UN ARTICOLO DI GAY PROJECT FORUM CITATO DA IRCT

L'accettazione dell'identità gay, capire di essere gay
Rispondi
Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5551
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

UN ARTICOLO DI GAY PROJECT FORUM CITATO DA IRCT

Messaggio da progettogayforum » lunedì 13 luglio 2020, 1:17

Sono veramente orgoglioso di comunicarvi che l’ IRCT (International Rehabilitation Council for Torture Victims) nel suo Thematic Report 2020, dedicato alle “terapie riparative”, https://issuu.com/irct/docs/irct_resear ... 8/78929238
ha incluso in Bibliografia l’articolo “Reparative Therapy to Cure Homosexualityhttp://gayprojectforum.altervista.org/T ... osexuality
pubblicato su Gay Project Forum il 10/12/2017, contenente la mia traduzione in Inglese di un famoso articolo di Davide Varì in cui si descrive passo per passo l'iter di una tipica terapia riparativa.

Sono fiero che il lavoro di Progetto Gay abbia contribuito a far luce su un fenomeno deprecato dalla Organizzazione Mondiale della Sanità come una violazione dei diritti umani.

Avatar utente
riverdog
Messaggi: 311
Iscritto il: venerdì 9 luglio 2010, 0:27

Re: UN ARTICOLO DI GAY PROJECT FORUM CITATO DA IRCT

Messaggio da riverdog » lunedì 13 luglio 2020, 8:39

Wow!! :)
Ho riletto l'articolo... inizialmente non pensavo di averlo fatto in passato... invece piano piano mi tornava in mente suonandomi piuttosto familiare.
Mi astengo dal commentarlo... :)
Avrei però una curiosità Project... non so come funzionino 'ste cose (abbi pazienza, in maniera piuttosto incomprensibile direi, finora nessuno ha mai citato un mio articolo in qualche bibliografia... bah!), l'hai scoperto per caso? Ti è arrivata una segnalazione? Hanno dovuto contattarti? Fai parte dell'Irct è ti sei auto-citato? No, vabbè, scherzo, eheh... Penso che presto qualcuno mi citerà da qualche parte (in giudizio?!?) e lo scoprirò da solo, ma magari dammi qualche dritta così mi faccio trovare preparato!!
p.s. Grande Project!!!

Avatar utente
agis
Messaggi: 1203
Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27

Re: UN ARTICOLO DI GAY PROJECT FORUM CITATO DA IRCT

Messaggio da agis » lunedì 13 luglio 2020, 19:24

ma che bravo e volonteroso giovane ^ _ ^
La natura talpa scorre potente in te! :*
Ciò nondimeno sei ancora un po' troppo modesto. Sono certo che saresti stato all'altezza di qualche breve nota a commentario.

Stat prisitna nomine rosa (e su questo non ci piove)

ma questi nomina nuda è proprio inevitabile tenerli?

e se sì, perché? :)

Avatar utente
riverdog
Messaggi: 311
Iscritto il: venerdì 9 luglio 2010, 0:27

Re: UN ARTICOLO DI GAY PROJECT FORUM CITATO DA IRCT

Messaggio da riverdog » martedì 14 luglio 2020, 8:43

Buongiorno Agis,
sappi che sto per essere profondamente "irrispettoso", ma vorrei evitare una scortesia di proporzioni maggiori, ovvero quella di ignorare messaggi e/o domande di un altro forumista Projettiano.
Che ti diletti nello scrivere mi va anche bene, per carità, lo fai anche con un certo stile... ma non so se ti rendi conto che i tuoi interventi finiscono per essere 'tendenzialmente spesso quasi sempre':
- incomprensibili per gli ignoranti o, in alternativa, quantomeno criptici per gli studiati (io, per esempio, non ho studiato il latino);
- fuori tema (o topic) per... l'umanità.
Quindi la domanda stavolta te la faccio io: ti interessa davvero che ti si risponda oppure sono stacchetti pubblicitari nei quali posso alzarmi per sgranchirmi le gambe e andare a farmi un cicchetto? :)

Hai tante curiosità, sei vispo e intelligente, molto bene... Apri un topic su un tema che ti aggrada, argomentalo a dovere ma interpretabile ai più, poni tutte le domande marzullesche che vuoi e... vedrai che perfino quel ragazzaccio di Project ti darà soddisfazione con una risposta di quelle serie serie!

Talpeschi saluti! x)

Avatar utente
agis
Messaggi: 1203
Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27

Re: UN ARTICOLO DI GAY PROJECT FORUM CITATO DA IRCT

Messaggio da agis » martedì 14 luglio 2020, 10:11

No, vedi RD, ceterum censeo 8-) cioè temo che il problema sia un altro. Saltuariamente è anche successo che, anche qui, qualcuno mi abbia degnato di una risposta e, in questi sporadici casi, il piacere dialogico dell'argomentazione non è mai stato e non è tuttora per me quello di un dibattito agonistico dove, platonicamente o tennisticamente , ci debba essere un vincitore ed uno sconfitto. Si tratta, probabilmente, di un piacere antico e sepolto insieme a me che caratterizzò, in passato, altri fora forse maggiormente esposti alla luce del sole o anche no. Se poi a te non appare che l'alternativa a queste mie risposte - più o meno inopportune a seconda del valore che ad esse si voglia applicare - sembra essere quella della classica vox clamans in deserto meritevole, al limite, di risposte di circostanza, sei padronissimo di pensarlo.
E poi insomma, io non sono di molto più giovane di project chetticredevi? :P Anch'io invecchio, divento sempre più svogliato e sempre più tendo, fisiologicamente, ad accontentarmi di una raggiunta e meno dialogica consapevolezza.

P.S. Ovviamente, se ti va di cimentarti mio baldo giovane, la domanda rivolta a project rimane tuttora valida ed aperta a te/me/noi tutti ^ _ ^

Avatar utente
agis
Messaggi: 1203
Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27

Re: UN ARTICOLO DI GAY PROJECT FORUM CITATO DA IRCT

Messaggio da agis » martedì 14 luglio 2020, 19:33

E, comunque, visto che a tutto ritengo individualmente si possa ed anche si debba porre un limite, ho provveduto a fare, in questo senso, una specifica richiesta in privato a project relativamente alla quale sono ancora in attesa di una risposta. E così avrò finalmente il tempo di farmi un cicchetto in santa pace lontano da gente che è stata così loquace nel darmi input discorsivi o, finanche, ci mancherebbe, oppositivi. :)

Avatar utente
agis
Messaggi: 1203
Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27

Re: UN ARTICOLO DI GAY PROJECT FORUM CITATO DA IRCT

Messaggio da agis » mercoledì 15 luglio 2020, 16:56

La risposta è arrivata e, after due diligence, ritengo che mi atterrò al saggio suggerimento impartitomi da project le cui idee condivido comunque per un buon 85%. Ma, ciò detto, credo che la stagione in cui, con scarsissimi successi (anche se la talpa Davide rappresenta un'importante eccezione), ho tentato di mandare avanti un'impostazione che non è mia ma già 300 anni fa fu fatta propria, con tutte le titubanze, le incertezze e le contraddizioni proprie degli apripista, da Kant e, prima di lui, dall'arcivescovo Berkeley sia ormai esaurita, Ed anche questo luogo, dunque, insieme ad altri, sarà da me posto ora in modalità read only acciocché non dobbiate più preoccuparvi degli inestetismi che animali fastidiosi come noi provocano nei vostri eleganti giardini di superficie ove, ovviamente, l'erba "non è mai vista dalla parte delle radici".
Buon proseguimento A.
Tuo sempre devoto C. ^ _ ^

AlbusDumbledore
Messaggi: 64
Iscritto il: venerdì 28 giugno 2019, 10:47

Re: UN ARTICOLO DI GAY PROJECT FORUM CITATO DA IRCT

Messaggio da AlbusDumbledore » lunedì 10 agosto 2020, 15:51

Innanzitutto mi voglio congratulare anche io per l'articolo pubblicato. Qui sul forum c'è materiale davvero molto importante e utile ed è molto bello sapere che questo materiale venga visto e pubblicato anche da altri enti. Soprattutto per l'importanza della tematica tratta.
Ma in fin dei conti non ci sarebbe neanche da stupirsi. Il lavoro che c'è dietro a tutto questo merita di essere premiato!!

In secondo luogo, non so quanto sia saggio da parte mia intervenire, visto il tempo che è passato e visto che non conosco appieno la vicenda, ma mi sento di scrivere che forse queste problematiche potrebbero essere affrontate innanzitutto in un luogo diverso, per non far decadere il topic, e soprattutto in un modo diverso.
Non credo che nessuno voglia un utente fantasma che si limita a leggere solamente. E' bello che ognuno esprima il proprio parere e le proprie esperienze, ma bisogna appunto prestare attenzione al modo in cui queste vengano tirate fuori.
Ho trovato spesse volte molta difficoltà a decifrare quei messaggi criptici, a cercare di trovare una risposta adeguata e coerente con quello che mi era stato scritto, e posso garantire che, seppur io abbia imparato termini che non conoscevo, dopo un po' si fa fatica a tradurre e interpretare i messaggi.
Però è anche vero che bisogna comunque rispettare il modo di scrivere e di essere di una persona. Quindi che si fa? Un compromesso, un accordo reciproco nel quale entrambe le parti si impegnano, una a trovare un modo di essere più chiaro e spontaneo (volgarmente parlando si può tradurre tutto ciò con un "parla come magni" xD), e l'altra, cioè tutti noi, a rispettare e accettare il suo modo creativo di scrivere. Se preso con una certa leggerezza, lo trovo anche piuttosto divertente, ma è anche vero che c'è un momento per ogni cosa...
Spero non aver causato problemi con questo post e di non aver aperto un caso già risolto. Mi piacerebbe che ci si potesse accordare con più tranquillità. :)
"La causa fondamentale dei problemi è che nel mondo moderno gli stupidi sono sicuri di sé, mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi."

Bertrand Russell

Rispondi