Più che amici, ma non fidanzati: dunque niente!

La realtà dei gay, storie ed esperienze di vita gay vissuta
Rispondi
Avatar utente
Sciamano
Utenti Storici
Messaggi: 535
Iscritto il: martedì 4 agosto 2009, 14:35

Più che amici, ma non fidanzati: dunque niente!

Messaggio da Sciamano » giovedì 15 settembre 2011, 3:56

Dato un evento recente che ho vissuto, mi sono chiesto: se due persone provano attrazione, ma non totale... semplicemente per molti aspetti sono attratti, per altri si sentono distanti. Sembra quasi la situazione di due composizioni di calamite, che in parte sono orientate per attrarsi, ed in parte sono orientate per respingersi. In una situazione del genere è compromesso sia il fidanzamento, che non risulta pienamente desiderabile, sia l'amicizia, dato che si vorrebbe di più? Se volete è la classica situazione in cui si dice che non è possibile essere amico di una ragazza (in contesto etero, ma tanto è uguale) per cui si prova qualcosa.

E' mai possibile che esistano davvero situazioni a metà strada tra l'amicizia e l'amore che si concludono in un "non volersi più vedere" da parte di uno dei due (di norma). Pare di sì... e questo causa sofferenza... Insomma è difficile trovare ottimi amici, e se si eccede c'è il rischio che uno dei due non vuole più che ci si frequenti se non si arriva ancora oltre: non è un po' pazzesco? Forse i rapporti sono dispositivi bistabili in cui non sono ammesse sfumature: o niente, o amicizia, o amore.
Cercare la felicità rispettando gli altri, sarebbe una grande conquista per l'umanità!

Johnny
Messaggi: 80
Iscritto il: sabato 11 giugno 2011, 19:02

Re: Più che amici, ma non fidanzati: dunque niente!

Messaggio da Johnny » giovedì 15 settembre 2011, 13:09

Non lo so ma credo che se la situazione è a metà tra l'amicizia e l'amore, avviene che una componente razionale ti dice che questo ragazzo potrebbe andar bene per te, magari è carino e tutto quanto, ma l'istinto ti dice che non sei attratto completamente da lui.

Di conseguenza, bisogna anche considerare tante cose, per esempio il fatto che si ha difficoltà a trovare di meglio.
Io credo che quando è amore, il coinvolgimento è totale, altrimenti è semplice affetto.
Tu parli di molti aspetti, ma secondo me è fondamentale essere attratti fisicamente dal partner prima di tutto, e non ritenerlo bello, apposto, intelligente o divertente.

D'altronde quando ti piace veramente qualcuno il cuore da segnali chiarissimi.

Avatar utente
riverdog
Messaggi: 298
Iscritto il: venerdì 9 luglio 2010, 0:27

Re: Più che amici, ma non fidanzati: dunque niente!

Messaggio da riverdog » giovedì 15 settembre 2011, 14:04

Penso che se si arriva al punto di "non volersi più vedere" è perché il termine "amicizia" inizia a starci molto stretto, magari non si è ancora al punto di parlare di amore, ma i presupposti spingono chiaramente in quella (possibile) direzione.

Se l'altro elemento della pseudo-coppia invece è propenso a mantenere un rapporto di amicizia, significa che ha già archiviato altre possibili soluzioni più stringenti.... magari percepisce una qualche attrazione, forse perlopiù è attirato dalla possibilità che gli si è creata.... ma se poi di fatto lascia cadere la cosa in un tono minore è perché chiaramente non percepisce un'attrazione di un certo calibro.

Mi sembra la classica situazione che al massimo può sfociare in una sessualizzazione dell'affettività, che ad uno dei due, o ad entrambi, sta immancabilmente stretta.

Sulle difficoltà ad instaurare un rapporto di amicizia profondo tra omosessuali.... beh purtroppo è inevitabile.... a meno che non ci sia la minima attrazione da parte di entrambi.

Grain of Sand
Messaggi: 48
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2011, 17:26

Re: Più che amici, ma non fidanzati: dunque niente!

Messaggio da Grain of Sand » venerdì 16 settembre 2011, 0:17

Secondo me a volte il confine tra amicizia ed amore è davvero labile, anche se è certamente vero che nel secondo il coinvolgimento è totale (si spera) e che c'è una forte attrazione non solo mentale, ma anche fisica.
Per quanto riguarda i rapporti intermedi credo che a volte sia un po' di paura a farla da padrone, in alcune situazioni in cui ci si sente particolarmente "propensi" verso l'altra persona può scattare la paura di rovinare un rapporto preesistente tentando di costruirne uno nuovo (magari più profondo certo) e si tende ad allontanarsi, arrivando così a rovinare del tutto il legame...è un po' quello che succede quando da anni sei molto legato con un amico o amica ed inizi a scoprire che questo non ti basta più...puoi far finta di nulla, ma alla fine o trovi il coraggio e ti butti o ti allontani perchè la vicinanza con la persona non fa che ricordarti ciò che vorresti da lei, ma che non riesci ad ottenere (anche se magari non hai neppure provato!)

Avatar utente
konigdernacht
Moderatore Globale
Messaggi: 939
Iscritto il: giovedì 25 giugno 2009, 0:27

Re: Più che amici, ma non fidanzati: dunque niente!

Messaggio da konigdernacht » mercoledì 21 settembre 2011, 1:45

Sciamano ha scritto:Forse i rapporti sono dispositivi bistabili in cui non sono ammesse sfumature: o niente, o amicizia, o amore.
Ehh caro Sciamano, purtroppo i rapporti umani non sono come calamite: se si spezzano, è un bel problema perché c'è chiaramente tutto un risvolto psicologico dietro.
Il problema della frammistione di sentimenti è come essi si legano nei differenti rapporti: a mio vedere, l'amicizia è solo amicizia e non dovrebbe riguardare la sfera sessuale, mentre l'amore è una profonda amicizia implementata e arricchita da una spinta sessuale tra le due persone: una corrispondenza fisica ed intellettuale.
Il problema della via di mezzo è la rottura di semplici equilibri che purtroppo destabilizzano in maniera profonda una persona, e specie qualora in rapporto tra un ragazzo gay ed una donna etero innamorata, anche se si accetta un eventuale amicizia amorosa, si rompono degli equilibri nel ragazzo (ma se poi trovo un ragazzo, come posso dire alla ragazza che la nostra amicizia/amore finirà, lei che si dedicata solo per me rinunciando a tante altre cose) e nella ragazza pure (io lo amo con tutta me stessa, sarei disposta a qualsiasi sacrificio per lui, l'importante è che gli possa stare vicino, non mi interessa nessun altro).
Sono convinto che nella vita reale i rapporti sfumati siano in maggior numero rispetto ai rapporti unilaterali perché non esiste il bianco e nero, sebbene a me piacerebbe molto che esistesse :lol:
Zerchmettert, zernichtet ist unsere Macht
wir alle gestürzt in ewige Nacht

Rispondi