Una madre meravigliosa che non ho più...

Il dialogo e la comprensione reciproca tra genitori e figli gay, la famiglia come luogo di vera crescita per i ragazzi gay
Rispondi
Cielostellato
Messaggi: 32
Iscritto il: mercoledì 15 agosto 2012, 12:12

Una madre meravigliosa che non ho più...

Messaggio da Cielostellato » sabato 1 settembre 2012, 13:52

Salve a tutti. In questo post, volevo raccontare un po' di quanto i miei genitori, specie mia madre, siano stati importanti e sono (mio padre) nella mia vita, e di quanto, a parer mio, lo siano sempre nella vita di tutti.
Molto spesso, i genitori compiono errori gravi nei confronti dei figli, li ostacolano nelle loro scelte, li maltrattano, non li accettano per come sono, ma anche i figli spesso compiono errori nei loro riguardi..ma che si sia gay o meno, i genitori sono i pilastri della vita di una persona, le radici, e i punti di riferimento costanti. Mi direte che non è sempre così, lo so, ma i genitori, per quanto soffocanti, per quanto severi, rigidi o peggio e per quanto, spesso, così distanti da noi, restano sempre i genitori, a prescindere da tutto.
So perfettamente quanto l'accettazione di una sessualità "diversa" di un figlio possa essere difficile per un genitore; ne ho esempi reali, ho letto tanto riguardo a questo e anche qui in questo forum, e ci sono tante variabili che influiscono su questo. Le famiglie "aperte" in questo senso, penso siano davvero poche, e nemmeno la mia lo è mai stata. Però, i miei, pur ritenendo l'omosessualità una cosa "non giusta", non hanno mai discriminato i gay e hanno sempre condannato l'omofobia. Non sanno/sapevano apertamente di me, io non ho mai sentito l'esigenza di fare coming out, ma dentro di loro sapevano e sanno.
Mia madre mi ha lasciato da un mese e mezzo appena ed è sempre stata una figura vitale per me; con lei ho sempre avuto un rapporto meraviglioso, fatto molto di sguardi, simbiotico, fatto di sorrisi e abbracci. Discutevamo tanto, di tutto, e io ho sempre parlato con lei anche dei miei ragazzi, sotto la veste di amici. Ma lei capiva, ha sempre capito, e, specie riguardo al mio attuale ragazzo. Ha fatto in tempo a conoscerlo, anche se solo telefonicamente, e le era simpatico; lo apprezzava tanto e un mese prima di morire, mi disse di volergli bene come un figlio. Vedeva quanto tenessi a lui, quanto fossi felice quando gliene parlavo, e aveva capito, ecco perchè dirlo non sempre serve, credetemi. Spesso anzi, tacendo ma facendo capire tra le righe, si evita ai genitori un dolore, specie se anziani, specie se con una mentalità molto chiusa, perchè non capirebbero, starebbero solo male e non accetterebbero comunque. Loro sanno comunque, anche se a voi sembra il contrario. Mia madre infatti, pur non "sapendo", mi incoraggiava a stargli accanto, a non abbandonarlo (il mio ragazzo) a "volergli bene" e a vivere la mia vita con forza e determinazione assieme a lui, raggiungendo sempre i miei obiettivi, i "nostri" obiettivi. Le avevo anche accennato ad una probabile convivenza, che non sarebbe stata molto lontana, e lei comunque mi diceva di fare ciò che ritenevo giusto, e che sarebbe stata fiera di me per qualsiasi scelta avessi fatto. Ora lei non c'è più...è stato un calvario durato alcuni mesi, durante i quali ho capito davvero quanto i genitori siano importanti e quanto lei, soprattutto, lo fosse per me. Si, avevo un bel rapporto con mia madre, ma anche io spesso ero insofferente, la trascuravo e non è stato sempre tutto rose e fiori. Il mio ragazzo ha sofferto tantissimo per la sua scomparsa, così inaspettata e repentina, e mi è stato vicinissimo. Io mi sono molto appoggiato a lui...ha pianto assieme a me tutte le sue lacrime e lo ringrazierò sempre per il suo sostegno. Mia madre mi è comunque sempre vicina, ma se penso al prossimo Natale, mi viene il magone. Ma lei c'è, è con me sempre e a tutti i miei amici, ma anche a chi di voi ha la fortuna di averla ancora, una mamma, indipendentemente dal fatto se sappia o meno di voi, dico di godervela, di starle vicino e darle un abbraccio e un sorriso tutte le volte che potete e di non trascurarla, perchè è un bene prezioso che non ci sarà per sempre. Io non l'ho sempre fatto e me ne pento, ma ora è troppo tardi. Ma continuo a vivere, convivendo col dolore della sua scomparsa e adesso ho mio padre da sostenere. Con lui, non ho mai avuto un rapporto come con mia madre, ma è sempre stato comunque molto buono e adesso, che lei non c'è più, il nostro rapporto è cambiato. Si è rafforzato molto e abbiamo molto più dialogo di prima. Io lo sosterrò sempre, come ho sempre fatto finora con entrambi, perchè per me i miei genitori sono stati la mia vita. Nemmeno lui saprà mai ufficialmente di me, ma anche lui, in cuor suo, sa.
Un abbraccio a tutti.
Saluti
Non occorre, nella vita, avere la forza di sognare, ma bisogna semplicemente concedere ai sogni la forza di vivere.

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5438
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: Una madre meravigliosa che non ho più...

Messaggio da progettogayforum » sabato 1 settembre 2012, 15:02

Che post stupendo, Cielostellato!! Sono rimasto proprio commosso. Tua madre ti ha trasmesso una fortisisma carica di umanità che traspare da tutto quello che scrivi e ti ringrazio di aver condiviso con noi sentimenti così alti e così privati.

barbara
Utenti Storici
Messaggi: 2864
Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22

Re: Una madre meravigliosa che non ho più...

Messaggio da barbara » sabato 1 settembre 2012, 15:37

Caro Cielostellato, mi piace pensare che tua madre sia accanto a te in questo momento , e che vorrebbe tanto poterti dimostrare quanto le tue parole l'abbiano resa ancora una volta orgogliosa di te, oltre che commossa...
Sai, il desiderio più grande di una madre non è tanto ricevere dai figli delle attenzioni o un qualche riconoscimento , ma piuttosto quello di vederli crescere e diventare uomini capaci di costruire le proprie scelte. Una madre che davvero ama i propri figli si sente serena quando si rende conto che loro possono camminare finalmente senza di lei e andare incontro alla vita con fiducia. Allora le loro conquiste diventano le proprie conquiste e i loro amici diventano i propri alleati per la loro felicità. Ed è proprio il regalo che hai fatto a tua madre in tutti questi anni.
Un legame così profondo e vero non può essere spezzato, ma va oltre l'esistenza per come noi la percepiamo, e rimane vivo per sempre.

Avatar utente
sam
Messaggi: 97
Iscritto il: martedì 22 maggio 2012, 11:59

Re: Una madre meravigliosa che non ho più...

Messaggio da sam » sabato 1 settembre 2012, 16:25

Davvero un racconto tenero Cielostellato .
Ma
Cielostellato ha scritto: Spesso anzi, tacendo ma facendo capire tra le righe, si evita ai genitori un dolore
non posso ASSOLUTAMENTE condividere una cosa del genere.

Cielostellato
Messaggi: 32
Iscritto il: mercoledì 15 agosto 2012, 12:12

Re: Una madre meravigliosa che non ho più...

Messaggio da Cielostellato » sabato 1 settembre 2012, 16:31

Libero di pensarla come credi. Per me è così, ne sono convinto e ho scritto solo il mio pensiero. Ognuno è libero di fare e credere come vuole.
A Project e a Barbara un grazie di cuore.
Non occorre, nella vita, avere la forza di sognare, ma bisogna semplicemente concedere ai sogni la forza di vivere.

Avatar utente
FreedomTower
Messaggi: 137
Iscritto il: domenica 1 luglio 2012, 0:16

Re: Una madre meravigliosa che non ho più...

Messaggio da FreedomTower » sabato 1 settembre 2012, 16:46

Sono bellissime le tue parole, non sembri avere rimorsi nel rapporto con i tuoi genitori e specialmente con tua madre, certo ora parli col senno di poi riguardo al non averle dato abbastanza attenzioni ma da come scrivi si vede che il rapporto era ottimo, come dovrebbe essere :)
Ha anche conosciuto il tuo ragazzo ed è bello questo, perchè ha potuto assistere alla tua gioia e ti ha capito, ha messo davanti a tutto l'amore per suo figlio, davanti alle proprie opinioni, l'importante è questo :)
Don't make me sad
Don't make me cry
Sometimes Love is not enough when the road gets tough
I don't know why

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5438
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: Una madre meravigliosa che non ho più...

Messaggio da progettogayforum » sabato 1 settembre 2012, 17:04

Quoto FreedomTower al 100%!

Cielostellato
Messaggi: 32
Iscritto il: mercoledì 15 agosto 2012, 12:12

Re: Una madre meravigliosa che non ho più...

Messaggio da Cielostellato » sabato 1 settembre 2012, 17:09

Grazie FreedomTower. Infatti non ho alcun rimorso. Nella mia famiglia, ci sono stati momenti belli e meno belli come in tutte, le discussioni "accese" non sono mancate, ma ho sempre vissuto il rapporto coi miei genitori con la massima serenità possibile. Riguardo al fatto di mia madre, si, col senno di poi, hai detto bene. Anche se in verità, i momenti in cui l'ho trascurata o non le sono stato particolarmente vicino, o ero insofferente verso di lei, son stati pochi, per cui va già bene così. Ma il rimorso per quei momenti c'è comunque. Però, come ha scritto Barbara, penso che questo, per mia madre, sia sempre passato in secondo piano rispetto alle soddisfazioni, alla gioia e all'amore che le ho sempre dato e, al fatto di sapere che ero in grado, grazie a lei e ai suoi insegnamenti di vita, di camminare da solo, quando non ci fosse stata più.
E' inutile prenderci in giro (Sam). Tu sei libero di pensare, dire e fare come vuoi, ma l'omosessualità, per i genitori, è tosta da accettare; e ho parlato di dolore perchè lo è, per loro, sapere che un figlio lo sia. Possono col tempo accettarlo, possono essere più o meno aperti a questo, ma per me è dare loro una sofferenza inutile e che si può evitare. Tanto lo sanno, lo intuiscono da soli. Il mio ragazzo, lo ha detto alla madre quando aveva 18anni. Improvvisamente, una sera tornando a casa dopo un'uscita con gli amici. Beh, lei dopo 10 anni ha cominciato ad accettare l'idea, ma mai del tutto. Anzi, tuttora, dopo anni e anni, ancora è ostile, pur "sapendo", e non se ne è parlato più a casa sua di questo argomento, proprio perchè ogni volta piange e sta male solo al sentirne parlare, anche se sa di me e però, pur sapendo, preferisce, apparentemente, pensarmi come ad un amico di suo figlio. Ciò è quello che penso.
Saluti
Non occorre, nella vita, avere la forza di sognare, ma bisogna semplicemente concedere ai sogni la forza di vivere.

Avatar utente
sam
Messaggi: 97
Iscritto il: martedì 22 maggio 2012, 11:59

Re: Una madre meravigliosa che non ho più...

Messaggio da sam » sabato 1 settembre 2012, 18:01

Non vorrei sembrare un rompiballe Cielo. Ho detto quello che ho detto perchè è un' opinione che tengo particolarmente a precisare...
Detto ciò ,ti assicuro che ho molto rispetto del rapporto che sembri aver avuto con tua madre e del dolore che può derivare da una tale perdita. Perciò non discuterò di certi argomenti in questo topic.

Cielostellato
Messaggi: 32
Iscritto il: mercoledì 15 agosto 2012, 12:12

Re: Una madre meravigliosa che non ho più...

Messaggio da Cielostellato » sabato 1 settembre 2012, 18:18

Beh, grazie per la tua delicatezza e per la tua precisazione. Penso che ognuno di noi, se scrive e racconta di sè, tenga particolarmente a ciò che dice e anche io, pur pensandola diversamente da te, ci tengo molto.
Cmq grazie.
Non occorre, nella vita, avere la forza di sognare, ma bisogna semplicemente concedere ai sogni la forza di vivere.

Rispondi