AMORE GAY CHE NON TRAMONTA

La realtà dei gay, storie ed esperienze di vita gay vissuta
Rispondi
Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5450
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

AMORE GAY CHE NON TRAMONTA

Messaggio da progettogayforum » sabato 18 dicembre 2010, 17:14

Ciao Project,
grazie della risposta alla mia mail. Non sapevo che cosa mi avresti scritto ma mi aspettavo una risposta, anche se non proprio come quella che mi hai mandato, che mi è piaciuta molto perché in fondo è anche la mia risposta. Quando finisce un amore che cosa resta? La risposta è una sola: se è un amore vero non finisce, cambiano le condizioni, finiscono le convivenze si vivono altre storie d’amore ma quello che hai vissuto prima, se era vero, non lo dimentichi più, ti resta dentro e non come un ricordo ma come qualcosa di vivo, perché i sentimenti veri non si spengono né dall’una né dall’altra parte. Se hai voluto bene a un ragazzo e lui ha voluto bene a te non puoi mai girare del tutto pagina come se niente fosse accaduto. Ci possono essere stati mille problemi, mille incomprensioni, anche mille litigi ma se ci si voleva bene si continua a volersi bene. Le storie d’amore profondo e reciproco cambiano forma o cambiano nome ma non tramontano. Prima le chiamavi amore, dopo puoi chiamarle amicizie, ma non sono amicizie, ci resta un affetto profondo, si capisce che si continua a contare l’uno per l’altro, i piccoli segnali non si spengono, stai anche bene nella nuova situazione ma il tuo ex, se lo vogliamo chiamare così, in qualche modo ti manca, alla sua amicizia (se la vogliamo chiamare così) ci tieni, ci tieni a mandare piccoli segnali per dirgli che ci sei ancora, che non ti sei dimenticato, che gli vuoi bene e quando ti risponde magari con un sorriso e ti fa capire che gli fa piacere che tu continui a pensarlo ti senti contento. Certo la vita va avanti, ma senza distruggere quello che c’è stato prima. Se hai amato veramente un ragazzo, se quel ragazzo ti ha amato veramente, quel sentimento resterà. A 31 anni sia lui che io, dopo quattro anni di convivenza con il mio ragazzo, ci siamo lasciati perché pensavamo che fosse meglio per tutti e due, ma anche se ci siamo lasciati, cioè se non viviamo più insieme, abbiamo continuato a volerci bene in un altro modo. Adesso lui ha un altro ragazzo e anche io ho un altro ragazzo. Tra me e il mio ex non ci sono stati più rapporti sessuali da oltre due anni, adesso la nostra vita non è quella di prima. I nostri due ragazzi sanno che ci vediamo ogni tanto perché lavoriamo entrambi nella stessa azienda e qualche volta capita che ci si incontri alla mensa. Beh, io al mio ex voglio bene veramente, non è nemmeno una questione di sesso, è un ragazzo onesto, ha una dignità e io ho conosciuto per la prima volta che cos’è l’amore gay proprio stando con lui. Avevo passato esperienze bruttissime e stavo prendendo una brutta strada ed è stato lui che me ne ha tirato fuori. Gliene ho fatte passare di tutti i colori perché all’inizio lo respingevo e lo trattavo male ma lui non mi ha abbandonato a me stesso. Quando sono stato veramente male lui è stato sempre e dico sempre vicino a me e ha messo da parte tutto per stare con me. Che cosa vuol dire amare l’ho imparato da lui perché non lo avevo mai capito. Poi però qualche volta lo vedevo un po’ depresso, insoddisfatto. Adesso lo vedo molto più sereno di quando stavamo insieme, penso che il suo compagno sia capace di dargli molte cose che io non sono stato capace di dargli ma penso pure che il fatto che continuiamo a volerci bene sia comunque una cosa importante anche per lui come lo è per me. Possono sembrare cose stupide ma per me hanno un’importanza enorme, io lo vedo sereno e penso che abbiamo fatto bene a lasciarci e a lasciarci così. Non ho mai pensato di tradire il mio nuovo ragazzo con il mio ex. Non è questo il punto, può sembrare paradossale, ma io ho lasciato io mio ex per permettergli di essere felice più di come era con me e penso lui abbia fatto lo stesso. Come faccio a svalutare cose di questo genere? Non è proprio possibile.
Grazie della tua risposta Project. Se vuoi pubblica questa mail ma, ti prego, non pubblicare la prima perché ci sono troppi particolari.
[Lettera firmata]

Rispondi