Crea sito
 
Oggi è sabato 21 luglio 2018, 9:27

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 2 di 2 [ 15 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Padre di ragazzo (forse) gay
MessaggioInviato: sabato 28 aprile 2012, 17:47 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 30 marzo 2012, 18:40
Messaggi: 1386
Ciao frewy, benvenuto nel forum!!! :P
frewy ha scritto:
Se possibile (e necessario perché non è detto) vorrei aiutarlo a evitare di rinnegarsi fino a 30 anni e passa.

I motivi per cui di solito non ci si accetta sono perché la società lo considera sbagliato e così anche la famiglia. Però tuo figlio avrà la fortuna, quando sentirà il bisogno di confidarsi, di avere un genitore vicino che non si fa problemi riguardo al suo orientamento sessuale… e questo è già un ottimo punto di partenza. ;)
frewy ha scritto:
No, mia moglie sull'argomento ci sente veramente poco.

Premetto che è una donna buona e senza spigoli, e questo è già un bel punto di partenza. Però 2 o 3 volte ho provato a parlargliene e l'atteggiamento è stato di rifiuto totale. "Sei un visionario" è stata la risposta.

Penso che per un genitore sia difficile accettare un figlio gay per alcuni motivi:
1. L’omosessualità viene ancora vista come una malattia e una cosa di cui vergognarsi e gli stereotipi gay non aiutano. Come fai ad accettare di avere un figlio gay quando gli esempi di gay che vedi alla televisione sono di una superficialità al limite dell’assurdo?
2. Di solito un genitore vuole il meglio per il proprio figlio, e quando vieni a sapere che hai un figlio gay, questo “meglio” è come se venisse spazzato via, perché ti rendi conto che tante cose che per un figlio eterosessuale sono “normali” (matrimonio, figli,…), per tuo figlio non lo saranno.
Shooter ha scritto:
se tuo figlio fosse veramente omosessuale, io affronterei da subito il discorso dei figli. Tuo figlio non diventerà mai padre: è fondamentale che questo lo capisca al più presto, anche adesso che ha 14 anni e sicuramente ai figli ancora non pensa.

Su questo non sono d’accordo. Come dice Shooter ai figli ancora non ci pensa, ma anche se gli farai il discorso che non potrà avere figli a 14 anni gli entrerà da un orecchio e gli uscirà dall’altro, proprio perché ha 14 anni!!! E difficilmente a quell’età uno pensa a quando si potrà formare una famiglia!!!
Quello sarà un bisogno che sentirà più avanti nel tempo, e in quei momenti gli servirà ancora il tuo appoggio.

Isabella



_________________
Ogni sera quando mi ferisco una parte di me si chiede cosa stia facendo, ma io non so cosa risponderle. Guardo il sangue colare dalla ferita, colare a terra, goccia dopo goccia, come una clessidra.
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Padre di ragazzo (forse) gay
MessaggioInviato: sabato 28 aprile 2012, 18:07 
Utenti Storici

Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41
Messaggi: 2397
Cita:
Ma l'esperienza di tutti quelli che mi hanno risposto insegna che è un percorso che bisogna fare abbastanza da soli. Probabilmente il contributo che possiamo dare in famiglia è semplicemente quello di non ostacolarlo mostrando indirettamente un sentimento di accettazione assolutamente indipendente dall'orientamento sessuale.
Credo che le cose stiano esattamente così, più che da soli però direi in autonomia, senza dare per scontato che ci siano soluzioni che vadano bene per tutti. E comunque si l'aiuto serio che puoi dargli è dimostrargli capacità di comprensione e sopratutto l'affetto paterno. Un padre protettivo e tuttavia non soffocante credo sia la migliore cosa per un ragazzo a prescindere da tutto. Complimenti ancora comunque.
Per tornare al tuo amico,
io sono tra quelli che ha deciso di fare i conti con se stesso a 28 anni e comunque sono contento, anche di quello che sono stato prima. Penso comunque di aver vissuto una vita piena fino ad adesso, benché alcune cose senza dubbio mi siano mancate. In queste cose confrontarsi con altre persone che hanno esperienze simili alle tue è un passo più che fondamentale. Spero per il tuo amico che cominci per lui una nuova primavera. Ti parlavo del fatto che non dichiararsi può essere una scelta, non accettarsi è cosa ben diversa. Adesso che lo ha fatto le cose pian piano cambieranno e avere accanto una persona come te gli sarà di enorme aiuto. Per un gay amici buoni e fidati sono l'unica vera famiglia che può permettersi.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Padre di ragazzo (forse) gay
MessaggioInviato: giovedì 3 maggio 2012, 23:59 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 27 febbraio 2012, 4:37
Messaggi: 383
:shock: che padre fantastico che sei...
ho 25 anni, sono in una fase dove ho molte paure da affrontare a causa di molte stupide azioni che ho fatto e molte occasioni mancate (se non tutte)...leggere quello che hai scritto mi ha fatto piacere...te lo chiedo perché sembra quasi naturale: ma siete atei? Nel forum c è una regola che vieta di parlare di religione ma credo che questa domanda meriti una risposta anche perché vorrei capire io se sono veramente credente oppure in Italia qualche angolo di pace VERO c è anche per me, magari con un si o un no senza entrare nei particolari (scusami progect ma è una domanda innocente)...sai vivo al sud, qua la mentalità è casa e chiesa, di mezzo naturalmente c è anche il lavoro ma questa vita non è la mia...comunque torniamo a te e a tuo figlio...come ragazzo ormai uomo ti consiglio appunto di non "soffocarlo" di stargli vicino con tutti i limiti possibili senza assillazioni e senza paure...sappiamo ormai quali sono i veri problemi oggi...come figlio ti direi che sei esemplare :D complimenti, invogliarlo a conoscersi e conoscere senza limiti e pregiudizi...concludo con dirti: BRAVO PAPA'!!!



_________________
Cambiare è difficile

Non cambiare è impossibile

Nel cambiare, ti ferisci, rimarrai ferito, rimarrai segnato e non potrai farne a meno

--------------------------------------------------------------------------------------

Essere come il caffè nei momenti più difficili.
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Padre di ragazzo (forse) gay
MessaggioInviato: sabato 5 maggio 2012, 0:42 

Iscritto il: sabato 28 aprile 2012, 0:54
Messaggi: 5
Ciao, né io né mia moglie siamo credenti. Non ci siamo nemmeno sposati in chiesa.

Grazie per i complimenti ma io veramente non credo di fare niente di speciale. Ma da quale altra parte dovrebbe stare un padre se non da quella della felicità e della piena realizzazione del figlio??!!!!!



875 ha scritto:
:shock: che padre fantastico che sei...
ho 25 anni, sono in una fase dove ho molte paure da affrontare a causa di molte stupide azioni che ho fatto e molte occasioni mancate (se non tutte)...leggere quello che hai scritto mi ha fatto piacere...te lo chiedo perché sembra quasi naturale: ma siete atei? Nel forum c è una regola che vieta di parlare di religione ma credo che questa domanda meriti una risposta anche perché vorrei capire io se sono veramente credente oppure in Italia qualche angolo di pace VERO c è anche per me, magari con un si o un no senza entrare nei particolari (scusami progect ma è una domanda innocente)...sai vivo al sud, qua la mentalità è casa e chiesa, di mezzo naturalmente c è anche il lavoro ma questa vita non è la mia...comunque torniamo a te e a tuo figlio...come ragazzo ormai uomo ti consiglio appunto di non "soffocarlo" di stargli vicino con tutti i limiti possibili senza assillazioni e senza paure...sappiamo ormai quali sono i veri problemi oggi...come figlio ti direi che sei esemplare :D complimenti, invogliarlo a conoscersi e conoscere senza limiti e pregiudizi...concludo con dirti: BRAVO PAPA'!!!


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Padre di ragazzo (forse) gay
MessaggioInviato: domenica 13 maggio 2012, 13:33 

Iscritto il: giovedì 14 maggio 2009, 21:35
Messaggi: 111
Come sempre le cose più importante sono la discrezione e lasciare i figli liberi di fare le proprie scelte e la propria vita; il genitore davanti a queste cose deve comunque mettersi in una posizione sì positiva, ma passiva, di attesa: cioè non forzare , neanche far intendere che si hanno dei sospetti perché a quell'età un ragazzo potrebbe prendere comunque male anche questa cosa.
Inoltre come dice lei, non è certo che suo figlio sia gay né che finga di non esserlo: non ha prove, e poi a quell'età le prove che i genitoripossono reperire sulla sessualitù dei figli sono sempre fragili (anche eventuali esperiente omoerotiche non sono per nulla indicative, cose come la masturbazione di gruppo, financo reciprova, sono più frequenti di quanto non si possa immaginare anche fra ragazzi etero); pensi a come protrebbe prendere la cosa se suo figlio fosse etero e scoprisse che lei ha sempre pensato che invece è gay? non sarebbe comunque neanche questa un'esperienza priva di conseguente per il ragazzo.


Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 2 di 2 [ 15 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010