Crea sito
 
Oggi è lunedì 20 novembre 2017, 9:25

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 1 di 1 [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: ACCETTARSI COME GAY IN ITALIA E IN SVEZIA
MessaggioInviato: mercoledì 20 giugno 2012, 12:01 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5112
Ciao Project,
noi non ci conosciamo però ho deciso di mandarti questa lettera perché progetto gay mi ha aiutato moltissimo nel mio processo di accettazione e vorrei che tu leggessi (e se vuoi che tu pubblicassi) i risultati della mia esperienza su questo argomento (cioè l’accettazione). Adesso mi sento sereno e penso che tanti ragazzi che si sentono come mi sentivo io fino a pochi mesi fa potrebbero trovare utili le cose che sono venuto elaborando piano piano.
Ho 25 anni, la mia storia penso sia simile a quella di moltissimi ragazzi gay. Ho una sorella più piccola di me di un anno. Mio padre è tra i 50 e i 60, mia madre non ne ha ancora 50. La mia famiglia mi vuole bene ma a modo suo, sono brave persone ma non sono capaci di guardare al di là del proprio naso. Mio padre è il classico bell’uomo per la sua età, ancora ben portante, e ha certamente un fascino sulle donne, l’ho notato in tante situazioni, ma ho notato anche un’altra cosa, quando ci sono donne, diciamo dai 20 in su, lui si trasforma, si atteggia, cambia modo di fare, non se ne accorge nemmeno, ma ha il comportamento del seduttore, finisce tutto lì ma è evidente che ancora alla sua età le donne riescono a trasformarlo. Non credo sia mai stato molto soddisfatto della vita sessuale con mia madre, una volta, in privato, quando siamo riusciti a parlare un po’ mi ha detto: “non ti mettere con una mezza monaca come tua madre che se no il monaco lo devi fare pure tu!” Mio padre sa degli omosessuali che sono “checche”, “femmine venute male”, “povera gente che ti può fare solo pena” queste sono parole sue. Quando deve svalutare qualcuno dei suoi colleghi più giovani il discorso finisce sempre lì e quando dice quelle cose le dice con l’aria di chi sa esattamente quello che dice. Il suo atteggiamento affermativo, quando ero ragazzino, mi dava sicurezza, se una cosa l’aveva detta papà per me era verità assoluta. Adesso mi rendo conto che in quel modo mi ha messo in testa una marea di stupidaggini e che io le ho assimilate come se fosse vangelo e poi ho avuto una marea di problemi a trovare una strada per arrivare a ragionare col mio cervello ma per fortuna ci sono arrivato lo stesso. Mia madre è tutta casa, chiesa e pettegolezzi, è una brava donna ma ha bisogno di sicurezza e la trova nelle cose che dice papà (purtroppo) e nelle cose che dicono i preti (anche qui purtroppo). Se quello che dice papà non corrisponde a quello che dicono i preti allora si sente incerta e finisce per tollerare quello che dice papà e per pensare che comunque quello che dicono i preti è certamente giusto, ma quando, come nel caso della omosessualità, sia papà che i preti dicono più o meno le stesse cose allora si sente completamente esaltata. I miei non litigano, si tollerano, i ruoli sono ben definiti e salvare la faccia è in assoluto la prima cosa da fare. Mia sorella quando aveva vent’anni si era messa con un ragazzo senza dire niente ai miei, ma si sentiva in colpa per questo fatto e mi assillava perché voleva da me un consiglio su che cosa dovesse fare. Io le dicevo di andare per la sua strada ma lei ha parlato con mamma, dopo tre mesi la storia con quel ragazzo era finita e lei adesso sta con un altro ragazzo, questa volta uno che sta bene a mamma. Se penso che avrò un cognato così (ormai è certo che finisce così) mi viene il latte alle ginocchia. Una volta stavamo fuori con mia sorella e il ragazzo, in macchina, a sentire la radio e hanno messo una canzone di Tiziano Ferro, il mio futuro cognato non conosceva la canzone e nemmeno riconosceva la voce di Tiziano Ferro, io gli ho detto che era Tiziano Ferro e lui ha fatto una smorfia che è bastata a farmi perdere quel minimo di rispetto che avevo per lui. Mia sorella in pratica si è allineata alle scelte di mamma. Il ragazzo viene da una famiglia ricca e cattolica, quindi è da sposare! Io non voglio fare quella fine. Se devo essere sincero, se non mi sono mai considerato gay fino a pochi mesi fa, perché a casa mia gay è ancora una parolaccia, non mi sono nemmeno mai considerato etero, a 15/16 massimo 17 anni ho provato anche ad avere una ragazza, fino a parlare insieme si poteva pure, anche se mi era indifferente, ma quando si cominciava a fare un po’ di petting anche pochissimo, mi chiedevo che cosa stavo facendo, la sentivo proprio come una cosa del tutto innaturale. In realtà io non solo non ho avuto un rigetto per il sesso gay ma avevo proprio un rigetto verso il sesso etero, che sentivo come una specie di violenza alla quale in un modo o nell’altro avrei dovuto finire per adattarmi. Le battute stupide che faceva mio padre sui gay allora mi ferivano profondamente, mi sentivo sbagliato, in colpa, e cercavo di cambiare strada, il rigetto dell’essere gay era questo, cioè un essere costretto a mettere da parte qualcosa che sentivo invece come parte di me, come una cosa importante che mi faceva stare bene e in cui non trovavo assolutamente niente di sbagliato. È stato così che piano piano ho cominciato a farmi delle domande e a cercare di rispondere col mio cervello, leggendo il più possibile per cercare di capire ed è stato così che, con tanta fatica, ho cominciato a recuperare la mia libertà, almeno la mia libertà di pensiero, ma il passo fondamentale è proprio quello. Mi chiedevo: ma perché secondo tutta questa gente è una cosa patologica quando per me è una cosa assolutamente naturale? È possibile che loro abbiano tutti torto e io solo abbia ragione? Devo dire però che per arrivare consapevolmente a dirmi che non ci trovavo proprio niente di assurdo, niente di contro natura, ci ho messo parecchio. Tante volte ho provato a reprimermi ma era una scelta non spontanea ma autoimposta, provavo a schiacciare ma mia natura e ovviamente non ci riuscivo, provavo a dirmi che era sbagliato e che la cosa migliore sarebbe stata mettersi con una ragazza e mettere su famiglia ma erano solo ragionamenti astratti, la mia sessualità era incompatibile con le ragazze. Tra l’altro penso di essere stato anche molto fortunato perché per un ragazzo che, magari a bocca storta, ma un rapporto sessuale con una ragazza arriva ad averlo le cose possono essere molto più complicate, ma per me non è stato così, una ragazza, fosse pure Venere in persona, non ha mai avuto per me nessuna attrattiva sessuale e di questo sono stato sempre certo e poi c’era dall’altra parte il fatto che tutta la mia sessualità era gay, mi masturbavo da sempre pensando ai ragazzi, prima in modo del tutto naturale e senza problemi, poi con un bel po’ di sensi di colpa e finalmente adesso di nuovo senza nessun senso di colpa. Le mie fantasie erano tutte per i ragazzi. L’estate per me era una stagione bellissima e lo è adesso più di prima perché si va al mare con gli amici, certo loro pensano alle loro ragazze e io peso a loro ma non vedo proprio che cosa ci sia di male. Tirando le somme, se io avessi avuto una famiglia senza il tabù della omosessualità credo che non avrei avuto proprio nessun problema di accettazione. I problemi di accettazione sono solo delle conseguenze degli atteggiamenti omofobici diffusi. Certe volte penso con una certa invidia che ci sono ragazzi che vivono queste cose proprio in un altro modo. Ho conosciuto tramite internet un ragazzo svedese di Stoccolma (un bellissimo ragazzo!), Dag, chattiamo in Inglese la sera, gli ho raccontato di me e non riusciva a crederci, mi ha detto che in Svezia c’è una legge del 2001 che vieta qualsiasi discriminazione relativa all'orientamento sessuale e che lui non ha mai visto nessuna forma di discriminazione. Alcuni suoi amici sono gay e quando andavano a scuola e poi all’università lo sapevano tutti ma la cosa non ha mai creato nessun problema e c’era anche una forma di educazione contro l’omofobia, proprio fatta a scuola. Lì il liceo (Gymnasieskola) dura tre anni dai 16 ai 20 più o meno. La Svezia è al primo posto nel mondo nella tutela dei diritti dei gay: la legislazione protegge dalla discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale, sono riconosciute le unioni tra persone dello stesso sesso, sono riconosciuti diritti genitoriali per coppie dello stesso sesso, l’omofobia viene riconosciuta nelle espressioni di odio/criminalità. Dag mi ha detto che in Svezia l’educazione sessuale fa parte proprio dei programmi scolastici fino dalla scuola di base ed è integrata in tute le discipline, lui ha potuto parlare liberamente di omosessualità e dire di essere gay da quando aveva 16 anni, nella sua scuola si vedevano anche coppie di due ragazzi maschi che si scambiavano tenerezze e nessuno ci rimaneva sconvolto. Dag è luterano e non ha avuto mai problemi con la sua religione, mi ha raccontato che il pastore nel sermone della domenica parla qualche volta anche di omosessualità e ne parla in termini di amore, cosa che da noi sarebbe considerata un’eresia. Evidentemente è proprio un altro mondo.
In pratica i problemi di accettazione sono veramente, come ho letto in giro, forme di omofobia sociale interiorizzata. Io so perfettamente chi sono e che cosa voglio, però tanti problemi restano. Qui non siano Stoccolma e la mia famiglia non è quella di Dag, in altri termini so bene che per me sarà dura, che i miei non mi accetteranno, perché non sono proprio all’altezza di farlo, e che, se mai avrò un ragazzo, o me ne andrò a vivere lontano da casa mia o il nostro rapporto dovrà essere tenuto a livello privatissimo. Noi gay stiamo scontando in tanti modi l’ignoranza e il preconcetto diffuso e la cosiddetta non accettazione ne è uno degli esempi più tipici. Ma perché l’Italia deve essere sempre il fanalino di coda in tutte le scelte che rappresentano un passo in avanti verso la civiltà? Ma perché dobbiamo soffrire per la stupidità e l’ignoranza altrui? Spero tanto che l’Europa costringa l’Italia a diventare un paese civile.



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ACCETTARSI COME GAY IN ITALIA E IN SVEZIA
MessaggioInviato: mercoledì 20 giugno 2012, 12:19 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 9 marzo 2012, 1:47
Messaggi: 104
Magari, magari e magari. Sai quanti problemi non avremmo ?
Secondo me, faccio prima ad andarmene in Svezia definitivamente che continuare ad affliggermi in Italia fino alla fine della mia vita.
Ci scommetto tutto quello che guadagnerò.

Tanta fortuna a te.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ACCETTARSI COME GAY IN ITALIA E IN SVEZIA
MessaggioInviato: mercoledì 20 giugno 2012, 23:05 

Iscritto il: martedì 10 maggio 2011, 21:30
Messaggi: 30
Complimenti, ho trovato il tuo ragionamento e le tue riflessioni sulla tua esperienza davvero impeccabili, mature, coraggiose, senz'altro condivisibili. Non è semplice giungere alle tue conclusioni in un ambiente ostile all'omosessualità come quello in cui sei cresciuto, ahimè purtroppo comune a sin troppi ragazzi di Project ma non solo, qui in Italia.
Che aggiungere di più? Personalmente ho una predilezione per la Svezia abitando a Stoccolma alcuni miei parenti e avendo avuto modo di apprezzarla sotto molti altri punti di vista; apprendere del loro grado di civiltà anche su questo argomento non fa che renderlo un Paese ancora più attraente ;) Se non altro in Project e in alcune altre (rare) persone o gruppi più evoluti possiamo trovare una piccola Svezia nostrana!
In bocca al lupo per le tue prossime sfide!


Ultima modifica di dannyb il giovedì 21 giugno 2012, 16:06, modificato 1 volta in totale.

Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ACCETTARSI COME GAY IN ITALIA E IN SVEZIA
MessaggioInviato: mercoledì 20 giugno 2012, 23:13 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 4 aprile 2012, 21:00
Messaggi: 211
Ringrazio Project per aver pubblicato questo post veramente interessante :)
In parte mi sono rispecchiato nelle parole di questo ragazzo. Forse non ci si fa molto caso ma l'educazione familiare influenza notevolmente le nostre idee. Anche io sono convinto che,se tutte le famiglie accettassero l'omosessualità,non ci sarebbero ostacoli nell'accettazione d'essere gay. Anche io,spesso,mi chiedo il perché l'Italia non riesca a compiere un passo in avanti verso la civilità anche se la risposta è più semplice di quello che si può pensare: la religione. Senza entrare nel merito poiché,altrimenti,sarebbe un'altra discussione,penso che l'Italia sia la periferia dell'Europa. Purtroppo ho perso realmente le speranze di un cambiamento di mentalità qui: è molto più facile andare all'estero nonostante le difficoltà che ne possono derivare.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ACCETTARSI COME GAY IN ITALIA E IN SVEZIA
MessaggioInviato: giovedì 21 giugno 2012, 7:15 
Utenti Storici

Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22
Messaggi: 2861
Proprio la Svezia, secondo la sezione europea dell’ILGA (International Lesbian and Gay Association) , è in testa alla graduatoria che è stata stilata circa un anno fa sul livello degli stati europei in quanto a tutela dei diritti delle persone omosessuali . Infatti ha totalizzato 10 punti .

L'Italia è messa malino , con un misero punto , in quanto vi sono norme contro la discriminazione nell'ambiente di lavoro. Il suo posto in classifica è al livello di Georgia, Montenegro,Malta.
Peggio di noi c'è: Armenia, Azerbaijan, Vaticano, San Marino, Monaco, Polonia, Turchia, Moldavia, Russia Ucrania ecc

Certo che fa riflettere essere invece surclassati da stati come Albania, Bosnia, Lituania , kossovo e altri che non avrei pensato avessero norme legislative migliori delle nostre.

Ogni stato guadagna punti in graduatoria se vi è:
- una legislazione per proteggere dalla discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale
-il riconoscimento delle unioni omosessuali
-il riconoscimento dei diritti genitoriali delle coppie omosessuali
-il riconoscimento dell'omofobia nelle espressioni di odio/criminalità

Perde invece punti se vi è:
-una legislazione che vieta atti sessuali tra persone dello stesso sesso
- diseguaglianza sull’età del consenso
- violazione dei i diritti delle persone LGB di riunione pacifica e libertà di associazione

Certi stati hanno anche perso punti come :
-Moldavia, Romania, Bielorussia, Ucraina, Macedonia, Russia, Lituania, dove
c'è limitazione alla libertà di riunione o di espressione
-Cipro e in Grecia, dove c'è diseguaglianza sull'età del consenso

Per chi volesse dare un'occhiata:

http://www.ilga-europe.org/home/news/fo ... obia_idaho


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ACCETTARSI COME GAY IN ITALIA E IN SVEZIA
MessaggioInviato: venerdì 22 giugno 2012, 8:25 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 10 luglio 2011, 20:09
Messaggi: 156
Complimenti per la mail! L'ho letta tutta in una volta e l'ho riletta soffermandomi su al uni punti!! In alcuni periodi la sento molto vicina la situazione di questo ragazzo!! Certo che la Svezia è proprio un altro pianeta! Ma io credo che non sia nemmeno una questione di stati e nazioni o regioni e provincie , ma proprio una questione culturale! L'UE potrà pure fare una legge obbligando tutti gli stati appartenenti ad aderire, costringendo l'Italia ad adeguarsi!
Ma il problema è alla base! È culturale!!! Potranno esserci tutte le leggi del mondo che vietano atti discriminatori ma se alla base c'è una cultura omofoba e basata sulle differenze e apparenze c'è ben poco da fare!!
Riguardo il discorso dell'accettazione beh diciamo che non esiste un percorso generale o tempi standard... Ogni persona ha i proprio tempi! E io credo che giochi un ruolo importante il carattere di ogni singola persona che si trova ad affrontare questa fase!! Trovo che se caratterialmente una persona è predisposta al confronto e al mettere in discussione quello che sente e quelli che sono gli insegnamenti che gli vengono dati, riesce a sviluppare un proprio pensiero e affrontare in seguito la questione uscendone abbastanza indenne!!
Se invece per indole in ragazzo è abituato ad assimilare e interiorizzare gli insegnamenti in maniera passiva senza mai obiettare o domandarsi se possa esserci il rovescio della medaglia... Beh è comprensibile che la fase dell'accettazione risulterà lenta e piena di sensi di colpa in quanto si trova a picchiar la testa contro quelli che sono i preconcetti di base!!
Ancora complimenti per la mail e per la forza che hai trovato per riuscir a far chiarezza con te stesso, in una realtà non proprio facile!! Auguri per il futuro!! ;)
Saluti... alessandroNa



_________________
Non ho il diritto di giudicare o condannare nessuno! Non ho il tempo, né la voglia, né la personalità, per mettermi a pianificare vendette! Mi vendico già continuando ad essere me stesso, sempre, comunque, in ogni modo, e in ogni caso.
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: ACCETTARSI COME GAY IN ITALIA E IN SVEZIA
MessaggioInviato: domenica 24 giugno 2012, 11:57 

Iscritto il: domenica 6 marzo 2011, 6:18
Messaggi: 22
A proposito di Svezia e svedesi:
http://www.corriere.it/sport/12_giugno_23/sci-gay-incinta-paerson_d395e676-bd61-11e1-9f49-5284d5fd7e8a.shtml
Ho trovato molto bello e assolutamente condivisibile questo passaggio: "Ma non c'era niente altro da fare se non compiere quel grande passo. Sono stanca di essere diversa da quello che veramente sono e di giocare un gioco."


Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 1 di 1 [ 7 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010