Crea sito
 
Oggi è domenica 19 febbraio 2017, 18:36

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 3 di 3 [ 22 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Mi sono capito ma non so più che fare...
MessaggioInviato: mercoledì 23 novembre 2016, 20:18 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 4820
Sottoscrivo al 100% quello che ha scritto Alyosha e mi limito a qualche aspetto specifico. Nei disturbi di tipo ossessivo-compulsivo legati alla paura di essere gay (e non credo affatto che sia il tuo caso) una persona si sente spinta compulsivamente a verificare la sua sessualità attraverso rituali più o meno strutturati come per esempio esporsi a situazioni che si ritengono eccitanti per un gay e verificare se c’è una risposta erettiva, o dare un appuntamento a una ragazza per vedere se e quanto arriva l’erezione, sia ben chiaro, tutte queste cose non hanno nulla a che vedere con la sessualità ma sono reazioni di tipo nevrotico che tendono a esorcizzare l’ansia. Quando si parla ti contatto affettivo o sessuale “per provare”, cioè come esperimento ci si mette automaticamente al di fuori della vera sessualità. Un ragazzo, gay, etero, bisex o quello che sia sa benissimo quali sono i suoi desideri sessuali e lo sa attraverso la masturbazione, che in genere è molto meno condizionata da fattori nevrotici. In pratica tutti i ragazzi che non vivono fenomeni di ansia sanno perfettamente come è orientata la propria sessualità. Il fare ricorso ad esperimenti è il segno che si vive la sessualità come un problema al quale bisogna per forza dare una risposta. Aggiungo una cosa: quando la sessualità diventa un esperimento, in quanto esperimento fornisce risposte assai poco affidabili, proprio perché non si tratta di sessualità libera ma di una reazione nevrotica. Allo stato dei fatti, dedurre dal tuo esperimento che sei etero al 100% è del tutto irrealistico, che tu non sia gay al 100% non c’è dubbio, ma, come era ben noto già nell’800, la bisessualità ha un comportamento particolare: quando una persona bisessuale è costretta alla sola omosessualità la sua tendenza etero si rafforza e analogamente, quado è costretta alla sola eterosessualità, si rafforza la componente gay. Per esempio, i bisessuali sposati, nei primi periodi di matrimonio arrivano a ritenersi completamente etero, ma poi la spinta gay torna prepotentemente a galla e in maniera tanto più forte quanto più il vissuto precedente è strettamente legato all’eterosessualità. Se fossi in te abbandonerei del tutto l’idea degli esperimenti e mi toglierei anche dalla testa che si deve uscire con un ragazzo o con una ragazza per finire a letto insieme. Le storie d’amore hanno “anche” un aspetto sessuale, ma se l’aspetto sessuale sostituisce del tutto quello affettivo non si tratta di storie d’amore ma di test di tipo più o meno compulsivo. Poi, come ha detto Alyosha, per innamorarsi ci vuole ben altro e nella vita l’esperienza dell’innamoramento è una cosa rara. La vita affettiva ha molti altri aspetti oltre le relazioni di coppia e non sono cose meno importanti nell’equilibrio complessivo. In sintesi ti direi solo una cosa: vai con un ragazzo o con una ragazza, se con loro hai un rapporto affettivo vero. Se nella relazione l’attenzione non è centrata sul/sulla partner ma su se stessi la relazione di coppia di fatto non esiste e aspettarsi un trasporto sessuale in una situazione del genere è decisamente poco realistico.



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Mi sono capito ma non so più che fare...
MessaggioInviato: mercoledì 23 novembre 2016, 22:38 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27
Messaggi: 528
progettogayforum ha scritto:
Se nella relazione l’attenzione non è centrata sul/sulla partner ma su se stessi la relazione di coppia di fatto non esiste e aspettarsi un trasporto sessuale in una situazione del genere è decisamente poco realistico.


Sarà.
Taglio necessariamente corto sull'insieme del post ma, se si dovesse assumere come premessa la tua conclusione, se ne dovrebbe dunque inferire che personalità come Don Giovanni, Casanova, il Berlusca, Dominique Strauss-Khan... erano/sono realisticamente degli asessuali?


Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 3 di 3 [ 22 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010