Crea sito
 
Oggi è mercoledì 22 novembre 2017, 20:46

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 1 di 1 [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: L’OMOSESSUALITÀ FEMMINILE SECONDO HAVELOCK ELLIS
MessaggioInviato: giovedì 25 febbraio 2016, 17:34 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5112
Vi propongo oggi l’ultima parte del capitolo dedicato alla omosessualità femminile del trattato di Havelock Ellis sull’inversione sessuale.

Qui sono ormai superate le questioni di carattere antropologico e etnologico e Ellis tenta un approccio alla omosessualità femminile da medico qual era. Va però detto che il modo di trattare l’omosessualità femminile appare condizionato proprio da questo suo approccio di tipo clinico. Ellis tende ad interpretare l’omosessualità femminile in chiave fisiologica e ormonale molto di più di quanto non avesse fatto per l’omosessualità maschile e tende a soffermarsi, con un’analisi anatomica e fisiopatologica, sullo studio di casi che, per quanto emblematici, ed anzi proprio perché emblematici, presentano caratteristiche tanto marcate da sconfinare nel patologico. Ellis studia la distribuzione del pelo sul corpo delle donne omosessuali, la loro laringe, ovviamente si sofferma sulle anomalie anatomiche dei loro genitali considerando in particolare casi di donne che hanno trascorso l’intera vita in abiti maschili e che hanno sposato altre donne ricorrendo all’ausilio di peni artificiali. Ellis, che è un Inglese, sembra qui cadere nello stesso errore metodologico che aveva caratterizzato lo studio dell’omosessualità maschile in Francia, dà cioè spazio alle situazioni estreme e sembra non rendersi conto che l’omosessualità femminile è un fenomeno molto più largo e meno rigidamente definito dei casi analizzati dagli psichiatri e dagli anatomopatologi. In altri termini, Ellis dimostra di non avere una conoscenza diretta adeguata dell’omosessualità femminile analoga a quella che possono avere oggi quanti conoscono personalmente e frequentano donne lesbiche nella loro quotidianità. Conosceva, evidentemente e comprensibilmente, solo la parte emergente dell’iceberg dell’omosessualità femminile e su quella tentava di costruire un inquadramento generale della questione.

Ellis, che affronta l’omosessualità maschile affidandosi soprattutto a storie vere di omosessuali, presenta in questa ultima parte del capitolo dedicato all’omosessualità femminile una vera collezione di stranezze e di orrori che, è bene sottolinearlo, non hanno nulla a che vedere con la realtà dell’omosessualità femminile che è una dimensione normale della sessualità.

Buona lettura.
__________

La caratteristica più comune della donna sessualmente invertita è un certo grado di mascolinità o di modo di fare da ragazzo. Come ho già sottolineato, il travestitismo in donne o uomini in nessun modo implica necessariamente l’inversione. Nel volume di Women Adventurers, a cura dalla signora Norman per la Serie delle Avventure, non vi è alcuna traccia di inversione; nella maggior parte di questi casi, infatti, l'amore per un uomo era proprio il motivo per l'adozione di indumenti e maniere maschili. Anche la figlia di Colley Cibber, Charlotte Charke, una donna con atteggiamenti da ragazzo e brillante, che trascorse gran parte della sua vita in abiti maschili e, infine, scrisse un vivace volume di memorie, sembra non essere mai stata attratta da donne, anche se le donne erano spesso attratte da lei, credendo che fosse un uomo; è infatti degno di nota che le donne sembrano, con particolare frequenza, innamorarsi di persone del proprio sesso dissimulate [in abiti maschili]. [1] Vi è, tuttavia, una tendenza molto marcata tra le donne sessualmente invertite ad adottare un abbigliamento maschile, quando è possibile. In questi casi, i capi di abbigliamento maschile di solito non sono considerati desiderabili principalmente a causa della loro praticità, e nemmeno al fine di fare impressione su altre donne, ma perché chi li indossa si sente più a suo agio in essi. Così, Moll cita il caso di una giovane governante di 16 anni che, mentre era ancora inconsapevole della sua perversione sessuale, aveva l’abitudine di trovare piacere, quando tutti erano fuori di casa, nel mettersi i vestiti di un ragazzo appartenente alla famiglia.

Sono stati registrati casi di donne invertite che hanno trascorso la maggior parte della loro vita in abbigliamento maschile e sono state generalmente considerate come uomini. Posso citare il caso di Lucy Ann Slater, alias il reverendo Joseph Lobdell, registrato da Wise (Alienist and Neurologist, 1883). Era maschile di carattere, fattezze e abbigliamento. Nel primi anni di vita si sposò ed ebbe un figlio, ma non aveva affetto per il marito, che alla fine la lasciò. Come al solito in questi casi, le sue abitudini maschili apparvero nella prima infanzia. Era esperta con il fucile, visse la vita di uno che mette trappole e fa il cacciatore tra gli Indiani, e fu conosciuta come "la donna cacciatore di Long Eddy". Pubblicò un libro su quelle esperienze. Non sono stato in grado di vederlo, ma si dice che sia caratteristico e ben scritto. Lei si considerava praticamente un uomo, e finì per legarsi ad una giovane donna di buona educazione, che era stata anche lei abbandonata dal marito. L'affetto era forte ed emotivo, e, naturalmente, senza inganno. Fu interrotto dal suo riconoscimento e dalla detenzione come vagabonda, ma a seguito della petizione di sua "moglie" fu liberata. "Posso essere una donna in un certo senso", ha detto, "ma ho organi particolari che mi rendono più un uomo che una donna." Alludeva ad un clitoride ingrossato che lei poteva tenere eretto, disse, come una tartaruga sporge la testa, ma il problema del suo uso nel coito non si poneva proprio. Fu infine portata al manicomio con attacchi parossistici di esaltazione e di erotomania (senza auto-abuso apparentemente) e periodi corrispondenti di depressione, e morì di demenza progressiva. Posso anche citare il caso (registrato brevemente nel Lancet, 22 Febbraio 1884) di una persona chiamata John Coulter, che fu impiegata per dodici anni come operaio dai Commissari del porto di Belfast. Dopo la sua morte a seguito di lesioni provocate da una caduta dalle scale, si constatò che questa persona era una donna. Aveva cinquanta anni, e aveva trascorso manifestamente la maggior parte della sua vita come un uomo. Quando era impiegata, nei primi anni di vita, come servo in una fattoria, aveva sposato la figlia della padrona. La coppia rimase sposata per ventinove anni, ma negli ultimi sei anni le due vissero separate, a causa delle abitudini dissipate del "marito". Nessuno mai sospettò del suo sesso. Era di aspetto maschile e di buono sviluppo muscolare. La "moglie" si occupò del corpo e lo seppellì.

Un caso più recente dello stesso tipo è quello di "Murray Hall," che morì a New York nel 1901. Il suo vero nome era Mary Anderson, nacque a Govan, in Scozia. Rimasta orfana molto presto, alla morte del suo unico fratello si mise i suoi vestiti e andò a Edimburgo, lavorando come un uomo. Il suo segreto fu scoperto durante una malattia, e lei alla fine andò in America, dove visse come un uomo per trenta anni, facendo soldi, e diventando famosa come il politico del Tammany [un’associazione all’interno del Partito Democratico comunemente associata alla corruzione], un piuttosto dissoluto "Man About Town" [playboy]. Il segreto non fu scoperto fino alla sua morte, quando fu una completa rivelazione, anche per la sua figlia adottiva. Si sposò due volte; il primo matrimonio finì con la separazione, ma il secondo matrimonio sembra essere stato felice, perché durò vent'anni, fino alla morte della "moglie". Lei stava molto insieme con belle ragazze, ed era molto gelosa di loro. Sembra che sia stata delicata e non molto maschile nella struttura fisica generale, con una voce stridula, ma i suoi modi, l'atteggiamento e le abitudini erano tutti essenzialmente maschili. Frequentava i politici, beveva in modo un po’ eccessivo, anche se non pesantemente, bestemmiava moltissimo, fumava e masticava tabacco, cantava canzoni licenziose; poteva correre, ballare e combattere come un uomo, e si era spogliata di ogni traccia di delicatezza femminile. Indossava vestiti che erano sempre un po’ troppo grandi in modo da nascondere le sue forme, pantaloni larghi e un cappotto anche in estate. Si dice che sia morta di cancro del seno. (Cito da un racconto, che sembra essere affidabile, contenuto nello Weekly Scotsman, 9 febbraio 1901.)

Un altro caso, descritto sui giornali di Londra, è quello di Catharine Coome, che per quarant'anni impersonò con successo un uomo e adottò in tutto abitudini maschili. Sposò una cameriera, con la quale visse per quattordici anni. Avendo alla fine adottato una vita basata sulla frode, il suo caso ottenne pubblicità come quello dell '"uomo-donna".

Nel 1901 si ebbe notizia della morte a bordo di una nave di Miss Caroline Hall, di Boston, una pittrice di acquerelli che aveva avuto a lungo la residenza a Milano. Da tre anni aveva dismesso gli abiti femminili e aveva vissuto come "marito" di una giovane donna italiana, anche lei artista, che aveva già conosciuto per sette anni. Si faceva chiamare "Mr. Hall" e sembrava essere un uomo giovane completamente normale, in grado di sparare con il fucile e appassionato di sport virili. Gli ufficiali della nave dichiararono che fumava e beveva generosamente, scherzava con gli altri passeggeri di sesso maschile, ed era cameratesco con tutti. La morte avvenne a causa della tubercolosi polmonare avanzata, accelerata dal bere eccessivo e dal fumo.

Ellen Glenn, alias Ellis Glenn, un ben noto truffatore, che venne alla ribalta davanti al pubblico a Chicago durante il 1905, fu un altro "uomo-donna", di tipo solido e mascolino. Preferì vestirsi come un uomo ed ebbe molte scappatelle d'amore con donne. "Lei può giocherellare così come chiunque nello Stato", disse un uomo che la conosceva, "può tirare di box come un pugile, e può ballare e giocare a carte."

A Siviglia, pochi anni fa, un poliziotto anziano, che era stato di scorta ai governatori succedutisi in quella città per trenta anni, fu gravemente ferito in un incidente stradale. Fu portato in ospedale e il medico, lì, scoprì che il "poliziotto" era una donna. Usò il nome di Fernando Mackenzie e durante tutto il suo lungo servizio non sorse mai alcun sospetto di alcun tipo sul suo sesso. Era francese di nascita, era nata a Parigi nel 1836, ma il padre era inglese e la madre spagnola. Assunse il suo travestimento maschile quando era una ragazza e prestò servizio nell'esercito francese, poi emigrò in Spagna, all'età di 35 anni, e fece in modo di entrare nel corpo di polizia di Madrid, travestita da uomo. Si sposò lì e finse che il figlio di sua moglie fosse suo figlio. Si trasferì a Siviglia, prestando ancora servizio come poliziotto, e fu impegnata lì come cuoco e attendente al palazzo del governatore. Servì sette governatori uno dopo l’altro. In conseguenza della scoperta del suo sesso fu cacciata dalla polizia senza la pensione che le era dovuta; la moglie era morta due anni prima, e "Fernando" aveva tutto quello che possedeva per il funerale della donna. Mackenzie aveva una voce morbida, un volto raffinato dai lineamenti delicati, ed era ben vestito in abiti maschili. Alla domanda su come avesse evitato di essere riconosciuta per così tanto tempo, rispondeva che aveva sempre vissuto tranquillamente nella sua casa con sua moglie e aveva fatto il suo dovere verso i suoi datori di lavoro così che nessuno si impicciò di lei.

A Chicago nel 1906 molta attenzione fu riservata al caso di "Nicholai de Raylan," segretario particolare del console russo, che, al momento della morte (di tubercolosi), all'età di 33 anni, risultò essere una donna. Nacque in Russia e fu per molti aspetti molto femminile, piccola ed esile di costruzione, ma era ritenuta un uomo, e anche molto "virile", da uomini e donne che la conoscevano intimamente. Lei era sempre molto ordinata nel vestire, esigente in materia di camicie e cravatte, e indossava un cappotto dalla vita abbassata per nascondere le linee della sua figura. Si sposò due volte in America, avendo divorziato dalla prima moglie, dopo una unione duratura dieci anni, a causa della sua crudeltà e della sua cattiva condotta con le ballerine. La seconda moglie, una ballerina di fila, che era stata precedentemente sposata e aveva un figlio, si dedicò a suo "marito". Entrambe le mogli erano fermamente convinte che il loro marito fosse un uomo e consideravano ridicola l'idea che "lui" potesse essere una donna. Sono informato che De Raylan indossava un pene artificiale molto elaboratamente costruito. Nel suo testamento lasciò precise disposizioni per impedire il rilevamento del sesso dopo la morte, che risultarono però inutili perché morì in un ospedale.

A St. Louis, nel 1909, venne fuori il caso di una giovane donna di 22 anni, che aveva recitato la parte di un uomo per nove anni. La sua carriera maschile iniziò all'età di 13 anni, dopo l’alluvione di Galveston che spazzò via tutta la sua famiglia. Fu salvata e lasciò il Texas, vestita come un ragazzo. Lavorò in un deposito di carrozze, in una fabbrica di aratri, e come attacca-manifesti. A un certo punto fu il figlio adottivo della famiglia in cui viveva e non ebbe difficoltà ad ingannare le sue sorelle adottive circa il suo sesso. Venendo a St. Louis nel 1902, produsse sedie e cestini presso le fabbriche dell’American Rattan, frequentando i compagni di lavoro su una base di uguaglianza maschile. Un giorno un operaio notò l'estrema piccolezza e la destrezza delle sue mani. "Accidenti, Bill, avresti potuto essere una ragazza." "Come fai a sapere che non lo sono?" ribatté lei. Così il suo spirito pronto e il suo buon umore, dissipavano sempre il sospetto quanto al suo sesso. Non evitava le difficoltà nel suo lavoro e nei suoi sport, ci è stato detto, e mai evitava le prove più severe. "Beveva, bestemmiava, corteggiata le ragazze, lavorava duro come i suoi compagni, andava a pesca e al campeggio; raccontava storie con il meglio di loro, e lei non batteva ciglio quando il discorso si faceva più duro. Masticava anche tabacco." Le ragazze cominciarono molto presto ad innamorarsi del bel ragazzo, e lei spesso si vantava delle sue conquiste femminili; con una ragazza che la venerava ci fu anche una domanda di matrimonio. A causa della mancanza di istruzione il suo impiego fu limitato al solo lavoro manuale, e lei spesso sceglieva proprio il lavoro duro. A un certo punto divenne apprendista di un operaio costruttore di caldaie, brandiva un martello e batteva sui rivetti caldi. Qui lei era molto popolare e divenne segretario locale della Fratellanza Internazionale dei fabbricanti di caldaie. Quanto allo sviluppo fisico era ora in un certo senso un atleta. "Poteva correre più veloce qualsiasi dei suoi amici in una volata, poteva calciare alto il pallone, giocare a baseball e lanciare la palla col braccio sopra le spalle come un uomo, ed era appassionata di calcio. Come lottatore poteva mettere al tappeto la maggior parte dei membri del club." Il medico che la esaminò per una polizza assicurativa osservò: "Tu sei un bell'esempio di virilità fisica, giovanotto, prenditi cura di te stesso." Infine, in un momento di debolezza, ammise il suo sesso e ritornò al modo di vestire femminile.

A Londra, nel 1912, una serva di 23 anni fu accusata presso la Corte di polizia di Acton di essere "disordinata e travestita," avendo indossato abiti da uomo e vivendo con un'altra ragazza, più alta e più bella di lei, come marito e moglie. Aveva avuto lievi problemi cerebrali da bambina, ed era molto intelligente, con un cervello fin troppo attivo; nel suo tempo libero aveva scritto storie per delle riviste. Le due ragazze si legarono l’una all’altra facendo un lavoro sociale cristiano insieme nel loro tempo libero, e decisero di vivere come marito e moglie per evitare che qualche giovane si facesse avanti. Il "marito" divenne compagno di un idraulico, e mostrava una certa abilità nel fare a pugni quando finalmente fu scoperto dal fratello "della moglie". Di qui la sua comparizione nella corte di polizia. Entrambe le ragazze furono rimandate ai loro amici, e si trovò per loro una collocazione come domestiche. Ma dato che rimasero fedeli l'una all'altra, furono trovate per loro delle sistemazioni che permettessero loro di vivere insieme.

Un altro caso che può essere menzionato è quello di Cora Anderson, "l'uomo-donna di Milwaukee", che per tredici anni fece la parte di un uomo, e durante quel periodo viveva con due donne come sue mogli senza che il suo travestimento fosse svelato. (Le sue "Confessioni" sono state pubblicate nel Day Book of Chicago, nel mese di maggio 1914.)

Sarebbe facile citare altri casi. Alcuni esempi di matrimonio tra donne si trovano in Alienist and Neurologist, novembre, 1902, p. 497. In tutti questi casi, dove più, dove meno, c’è stata frode. So di un caso, probabilmente unico, in cui la cerimonia si è svolta senza alcun inganno da nessuna parte: una donna inglese congenitamente invertita di ragguardevoli capacità intellettuali, ormai morta, si legò alla moglie di un uomo di chiesa, che, in piena cognizione di tutti i fatti del caso, sposò privatamente le due signore nella sua chiesa.

Quando conservano ancora gli indumenti femminili, questi di solito mostrano alcuni tratti di semplicità maschile, e c'è quasi sempre un disprezzo per i piccoli artifici femminili della toilette. Anche quando questo non è evidente, ci sono tutti i tipi di gesti istintivi e di abitudini che possono suggerire alle conoscenti donne l'osservazione che una quella persona "avrebbe dovuto essere un uomo." I bruschi movimenti energici, l'atteggiamento delle braccia, il discorso diretto, le inflessioni della voce, la semplicità maschile e il senso dell'onore e, soprattutto, l'atteggiamento verso gli uomini, libero da qualsiasi spunto o di timidezza o di audacia, spesso suggeriranno ad un acuto osservatore l'anomalia psichica sottostante

Nelle abitudini non solo vi è spesso un gusto pronunciato per il fumo di sigaretta, che spesso si trova nelle donne molto femminili, ma anche il gusto deciso e la tolleranza per i sigari. C'è anche un’avversione e, talvolta, un’incapacità di svolgere lavori di cucito e altre occupazioni domestiche, mentre vi è spesso una certa capacità per l'atletica.

Per quanto riguarda il portamento generale della donna invertita, nella sua forma più marcata e più palese, posso citare l’ammirevole descrizione dal Prof. Zuccarelli, di Napoli, di una donna non sposata, di classe media, dell’età di 35 anni: "Pur conservando indumenti femminili, il suo portamento è il più vicino possibile a quello di un uomo. Porta i capelli sottili gettati con noncuranza all’indietro alla Umberto, e fissati in un nodo semplice nella parte posteriore della testa. I seni sono poco sviluppati, e compressi sotto un alto corsetto, il suo abito è stretto, senza l'espansione richiesta dalla moda. Il suo cappello di paglia con ampi lavori di intreccio è talvolta ornato da una piuma, o indossa un piccolo cappello come quello di un ragazzo. Non porta l’ombrello o il parasole, e se ne va da sola, rifiutando la compagnia degli uomini, o è accompagnata da una donna, come lei preferisce, offrendo il braccio e portando l'altra mano alla cintura, con l'aria di un gentiluomo. In carrozza suo portamento è particolare e diverso da quello abituale delle donne. Seduta nel mezzo di un sedile doppio, con le ginocchia accavallate o, anche, con le gambe ben separate, con aria virile e movimenti semplici trascurati, gira la testa in ogni direzione, trovando a colpo d’occhio una conoscenza qua e là, salutando gli uomini e le donne con un grande gesto della la mano come avrebbe fatto un uomo d'affari. Nella conversazione la sua posa è simile; gesticola molto, è vivace nel discorso, con molta potenza mimica, e mentre parla inarca gli angoli interni del sopracciglio, producendo rughe verticali al centro della fronte. La sua risata è aperta ed esplosiva e scopre le sue file bianche di denti. Con gli uomini è in condizioni di noncurante uguaglianza. ("Inversione congenita dell'istinto Sessuale in una donna", L'Anomalo, febbraio 1889.)

"La donna invertita," Hirschfeld osserva realisticamente (Die Homosexualität, p. 158), "è più piena di vita, di iniziativa, di energia pratica, più aggressiva, più eroica, più adatta per l'avventura, di quanto non sia la donna eterosessuale o quella omosessuale ." A volte, aggiunge, i suoi modi maschili possono avvicinarsi ad una brutalità spericolata, e il suo coraggio diventa avventatezza. Questo autore osserva, tuttavia, in un altro punto (p. 272) che, in aggiunta a questo gruppo di donne invertite con tratti maschili c'è un altro gruppo, "non meno grande", di donne ugualmente invertite che sono esteriormente altrettanto accuratamente femminili delle donne normali. Non è un'osservazione che io sono in grado di confermare. Mi sembra che la grande maggioranza delle donne invertite possieda alcuni tratti maschili o da ragazzo, anche se solo leggermente, come quelli che possono a volte essere mostrati da donne normali. La femminilità estrema, dalle mie osservazioni, è molto più probabile che si trovi nelle donne bisessuali che nelle donne omosessuali, così come l’estrema mascolinità è molto più probabile che si trovi in uomini bisessuali piuttosto che in uomini omosessuali.

Mentre le donne invertite spesso, se non sempre, trasmettono un'impressione di mascolinità o di atteggiamenti da ragazzo, non ci sono caratteristiche anatomiche invariabilmente associate a questa impressione. Non c'è, per esempio, nessuna tendenza uniforme ad una distribuzione maschile di peli. Né si deve supporre che la presenza di una barba in una donna indichi una tendenza omosessuale. Le "donne barbute", come osserva Hirschfeld, non sono quasi mai invertite, e sembrerebbe che le più marcate inversioni dei caratteri sessuali secondari accompagnino meno spesso l'omosessualità rispetto alle modifiche lievi di questi caratteri. [2] Anche un leggero baffo e altre lievi manifestazioni di ipertricosi in nessun modo indicano necessariamente l'omosessualità. In una certa misura è una questione di razza; così, nel quartiere di Pera di Costantinopoli, Weissenberg, tra quasi settecento donne tra i18 e 50 anni circa di età, ha rilevato che il 10 per cento, mostrava peli sul labbro superiore; erano più spesso donne armene, le donne greche venivano subito dopo. [3]

C'è stata qualche controversia sul fatto che, a parte l'omosessualità, l’ipertricosi in una donna possa essere considerata come un'indicazione di una mascolinità generale. Questo è negato da Max Bartels (nel suo elaborato studio, " Ueber abnorme Behaarung beim Menschen," Zeitschrift für Ethnologie, 1876, p. 127; 1881, p. 219 e, per quanto riguarda la follia, da L. Harris-Liston ("Cases of Bearded Women," British Medical Journal, June 2, 1894). D'altra parte, J. H. Claiborne ("Hypertrichosis in Women," New York Medical Journal, June 13, 1914) ritiene che i peli sul viso e sul corpo in una donna siano un segno di virilità; "Le donne con ipertricosi possiedono tratti maschili."

Sembra che ci siano davvero pochi dubbi sul fatto che le “donne barbute” pienamente sviluppate siano per la maggior parte, forse non in tutti i casi, decisamente femminili in tutti gli altri aspetti. Un esempio tipico è fornito da Annie Jones, la "Lady Esaù" della Virginia. Apparteneva ad una grande famiglia del tutto normale, ma lei stessa possedeva una folta barba con baffi spessi e di un tipo completamente maschile; mostrava anche corti peli scuri sulle braccia e le mani che assomigliano a quelle di un uomo. Al di là di questa diversità, era del tutto normale e femminile. All'età di 26 anni, quando fu esaminata a Berlino, i capelli della testa erano molto lunghi, l'espressione del volto del tutto femminile, anche la voce era femminile, la figura elegante, le mani e i piedi completamente di tipo femminile, i genitali interni ed esterni del tutto femminili. Annie Jones era sposata. Max Bartels, che ha studiato Annie Jones e ha pubblicato il suo ritratto (Zeitschrift für Ethnologie, 1891, Heft 3, p. 243), osserva che per questi aspetti Annie Jones assomiglia ad altre "donne barbute"; si sposano, hanno figli, e sono in grado di allattarli. La barba nelle donne sembra, come Dupré e Duflos credono (Revue Neurologique, 30 agosto 1901), essere più strettamente correlata con la neuropatia che con la mascolinità; confrontando mille donne sane di mente con mille donne folli di Parigi, questi autori hanno trovato un’insolita presenza di peli nella parte bassa del volto nel 23 per cento del primo gruppo e nel 50 per cento del secondo; ma anche le donne barbute sane spesso appartenevano a famiglie neuropatiche.

Una tendenza a una lieve ipertricosi ampiamente diffusa sul corpo nel suo complesso, non localizzata o altamente sviluppata sulla faccia, sembra essere associata con la mascolinità con probabilità molto maggiore che la barba, anche quando si verifica in bambine. Così Virchow una volta presentò alla Società Antropologica di Berlino una bambina di 5 anni di questo tipo, che possedeva anche una voce profonda e ruvida (Zeitschrift für Ethnologie, 1891, Heft 4, p. 469). Un tipico esempio di lieve ipertricosi in una donna associato a tratti generali maschili è fornito dalla descrizione e dalla figura del corpo di una donna di 56 anni in un istituto anatomico, fornite da C. Strauch (Zeitschrift für Ethnologie, 1901, Heft 6, p. 534). In questo caso c'era una crescita di peli intorno ad entrambi i capezzoli e una linea di peli estesa dal pube verso l'ombelico; entrambe queste due disposizioni di peli sono molto rare nelle donne. (A Vienna, tra quasi 700 donne, Coe trovò una tendenza alla distribuzione dei peli verso l'ombelico soltanto nell'uno per cento circa dei casi). Mentre i peli in questo soggetto erano altrimenti abbastanza normali, c’erano molte approssimazioni al tipo maschile per altri aspetti: i muscoli erano fortemente sviluppati, le ossa erano massicce, gli arti lunghi, le articolazioni potenti, le mani ei piedi di grandi dimensioni, il torace ben sviluppato, la mascella inferiore massiccia; si notava l'assenza di curve femminili sul corpo e i seni erano appena percettibili. Allo stesso tempo, gli organi genitali erano normali e non vi erano stati parti di bambini. Era inoltre notevole il fatto che questa donna si fosse suicidata per auto-strangolamento, un metodo raro, che richiede grande decisione e forza di volontà, perché in qualsiasi momento del processo la pressione può essere rimossa.

Non c'è dubbio che le donne invertite spesso tendono a mostrare lievi anomalie del sistema pilifero, e soprattutto una leggera ipertricosi e una distribuzione maschile dei peli. Così, in un caso molto tipico di inversione di una ragazza italiana di 19 anni che vestiva come un uomo e scappò di casa, la parte terminale delle braccia e delle gambe era caratterizzata da pelo in misura insolita, e c'erano peli molto abbondanti sotto le ascelle e sul pube, con una tendenza alla distribuzione maschile. [4] Dei tre casi descritti in questo capitolo, che conosco meglio, uno possiede una insolitamente piccola quantità di peli sul pube e sotto le ascelle (oligotrichosis terminalis), e si avvicina al tipo infantile, mentre un altro presenta una complessa e molto rara anomalia pilifera. C’è molto scuro sul labbro superiore; il pelo pubico è spesso, e ci sono peli sulle dita dei piedi, sui piedi e sulle gambe fino all’ombelico; ci sono anche alcuni peli intorno ai capezzoli. Una donna medico negli Stati Uniti che conosce molte donne invertite mi dice, anche lei, di aver notato la tendenza alla crescita dei peli sulle gambe. Se, come non è improbabile, l’inversione è associata a un certo equilibrio anormale delle secrezioni interne, non è difficile capire questa tendenza alle anomalie pilifere; e sappiamo che la secrezione della tiroide, ad esempio, e più ancora le secrezioni testicolari e quelle ovariche, hanno una forte influenza sui peli.

Ballantyne, alcuni anni fa, nel discutere l’ipertricosi congenita (Manual of Antenatal Pathology, 1902, pp. 321-6) ha concluso che la teoria dello sviluppo arrestato è meglio supportata dai fatti; la persistenza di lanugine costituisce un arresto, e l’ipertricosi può in gran parte essere considerata una persistenza di lanugine. Tale conclusione è ancora sostenibile, - anche se incontra qualche difficoltà e qualche incongruenza, - e concorda in gran parte con quello che sappiamo della condizione associata con l’inversione nelle donne. Ma ora stiamo cominciando a comprendere che questo arresto dello sviluppo può essere definitivamente associato ad anomalie nelle secrezioni interne, e anche a difetti chimici speciali in queste secrezioni. La forza virile è sempre stata associata con i capelli, come la storia di Sansone testimonia. Ammon ha trovato che tra i militari di leva del Baden (L'Anthropologie, 1896, p. 285), quando gli uomini vengono divisi in classi a seconda della quantità di peli sul corpo, la prima classe, cioè quella con meno peli, ha la più piccola circonferenza del testicolo, il minor numero di uomini con glande scoperto, il maggior numero di voci infantili, la più grande proporzione di occhi azzurri e capelli biondi, la più piccola altezza media, il minor peso e la minore circonferenza del torace, mentre sotto tutti gli aspetti gli uomini con corpi pelosi sono all'altro estremo. Sappiamo dall'antichità che negli uomini la castrazione precoce influenza la crescita dei capelli. È ormai noto che nelle donne la presenza o l'assenza delle ovaie e di altre ghiandole colpisce i capelli, così come lo sviluppo sessuale. Hegar (Beiträge zur Geburtshülfe und Gynäkologie, vol. I, p. 111, 1898) ha descritto una ragazza con il bacino di tipo infantile e con una malformazione uterina che era stata insolitamente pelosa sul viso e sul corpo dalla prima infanzia, con una disposizione maschile di pelo sul pube e sull’addome; le mestruazioni erano scarse, i seni atrofici; i capelli erano tipo lanugine; vediamo qui come nelle donne le caratteristiche infantili e maschili sono associate, ed entrambe probabilmente dipendono da difetti nelle ghiandole sessuali. Plant (Centralblatt für Gynäkologie, N. 9, 1896) ha descritto un'altra ragazza con ovaie molto piccole, utero rudimentale, piccola vagina e piccole labbra minori prominenti, nella quale le mestruazioni erano assenti, i capelli sulla testa lunghi e forti, ma i peli erano assenti sotto le ascelle e scarsi sul monte di Venere. Questi due casi sembrano incoerenti per quanto riguarda i capelli, e ora dovremmo desiderare di conoscere lo stato delle altre ghiandole interne. La tiroide, per esempio, è ormai noto, controlla i capelli, così come fanno le ghiandole sessuali; e la tiroide, come ha dimostrato Gautier (Académie de Médecine, 24 luglio 1900), elabora l'arsenico e lo iodio, che nutrono la pelle e i capelli; Gautier ha scoperto che la somministrazione di cacodilato di sodio a giovani donne produceva abbondante crescita di capelli sulla testa. Anche i reni, e soprattutto le ghiandole surrenali, influenzano i capelli.

È noto da tempo che nelle ragazze con tumori renali congeniti vi è una crescita anormalmente precoce di pelo ascellare e pubico; Goldschwend (Prager Medizinische Wochenschrift, nn. 37 e 38, 1910) ha descritto il caso di una donna di 39 anni, con piccole ovaie e tumore del surrene, nella quale il pelo ha cominciato a crescere sul mento e sulle guance. (Vedi anche C.T. Ewart, Lancet, 19 maggio 1915.) Anche l'ipofisi influisce sulla crescita dei capelli ed è stato trovato da Lévi (citato in Archives d'Anthropologie Criminelle, agosto-settembre, 1912, p. 711) che la somministrazione di estratto di ipofisi ad una donna infantile senza peli di 27 anni, priva di sensazioni sessuali, produceva una generale tendenza alla crescita di peli. Tali fatti non solo aiutano a spiegare le anomalie dello sviluppo dei peli, ma indicano anche la direzione in cui si può trovare una spiegazione delle anomalie dell'impulso sessuale.

Oltre al problema complicato presentato dai peli, ci sono vere approssimazioni di tipo maschile. I muscoli tendono ad essere ovunque saldi, con una relativa assenza di tessuto connettivo molle; in modo tale che una donna invertita può dare un'impressione non femminile al senso del tatto. Una certa tonicità dei muscoli è stata infatti spesso osservata nelle donne omosessuali. Hirschfeld ha trovato che due terzi delle donne invertite sono più muscolose rispetto alle donne normali, mentre, d'altra parte, ha trovato che tra gli uomini invertiti la muscolatura era spesso debole.

Non solo il tono della voce è spesso diverso, ma c’è motivo di supporre che questo poggi su una base di modificazione anatomica. Su suggerimento di Moll, Flatau esaminò la laringe in un gran numero di donne invertite, e trovò in molte un tipo di laringe decisamente maschile, o qualcosa che ci si avvicinava, in particolare nei casi di chiara origine congenita. Hirschfeld ha confermato le osservazioni di Flatau su questo punto. Si può aggiungere che le donne invertite sono molto spesso buone fischiatrici; Hirschfeld ne conosce anche due che sono esecutrici pubbliche di fischiate. È appena il caso di notare che, mentre il vecchio proverbio associava il fischiare in una donna con il cantare in una gallina, il fischiare in una donna non è in alcun modo una prova di inversione fisica o psichica generale.

Per quanto riguarda gli organi sessuali sembra possibile, per quanto si estendono le mie osservazioni, parlare in modo più definito di donne invertite piuttosto che di uomini invertiti. In tutti e tre i casi circa sui quali ho informazioni precise, tra coloro le cui storie sono registrate in questo capitolo, si ritrovano sviluppo più o meno arrestato e infantilismo. In un caso una piccola vagina e piccole labbra prominenti, con sensibilità locale, sono associate con oligotricosi. In un altro caso, gli organi sessuali sono sotto certi aspetti piuttosto piccoli, mentre non vi è alcuna traccia di ovaio su un lato. Nel terzo caso, insieme con l’ipertricosi, i glutei sono piccoli, le piccole labbra sono di grandi dimensioni, il clitoride è profondamente incappucciato, l'imene è spesso, e la vagina probabilmente piccola. Queste osservazioni, anche se scarse, sono significative, e si accordano con quelle di altri osservatori [5] Krafft-Ebing ha ben descritto un caso che sarei propenso a considerare come rappresentativo di molti altri casi; organi sessuali di tipo femminile, ma che rimangono allo stadio infantile di una bambina di 10 anni; piccolo clitoride, piccole lebbra prominenti a forma di cresta di gallo, vagina piccola, che permette poco un rapporto normale, e molto sensibile. Hirschfeld concorda nel considerare comune l’approccio al tipo descritto da Krafft-Ebing; egli considera più comuni le anomalie atrofiche di quelle ipertrofiche, e si riferisce allo spessore di dell'imene e a una tendenza ad un utero e ad ovaie notevolmente piccoli. Il clitoride è più frequentemente di piccole che di grandi dimensioni; le donne con un grande clitoride (come Duchâtelet-padre ha da tempo osservato) raramente sembrano essere di tipo maschile.

Nonostante queste tendenze, tuttavia, l’inversione sessuale in una donna non è, di norma, più evidente che in un uomo. Allo stesso tempo, la donna invertita di solito non è attraente per gli uomini. Lei stessa prova generalmente la più grande indifferenza per gli uomini e, spesso, non riesce a capire il motivo per cui una donna dovrebbe amare un uomo, anche se capisce facilmente perché un uomo dovrebbe amare una donna. Non mostra, poi, nulla di quella timidezza sessuale e di quell’aria coinvolgente di debolezza e di dipendenza che sono un invito per gli uomini. L'uomo che è attratto con passione da una donna invertita di solito è di un tipo piuttosto femminile. Per esempio, in un caso presente alla mia mente, era di eredità un po’ nevrotica, di esile sviluppo fisico, non sessualmente attraente per le donne, e molto adattato al suo modo di vivere; in breve, un uomo che potrebbe facilmente essere appassionatamente attratto dal proprio sesso.

Mentre la donna invertita è fredda, o, al massimo, cameratesca nel suo portamento verso gli uomini, può diventare timida e confusa in presenza di persone attraenti del suo stesso sesso, anche incapace di spogliarsi in loro presenza e piena di tenero ardore per la donna che ama.[6]

La passione omosessuale nelle donne si esprime più o meno completamente nel baciare, nel dormire insieme, negli abbracci stretti, e in quello che è talvolta chiamato "cucchiai appoggiati", quando una donna si trova su un fianco con la schiena rivolta alla sua amica che l'abbraccia da dietro, mettendo le cosce nella curva delle gambe della sua compagna, in modo che il suo mons Veneris venga in contatto con le natiche dell’altra, e un leggero movimento quindi produce un blando eretismo. Una delle due può anche sdraiarsi sul corpo dell'altra, o ci può essere la masturbazione reciproca. Il contatto reciproco e l'attrito delle parti sessuali sembrano essere relativamente rari, ma sembra essere stato comune nell'antichità, dato che dobbiamo ad esso il termine "tribadismo", che viene talvolta usato come sinonimo di omosessualità femminile, e si dice che questo metodo sia praticato oggi dalle donne slave del sud dei Balcani [7] La gratificazione estrema è il cunnilingus, o la stimolazione orale degli organi sessuali femminili, di solito non reciproca, ma praticata dalla partner più attiva e maschile; questo atto viene talvolta definito, in modo assolutamente insoddisfacente, "saffismo" e "lesbismo". [8]

Un clitoride allargato si ritrova solo raramente nell’inversione e gioca una parte molto piccola nella gratificazione dell'omosessualità femminile. Kiernan fa riferimento ad un caso, che si verificò in America, in cui una donna invertita, sposata e madre, possedeva un clitoride che misurava due pollici e mezzo quando era eretto. Casanova ha descritto una donna invertita svizzera, altrimenti femminile nello sviluppo, il cui clitoride in erezione era più lungo del suo mignolo, e in grado operare la penetrazione. [9] La letteratura più vecchia contiene molti casi simili. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, ci troviamo di fronte ad una qualche forma di pseudoermafroditismo, e il "clitoride" dovrebbe più propriamente essere considerato come un pene; non vi è quindi nessuna inversione coinvolta. [10]

Mentre l'uso del clitoride è raro nell'omosessualità, l'uso di un pene artificiale non è affatto raro ed è anzi molto diffuso. In molti dei casi moderni in cui donne invertite hanno sposato donne (come nei casi di Sarolta Vay e De Raylan) la convinzione della moglie relativa alla virilità del "marito" era dovuta ad un apparecchio di questo tipo utilizzato nei rapporti sessuali. Il pene artificiale (olisbo, o baubon) era ben noto ai Greci ed è descritto da Eroda. La sua invenzione era attribuita dalla Suda alle donne di Mileto e Mileto, secondo Aristofane, nella Lisistrata, era il luogo principale della sua produzione. [11] Era ancora noto in epoca medievale, e il vescovo Burcardo di Worms, del XII secolo, parla del suo uso come di cosa "che alcune donne sono abituate a fare." Nei primi anni del XVIII secolo, Margaretha Lincken, di nuovo in Germania, sposò un'altra donna con l'ausilio di un organo maschile artificiale.[12] Il pene artificiale è anche utilizzato da donne omosessuali in varie parti del mondo. Così lo troviamo citato nelle leggende degli Indiani del Nord America ed è impiegato a Zanzibar e nel Madagascar. [13]

I vari fenomeni di sadismo, masochismo e feticismo, che potrebbero sorgere, spontaneamente o per suggestione, nei rapporti di amanti normali, così come di invertiti maschi, possono anche sorgere nello stesso modo tra donne invertite, anche se, probabilmente, spesso in una forma non molto pronunciata. Moll, tuttavia, presenta un caso (Konträre Sexualempfindung, 1899, pp. 565-70), in cui varie perversioni minori ma ben definite erano combinate con l’inversione. Una giovane donna di 26 anni, di buona ereditarietà, a partire dall'età di 6 anni era stata attratta solo dal proprio sesso e anche durante l'infanzia aveva praticato il cunnilingus reciproco. Era estremamente intelligente, di disposizione generosa e di buon carattere, con vari gusti maschili, ma, nel complesso, di corporatura femminile e con la laringe completamente femminile. Per sette anni visse esclusivamente con una sola donna. Trovava completa soddisfazione nel cunnilingus attivo. Nel corso di questa relazione emersero vari altri metodi di eccitazione e gratificazione - sembra, per la maggior parte, spontaneamente. Trovava molto piacere nelle pratiche di urolagnia e coprolagnia. In aggiunta a queste e simili perversioni, al soggetto piaceva essere morso, in particolare nel lobo dell'orecchio, e lei era molto eccitata quando era montata dalla sua amica, che doveva, se possibile, essere nuda in quel momento; solo le natiche dovevano essere frustate e doveva essere usata solo una canna di betulla o non si sarebbe ottenuto alcun effetto. Queste pratiche non sarebbero state possibili per lei, in assenza di estrema intimità e comprensione reciproca, ed esse ebbero luogo soltanto con la sua unica amica. In questo caso i fenomeni perversi erano masochisti piuttosto che sadici. Molte donne omosessuali, tuttavia, mostrano tendenze sadiche in maggiore o minor grado. Così il dottor Kiernan mi dice di un caso americano, al quale si è interessato professionalmente con il dottor Moyer (vedi anche l’articolo di Kiernan e Moyer in Alienist and Neurologist, maggio 1907), di una donna invertita sadica in una piccola città dell'Illinois, sposata e con due bambini piccoli. Aveva un’indubbia componente neuropatica e c'era una storia di masturbazione prematrimoniale e la bestialità con un cane. Era una donna di primo piano nei salotti della sua città e una leader nelle questioni religiose e sociali; come spesso accade con i sadici, era pruriginosamente pudica, e c'erano forti testimonianze da parte di uomini di chiesa, da parte donne legate ad associazioni e di magnati locali del suo carattere casto e modesto. La vittima della sua passione sadica era una ragazza che lei aveva adottato da un orfanotrofio, ma della quale si sentiva quasi famelica. Su questa ragazza inflisse oltre trecento ferite. Molte di queste ferite erano pugnalate con forchette e forbici che penetravano solo la pelle. Questo era soprattutto il caso di quelle inflitte sul seno, sulle labbra genitali e sul clitoride. Mentre infliggeva queste ferite provava forte eccitazione, ma questa eccitazione era sotto controllo, e quando sentiva qualcuno avvicinarsi subito smetteva. Fu ritenuta sana e responsabile, al momento di queste azioni, ma la giuria rilevò anche che da allora era diventata pazza e fu mandata in manicomio, per scontare poi, dopo la guarigione, una pena di due anni di carcere. La presunta follia, il Dr. Kiernan aggiunge, era di un dubbio tipo maniacale e depressivo, e forse era dovuta soprattutto all’ orgoglio ferito.

La donna invertita è un’ammiratrice entusiasta della bellezza femminile, in particolare della bellezza statuaria del corpo, a differenza, in questo, di quanto accade nella donna normale, la cui emozione sessuale è solo debolmente venata dal sentimento estetico. Nelle sue abitudini sessuali troviamo forse meno spesso il grado di promiscuità che non è raro tra gli uomini invertiti, e possiamo forse essere d’accordo con Moll sul fatto che le donne omosessuali sono più portate ad amare fedelmente e in modo duraturo rispetto agli uomini omosessuali. Hirschfeld osserva che le donne invertite, di solito, non sono attratte nell’adolescenza dall’autoerotismo e dai vizi omosessuali della vita scolastica, [14] e quasi tutte le donne, le cui storie ho registrato in questo capitolo, sentivano forte ripugnanza per tali manifestazioni e coltivavano alti ideali d’amore.

Le donne invertite non raramente sono sposate. Moll, da diverse confidenze che ha ricevuto, crede che le donne invertite non abbiano lo stesso orrore del coito normale degli uomini invertiti; questo è probabilmente dovuto al fatto che la donna in tali circostanze può mantenere una certa passività. In altri casi vi è un certo grado di bisessualità, anche se, come tra gli uomini invertiti, l'istinto omosessuale sembra di solito dare maggiore sollievo e gratificazione.

È stato affermato da molti osservatori - in America, in Francia, in Germania e in Inghilterra - che l'omosessualità è in aumento tra le donne. [15] Ci sono molte influenze nella nostra civiltà, oggi, che incoraggiano queste manifestazioni. [16] Il movimento moderno di emancipazione – il movimento per ottenere gli stessi diritti e doveri degli uomini, la stessa libertà e responsabilità, la stessa educazione e lo stesso lavoro - deve essere considerato come, nel complesso, un movimento sano e inevitabile. Ma porta con sé alcuni svantaggi. [17] Le donne stanno, molto giustamente, cominciando a considerare la conoscenza e l'esperienza in generale come un loro diritto tanto quando sono un diritto dei loro fratelli. Ma quando questa dottrina viene applicata alla sfera sessuale trova alcune limitazioni. Le intimità di qualsiasi genere tra giovani uomini e giovani donne sono scoraggiate socialmente oggi come lo sono sempre state; per quanto riguarda l'istruzione superiore, la semplice associazione dei sessi nella sala da conferenze o nel laboratorio o nell'ospedale è scoraggiata in Inghilterra e in America. Mentre gli uomini è concessa libertà, il campo sessuale per le donne sta diventando limitato a banali flirt con il sesso opposto e all’intimità con il proprio sesso; dato che alle donne è stata insegnata l’indipendenza degli uomini insieme col disprezzo per la vecchia teoria che poneva le donne nella fortezza chiusa della casa a sospirare per un uomo che non arriva mai, le donne sviluppano una tendenza a portare questa indipendenza ancora più lontano e a trovare l'amore dove trovano il lavoro.

Queste influenze indiscutibili dei movimenti moderni non possono causare direttamente l'inversione sessuale, ma ne sviluppano i germi, e probabilmente causano una imitazione impropria. Questa imitazione impropria è dovuta al fatto che l'anomalia congenita si verifica con particolare frequenza nelle donne di alta intelligenza che, volontariamente o involontariamente, influenzano le altre.
Kurella, Bloch e altri credono che il movimento femminile abbia contribuito a sviluppare l'omosessualità (vedi, ad esempio, I. Bloch, Beiträge zur Ætiologie der Psychopathia sexualis, 1902, vol. I, p. 248). Varie "Strindberg-donna del movimento femminile", come sono state chiamate, mostrano una marcata ostilità nei confronti degli uomini. Anna Rüling sostiene che molte donne a capo del movimento, sin dall'inizio e fino ad oggi, erano invertite. Hirschfeld, tuttavia (Die Homosexualität, p. 500), dopo aver dato particolare attenzione alla questione, conclude che, allo stesso modo tra le suffragette inglesi e le Verein für Frauenstimmrecht tedesche, la percentuale di invertite è inferiore al 10 per cento.
_________
[1] Un antico esempio interessante di donna con un impulso irresistibile ad adottare un abbigliamento maschile e a condurre la vita di un uomo, ma che non aveva, per quanto è noto, alcun impulso sessuale, è quella di Mary Frith, comunemente chiamata Moll la tagliaborse, che visse a Londra agli inizi del XVII secolo. Il libro The Life and Death of Mrs. Mary Frith apparve nel 1662; Middleton e Rowley fecero anche di lei l'eroina della loro deliziosa commedia, The Roaring Girl (Mermaid Series, Middleton's Plays, volume ii), idealizzandola un po’, comunque. Sembra che appartenesse ad un ceppo nevrotico ed eccentrico; "Ciascun membro della sua famiglia", dice il suo biografo, "aveva la sua peculiare stranezza." Da bambina si interessava solo ai giochi da maschietto, e non si sarebbe mai adattata ad occupazioni da donna. "Aveva una ripugnanza naturale per il prendersi cura dei bambini." La sua indole era del tutto maschile; "Non era portata all'oscenità, ma avrebbe parlato liberamente, qualunque discorso fosse venuto fuori." Non ebbe mai figli, e non fu mai tacciata di dissolutezza: "Nessuno può dire o affermare che mai abbia avuto una fidanzata o qualcosa del genere e che si sia trastullata con lei;" un mastino fu l'unica cosa vivente di cui si prese cura. La sua vita non era del tutto onesta e non era molto lontana da una qualche tendenza organica al crimine, a quanto pare, perché la sua natura anormale e la sua irrequietezza avevano fatto di lei una reietta. Era troppo appassionata al bere e si dice che sia stata la prima donna a fumare tabacco. Nulla è detto o suggerito di eventuali pratiche omosessuali, ma vediamo chiaramente qui ciò che può essere definito diatesi omosessuale.

[2] Hirschfeld, Die Homosexualität, p. 137.

[3] S. Weissenberg, Zeitschrift für Ethnologie, 1892, Heft 4, p. 280.

[4] Questo caso fu descritto da Gasparini, Archivio di Psichiatria, 1908, fasc. 1-2.

[5] Mettendo insieme da varie fonti dieci casi di donne invertite (tra cui i tre casi originali di cui sopra), solo in quattro casi gli organi sessuali erano normali; negli altri erano più o meno sottosviluppati.

[6] Le persone omosessuali in generale, maschi e femmine, a differenza di quelle eterosessuali, sono inclini a provare maggior pudore con persone dello stesso sesso che con quelle del sesso opposto. Vedi, per esempio, Hirschfeld, Die Homosexualität, pag. 76.

[7] Κρυπτάδια, vol. vi, p. 197.

[8] Il termine "cunnilinctus" mi è stato suggerito dal compianto Dr. J. Bonus, e l’ho utilizzato da allora; gli autori latini comunemente usavano la parola "cunnilingus" per indicare “chi agiva”, ma il termine non ha un termine corrispondente per l'azione. Hirschfeld recentemente ha usato il termine "cunnilinctio" nello stesso senso, ma una tale formazione è abbastanza inammissibile. Per informazioni sui termini classici per questa perversione, vedi, ad esempio, Iwan Bloch, Ursprung der sifilide, vol. ii, p. 612 e segg.

[9] Casanova, Mémoires, ed. Gamier, vol. iv, p. 597.

[10] Hirschfeld tratta in maniera completa e autorevole la diagnosi differenziale di inversione e gli altri gruppi di sessualità di transizione in Die Homosexualität, cap. ii; anche nel suo libro interamente illustrato Geschlechtsübergänge 1905.

[11] Havelock Ellis, "Auto-erotism," in vol. i di questi Studies; Iwan Bloch, Ursprung der Syphilis, vol. ii, p. 589; ib., Die Prostitution, vol, i, pp. 385-6; per riferimenti precedenti, Crusius, Untersuchungen zu den Mimiamben der Herondas, pp. 129-30.

[12] Ho trovato notizia di un caso simile in Francia, nel corso del XVI secolo, nel Journal du Voyage en Italie en1850 di Montaigne (scritto dal suo segretario); il fatto avvenne vicino Vitry le François. Sette o otto ragazze appartenenti di Chaumont, ci viene detto, scelsero di vestirsi e di lavorare come gli uomini; una di queste venne a Vitry a lavorare come tessitore, e fu considerata come un giovane uomo buona condizione, apprezzato da tutti. A Vitry divenne promesso sposo a una donna, ma nacque una lite e il matrimonio non ebbe luogo. In seguito "si innamorò di una donna che sposò, e con la quale visse per quattro o cinque mesi, con grande soddisfazione della moglie, si dice, ma, essendo stata riconosciuta da qualcuno di Chaumont, fu portata davanti al tribunale e fu condannata all'impiccagione. Disse che avrebbe preferito questo a vivere di nuovo come una ragazza, e fu impiccata per l'utilizzo di invenzioni illecite per porre rimedio ai difetti del suo sesso." (Journal, edito da d'Ancona, 1889, p. 11).

[13] Roux, Bulletin Société d'Anthropologie, 1905, No. 3. Roux conosceva una donna che, all'età di 50 anni, dopo la morte del marito, divenne omosessuale e si fece un pene artificiale che usò con donne più giovani.

[14] Hirschfeld, Die Homosexualität, p. 47.

[15] Ci sono poche tracce dell’omosessualità femminile nella storia sociale inglese del passato. Nella corte di Carlo secondo, i Mémoires de Ghrammont ci dicono, alla signorina Hobart erano riconosciute tendenze lesbiche. "Presto la voce di questa singolarità, vera o falsa che fosse, si diffuse a corte. Ma lì erano così ignoranti da non aver mai sentito parlare di quella raffinatezza dell'antica Grecia nei gusti della tenerezza, ed entrò loro in testa l'idea che l'illustre Hobart, che sembrava così affezionata alle belle donne, dovesse essere diversa da come appariva." Questo brano è interessante perché ci mostra quanto rara fosse l'eccezione. Un secolo più tardi, tuttavia, l'omosessualità tra le donne inglesi sembra essere stata considerata dai Francesi come una cosa comune e Bachaumont, il primo gennaio 1773, nel ricordare che Mlle. Heinel dell'Opera stava trovando una sistemazione in Inghilterra, aggiunse: "Il suo gusto per le donne potrà lì trovare un’attraente soddisfazione, perché anche se Parigi fornisce molte tribadi si dice che Londra in queste cose sia superiore."

[16] "Credo", scrive un corrispondente americano ben informato, "che l'inversione sessuale sia in aumento tra gli americani - sia uomini che donne -, e le ovvie ragioni sono: in primo luogo, la crescente indipendenza delle donne, il loro diminuito bisogno di sposarsi; in secondo luogo, la tensione nervosa che la concorrenza commerciale ha portato in tutta la nazione. In una parola, il rapido aumento della mascolinità nelle donne e il sistema nervoso poco sano degli uomini offrono i fattori ideali per la produzione di inversione sessuale nei loro figli."

[17] Le donne omosessuali, come gli uomini omosessuali, ora inseriscono annunci sui giornali, alla ricerca di un’"amica". Näcke ("Zeitungsannoncen von weiblichen Homosexuellen," Archiv für Kriminal-Anthropologie, 1902, p. 225) ha raccolto da giornali di Monaco di Baviera una collezione di tali annunci, la maggior parte dei quali erano abbastanza inequivocabili: "Attrice con idee moderne desidera conoscere ricca signora con opinioni simili per relazioni amichevoli, ecc ."; "Signorina di 19 anni, una bella bionda, cerca un'altra come lei per passeggiate, teatro, ecc.," e così via.



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 1 di 1 [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

cron
phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010