Depressione.

Che cosa significa essere gay
Rispondi
Avatar utente
naufrago18
Messaggi: 139
Iscritto il: mercoledì 27 ottobre 2010, 16:33

Re: Depressione.

Messaggio da naufrago18 » mercoledì 27 aprile 2011, 21:11

La gente giudica…hai ragione…ma non vi è senso nel credere che cio che dicono gli altri sia vero. Cos’è vero in fondo zed? Cosa ti fa credere che dio non esista? Chi ci rende certi che non ci sia un progetto nella nostra vita? Dio potrà non esistere ma non esiste alcuna prova che lo dimostri…potrai dirmi il contrario certo, dirmi che non vi è alcuna prova che esista…ma ti dico…dio cos’è per te? È qualcuno che ci ha creati per renderci felici? No, non lo credo neanche io…per me dio siamo noi stessi…è la nostra forza, la nostra dignità. E ricorda la nostra dignità non la decide la gente. Non si è dignitosi perché lo hanno deciso gli altri, no… si possiede la dignità solo se noi la desideriamo…e tu la desideri zed, lo so…e tu, proprio tu, che hai scritto delle cose fantastiche credimi, tu la possiedi. Sia la dignità, che dio, potrai crederci o meno…La malinconia del tuo cuore, della tua mente so cosa significa…e sai a cosa mi riferisco…beh…ascolta, se non credi in dio, pazienza, non sei obbligato ma per quanto riguarda la malinconia, se non sarà un amico, se non sarà un familiare, sappi che tutti coloro che vivono anche di questo progetto sapranno capirti, sapranno capire la tua malinconia…e cio avverrà piano piano…perché piano piano le cose cambieranno…e tutto diventerà piu chiaro…ti auguro ogni bene…


Barbara ha scritto Qualcuno dirà: Quella è fissata con le poesie..

Mi accolsi con una poesia...la lessi...non la compresi...ma subito capii che eri una persona speciale.


Barbara ha scritto Eppure quando scrivi, capita questo, che l'angoscia che provi, una volta che l'hai messa nero su bianco, per quanto dolorosa, ti sembra di poterla guardare in faccia.

Sottoscrivo.
Panta rei. Sarà, ma io mi sento sempre lo stesso.

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5529
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: Depressione.

Messaggio da progettogayforum » mercoledì 27 aprile 2011, 21:22

Le cose che ha scritto naufrago18 sono molto belle e molto vere, non avrei saputo dire meglio.

zed000
Messaggi: 3
Iscritto il: martedì 8 marzo 2011, 16:16

Re: Depressione.

Messaggio da zed000 » mercoledì 27 aprile 2011, 21:34

Grazie mille a tutti davvero di cuore. Mi meraviglio che tanta gente si sia interessata ad una cosa che ho scritto in mezzo a tante altre, forse non sono abituato... tutte queste cose, beh mi fanno capire che non sono solo come ho sempre pensato e mi hanno dato coraggio. Mi sento un pò meno solo ora ^^ beh ora cercherò di farmi forza... Spero di riuscirci. almeno questa volta :)

p.s mi ha colpito molto quello che ha scritto n17 perché è esattamente la mia filosofia di pensiero, quella che dice che noi possiamo essere chi vogliamo a seconda di come vuole la nostra mente cioè noi. Beh davvero.. molto colpito ^^

grazie ancora a tutti!

Avatar utente
Volonté Duvall
Messaggi: 195
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 10:34

Re: Depressione.

Messaggio da Volonté Duvall » giovedì 28 aprile 2011, 9:51

zed000 ha scritto:Nella mia testa c'è questo e nel mio viso c'è un sorriso
Perciò chi capirà l'orrore, la malinconia del mio cuore?
Fingere è sempre molto difficile.
Si finge per sembrare più forti, si finge per non fare male alle persone care che ci circondano, si finge perchè esporre il proprio dolore non sarebbe sostenibile.
Ti capisco eccome, sono un gran sfruttatore del fingere: ne parlavo giusto ieri con una speciale persona di questo forum (la "diversa" e imbucata Barbara :mrgreen: ), di come fingere possa diventare la prima parola della tua vita, ma di come però richieda un prezzo elevato da pagare.
Io fingo nella vita...e sul palconescico, visto che da mesi ho decido di recitare (anche se orribilmente :mrgreen: ), e dunque vedo come l'animo sia sempre predisposto a fingere.
Forse perchè essere sè stessi è la cosa più difficile da fare.
Ci svuotiamo totalmente l'anima (o la mente, come dici tu se non credi almeno in una miseruccia anima mortale) ad impersonare ciò che non siamo, a mentire per avere un male minore.
E per la storia della famiglia...ti posso capire, si ha sempre questa sofferenza alle volte; loro che hanno molte aspettative, tu che stai male e zero dialogo tra le parti.
Si finisce solo per litigare e questa è la cosa peggiore...per te e per i tuoi genitori.
Dicevi poi di essere solo...
Ho sempre pensato che noi viviamo per un bollo, un marchio che ci viene attaccato addosso, bello o brutto che sia, e ne soffriamo sempre, perchè la gente ci vedrà per sempre così. "Emarginato", "Pazzo", "Storpio", "Sfigato", "Frocio", sono le parole dell'ignoranza. E l'ignoranza ahimè è forza, lo sai anche te..
Ma si deve avere il coraggio di lottare e togliersi quella maschera. Troverai una persona con cui sfogarti, non sei solo, solo non dissolverti nel nero del dolore ma tieni aperti i tuoi occhi e falli riempire della gioia del sole.
La porta della felicità, dell'accettare sè stessi, dell'amore, dell'essere accetati dagli altri, sarà pure chiusa ora, ma se vedi il sole non ti fermerà nessuno...
Un bacione, se vuoi parlarne di più mi trovi sempre in chat la sera, meno durante il giorno okay? ;)
Scoprii di essere un Nessuno...di non essere completo.
Proprio come tutti loro, ero venuto al mondo senza un cuore.
Avrebbe fatto qualche differenza?
Se avessi un cuore...allora sarei "qualcuno"?

http://shufflecoffee.blogspot.com/

Avatar utente
marc090
Amministratore
Messaggi: 888
Iscritto il: sabato 23 aprile 2011, 1:00

Re: Depressione.

Messaggio da marc090 » giovedì 28 aprile 2011, 16:05

Spero di non andare off topic se chiedo una cosa in comune a molte risposte... una curiosità che mi è venuta leggendole: secondo voi è davvero giusto essere sempre se stessi? Abbiamo la verità esposta di fronte a tutti, a quelli che vorrebbero capirci, a quello che credono di capirci e a quelli che vogliono solo giudicarci.. Non dico di nasconderci per paura, ma alla fine cambiare maschera ogni volta che serve non è anche un altro metodo per tentare di rimanere in armonia col mondo che ci circonda?

E' una pura curiosità perchè anche io provo spesso a propormi così come sono senza troppi veli, ma vedo che la gente preferisce vivere nell'autoinganno, spesso preferisce l'immagine che gli mostro piuttosto che la realtà vera e a sua volta preferisce raccontarsi qualche balla su ogni aspetto della propria vita (che poi diventano tante balle)... eppure, sembra fargli stare meglio..

Spero di non essere andato off-topic, in caso cancello e apro un'altra conversazione eh, ci mancherebbe :)
Per prima cosa portarono via i comunisti, e io rimasi in silenzio perché non ero un comunista. Poi se la presero coi sindacalisti, e io che non ero un sindacalista non dissi nulla. Poi fu il turno degli ebrei, ma non ero ebreo.. E dei cattolici, ma non ero cattolico... Poi vennero da me, e a quel punto non c'era rimasto nessuno che potesse prendere le difese di qualcun altro.
Martin Niemoller


Marc090 -- Amministrazione di ProgettoGay

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5529
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: Depressione.

Messaggio da progettogayforum » giovedì 28 aprile 2011, 18:29

In effetti è così. Il coming out generale, con la pretesa che tutti capiscano o vogliano capire, è del tutto irrazionale. Posso capire il disgio di non poter parlare di sè ad alcune persone, ma resta comunque che un enorme numero di persone non saprebbe e non vorrebbe capire in nessun caso, o forse sì, ma ci vorrebbe un impegno tale che il gioco non vale la candela. Quindi la verità, se è quando ha senso, per gli altri resta comunque, gay o non gay, solo la forma dei rapporti umani.

Rispondi