Crea sito
 
Oggi è venerdì 17 novembre 2017, 23:06

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 2 di 3 [ 23 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Scoprirsi e Sentirsi completi
MessaggioInviato: domenica 8 gennaio 2012, 18:44 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 6 gennaio 2012, 3:07
Messaggi: 95
Howl ha scritto:
L'unico rammarico che nutro sulla primissima esperienza avuta con il mio amico, era proprio la nostra impreparazione che non ha permesso si sviluppasse nulla, sebbene ce ne fossero i presupposti. Da quella, però, è partito il mio iter per l'autoconsapevolezza mentre, dall'altro lato, il mio amico s'è rinchiuso nella sua bolla di sterotipi, pressioni e aspettative che gli hanno fatto chiudere gli occhi su quanto avvenuto, tanto che, quando ne parlammo anni dopo, lui sminuì tutto. Ricordo che una volta mi disse che a lui non importava nulla, non poteva permettersi di essere gay nè per i suoi parenti nè perchè il suo obiettivo era quello di avere una famiglia con moglie e figli e lo avrebbe perseguito ad ogni costo.
Spero almeno che sia felice con le sue scelte


Santo cielo, ma sai che mi è successa la stessa, identica cosa?
Nel senso che, dopo aver un po' riordinato le idee e aver capito chi ero e cosa volevo, le mie vicende con il soggetto di cui sopra sono riprese, si sono complicate, ma, nel frattempo, lui aveva assunto una linea ("di difesa", aggiungerei) del tutto analoga a quella che tu descrivi: totale negazione.
In effetti, soprattutto a quell'età, credo siano esperienze comuni a tante persone diverse... Poi c'è chi si lascia spaventare e chi decide di accettare il proprio essere.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Scoprirsi e Sentirsi completi
MessaggioInviato: lunedì 9 gennaio 2012, 17:57 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 19 dicembre 2011, 17:45
Messaggi: 24
tothelighthouse ha scritto:
In effetti, soprattutto a quell'età, credo siano esperienze comuni a tante persone diverse... Poi c'è chi si lascia spaventare e chi decide di accettare il proprio essere.


Per qualcuno che cede, altri resistono e sbocciano.
Magari, semplicemente, non era la loro stagione ma la nostra :) .



_________________
Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. E. Roosvelt
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Scoprirsi e Sentirsi completi
MessaggioInviato: lunedì 9 gennaio 2012, 23:16 

Iscritto il: giovedì 7 luglio 2011, 22:56
Messaggi: 385
Cita:
Per qualcuno che cede, altri resistono e sbocciano.
Magari, semplicemente, non era la loro stagione ma la nostra :) .

Ah, cotte e batticuori da ragazzino! Mi fa così strano provarli solo ora, quando ormai dovrebbero essere ricordi del passato (recente, ma pur sempre passato). Segno probabilmente che sono sbocciato proprio ora, dopo aver guardato dritto in faccia quel lato di me stesso rinnegato tanto a lungo.
Le ansie, la trepidazione, l’attesa, le piccole delusioni e la gioia indescrivibile per le cose microscopiche (un cenno, una parola, un sorriso!)… ahah, chissà cosa ne uscirà fuori! Forse nulla, ma sarò contento anche così. Almeno potrò dire d’aver vissuto, seppure in ritardo, la mia adolescenza! Mi ricollego a quanto discusso nel tuo topic: come ogni cosa, le infatuazioni hanno il loro lato negativo, ma è così bello sentirsi vivi e non dei pezzi di ghiaccio… se poi quello stramaledetto telefono si decidesse a squillare, sarei ancora più felice! >_<
Accettare il proprio orientamento e con esso la propria identità comporta numerosi ostacoli, ma il premio in fondo è di grande valore. Non disperiamo!
Nico89, perdonami se scrivo un po’ di scempiaggini nel tuo angolino, ma mi ha fatto bene; poco fa il mio umore non era ottimale, ma a volte basta guardarsi un momento indietro, compiacersi della strada percorsa e contare i successi raccolti, per non perdersi in un bicchier d’acqua!


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Scoprirsi e Sentirsi completi
MessaggioInviato: lunedì 9 gennaio 2012, 23:46 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 22 dicembre 2011, 18:40
Messaggi: 61
Machilosa non ti preoccupare, anch'io dopo aver accettato la parte di me stesso tanta rifiutata a lungo mi sono sentito rinato. Adesso mi sento rinato. E' come se tutto ciò che non ho vissuto durante l'adolescenza lo stia vivendo in questo momento, una sorta di adolescenza "ritardata". Certamente non è esattamente la stessa cosa, perchè a una certa età non puoi più avere propriamente le emozioni di un ragazzino, però ciò che conta è l'intensità delle emozioni, che improvvisamente diventano più vive e più vere. Non so quanto questo durerà, ma non mi importa, perchè mi sento come se stessi recuperando il tempo perduto e sono certo che, se starò attento e avrò prudenza e accortezza, tutto questo mi porterà a una maturità non monca della sessualità ma davvero completa.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Scoprirsi e Sentirsi completi
MessaggioInviato: martedì 10 gennaio 2012, 0:13 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5111
Che bella questa discussione!! Che bello sentire un po' di entusiasmo!!!



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Scoprirsi e Sentirsi completi
MessaggioInviato: martedì 10 gennaio 2012, 1:06 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 6 gennaio 2012, 3:07
Messaggi: 95
Nico89 ha scritto:
Certamente non è esattamente la stessa cosa, perchè a una certa età non puoi più avere propriamente le emozioni di un ragazzino, però ciò che conta è l'intensità delle emozioni, che improvvisamente diventano più vive e più vere.

Questa è una cosa verissima. Però, almeno nella mia esperienza, le emozioni "legittimate" dalla mente sono complete, riempiono, mentre quelle dibattute lasciano sempre un vuoto. Prima di accettare le mie sensazioni e di capirle appieno, prima di riuscire a dire "questo sono io", quello che provavo era un misto di gioia e paura, che non riuscivo del tutto a gestire emotivamente. Quante volte mi è capitato di ferire qualcun'altro a causa delle mie sensazioni contrastanti (o meglio, contrastate)!
Secondo me si può quasi parlare di una "rivincita" dell'adolescenza, se per adolescenza si intende lo sviluppo emotivo dell'individuo.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Scoprirsi e Sentirsi completi
MessaggioInviato: martedì 10 gennaio 2012, 8:33 
Utenti Storici

Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22
Messaggi: 2861
Tothelingthouse ha scritto : Nella mia esperienza, le emozioni "legittimate" dalla mente sono complete, riempiono, mentre quelle dibattute lasciano sempre un vuoto.

CiaoTothelingthouse ! (ammazza che nick! l'ho riscritto 3 volte :mrgreen: )
Molto bella questa affermazione . E la trovo molto vera anche per la mia esperienza. Dare un nome alle emozioni , o meglio a ognuna delle emozioni che si provano in determinate circostanze, cercando di coglierne le sfumature, è molto importante e niente affatto facile da fare.
Direi che anzi, quando si è nel vortice emozionale, è proprio l'ultima cosa che viene in mente, eppure è il primo passo per poterlo gestire.
L'altra cosa importante è comprendere ciò che è accaduto in noi a partire dall'evento che ha scatenato le emozioni : identificare il fatto da cui è partito tutto , il significato che ha per noi, la prima emozione (la principale) che abbiamo provato e poi a seguire le altre che si sono sovrapposte.
Spesso e volentieri restiamo confusi proprio perchè non distinguiamo bene ognuno di questi livelli. Siamo in balia di questo "misto" di sensazioni, come dici tu , che ci fa perdere la lucidità .
Spesso ad esempio "sentiamo" prepotentemente solo l'ultima emozione che è arrivata ( ad esempio la rabbia o il senso di colpa o la vergogna) e non cogliamo più la prima emozione che abbiamo provato , che è invece quella che ci dà più informazioni sul perchè ci sentiamo così ed è la più facile per noi da elaborare .
Mettere in comunicazione la nostra parte emozionale con la nostra parte razionale è fondamentale; è la base della nostra consapevolezza e nello stesso tempo ci apre molte porte alla conoscenza di noi stessi.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Scoprirsi e Sentirsi completi
MessaggioInviato: martedì 10 gennaio 2012, 14:29 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 22 dicembre 2011, 18:40
Messaggi: 61
Mi piace molto questa tua frase Tothelighthouse: rivincita dell'adolescenza ovvero rivincita dello sviluppo emotivo di una persona.
Barbara è molto bella anche l'immagine del ponte tra la componente emozionale e quella razionale. Però io ho appena scoperto l'esistenza della terra emozionale :roll: prima di costruire il ponte voglio fare un po' di esplorazione :mrgreen: .


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Scoprirsi e Sentirsi completi
MessaggioInviato: martedì 10 gennaio 2012, 17:54 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 6 gennaio 2012, 3:07
Messaggi: 95
@barbara: hai colto il centro della questione: "dare un nome".
Il nome delle cose racchiude l'essenza delle cose stesse, le delimita e le separa dalle altre. Il ragionamento funziona proprio così, se non nominiamo qualcosa, ne rimaniamo intrappolati!
Ed è anche verissimo che tendiamo spontaneamente a lasciarci "distrarre" da quelle emozioni che semplicemente sono suscitate dal fatto stesso di non riuscire a identificare le nostre sensazioni. Alla fine del gioco, le sensazioni che pensiamo di provare sono il frutto dell'incapacità di capire cosa realmente proviamo.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Scoprirsi e Sentirsi completi
MessaggioInviato: sabato 16 giugno 2012, 15:16 

Iscritto il: venerdì 15 giugno 2012, 17:21
Messaggi: 30
Fino a non molto tempo fa succedeva lo stesso anche a me: con una sessualità ancora indefinita non ero in grado di vivere quello che vivevano i miei coetanei, e quando ho cominciato ad aprire gli occhi sulla mia omosessualità senza però riuscire ad accettarla nè, detto sinceramente, fare qualcosa per raggiungere quell'obiettivo, beh allora mi sono spento del tutto. Vivevo nell'apatia più totale, tanto che non riuscivo più neanche a vivere l'amicizia. Posso confermare che il sentirsi freddi e insensibili è successo anche a me, ed è grave considerando che sono una persona estremamente empatica. Il passo dell'accettazione è stato fondamentale, solo che ancora non posso dire niente a riguardo perchè è passato molto poco tempo (davvero poco, neanche due settimane). Il senso di completezza però è arrivato subito, l'omosessualità era il tassello che mancava alla mia persona (riprendo la metafora); ora tutto ciò che mi è successo assume un senso e sono in grado di risolverlo e di capirlo perchè so la causa che l'ha generato: la mancanza di presa di coscienza.

Quindi "scoprirsi e sentirsi completi". Niente di più vero. Non posso aggiungere altro per la mia inesperienza.


Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 2 di 3 [ 23 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010