bacio, la prima volta, e inseguire il sogno di una vita, una vita possibile.
Il mio percorso di vita invece sarà anche non scontato, ma intanto mi sogno di poter andare nelle discoteche per quelli come me, non posso lottare per le amicizie vere, non piango per i primi amori finiti male, non gioisco per il primo bacio o per la prima volta, e inseguo il sogno di una vita impossibile.



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: UN RAGAZZO GAY ASSILLATO DAI GENITORI
MessaggioInviato: mercoledì 1 giugno 2011, 20:00 
Utenti Storici

Iscritto il: martedì 19 maggio 2009, 19:33
Messaggi: 1003
non ho parole davvero per descrivere una situazione anormale. è una storia davvero agghiacciante. se fosse stata la mia famiglia non so cosa avrei fatto.
devi ammirare davvero il tuo coraggio di andare avanti, di sperare di lottare. spero che un giorno i nostri genitori e tutta la gente ignorante di questo mondo capiranno tutto il male che fanno a danno degli altri. ciao a presto!


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: UN RAGAZZO GAY ASSILLATO DAI GENITORI
MessaggioInviato: mercoledì 1 giugno 2011, 20:16 
Utenti Storici

Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41
Messaggi: 2352
Che storia veramente toccante!
Cita:
Quando siamo insieme, avverto sempre un senso di profondo disagio perché non rispondono come dovrebbero, ogni tanto mi fanno strani sguardi, tutto ciò in un clima di apparente normalità, ma nei fatti mi sento perennemente con un senso di colpa. Mi sento trattato come qualcuno che commette, che ha commesso o che continua a commettere degli sbagli, e anche se non me lo dicono, sono sempre lì a ricordarmelo con gli atteggiamenti, ma non con le parole. Non ce la faccio più a vivere come se avessi commesso chissà cosa, mi fanno sentire sbagliato..

Questo pezzo mi ha colpito molto perché fa ricordare molto come mi sentivo io quand'ero più piccolino e credo proprio non toccherei nulla.

Cita:
Il mio percorso di vita invece sarà anche non scontato, ma intanto mi sogno di poter andare nelle discoteche per quelli come me, non posso lottare per le amicizie vere, non piango per i primi amori finiti male, non gioisco per il primo bacio o per la prima volta, e inseguo il sogno di una vita impossibile.


Io penso che tutte queste cose le puoi fare, che a quel che ho capito non vivi più con i tuoi e quasi certamente per motivi di studio sarai fuori dal tuo paesino. Sembra brutto da dire perché ognuno deve viversi al tua età, ma fossi in te concentrerei tutti gli sforzi per realizzarmi professionalmente, essere autonomo e ricostruirmi una mia famiglia. Un nido d'affetti più stabile. Ad essere oggettivamente realisti immagino che questo sia l'unica cosa che ti permetterebbe di avere una vita serena. In una situazione come la tua è quasi un obbligo e una forma di rispetto verso se rendersi autosufficienti.
Un abbraccio


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: UN RAGAZZO GAY ASSILLATO DAI GENITORI
MessaggioInviato: mercoledì 1 giugno 2011, 23:41 
Utenti Storici
Avatar utente

Iscritto il: domenica 6 settembre 2009, 18:19
Messaggi: 610
ciao ;)
ascoltami... io non so se tu sei un mio fratello segreto ma... io mi rispecchio COMPLETAMENTE nella tua storia. E' uguale alla mia...
anke io ho genitori come i tuoi... e anke a me succedono cose come succedono a te... anke i miei genitori mi guardano e fanno "ti piace quella ragazza eh?" e il loro sogno è quello che io un giorno possa diventare etero e che questa è solo una fase di passaggio...
io non so da quale psicologo sei andato, ti faccio solo una domanda... sei andato a Napoli dallo psicologo? se sì, forse è quello da cui vado anche io ogni 6 mesi (io vado da un altro psicologo una volta a settimana, questo quì dove vado ogni 6 mesi ci vado solo per fare il punto della situazione), cmq io sono di Napoli...

per il fatto dei genitori: purtroppo bisogna accettarli così per come sono, so che è brutta come cosa ma non c'è altra scelta... devi portare pazienza... menomale che li vedi solo una volta a settimana, io invece ci convivo tutti i giorni (ahimè) e li devo sopportare...

ti consiglio solo di fare una terapia familiare in cui ci siete tu e loro e spiegare allo psicologo i problemi che loro ti creano... so che molti sono davvero incompetenti... ma ci sono anche altri (come il mio) che sono bravissimi e non omofobi... purtroppo anche il mondo del lavoro è quello che è... pieno di gente che non dovrebbe proprio lavorare...

intanto ti mando un forte abbraccio e spero di vederti iscritto qui nel forum così potremmo conoscerci e confrontarci meglio...

Gio92



_________________
Non è forte chi non cade, ma chi cade ed ha la forza per rialzarsi!
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: UN RAGAZZO GAY ASSILLATO DAI GENITORI
MessaggioInviato: giovedì 2 giugno 2011, 9:13 
Utenti Storici

Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22
Messaggi: 2861
Una violenza psicologica inaudita... Purtoppo di storie così ce ne sono tante.
Mi permetto di dire che non possiamo qui dar la colpa solo all'ignoranza.
Arriva un certo punto in cui un genitore può , anzi deve , cogliere la sofferenza di un figlio e fare un passo indietro rispetto alle proprie convinzioni. Non potremmo aspettarci che quel genitore vada a manifestare per i diritti dai gay , come fanno certi padri o certe madri, ma può decidere almeno di limitarsi -
Qui non c'è nulla di tutto ciò. I tuoi genitori evidentemente sono totalmente in preda all'ansia. Che sia l'ansia di perderti o l'ansia che tu possa mettere in imbarazzo la famiglia, non posso saperlo. Forse la prima cosa. Nella loro mente credono forse di non avere fatto abbastanza, di avere sbagliato, ma indubbiamente non riescono a tagliare il loro cordone ombelicale con te. Non ce la fanno a trattarti come un ventunenne. Dubito che questo sia un problema di oggi e forse non ha nemmeno a che fare con l'omosessualità
Ci sono genitori che non sono capaci di accompagnare i figli all'indipendenza e che riducono i loro figli (etero o no) a una loro appendice.
Certi genitori scelgono la moglie al figlio , gli comprano la casa, gli trovano il lavoro , e da quel momento egli non sarà mai libero di vivere la propria vita.
Ci sono genitori che non riescono a immaginare di dare alla propria vita un senso diverso una volta che i figli crescono.
Qui il lavoro sei tu che devi farlo. Andare a Napoli potrebbe non bastare. Vai all'estero. Vai più lontano che puoi. Devono capire che non c'è catena che ti può tenere e che facendo così ti perderanno. Mi piacerebbe che tu potessi confrontarti con altri ragazzi che hanno vissuto la stessa situazione e che ne sono usciti. Ma prima devi spezzare quelle catene invisibili che sono dentro di te e convincerti che puoi camminare da solo.
Dal modo in cui scrivi e racconti, dalla lucidità con cui ragioni, sono convinta che ce la farai. Anzi lo stai già facendo.
Sii forte.
barbara

Ps: per lo psicologo, visto che studi legge(mi pare di aver capito) non si potrebbe almeno farlo radiare?


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: UN RAGAZZO GAY ASSILLATO DAI GENITORI
MessaggioInviato: giovedì 2 giugno 2011, 11:26 
Moderatore Globale
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 25 giugno 2009, 0:27
Messaggi: 939
Come dice barbara, registrerei una seduta dallo psicologo per mandare poi tutte le carte per farlo radiare. Poi manderei i tuoi genitori a fare un bel corso di educazione e qualche seduta di supporto psicologico perché fanno veramente schifo (scusa la franchezza, ma non voglio usare eufemismi).
Fossi in te, gli direi di sparire dalla mia vita e di farsi risentire quando sono in età da ospizio, sperando li sia passata la schifiltudine!

Un augurio di felicità per il tuo futuro :mrgreen:



_________________
Zerchmettert, zernichtet ist unsere Macht
wir alle gestürzt in ewige Nacht
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: UN RAGAZZO GAY ASSILLATO DAI GENITORI
MessaggioInviato: giovedì 2 giugno 2011, 17:20 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 9 luglio 2010, 0:27
Messaggi: 277
Finchè puoi stringi i denti e vai avanti....

studia studia studia!!!
e appena puoi lavora!!!
Conquista la tua indipendenza!!!

Così non avranno più il coltello dalla parte del manico,
e sarai LIBERO di costruire la tua vita come meglio credi.

In bocca al lupo! ;)


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: UN RAGAZZO GAY ASSILLATO DAI GENITORI
MessaggioInviato: giovedì 2 giugno 2011, 23:37 

Iscritto il: giovedì 5 maggio 2011, 12:08
Messaggi: 190
Ciao!

Prima di tutto ti abbraccio intensamente, dopo aver letto la tua pazienza e il tuo coraggio.
Tu non sei duro, non penso che naturalmente lo sei. Ti hanno fatto indurire, è vero, ma questo potrà guarire il giorno in cui, lontano da quel tuo pessimo ambiente, inizierai a vivere.

Sto seriamente pensando che queste sono cose anche perseguibili a livello di legge. L'educazione e il fatto che un genitore debba seguire il proprio figlio è una cosa. Tartassarlo psicologicamente, come nel tuo caso, potrebbe diventare perseguibile penalmente. Prova ad approfondire questa cosa e se puoi attuila.

E' vero che tu sei maggiorenne e che i tuoi genitori potrebbero anche tagliarti i viveri o lasciarti fuori casa, ma è pur sempre vero che loro ti stanno facendo subire delle azioni che vanno ben oltre il lecito e l'umanamente consentito: una persona con psicologia fragile CROLLEREBBE E SI AMMALEREBBE SERIAMENTE!!

Io farei così:

a) Intanto preferirei stare il più possibile fuori casa, come stai già facendo.
b) Poi cercherei qualche occasione per diventare indipendente prima possibile.
c) Inoltre, raccoglierei ulteriori prove di questo COMPORTAMENTO VESSATORIO nei tuoi rigurdi e inizierei a mettere i genitori alle strette e con le spalle al muro intimandogli di smetterla, pena conseguenze in foro pubblico.


Qui si tratta:

1) di difendersi e di non venire violentati psicologicamente;
2) d'iniziare a far loro capire che anche i genitori DEVONO imparare dai figli e iniziare ad accettare anche quello che non va bene alla loro mentalità.

Se tu non farai questo, o prima o poi sarai COSTRETTO a farlo, data l'insostenibilità della situazione. Forse loro troncheranno i rapporti con te per un certo tempo o forse per molto. Ma a quel punto penso che non te ne importerà più di tanto.

Ti auguro di vero cuore una buona battaglia (purtroppo devi combattere per vivere!!) e una buona vita!!!

Ancora un caldissimo abbraccio!


Ultima modifica di pavloss il venerdì 3 giugno 2011, 3:08, modificato 7 volte in totale.

Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: UN RAGAZZO GAY ASSILLATO DAI GENITORI
MessaggioInviato: giovedì 2 giugno 2011, 23:42 

Iscritto il: giovedì 5 maggio 2011, 12:08
Messaggi: 190
I tuoi genitori e il tuo ambiente vivono veramente fuori dal mondo.

A Parigi, dove momentaneamente abito, si vedono ragazzi che si baciano tra la folla e neppure UNO, dico UNO, fa facce strane o si volta...

Ma anche dalle tue parti non è dapperttutto uguale. Io ho avuto un fidanzato in un centro fuori Napoli (verso Caserta) e non ho mai avuto grossi problemi. Certamente non esternavo in pubblico le mie effusioni, cmq!


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: UN RAGAZZO GAY ASSILLATO DAI GENITORI
MessaggioInviato: venerdì 3 giugno 2011, 9:18 
Utenti Storici

Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22
Messaggi: 2861
Ogni genitore che maltratta i figli materialmente o psicologicamente potrebbe andare incontro a una sospenzione o a una limitazione della propria potestà genitoriale da parte di un giudice del Tribunale dei minorenni e potrebbe essere invitato a cambiare atteggiamento, pena l'allontamento dei figli.
Un genitore che facesse pressioni sul figlio gay per fargli "cambiare" orientamento sessuale, potrebbe perdere in giudizio la potestà genitoriale?
A tale proposito mi pare interessante questa sentenza inglese . l'Alta Corte ha dato ragione a un'assistente sociale che ha tolto l'affidamento a una coppia perchè diceva ai figli gay che l'omosessualità è sbagliata.
Ok questa è l'Inghilterra, ma ricordiamoci che siamo comunque in Europa, dunque...

http://www.radio30metri.com/life/item/5 ... ffidamento


Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 1 di 3 [ 25 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

cron
phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010