GAY TRA APP E CAM

La difficoltà di uscire allo scoperto
Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5332
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

GAY TRA APP E CAM

Messaggioda progettogayforum » mercoledì 10 ottobre 2018, 18:50

Ciao Project,
ho letto molto sul forum e anche il manuale Essere Gay e ho tirato un respiro di sollievo perché ne viene fuori un’immagine della vita gay che è molto vicina a quella che vivo io. Avevo girato molto su Internet in cerca di qualcosa di realistico, ma francamente ero sempre rimasto deluso. Ho passato anche un periodo di approccio alle chat e alle app dedicate ai gay e lì, per me, era proprio come andare a esplorare la luna. Mi chiedevo: ma come è possibile che non esistano ragazzi gay “normali”, cioè non fissati col sesso e non movimentisti che devono per forza avere una bandiera. Io, con una unica eccezione che tra poco capirai, non ho mai visto il classico ragazzo gay della porta accanto. Ok, siamo pochi, anche se non pochissimi, ma io non ne vedevo nemmeno uno e non ne sentivo nemmeno una traccia vaga, proprio zero! Io ho 26 anni, per tutto il periodo dell’università sono stato attentissimo a spiare possibili segnali gay ma non ne ho trovati, o al massimo qualche indizio così labile che scoraggiava dall’andare avanti a qualsiasi livello. Poi ho trovato Progetto Gay, tante belle testimonianze, però Project, sono tutte vecchie, anche di diversi anni fa, di quest’anno c’è pochissimo, quasi niente, insomma, Project, i ragazzi gay sono scappati pure da Progetto Gay! Dove saranno finiti? Io penso tutti nelle app che esplodono per quanta gente c’è, però è un peccato, perché il forum serviva a riflettere e a capire qualcosa della vita degli altri e della propria. Comunque, chiudo questa parentesi e arrivo al motivo della mia mail. Il pratica la storia riguarda il mio rapporto con le chat e con alcune persone conosciute in chat, in particolare con una.
Un paio d’anni fa, dopo mille esitazioni, dopo dubbi, scrupoli e tutto quello che vuoi tu, mi registro su un’app famosa per incontri gay, non ne faccio il nome, ma penso si capisca a che cosa mi riferisco. Quando entro per la prima volta mi sento come Pinocchio nel paese ei balocchi. Mi dicevo: “Ma è tutto così facile! Ma come ho fatto a non capirlo prima? Sono stato del tutto cretino!” Mi arriva il primo contatto. Io mi aspetto una cosa molto rozza: quattro domande e poi al sodo! E invece no, trovo un ragazzo molto gentile che mi chiede da quanto tempo frequento l’app, come mi chiamo, in che regione d’Italia mi trovo, ecc. ecc., in pratica una chiacchierata normale, poi mi chiede se possiamo vederci in cam, qui resto molto interdetto, un po’ dovevo immaginarmelo, ma lì per lì mi sono sentito preso in contropiede, alla fine gli ho detto che non me la sentivo, lui ha provato a insistere, ma non ho cambiato parere e allora mi ha salutato con una frase molto caratteristica: “Ma allora che ci vieni a fare qui?”
Comunque, quell’esperienza mi metteva di fronte a un dubbio shakespeariano che dovevo risolvere: “Cam o non cam?” Alla fine mi sono detto che app senza cam non ha senso e ho deciso che mi sarei fatto vedere in cam (vestito, ovviamente!). Al contatto successivo, più o meno stesso rituale, un po’ di chiacchiere e poi la richiesta di andare in cam. Apro la cam, ma mi trovo di fronte uno che non mi ispira proprio: unghie lunghe e sporche, capelli unti, no! Proprio repellente e poi, probabilmente over 40! Prima di farlo parlare gli ho detto brutalmente: “Non sei il mio tipo, non sono interessato, ciao!” Lui ha risposto con insulti indicibili: “Pezzo di m…a sei bello tu! A stro..o!” poi io ho chiuso ed è finita lì.
Dopo un’astinenza da app durata pochi giorni ci riprovo, all’inizio il copione è più o meno il solito, apriamo la cam, beh, questa volta devo dire che mi fa una discreta impressione, non è il ragazzo dei miei sogni, ma penso che valga la pena provare, ma mi gela subito: “No, lasciamo perdere! Non sei il mio tipo, a me piacciono più in carne, scusami, Ciao!” Dopo essere stato scaricato anche io in questo modo spiccio, ho eliminato l’app, ma poi un paio di mesi dopo l’ho scaricata di nuovo e stavolta al primo colpo faccio bingo, il ragazzo mi piace, è giovane, dice di avere 23 anni, è pure carino e non mi chiude la cam in faccia. Parliamo, in pratica mai di sesso, ma non parla nemmeno di donne come mi era capitato con uno in una chat. Diciamo che questo non è male, passa una settimana e non parla mai di sesso, ok, mi dico che forse è un po’ inibito, d’altra parte è giovane, passa un’altra settimana e parliamo di tutto, dai frattali ai quark, dai mandala al celacanto ma di sesso non parliamo mai. Io non ho mai sopportato quelli che parlano subito di sesso, però a un certo punto ci devi pure arrivare.
Non so se avviare il discorso, ma non so proprio da dove cominciare, lo lascio parlare, ma attacca a parlare della cinematografia cinese e di cose del genere, allora non ci ho visto più e gli ho detto: “Ma tu perché mi hai cercato sull’app? E lui mi ha detto, ti ho cercato perché io ti conosco bene… “ Gli ho detto che non lo avevo mai visto e mi ha risposto in un modo del tutto inatteso: “Se ti riferisci a quello che hai visto in cam, quello non sono io, è un amico che si è prestato…” Ho cominciato ad avere paura perché non sapevo con chi stavo parlando e temevo qualcosa di brutto, tipo un ricatto o che magari si potesse trattare di uno psicopatico. Mi ha detto: “Io so molte cose di te! So che stamattina sei andato al lavoro in ritardo…”
Qui ho cominciato a preoccuparmi davvero, poteva essere qualcuno dei miei colleghi di lavoro, mi sembrava strano che qualcuno seguisse i miei movimenti e mi spiasse, non capivo che motivo ci potesse essere per fare una cosa simile. Poi prima che io scrivessi la mia risposta ha chiuso. Mi sentivo agitato, non ci ho dormito la notte. Chi poteva avere interesse a spiarmi e se il tipo sapeva che ero arrivato tardi al lavoro poteva essere solo uno dei miei colleghi. La mattina mi presento al lavoro, ma ho l’impressione che non sia cambiato nulla, i tre colleghi coi quali lavoro e anche chiacchiero un po’ ogni giorno non danno segni di nessun genere. I conti non mi tornano.
Chi poteva sapere che ero arrivato tardi al lavoro? Il tipo non si fa vivo per due giorni, non so se sentirmi più tranquillo o più agitato, poi mi arriva un suo messaggio: “Sei perplesso eh … ti posso capire!” Io ho cercato di farmi vedere tranquillo e di allargare il discorso per avere qualche elemento in più per capire quello che stava succedendo. Mi ha risposto: “Si sente che sei preoccupato e che fingi di non esserlo, devi imparare e recitare meglio.” Al che gli ho chiesto: “Ma chi sei? Che vuoi da me?” Mi ha risposto: “Io sono la tua coscienza! E ti voglio portare a ragionare un po’. Io ti conosco, so che oggi al bar non hai fatto la solita colazione, hai cambiato, ma perché? Sei agitato, forse?” “Ma io ti banno del tutto e chiudo questa mer.a di app!” “Certo puoi farlo, ma l’idea di essere controllato ti resterà, ci sono tante strade …” E ha chiuso.
Ho cercato di ricordare chi ci fosse vicino a me al bar ma non avevo notato nessuno di strano, almeno avevo escluso che si trattasse di un collega di lavoro, perché la mattina al bar non c’era nessuno che conoscessi, ma qualcuno evidentemente conosceva me. Comunque nei giorni successivi il tipo non sarebbe più tornato al mio bar, di questo potevo stare certo. Diceva di essere la mia coscienza e di volermi fare ragionare. Poteva essere una persona che non conosco? Ma che interesse avrebbe un estraneo a fare tutta questa commedia? Comunque, ad ogni buon fine l’ho bannato e ho eliminato di nuovo l’app.
Qualche giorno dopo sono entrato in una chat dove andavo qualche volta anche prima e ho avuto una chiamata da uno sconosciuto con nick “Mattew92-bis” e la cosa mi ha messo in allarme perché Mattew92 era il mio nick. Mi chiede: “Come stai?” Gli chiedo subito se ci conosciamo e mi dice “Certo!”, poi aggiunge: “Hai fatto bene a eliminare l’app, ma qui che stai cercando?” Gli ho detto: “Ma tu chi sei? Perché stai diventando un’ossessione per me!” Ha risposto: “No! Basta che chiudi la chat e io sparisco!” E gli ho detto: “Ma poi ti ritrovo da un’altra parte?” Ha detto solo: “Vedremo” e ha staccato.
Ho chiuso definitivamente il mio account sulla chat e poi sono rientrato con un nick diverso, ma lui era ancora lì e mi ha detto: “Ma perché stai giocando con me? Che fai ti cancelli e poi rientri?” Insisto: “Ma chi sei? Se non me lo dici mi rivolgo alla polizia.” Mi ha detto: “E se fossi proprio della polizia?” ho insistito a chiedere: “Ma sei un poliziotto?” e ha chiuso. Ero proprio spaventato e non sapevo che cosa aspettarmi, poi mi è arrivata una mail da “Mattew92-bis”, te la riporto qui di seguito.
“Ciao Matteo, da adesso non mi sentirai più, mi dispiace se ti ho fatto preoccupare, mi chiamo Matteo anche io e sono nato lo stesso anno e lo stesso mese in cui sei nato tu, ma pochi giorni dopo. Abito di fronte a casa tua, tu non ti sei mai accorto di me ma io ti ho osservato a lungo, lasci la finestra aperta e hai uno specchio dietro le spalle che mi consente di vedere quello che fai al PC anche se tu non te ne rendi conto, so che sei gay, non ti preoccupare, perché lo sono gay anche io e non ti sputtanerò, il giorno che hai fatto tardi al lavoro io ti ho seguito da casa fino a dove lavori, quando hai fatto colazione in modo diverso io ero nel bar, ma non te se nei nemmeno accorto, quando entri sulla chat lo vedo subito e so anche il tuo nick, per quanto riguarda l’applicazione io ho una versione un po’ modificata da me nel senso che io posso localizzare i gay che ho intorno ma loro non possono localizzare me perché la mia localizzazione risulta fissa e sempre nello stesso posto. Se ti affacci alla finestra potrai vedere da dove ti osservo: c’è una tenda verde con dei cerchi disegnati, uno di quei cerchi è un buco e da lì ti osservo con un potente telescopio. Adesso so che metterai anche tu una tenda e che non avrò più il mio spettacolo, però, invece di andare a caccia di ragazzi sulle app e sulle chat perché non mi vieni a trovare? Tu sei veramente un bel ragazzo, io … beh … non sono io che devo giudicare, ma ti allego una mia foto, così capisci chi sono! Ti aspetto, ormai sai dove trovarmi! Nota bene che non cerco sesso, se poi viene da sé, ok, ma io cerco un amico gay serio e mi sa che potresti essere tu, se mai riuscirai a perdonarmi.”
Ho aperto la foto e mi è venuto in mente che quel ragazzo lo avevo visto un paio di volte di sfuggita ed era pure un bel ragazzo. Mi sono fatto coraggio e sono andato a casa sua. Gli ho detto che mi aveva fatto preoccupare molto, e che alla fine ha fatto il guardone. Mi ha risposto: “Sì, è vero, è cominciata così, ma poi mi hai intrigato veramente.” Effettivamente non cercava sesso, non so se prima o poi tra noi ci sarà anche sesso, io mi auguro di sì, però mi sta bene anche così, ho trovato un amico del tutto inaspettato. Non voleva che frequentassi le chat perché mi voleva per sé, adesso ci vediamo tutti i giorni, perché abita proprio nel palazzo di fronte, è un ragazzo di una intelligenza mostruosa e a me ci tiene proprio tanto. Come finirà la storia non lo so proprio ma mi sembra un bella storia e poi, visto da vicino è proprio bello, dolce ma sicuro di sé, rassicurante.
Beh, io un coming out del genere proprio non me lo aspettavo. Non ho messo nessuna tenda alla finestra, a casa sua ho visto il suo il telescopio col quale mi spiava, era un accrocco enorme mi ha detto con uno specchio di 35 cm, e si vedeva proprio tutto nei minimi dettagli. Mi ha detto che la prima cosa che lo aveva colpito era che a casa mia non c’erano mai ragazze e che tutto e partito di lì, un bel ragazzo (lui dice che sono bello), niente ragazze … la cosa va approfondita! E ha fatto bingo! Mi ha fatto cacare sotto dalla paura ma adesso siamo in due!
Ti abbraccio forte, Project, e grazie del tuo contatto skype, ci sentiremo presto.
Matteo92

Avatar utente
Help
Messaggi: 250
Iscritto il: venerdì 19 giugno 2015, 13:55

Re: GAY TRA APP E CAM

Messaggioda Help » mercoledì 10 ottobre 2018, 22:54

Mi sembra una esperienza al limite dello stalking e fossi stato in te lo avrei denunciato.

Per formare coppie stabili bisogna prima avere rispetto della persona con cui si vuole entrare in relazione. A parte i giochetti del "so chi sei" etc., questo ti ha pedinato sul luogo di lavoro e nei bar, ti ha privato della tua intimità spiandoti con un cannocchiale.

E, da come lo descrivi sul finale, ha decisamente caratteristiche maniacali. Io non sarei così sicuro al tuo posto.

Poi siciramente ho frainteso tutto. Buona fortuna.

Avatar utente
Birdman
Messaggi: 108
Iscritto il: domenica 18 ottobre 2015, 0:48

Re: GAY TRA APP E CAM

Messaggioda Birdman » giovedì 11 ottobre 2018, 17:39

Concordo con Help, il ragazzo in questione si è comportato in modo davvero inquietante, ci voleva tanto a scrivergli magari "sai ti ho visto in giro, abito dalle tue parti" o roba del genere, invece di mettere in scena questo teatrino? Ha già dato prova di avere atteggiamenti ossessivi e manipolatori. Onestamente, al posto del protagonista, avrei avuto il terrore di andare a casa sua, avrei temuto persino di avere a che a fare con un potenziale assassino. E poi capisco la solitudine e la gioia momentanea di aver trovato finalmente qualcuno, ma tutta questa storia a monte è un enorme campanello d'allarme su quelli che potrebbero essere i risvolti futuri di questo rapporto di coppia. Non mi meraviglierei se in futuro questo ragazzo dovesse manifestare atteggiamenti di gelosia morbosa, che potrebbero evolvere in un progressivo controllo della vita del partner e magari limitazioni della libertà personale, celate dietro eventuali ricatti morali. Insomma spero di sbagliarmi ovviamente, ma non ci vedo nulla di buono in questa storia.

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5332
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: GAY TRA APP E CAM

Messaggioda progettogayforum » giovedì 11 ottobre 2018, 19:06

Indubbiamente l'atteggiamento di Matteo2 è inquietante perché ha giocato sull'ansia, un po' come in un film di Hitchcock, la prudenza è d'obbligo perché questi sono comportamenti border line che è molto difficile interpretare e che comunque hanno qualcosa di intrinsecamente intrusivo e sgradevole.

Avatar utente
agis
Messaggi: 1022
Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27

Re: GAY TRA APP E CAM

Messaggioda agis » venerdì 12 ottobre 2018, 9:30

progettogayforum ha scritto:Indubbiamente l'atteggiamento di Matteo2 è inquietante perché ha giocato sull'ansia, un po' come in un film di Hitchcock, la prudenza è d'obbligo perché questi sono comportamenti border line che è molto difficile interpretare e che comunque hanno qualcosa di intrinsecamente intrusivo e sgradevole.


Si tengano presenti le due semplici regolette:

1) bisogna essere almeno in due
2) bisogna che piaccia ad entrambi

La prima appare perseguita a livello di tentativo relazionale; la seconda potenzialmente no.
Visto che però, nella vita, può capitare di impostare una relazione in maniera inadeguata per la/le controparte/i, in questo caso avrei semplicemente domandato all'altro Matteo se fosse in grado di adattarsi ad una relazione un po' più simmetrica rispetto a quella di un gioco "al gatto col topo".
Que sais-je? Magari lui si eccita così come ci sono anche persone che possono trovare eccitanti i battuages , i blind dates o quant'altro l'umana fantasia sia in grado di immaginare.

Alla perfine, il problema della creazione e del mantenimento di relazioni più o meno durature mi appare sempre quello di trovare una complementarietà ragionevolmente soddisfacente tra le proprie personali e reciproche psicopatie ^_^.

Vabbè, vabbè... ciò detto, essendo niubbo e sprovveduto di Grindr, ce l'avrei io una domandina per voi baldi giovani:

Ma non è che quando ci si segna nell'app sia possibile dedicare qualche parola più e prima che a come si è a ciò che si vada cercando?

Anche se molti ci vanno comprensibilmente solo per trombare, uno non potrebbe scrivere ad esempio: non interessato a sveltine o a relazioni mordi e fuggi? :)


Torna a “COMING OUT”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite