Una notte o forse mai più. Anzi due

La realtà dei gay, storie ed esperienze di vita gay vissuta
Rispondi
bertilele91
Messaggi: 30
Iscritto il: martedì 5 aprile 2011, 19:51

Una notte o forse mai più. Anzi due

Messaggio da bertilele91 » martedì 5 aprile 2011, 19:55

Salve a tutti, sono Lele e ho 22 anni. Il weekend appena concluso è stato molto particolare, per via di un episodio alquanto strano avvenuto un paio di giorni fa.
Circa un mese fa conosco Daniele, tre anni più piccolo di me, qualche amica in comune. Bellissimo ragazzo, forse un pò strafottente, pare acido, invece a fine serata mi accompagna a casa. Mi prende ben presto in simpatia, al punto che ci aggiungiamo su Facebook e parliamo per ore e ore in tarda serata prima di andare a dormire. Talvolta tra una conversazione e un'altra (arricchita da diversi "amore", "tesoro", "scemo") si lascia andare a frase un pò allusive dove esprime il forte desiderio di fare sesso per poi giustificarsi con un "Stavo scherzando, in caso ti fai strane idee..". Ha la fama da latin lover ed è fidanzato quando me lo presentano, per poi ritrovarsi single su FB qualche settimana dopo.

Venerdì scorso decido di invitarlo in un discopub per prendere qualcosa da bere e ballare. E' molto scatenato, entrambi beviamo e usciamo dal locale ridotti a stracci, lui è quello che accusa di più la sbronza : si siede su un marciapiede, vado in suo soccorso e mi abbraccia, alchè mi prende la mano e inizia uno strano gioco di mani e di complicità. Struscia la sua testa contro il mio collo finchè al mio "Vedi che stasera rischiamo di fare una cazzata" lui mi risponde "E beh?!". Onde evitare di dare spettacolo in pubblico decidiamo di andare in macchina, gli propongo di dormire assieme, lui osa di più chiedendomi di andare alla spiaggia più vicina della zona. Capisco che la situazione stava degenerando, infatti mi prende per mano in auto e arrivati in spiaggia ci sediamo sui frangiflutti abbracciandoci. Lui pian piano inizia a voltarsi, inizia a baciarmi sul collo, ci accarezziamo finchè non ci baciamo dopo qualche secondo ci allontaniamo di scatto, ci guardiamo negli occhi ed esclamiamo un Oddio! Abbiamo fatto una cazzata! però anzichè allontanarci torniamo a baciarci fino a farlo sugli scogli. E' stato bellissimo, di più. Forse un pò scomodo, tanto. Infatti torniamo in macchina, decidiamo di addormentarci insieme, abbracciati, mano nella mano. Ma non riusciamo a trattenerci e limoniamo per un paio d'ore, sorpresi di quanto stesse accadendo. Non mi sembrava possibile, la situazione era alquanto strana ma alquanto eccitante. Premesso che non avevo mai manifestato il mio piacere sia verso gli uomini che verso le donne non avevo mai provato un'esperienza con un ragazzo. Mi sentivo desiderato, lui era molto entusiasta e non riusciva a trattenere la foga. Infatti è stato lui quasi sempre a prendere l'iniziativa e a volerlo rifare, e mi sembrava anche abbastanza esperto, insomma per essere un etero dichiarato non avvertiva affatto imbarazzo della situazione. Ci addormentiamo seminudi abbracciati il risveglio è dei più dolci, il più bello di questi miei 22 anni. Ci rendiamo conto di quello che avevamo fatto la notte prima, mi guarda negli occhi e mi ribacia. La sbronza era passata, e pure da tanto tempo. E invece continua a baciarmi, come se non gli importasse nulla di trovarsi dinanzi ad un uomo, consapevole di quello che stava facendo. Un susseguirsi di sorrisi e silenzi, torno a guidare per tornare a casa e mi prende per mano. Lo farà per tutto il viaggio.
Non potete immaginare la mia felicità. Nel pomeriggio gli mando un messaggio per dirgli che ero stato molto bene, lui mi risponde con uno smile e mi invita ad una festa di suoi amici che si sarebbe tenuta in serata.

Subito dopo la festa decido di affrontare con lui l'argomento. Gli dico che ero stato bene e che se ci fosse stata occasione l'avrei rifatto ma che allo stesso tempo volevo essere sicuro che l'idea poteva piacere anche a lui. Mi dice che anche lui era stato bene, che non gli interessa il parere della gente, che se una cosa lo diverte può continuare a farla, indipendentemente da quella che è la sua natura sessuale. Ribadisce di essere etero ma che non si fa affatto problemi a rifarlo con me. Altro non aspettavo stavolta faccio in modo di ricreare la situazione. Facciamo un lungo giro in macchina, lo faccio con l'intento di bissare la serata precedente, stavolta magari senza alcool. Volevo che qualunque accadesse, non fosse causata degli effetti dell'alcool in eccesso. Come si dice, in vino veritas, quando si beve si è sè stessi, però una conferma da sobri non guasterebbe!
Arrivate le cinque del mattino io ritorno verso casa alchè mi propone di fare qualcosa di diverso, "cosa faresti ora di istinto mi domanda?". Io accosto la macchina e stavolta è lui a propormi di dormire nuovamente assieme.

Mi abbraccia e ci ritroviamo viso a viso, lo provoco un pò ma stavolta non cedo alla tentazione di baciarlo per primo, voglio essere sicuro che sia lui a volerlo. Infatti non si fa attendere. E' bello, troppo bello. Dolce. La conferma che volevo era appena arrivata. Ci limoniamo nuovamente, lo rifacciamo. Stavolta però dopo aver raggiunto l'orgasmo (a differenza del giorno prima dove a causa dell'alcool non era arrivato) mi dice "Forse è meglio se non lo facciamo più". Mi lascia spiazzato, mi fa capire che sta diventando una cosa seria. Non ricordo le parole precise però mi dice come per lui è strano provare piacere nel farlo con un uomo, è come se ammettesse per la prima volta di trovarsi dinanzi ad un ragazzo, fino ad allora trovava normalissima la situazione. Ora non più, si riveste e quando provo a baciarlo mi dice che è meglio di no.Lo riaccompagno a casa anche se lungo il tragitto si addormenta in macchina. Al risveglio ci tiene a sottolineare come nonostante quanto avvenuto non sarebbe cambiato nulla, che ci saremmo continuati a vedere come abbiamo fatto in questi giorni.

Su suggerimento di un amico però decido tutt'oggi di non farmi sentire, devo ammettere che non lo ha fatto neanche lui e al mio tentativo di rintracciarlo in chat su FB mi ha liquidato in due battute a differenza delle altre volte quando ero io quello costretto a stoncare la conversazione.
Ed ora che succederà?! Io sono del parere che se c'è attrazione e credetemi, vista la foga con la quale mi prendeva, deve essere davvero tanta, credo che altre occasioni simili si ripeteranno. Tuttavia ho paura che quello che è successo rimarrà una piccola parentesi trasgressiva della nostra amicizia e uso il termine "paura" perchè mai come oggi sto letteralmente sotto. Sono presissimo da Daniele, vorrei essere guardato ogni giorno come le due notti appena trascorse, assaporare le sua labbra, accarezzare i suoi capelli, dormire sul suo petto. E se lui non volesse? Come vi spiegate il suo comportamento prima molto "aperto" a tali esperienze e improvvisamente restìo alle stesse?! Vi è mai capitata una situazione simile.
Vi ringrazio in anticipo per le vostre risposte, un abbraccio. Lele

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5450
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: Una notte o forse mai più. Anzi due

Messaggio da progettogayforum » martedì 5 aprile 2011, 22:40

Ciao Bertilele e innanzitutto benvenuto nel Forum.
Quello che scrivi sembra quasi un condensato delle più tipiche tematiche gay. Ok, quelli sono i fatti, inizialmente tendevi a darne una lettura gay, ora già ti sembra che l’edificio traballi. Per capire se un ragazzo è gay non sono i comportamenti che contano ma i desideri sessuali e affettivi. Ti pensi che un ragazzo etero non possa avere un rapporto con te come è successo con quel ragazzo … beh questo non è vero, accade, accede eccome, esattamente come accade che un ragazzo gay possa che arrivare a fare l’amore con una ragazza in modo che alla ragazza sembra etero al 100%. Se è un ragazzo ha comportamenti sessuali disinibiti può eccome comportarsi come il tuo amico per essendo etero , cioè continuando spontaneamente a cercare sesso etero. Come stiano le cose lo potrai capire solo col tempo ma non costruire troppi castelli in aria. Se la cosa ha veramente un senso non resterà senza seguito ma se lui fosse realmente etero, cosa possibilissima, quello che è accaduto sarebbe archiviato molto rapidamente da lui, ovviamente non da te.

bertilele91
Messaggi: 30
Iscritto il: martedì 5 aprile 2011, 19:51

Re: Una notte o forse mai più. Anzi due

Messaggio da bertilele91 » martedì 5 aprile 2011, 23:25

progettogayforum ha scritto:Ciao Bertilele e innanzitutto benvenuto nel Forum.
Quello che scrivi sembra quasi un condensato delle più tipiche tematiche gay. Ok, quelli sono i fatti, inizialmente tendevi a darne una lettura gay, ora già ti sembra che l’edificio traballi. Per capire se un ragazzo è gay non sono i comportamenti che contano ma i desideri sessuali e affettivi. Ti pensi che un ragazzo etero non possa avere un rapporto con te come è successo con quel ragazzo … beh questo non è vero, accade, accede eccome, esattamente come accade che un ragazzo gay possa che arrivare a fare l’amore con una ragazza in modo che alla ragazza sembra etero al 100%. Se è un ragazzo ha comportamenti sessuali disinibiti può eccome comportarsi come il tuo amico per essendo etero , cioè continuando spontaneamente a cercare sesso etero. Come stiano le cose lo potrai capire solo col tempo ma non costruire troppi castelli in aria. Se la cosa ha veramente un senso non resterà senza seguito ma se lui fosse realmente etero, cosa possibilissima, quello che è accaduto sarebbe archiviato molto rapidamente da lui, ovviamente non da te.
i castelli purtroppo quelli sono già partiti, e anche da un pezzo :roll:
come ti spieghi il fatto che sia successo una seconda volta? lui riconduce il tutto all'aver esagerato con l'alcool però non riesco a capacitarmi del bacio e relativa limonata avvenuta al risveglio, l'indomani mattina quando gli effetti dell'alcool erano passati ad entrambi.. non ci fosse stato quel bacio e questa seconda volta avrei ricondotto il tutto a una cazz*** da ubriachi...

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2410
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: Una notte o forse mai più. Anzi due

Messaggio da Alyosha » martedì 5 aprile 2011, 23:55

Stavolta però dopo aver raggiunto l'orgasmo (a differenza del giorno prima dove a causa dell'alcool non era arrivato) mi dice "Forse è meglio se non lo facciamo più". Mi lascia spiazzato, mi fa capire che sta diventando una cosa seria.
Col fatto che la volta prima non avesse raggiunto l'orgasmo? Se vale il paragone di Project dei ragazzi gay che vanno con donne, ti dico sicuro al cento per cento che il problema (mio almneo) era esattamente il raggiungimento dell'orgasmo e come mi faceva sentire dopo. "Cupio dissolvi" la chiamavano, ma a me faceva sentire una merda totale assolutamente bisognoso di allontanarmi dalla persona il prima possibile. Le due cose, l'orgasmo e il senso di rifiuto dal tuo racconto paiono strettamente connesse. Altro non so dirti, non sono assolutamente nelle condizioni di capire se era gay o no. Anch'io nella mia profonda ingenuità pensavo prima dell'intervento di Project che uno che va con uomini è gay. Ma lui smonta spesso le mie certezze :mrgreen:.

nuovobiettivo
Messaggi: 10
Iscritto il: giovedì 17 marzo 2011, 18:24

Re: Una notte o forse mai più. Anzi due

Messaggio da nuovobiettivo » mercoledì 6 aprile 2011, 0:28

Quello che posso consigliarti io è di stare tranquillo, lascialo riflettere tranquillamente, lo so che è dura ma devi riuscirci! Se lui ci tiene a te non si allontanerà e nel caso non fosse gay spero tu possa tenerlo al tuo fianco come amico per tutta la vita!

bertilele91
Messaggi: 30
Iscritto il: martedì 5 aprile 2011, 19:51

Re: Una notte o forse mai più. Anzi due

Messaggio da bertilele91 » mercoledì 6 aprile 2011, 0:47

nuovobiettivo ha scritto:Quello che posso consigliarti io è di stare tranquillo, lascialo riflettere tranquillamente, lo so che è dura ma devi riuscirci! Se lui ci tiene a te non si allontanerà e nel caso non fosse gay spero tu possa tenerlo al tuo fianco come amico per tutta la vita!
è quello che sto provando a fare.. lui però non si sta facendo sentire, il che è molto strano visto che fino a giovedi notte (poche ore prima del "fattaccio") ogni pretesto per lui era buono per sentirci, scriverci e insultarci fino le 3 del mattino..

nuovobiettivo
Messaggi: 10
Iscritto il: giovedì 17 marzo 2011, 18:24

Re: Una notte o forse mai più. Anzi due

Messaggio da nuovobiettivo » mercoledì 6 aprile 2011, 18:19

Dagli un po di tempo, ognuno ha i suoi tempi! E se lui vuole restare il tuo migliore amico non lo allontanare perchè secondo me anche l'amicizia è importante soprattutto se tu gli vuoi così tanto bene.

Avatar utente
FleurDeLys
Messaggi: 7
Iscritto il: mercoledì 6 aprile 2011, 18:47

Re: Una notte o forse mai più. Anzi due

Messaggio da FleurDeLys » mercoledì 6 aprile 2011, 19:01

evidentemente necessita di tempo.. :roll:
C'est une belle journée ....Je vais me coucher....Une si belle journée...Qui s'achève...Donne l'envie d'aimer...Mais je vais me coucher...Mordre l'éternité...

bertilele91
Messaggi: 30
Iscritto il: martedì 5 aprile 2011, 19:51

Re: Una notte o forse mai più. Anzi due

Messaggio da bertilele91 » mercoledì 6 aprile 2011, 20:09

nuovobiettivo ha scritto:Dagli un po di tempo, ognuno ha i suoi tempi! E se lui vuole restare il tuo migliore amico non lo allontanare perchè secondo me anche l'amicizia è importante soprattutto se tu gli vuoi così tanto bene.
parlare di migliore amico mi sembra eccessivo visto che ci conosciamo da sole tre settimane, ci siamo visti 4 volte, di cui due per fare quello che abbiamo fatto.. in ogni caso proverò a seguire questo consiglio. Lui domenica sera in macchina mi ha fatto ha parlato di amicizia intesa come una forma d'amore quindi per lui una non esclude l'altra...

guy21
Utenti Storici
Messaggi: 1014
Iscritto il: martedì 19 maggio 2009, 19:33

Re: Una notte o forse mai più. Anzi due

Messaggio da guy21 » mercoledì 6 aprile 2011, 21:31

ciao bertitele91, benvenuto, la tua storia è molto bella trovo che sia la testimonianza che l'amore può nascere con chiunque, anche con degli etero non importa! spero per te che vi prendiate del tempo per voi e riflettete!
so che per lui sarà difficile, l'accettazione è la cosa più lunga e faticosa che possa esistere specialmente con certi ambienti , certi problemi insomma è molto complicato!

Rispondi