Matrimonio nullo se sono omosessuale e non lo dico.

Che cosa significa essere gay
barbara
Utenti Storici
Messaggi: 2864
Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22

Matrimonio nullo se sono omosessuale e non lo dico.

Messaggioda barbara » venerdì 30 agosto 2013, 18:13

Il tribunale di Milano in una sentenza del febbraio scorso ha deciso che l’omosessualità celata al coniuge rende nullo il matrimonio, in quanto determina un errore sull’identità complessiva del coniuge.
Dopo le nozze, il marito, confessa alla moglie la sua impossibilità di avere un rapporto sessuale con una donna, che aveva tentato e sperato di poterlo fare ma si era reso conto che la sua omosessualità glielo rendeva impossibile.
L’uomo aveva anche ammesso di aver avuto fino a qual momento solo rapporti con uomini e ciò era successo anche dopo il matrimonio.
La donna si rivolge allora al Tribunale di Milano per far dichiarare l’annullamento del matrimonio sulla base dell’errore in cui era stata indotta dal marito.
L’art. 122 c.c. consente di impugnare il matrimonio per errore sulle qualità personali del coniuge. L’errore deve essere essenziale nel senso che il coniuge non avrebbe prestato il suo consenso se lo avesse conosciuto.
L’errore può riguardare anche l’esistenza di una malattia fisica o psichica o un’anomalia o deviazione sessuale tali da impedire lo svolgimento della vita coniugale.
La legge parla di malattia fisica o psichica o deviazione sessuale. I giudici milanesi hanno fatto rilevare che l’omosessualità non può essere ricondotta in nessuna di queste categorie. In sostanza l’omosessualità non è considerata, né a livello medico, né morale né etico, una malattia o una deviazione.
Nel 1983 La corte di Cassazione aveva stabilito che ignorare l’omosessualità del fidanzato non influiva sulla sua identità , ma solo sulle qualità della personalità e che quindi non fosse elemento sufficiente a dichiarare nullo il matrimonio.
Invece il tribunale di Milano ha ritenuto che l’orientamento sessuale è un elemento così importante da influire sull’identità complessiva della persona.
Tale inclinazione ha inoltre precluso alla coppia lo svolgimento della vita matrimoniale, caratterizzata dalla totale mancanza di scambio fisico che impedisce non solo la procreazione, ma l’esprimersi dei valori connessi alla sessualità che sono strettamente legati al valore della persona in sé.
I giudici richiamano una sentenza della Cassazione (Cass. Civ. n. 13547 del 2009) che ha definito la sessualità come diritto inviolabile della persona sulla base dell’art. 2 della Costituzione e come “modus vivendi” essenziale per l’espressione e lo sviluppo della persona.
Anche la Corte Costituzionale, già nella sentenza n. 561 del 1987, aveva definito la sessualità come “uno dei modi essenziali di espressione della persona umana”.
Il matrimonio è stato pertanto dichiarato nullo sulla base del secondo comma dell’art. 122 c.c. per errore sulle qualità personali dell’altro coniuge, non per l’esistenza di una malattia o deviazione sessuale, ai sensi del terzo comma n. 1, così come prospettato dalla moglie.
   
.
.
 

Avatar utente
konigdernacht
Moderatore Globale
Messaggi: 939
Iscritto il: giovedì 25 giugno 2009, 0:27

Re: Matrimonio nullo se sono omosessuale e non lo dico.

Messaggioda konigdernacht » venerdì 30 agosto 2013, 21:33

Mi sembra una scelta di buon senso! :mrgreen:
Zerchmettert, zernichtet ist unsere Macht
wir alle gestürzt in ewige Nacht


Torna a “ORIENTAMENTO GAY”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite