Crea sito
 
Oggi è giovedì 23 novembre 2017, 5:45

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 2 di 2 [ 19 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Lettera ad un amico
MessaggioInviato: giovedì 14 luglio 2011, 19:49 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 giugno 2011, 13:55
Messaggi: 151
La lettera è piaciuta parecchio anche a me, Blueboy! ;)

Chissà, potresti aver dato a qualcuno del forum una mezza idea... :roll:

Un brano davvero "allusivo": e chi lo legge, se ha un minimo di perspicacia... :idea:

Bravo! :P



_________________
La lotta spirituale è dura quanto la guerra tra uomini
(Arthur Rimbaud, Una stagione all'inferno )
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Lettera ad un amico
MessaggioInviato: venerdì 15 luglio 2011, 11:00 

Iscritto il: martedì 27 aprile 2010, 23:02
Messaggi: 368
Grazie a tutti per i commenti! Sono molto graditi, ed ancora di più le riflessioni grandi o piccole che possono nascere dalla mia lettera. Quella lettera è volutamente polivalente, è vaga e non ha una direzione precisa. Tra la voce del personaggio e quella dell'autore che traspare, vuole essere uno stimolo alla riflessione in più sensi e all'attivazione di diverse percezioni. Può essere divertente, ironica, seria, triste, malinconica, vitale; può far ridere, riflettere, soffrire, sperare: niente che riguardi me, tutto dipende da chi la legge. Ed è questo che più mi interessa. Naturalmente può far scaturire critiche negative, come ad esempio il fatto che non è sviluppata bene; è una cosa che riconosco io stesso, infatti mi piacerebbe farla diventare un testo migliore.

Ho scelto di metterla nella sezione "Coming out" e non in quella "Romanzi e racconti" perché questa lettera non intendeva essere un componimento per la grazia dello scrivere, ma piuttosto un punto di riflessione su questi temi. In altre parole, non è un lavoro letterario ma un manifesto di pensiero. È una dichiarazione che deve colpire chi legge e prima che essere trattata come opera deve essere vista come proposizione. Qualcosa che non fa parte di una mostra ma della realtà; chi arriva crede di leggere di un coming out reale, ma poi scopre che si tratta di un diverso tipo di testo ed è questo che apre la mente alla riflessione e rende l'oggetto più efficace. Il messaggio così è valido proprio in virtù della sua presenza tra testi reali: perché di un testo reale si tratta, non nel contenuto narrativo ma nell'intenzione di comunicare in maniera diretta.

L'idea per questa lettera è nata in chat, quando qualche sera fa ho cominciato a scherzare come si fa a volte sulla "condizione" dell'omosessualità; ogni tanto c'è qualcuno che recita fingendosi scandalizzato per essersi accorto di essere capitato in una chat gay, e così in maniera leggera ho abbozzato un coming out dichiarandomi mancino e riprendendo i luoghi più comuni a proposito dell'omosessualità: solo un rapido gioco, in cui ho lanciato qualche frase sui genitori, sul coming out, sull'accettazione. Mi è venuto in mente che avrei potuto scriverci su qualcosa di più impegnativo, così mi sono chiesto quale fosse la forma migliore per stilare un elenco dei luoghi comuni sull'essere gay da trasporre in chiave diversa. Ho pensato subito che un coming out con una persona, magari in forma di lettera, sarebbe stato il modo migliore per permettermi questo, dato che consente a chi scrive di parlare di sé in modo discorsivo.
Inizialmente dunque l'intenzione era di produrre un piccolo testo ironico, per divertirmi e divertire maneggiando con sarcasmo certi argomenti. Man mano che scrivevo la lettera, però, nel gioco dell'ironia si sono aperti spiragli per la riflessività; un intento principale era che il sorriso dei lettori nascesse proprio dal ripensare a quelle tematiche vedendole sotto una luce snaturata, per guardare questi problemi più per quello che sono anziché nell'ottica di ingigantimento che spesso assumiamo. Così tra le trame della finzione narrativa sono spuntate alcune riflessioni più serie, come la disapprovazione dell'ambiente circostante, la bisessualità, il dolore di non essere se stessi fin dall'inizio nel rapportarsi con gli altri.
Il tessuto testuale è diventato quindi un intreccio tra la parola in prima persona del ragazzo "vero" che racconta di sé e quella, sempre sua e sempre in prima persona, che dà voce al pensiero dell'autore. In questo modo traspare a tratti una mente per così dire superiore che dialoga direttamente con il lettore. Ciò che credo di non essere riuscito a rendere bene è proprio la parte del ragazzo che parla di sé, nei momenti in cui c'è più ironia; non lo sento realistico, e del resto non è sufficiente interpretare i propri sentimenti per ottenere quell'effetto: calarsi in un ruolo, per quanto modesto esso possa essere, richiede comunque un discreto impegno stilistico. Sarebbe possibile addirittura creare una serie di testi simili, caratterizzati in diverso modo: ad esempio, oltre all'incrocio di due menti come in questo caso, una lettera tutta incentrata sul ragazzo che racconta di sé, o uno scambio di lettere con l'amico; o ancora una lettera in cui a parlare è più l'autore che il personaggio.

Ci sarebbe così tanto da ampliare, spaziando fra i temi, gettando ponti analogici, in tutti i toni immaginabili. Volendo diventerebbe un lavoro molto vasto. Avrei potuto aggiungere parti come: "Ho cominciato a scriverti questa lettera con la mano destra, ma da adesso voglio usare la sinistra" oppure "Che vuoi che sia, mi dirai tu, in fondo è come se fossi gay" o altre ancora. Richiede molto impegno, forse un giorno approfondirò questo scritto. Alla luce di tutto questo, se avete qualche brano da suggerire per questa lettera, qualcosa che a voi piacerebbe scriverci, un modo in cui voi la continuereste o la aggiuntereste, scrivetelo di seguito: sarebbe una cosa divertente confrontarsi su questo per vedere che cosa ciascuno scriverebbe. E naturalmente, come ho detto all'inizio, sono ben accette riflessioni di qualsiasi tipo che da quella lettera possano scaturire.

Ah, un'ultima cosa: io non sono mancino!



_________________
        Blueboy
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Lettera ad un amico
MessaggioInviato: venerdì 15 luglio 2011, 12:24 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 24 agosto 2010, 19:37
Messaggi: 430
Quando ero un bambino io e il mio amico eravamo a casa mia anche con altri amichetti:lui usava esclusivamente la mano sinistra e mia madre gli chiese:"ma sei mancinoooo???" con tanto di meraviglia stampata sulla sua graziosa faccina :o
Come per intendere "non sei come tutti gli altri bambini?" probabilmente facendolo così sentire "diverso"...
...Ed ancora oggi in questi paesini c'è chi si meraviglia se un bambino scrive con la sinistra...per non sottolineare gli anziani e non solo che ancora ritengono la sinistra la mano del diavolo o quelli che mormorano quando vedono una ragazza in minigonna,dandole scontatamente della "put...." ecc...
Correva l'anno 2011 (a.c.?)


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Lettera ad un amico
MessaggioInviato: venerdì 15 luglio 2011, 13:56 

Iscritto il: giovedì 2 giugno 2011, 16:40
Messaggi: 423
Blueboy, mi associo ai complimenti! :D
Sai cosa ho apprezzato di più oltre all’originalità del tema?
L’ironia e l’umorismo che indubbiamente traspaiono dalla lettera … perché secondo me questi due atteggiamenti dello spirito hanno un forte potere demitizzante e aiutano a demolire luoghi comuni diffusi, non solo legati all’omosessualità: in fondo anch’io, utilizzando le manzoniane consolazioni dell’amicizia, avevo tentato - in modo molto maldestro - di seguire questa strada per riflettere e far riflettere su un tema delicato come quello del rapporto tra amicizia e coming out.
E poi è sempre commovente notare come, malgrado quello che ci piove addosso in termini di giudizi pesantemente negativi, si riesca a sdrammatizzare e a proporre, con intelligenza, riflessioni leggere e divertenti. ;)



_________________
La verità, vi prego, sull'amore (W.H. Auden)
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Lettera ad un amico
MessaggioInviato: sabato 24 settembre 2011, 19:23 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 20 luglio 2011, 22:05
Messaggi: 17
Wow :) bellissima



_________________
Ti ho trovato lungo il fiume che suonavi una foglia di fiore, che cantavi parole leggere, parole d'amore...
Ho assaggiato le tue labbra di miele rosso rosso, ti ho detto dammi quello che vuoi, io quel che posso... [Faber]
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Lettera ad un amico
MessaggioInviato: sabato 24 settembre 2011, 19:27 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 29 agosto 2011, 11:05
Messaggi: 13
Bella :D sta diventando un classico, però questo tipo di testi fa sempre bene.



_________________
De gustibus not disputatum est.
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Lettera ad un amico
MessaggioInviato: sabato 24 settembre 2011, 19:34 

Iscritto il: domenica 17 aprile 2011, 14:31
Messaggi: 176
Questa lettera l'ho letta tanti mesi fa, ma non commentai. Ora che è riemersa grazie ai commenti di qualcun altro devo dire che concordo con chi sottolinea l'originalità della tua idea. Secondo me viene molto fuori l'anima e la sensibilità di una persona che non riesce assolutamente a parlare, che vorrebbe tanto poterlo fare, ma allo stesso tempo non la considera una cosa realizzabile o teme che troppe cose potrebbero cambiare...insomma, per ripetermi, colgo la sensibilità e la sofferenza di chi non riesce a capire come poter fare questo passo! :?
L'idea del mancino sdrammatizza molto e allo stesso tempo sottolinea la difficoltà incontrata nel confidarsi :)
Telemaco ha scritto:
Pensa a quelli gay e mancini cosa devono passare... tipo me 8-)
...tipo me... :lol:



_________________
La farfalla che volteggia intorno alla lampada finché non muore è più ammirevole della talpa che vive in un buio cunicolo.
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Lettera ad un amico
MessaggioInviato: domenica 30 marzo 2014, 16:05 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 23 dicembre 2013, 0:33
Messaggi: 79
davvero una lettera fantastica...ne ho preso spunto per scriverne una al mio migliore Amico....ma è ancora nel mio cassetto. :roll:



_________________
La vera misura di un uomo si vede da come tratta qualcuno da cui non può ricevere assolutamente nulla in cambio.
my dream
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Lettera ad un amico
MessaggioInviato: domenica 30 marzo 2014, 23:37 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 23 settembre 2012, 17:10
Messaggi: 109
Bravo ragazzo ;)


Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 2 di 2 [ 19 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

cron
phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010