Non riesco ad accettarmi

L'accettazione dell'identità gay, capire di essere gay
Rispondi
Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2410
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: Non riesco ad accettarmi

Messaggio da Alyosha » sabato 24 dicembre 2011, 15:51

Nico89 con tre fili viene una meravigliosa treccia! Di quelle di tre colori diversi che si attaccano hai capelli ai presente :)? Fuori di battuta sono tutte parti di te che devi imparare a decifrare bene e legare tra di loro in armonia, in modo che come scrivi tu non si annodino. Più presto a dirsi che a farsi me ne rendo conto, ma tanto di fretta non ce n'è! Buona Natale a che ci sono.

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5455
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: Non riesco ad accettarmi

Messaggio da progettogayforum » sabato 24 dicembre 2011, 17:31

Nico, parliamoci chiaro, la paura di essere gay è come la paura dei fantasmi, voglio dire che è la paura di una cosa che non si conosce e che si sente come pericolosa perché se n'è sentito parlare solo in chiave negativa. La paura esiste ma i fantasmi nom esistono! Se colleghi l'essere gay a cose strane viste in internet o al gay pride è ovvio che le senti lontanissime da te, ma l'essere gay con quelle cose non ha proprio nulla a che vedere. Questo forum ha un senso perché permette di vedere da vicino com'è realmente la vita dei ragazzi gay, poi, attraverso la chat potrai confrontarti direttamente con tanti ragazzi e la paura piano piano svanirà perché ti renderai conto che la paura è una conseguenza della totale ignoranza diffusa in moltissime persone sulla realtà gay. Nell'Europa del nord dove l'essere gay non è discriminato non solo a livelo legale ma nemmeno a livello sociale, non ci sono forme strillate di orgoglio gay perché, non essendoci frustrazioni, non se ne sente affatto il bisogno. Ma aggiungo una cosa, una signora preoccupatissima perché il figlio le aveva detto di essere gay, quando ha conosciuto il ragazzo del figlio e si è resa conto della realtà ha ridimensionato radicalmente le sue paure, perché ha visto nei due ragazzi la normalità dell'essere gay. Anche i gay hanno ampiamente assorbito atmosfere in cui l'essere gay era considerato un disvalore o un argomento di barzelletta. Purtroppo a livello sociale quanto maggiore è l'ignoranza tanto maggiore è la discriminazione e c'è ancora moltissimo da fare. Vogliamo farci condizionare al punto di pensare che bisogna conformarsi sempre e comunque ai modelli altrui? Per un gay, essere sulla strada giusta significa essere gay, tentare di essere etero sarebbe la cosa più assurda!

Avatar utente
Nico89
Messaggi: 61
Iscritto il: giovedì 22 dicembre 2011, 18:40

Re: Non riesco ad accettarmi

Messaggio da Nico89 » giovedì 29 dicembre 2011, 1:01

Volevo ringraziare tutti, soprattutto project, per la disponibilità dimostrata in chat.
In questi giorni mi trovo a casa insieme alla mia famiglia, non avendo lezioni all'università. Ritornare a stretto contatto con i miei familiari non credo stia avendo un buon effetto su di me: mi sento sempre nervoso, quasi depresso, non sopporto nulla perchè in ogni cosa dell'ambiente in cui vivo vedo ignoranza e pregiudizio, ora che la consapevolezza di essere gay è forte, in un ambiente dove per i gay non c'è posto sento come se mi mancasse l'aria. Soffro per il fatto di non poter dire nulla ai miei genitori, ma so che non capirebbero.
E' tremendo, sapere di essere gay e accettarlo porta una consapevolezza nuova, una nuova lucidità. Mi sento come se tutto il mondo stesse acquisendo un diverso colore, e questo colore spesso non è piacevole, ma triste, malinconico, con sopra il marchio della solitudine o dell'incompresione.
Il mio percordo di accettazione mi sta portando a questa tristezza. Mi vergogno a dirlo, ma davvero ho bisogno, almeno qui, di parlare liberamente, spesso, nel letto cercando di addormentarmi, non riesco a trattenere le lacrime, non posso fare a meno di pensare che in questo mondo essere gay sia qualcosa di davvero difficile e carica di sofferenza. Perchè veniamo chiamati gay? gay vuol dire "gaio"? felice, spensierato? Finora, l'essere gay non mi ha portato nulla di gaio, ma solo sofferenza e tristezza. Perlomeno spero che il peggio sia passato, che l'accettazione, quando sarà compiuta, possa rendere sopportabile il senso di emarginazione, spero che un prossimo futuro tutto possa andare meglio.

Muzzle
Messaggi: 62
Iscritto il: martedì 28 giugno 2011, 22:59

Re: Non riesco ad accettarmi

Messaggio da Muzzle » giovedì 29 dicembre 2011, 19:16

Ciao Nico, volevo rispondere aggiungendo qualcosa di personale (quindi potenzialmente logorroico e noioso :mrgreen: ), perché come diceva marc090, mi rivedo anch'io in te qualche mese fa
(in realtà ho un paio di anni in più, ma avrei potuto scrivere nei mesi scorsi molte delle cose che hai scritto tu ora).

Se l'accettazione razionale sembra quella più "immediata", non è di sicuro un punto di arrivo, ma è solo l'inizio di qualcosa di molto lungo, credo.
Dal momento in cui questa primavera mi sono guardato negli occhi e ho ammesso a me stesso: "ok: sono gay" a provare a vivere la mia vita sotto questa nuova prospettiva, ne è passata (ne passa) di sofferenza, dolore e tristezza...
Sembra non ci siano problemi per te stesso "tanto io mi sono accettato.", ma trarne le dovute consguenze (accettare di affrontare le conseguenze nella tua vita e in quella che si riflette sugli altri) non è facile, tantopiù che ognuno ha le sue pressioni personali/familiari/culturali da dover gestire.

Quello che mi sento di dirti -da un piccolo passo temporale poco oltre quello che mi sembra tu stia passando- è che è una questione di priorità: penso che tu meriti inannzitutto di provare a essere felice. Ne hai il dovere nei confronti di te stesso, per poter poi pensare veramente alla felicità degli altri.
Il senso di emarginazione, o di colpa nei confronti dei familiari, la rabbia per l' ingustizia e discriminazione sociale -come la vogliamo chiamare- penso che in un primo momento deve essere messa in secondo piano, perché prima di tutto viene il fatto che, con il tempo, devi permettere a te stesso di essere quello che sei: anche se fa ugualmente male, soprattutto se non si vede nell'immediato un qualcosa su cui aggrapparsi per proseguire oltre. (del tipo: "ma adesso?? cosa devo fare per uscire da qui?")

Non so se ha senso quello che ho scritto, ma è la mia personale conclusione di questi primi mesi, e solo adesso mi sembra di cominciare tutto da capo nella mia vita, e di vedere ogni cosa per la prima volta.
In realtà faccio esattamente le stesse cose di prima, e dall'esterno non si è notata gran che la differenza, immagino, ma in realtà per me fa tutta la differenza del mondo, in termini di serenità e tranquillità nell'affrontare la mia burrascosa vita quotidiana.
"Sono io, e sono così, e per me non è un problema. Se avete qualcosa da dire io sono pronto a discutere senza timori, perché non c'è niente di sbagliato in tutto questo."

E di fronte alla ancora cronica "solitudine e melanconia" se non altro mi sento un poco più pronto a cogliere "quei segnali" di cui parlava tuo padre, e soprattutto di essere disposto a mettermi in gioco veramente per quello che sono, senza avere paura o rifiutare di vivere certi sentimenti ancora prima che possano affiorare.
Se non altro i nuovi problemi che sorgono da questo percorso ora mi sembrano avere qualche teorica prospettiva di risoluzione (per quanto complessi e dolorosi) e con qualche potenziale lieto fine, rispetto invece al non riuscire a capire "perché mai ancora non riesco a trovare una ragazza giusta nella mia vita?" quindi sì, con il tempo migliora, e ti auguro di continuare a resistere ;)
Ha aperto la mano sinistra. Così ci ho messo dentro la mia storia.

Avatar utente
Nico89
Messaggi: 61
Iscritto il: giovedì 22 dicembre 2011, 18:40

Re: Non riesco ad accettarmi

Messaggio da Nico89 » venerdì 30 dicembre 2011, 23:29

Muzzle grazie della risposta! :)
Credo di aver capito quello che vuoi dire. Accettarsi come gay è solo la prima tappa, dopo vengono le successive: accettare le conseguenze, imparare a difendere se stessi, sviluppare una propria necessaria autonomia, imparare a gestire la sofferenza, ridurgli e non dargli più del peso che merita.
Tutte le fasi sono difficili, ma non bisogna mai perdere la speranza.

Tia
Messaggi: 35
Iscritto il: giovedì 24 giugno 2010, 22:49

Re: Non riesco ad accettarmi

Messaggio da Tia » sabato 21 gennaio 2012, 23:51

Ciao nico...ti scriverò un messaggio privato perchè voglio raccontarti il mio punto di vista sui gemelli essendone coinvolto direttamente...Per adeso ti do il benvenuto...sono un membro poco attivo del forum, non accetto o non riesco ad affrontare ancora la mia sessualità..e molte volte faccio finta di niente e continuo la mia vita normalmente...ma quando entro in crisi leggo e ritorno su questo forum!!!
Voglio renderti partecipe della mia esperienza sperando ti aiuti, ti scriverò...

Avatar utente
Nico89
Messaggi: 61
Iscritto il: giovedì 22 dicembre 2011, 18:40

Re: Non riesco ad accettarmi

Messaggio da Nico89 » domenica 22 gennaio 2012, 21:35

Ciao matteito83! :D
Grazie di essere intervenuto, sono davvero interessato a quello che hai da dirmi.
Però vedi che io non posso ricevere messaggi privati, per ora. Se vuoi scrivermi incontriamoci in chat dove ti posso dare la mia e-mail, ok?
Di solito in questo periodo dopo la 10 io ci sono quasi sempre... ;)

Tia
Messaggi: 35
Iscritto il: giovedì 24 giugno 2010, 22:49

Re: Non riesco ad accettarmi

Messaggio da Tia » domenica 22 gennaio 2012, 21:58

ok proverò a collegarmi e vedere se ti trovo in chat una sera...volevo raccontarti la mia storia a riguardo dei gemelli sperando possa aiutarti...ma non ho voglia di parlarne sul forum per ora ;)

Rispondi