Passerà...o no??

La realtà dei gay, storie ed esperienze di vita gay vissuta
Rispondi
Sorry
Messaggi: 5
Iscritto il: domenica 9 settembre 2012, 23:00

Passerà...o no??

Messaggio da Sorry » sabato 13 ottobre 2012, 2:22

ciao a tutti ragazzi,è il mio primo post qui,dopo quello di benvenuto,non sapevo come mettermi in gioco e cercare di farmi conoscere,così ho pensato di buttare giu una mia piccola esperienza,premettendo che tutto ciò di cui vi parlerò è successo 1 anno fa,ma porto ancora le cicatrici addosso.
inizio col dire che sono sempre stato un ragazzo che dava piu spazio ai sentimenti che ai piaceri carnali,anche se ho avuto molte esperienze di sesso.
tutto ciò che ho sempre desiderato era un ragazzo che per me faceva follie,disposto a superare qualsiasi ostacolo pur di stare con me,disposto anche a farsi kilometri e kilometri pur di venire da me...bè sta di fatto che lo trovai,poco piu grande di me,avevo esattamente 18 anni,lui 25,(premetto che prima di lui avevo già avute delle storie abbastanza intense),ci incontrammo,io..bè..lo guardai,non era un George Clooney,ma ai miei occhi era bellissimo,era romanticissimo,con poco riusciva a farmi sentire amato,voluto,desiderato..e io contraccambiavo,con poco,ma cercavo di fare il possibile.
finalmente lo avevo trovato,era lui ciò che cercavo,ciò che volevo,ciò che desideravo piu di ogni altra cosa al mondo,e nulla e nessuno poteva infrangere quel sogno divenuto realtà.
Non ho mai pensato però,di dover combattere con i fantasmi del passato,suoi o miei,ma così avvenne..ebbe una storia molto importante,durata su per giu 4 anni,lui continuava a dirmi che era una persona folle,che doveva assecondarla e purtroppo doveva tenersi questo peso addosso,io non dissi niente,mi fidavo di lui,ci credevo veramente tanto..come poteva prendermi in giro..lui..proprio lui,che si faceva in 4 solo per venire a trovarmi??era inconcepibile.
La distanza era evidente,non mi pesava piu di tanto,il pensiero di amare e di essere contraccambiato era piu forte di queste debolezze,non ci pensavo..e ad ogni incontro ero sempre piu certo del suo amore.
Qualcosa però svanì nel momento in cui lui ebbe una debolezza,io trascinato da lui mi sono buttato nello sconforto,e misi fine al nostro rapporto.
trascorrevano i giorni e io mi sentivo ogni giorno piu perso,solo,vuoto,tutto ciò che facevo nell'arco della giornata lo facevo per lui e adesso che era svanito,per chi o per che cosa dovevo andare avanti?,per me!,la risposta era semplice,ma non c'era piu un me,perchè imparai in solo un mese ad accostare il soggetto IO con il soggetto TU,era il mio tutto, e una stupida debolezza me lo ha portato via.
I giorni passavano,continuavamo a sentirci,lui mi ripeteva che mi amava ma stranamente non voleva tornare con me,non capivo,ma ero così frastornato che non ci pensavo poi piu di tanto,iniziai però a vedere comportamenti strani,riflettevo e molte cose non quadravano,finchè un giorno un uccellino mi disse effettivamente cosa era successo alle mie spalle.
Lui mi spinse a cedere,perchè intanto era ritornato con il suo ex,non riuscivo a crederci,tutto quello che mi disse,che aveva fatto..non era vero,ero stato usato per un suo scopo egoistico??o per cos'altro??,iniziai da lì ad odiarlo con tutte le mie forze,lo chiamai in tutti i modi,lo riempii di insulti,gli augurai persino la morte,lo detestavo,mi faceva schifo,lo odiavo,era un sentimento così forte che iniziai a sostituirlo con l'amore.
ci furono altri riscontri in seguito,di poco conto,per me era finito nel momento in cui appresi che lui si prese solo gioco di me.
tutto ciò successe tra il gennaio e l'aprile del 2011..è passato così tanto tempo,ma sono ancora pieno di rabbia,di odio,di rancore verso di lui,lo odio esattamente come prima,è un sentimento che è costante da piu di un anno ormai..e ne sono stufo,non riesco piu a rapportarmi con un ragazzo,dopo lui ebbi un altra relazione,di poco conto e di pochissima durata,qualche storiella di una serata,ma dopo lui non mi sono piu interessato a nessuno,ho paura di mettermi in gioco.
Ora alla luce di tutto ciò vi faccio una domanda,secondo voi,perchè il mio rancore,il mio senso di vendetta e il mio odio verso di lui dopo tutto questo tempo non si è estinto??cosa devo fare??
Leave me paralyzed love,leave me hypnotized..love

guy21
Utenti Storici
Messaggi: 1014
Iscritto il: martedì 19 maggio 2009, 19:33

Re: Passerà...o no??

Messaggio da guy21 » sabato 13 ottobre 2012, 11:13

benvenuto sorry! :D e dato che sono il primo a risponderti, cercherò di dire la mia...
allora da quello che ho potuto capire dalla tua storia hai una certa esperienza amorosa, diciamo che hai avuto storielle e poi finalmente hai trovato quello cher cercavi, l'amore, o almeno pensavi di averlo trovato.. purtroppo quando uno perde la testa per qualcuno non capisce più niente, non riesce più a vedere razionalmente le cose, e quindi non si domanda il perchè, io credo che in amore che sia distante o non bisogna prendere ognugno i propri tempi, e non accelerare le cose..questo tuo ragazzo ma io lo chiamerei stronzo nel vero senso della parola, ti ha usato, come fanno i ragazzi con le ragazze per poi farla ingelosire e ritornarci insieme...una cosa alquanto stupida e codarda e meschina..
sai cos'è? penso che le persone siano molto deboli intendo dentro, e pur di non soffrire pur di fare l'impensabile fanno delle cose tremende..
perchè quando c'è un legame e quel legame a cui teniamo si spezza allora sentiamo quando era importante e forte per noi quel legame, così si soffre e molto e però dato che noi umani detestiamo fortemente soffrire, prendiamo altre scorciatoie, più o meno benevoli o immorali... questo tuo ragazzo ha scelto una delle tante vie per soffrire il meno possibile e a suo vantaggio ovviamente..e si è preso il tempo necessario poi per "riprendersi" il suo ex..fregandosene altamente dei tuoi sentimenti, di te di quello che aveva passato con te..questo è il classico esempio di menefreghismo il più elevato livello che esista. non capisco però perchè si è impegnato così tanto..cioè poteva fare il minimo sforzo..ma forse doveva rendere convincente la cosa..non lo so sinceramente mi disgustano ste cose.. non so che dire mi dispiace molto che hai incontrato già uno stronzo simile, non compatirlo neanche vai avanti per la tua strada... posso immaginare il colpo che hai ricevuto e tutta la sofferenza e l'odio da esso derivati. se provi ancora odio e robe varie bè vuol dire che in un certo senso non lo hai dimenticato del tutto..questo secondo il mio parere ma sicuramente altri ti daranno risposte più precise e approfondite..io sono giovane anche se mi sento vecchio dentro... :lol: ciao a presto ti auguro di trovare serenità, felicità e pace.. :D

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2410
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: Passerà...o no??

Messaggio da Alyosha » sabato 13 ottobre 2012, 11:13

Sorry partiamo dal presupposto che uno che chiede scusa prima di presentarsi soffre di bassa autostima e questa cosa ti assicuro che di vede tantissimo anche da come scrivi. Rispondo subito alla domanda il tempo è relativo, non scorre linearmente. Ci sono almeno due ragioni per cui sei ancora arrabbiato, la prima è che non ti sei mentalmente mosso da quella situazione, la seconda è che un'anno è una quantità di tempo relativamente piccola che un diciottenne giustamente vede come un tempo enorme. Il tempo per un adolescente non è lo stesso che per un adulto, non scorre allo stesso modo. Più si cresce e più il tempo scorre in fretta, proprio perché il tempo è relativo. Vedi a due anni il secondo anno è la metà del tempo che hai vissuto sulla terra, a quattro anni 1/4 del tempo a 18 più o meno 1/15 e arrivati alla mia età già sentir usare l'imperfetto per fatti successi l'anno prima fa sorridere. Il peso specifico di un anno cambia con lo scorrere del tempo e in effetti un anno di adolescenza è un putiferio di cambiamenti un anno di un adulto riscia di essere di una noia mortale.
Purtroppo sei finito in mezzo ad una storia che non si era realmente conclusa, ci sono delle coppie insopportabili proprio perché coinvolgono nelle loro turbe passionali terzi sprovveduti che purtroppo piangono i disastri deagli altri. In genere però mi fiderei pochissimo di storie a distanza e ancora meno di ragazzi che ti parlano dei loro ex male. Vedi quando una storia è conclusa realmente sopratutto se lunga, uno tende a dimenticare le cose brutte a guadagnare un'altra prospettiva delle cose e in definitiva a non parlar male del proprio ex, perché si riconosce il fatto che lo si è amato e che quella cosa è conclusa. Quindi come consiglio pratico quando senti disprezzare un ex di qualcuno, vuol dire che ci tiene ancora e cerca di stare attento ;)...

Sorry
Messaggi: 5
Iscritto il: domenica 9 settembre 2012, 23:00

Re: Passerà...o no??

Messaggio da Sorry » sabato 13 ottobre 2012, 12:12

Alyosha ha scritto:Sorry partiamo dal presupposto che uno che chiede scusa prima di presentarsi soffre di bassa autostima e questa cosa ti assicuro che di vede tantissimo anche da come scrivi. Rispondo subito alla domanda il tempo è relativo, non scorre linearmente. Ci sono almeno due ragioni per cui sei ancora arrabbiato, la prima è che non ti sei mentalmente mosso da quella situazione, la seconda è che un'anno è una quantità di tempo relativamente piccola che un diciottenne giustamente vede come un tempo enorme. Il tempo per un adolescente non è lo stesso che per un adulto, non scorre allo stesso modo. Più si cresce e più il tempo scorre in fretta, proprio perché il tempo è relativo. Vedi a due anni il secondo anno è la metà del tempo che hai vissuto sulla terra, a quattro anni 1/4 del tempo a 18 più o meno 1/15 e arrivati alla mia età già sentir usare l'imperfetto per fatti successi l'anno prima fa sorridere. Il peso specifico di un anno cambia con lo scorrere del tempo e in effetti un anno di adolescenza è un putiferio di cambiamenti un anno di un adulto riscia di essere di una noia mortale.
Purtroppo sei finito in mezzo ad una storia che non si era realmente conclusa, ci sono delle coppie insopportabili proprio perché coinvolgono nelle loro turbe passionali terzi sprovveduti che purtroppo piangono i disastri deagli altri. In genere però mi fiderei pochissimo di storie a distanza e ancora meno di ragazzi che ti parlano dei loro ex male. Vedi quando una storia è conclusa realmente sopratutto se lunga, uno tende a dimenticare le cose brutte a guadagnare un'altra prospettiva delle cose e in definitiva a non parlar male del proprio ex, perché si riconosce il fatto che lo si è amato e che quella cosa è conclusa. Quindi come consiglio pratico quando senti disprezzare un ex di qualcuno, vuol dire che ci tiene ancora e cerca di stare attento ;)...
Purtroppo l'ho capito troppo tardi,ma ormai è passato tutto,la cosa che piu mi brucia è che lui affermava di non aver fatto nulla di male e io intanto morivo dentro..a volte mi chiedo se sono stato io troppo impulsivo o veramente la colpa è sua
Leave me paralyzed love,leave me hypnotized..love

Sorry
Messaggi: 5
Iscritto il: domenica 9 settembre 2012, 23:00

Re: Passerà...o no??

Messaggio da Sorry » sabato 13 ottobre 2012, 12:14

guy21 ha scritto:benvenuto sorry! :D e dato che sono il primo a risponderti, cercherò di dire la mia...
allora da quello che ho potuto capire dalla tua storia hai una certa esperienza amorosa, diciamo che hai avuto storielle e poi finalmente hai trovato quello cher cercavi, l'amore, o almeno pensavi di averlo trovato.. purtroppo quando uno perde la testa per qualcuno non capisce più niente, non riesce più a vedere razionalmente le cose, e quindi non si domanda il perchè, io credo che in amore che sia distante o non bisogna prendere ognugno i propri tempi, e non accelerare le cose..questo tuo ragazzo ma io lo chiamerei stronzo nel vero senso della parola, ti ha usato, come fanno i ragazzi con le ragazze per poi farla ingelosire e ritornarci insieme...una cosa alquanto stupida e codarda e meschina..
sai cos'è? penso che le persone siano molto deboli intendo dentro, e pur di non soffrire pur di fare l'impensabile fanno delle cose tremende..
perchè quando c'è un legame e quel legame a cui teniamo si spezza allora sentiamo quando era importante e forte per noi quel legame, così si soffre e molto e però dato che noi umani detestiamo fortemente soffrire, prendiamo altre scorciatoie, più o meno benevoli o immorali... questo tuo ragazzo ha scelto una delle tante vie per soffrire il meno possibile e a suo vantaggio ovviamente..e si è preso il tempo necessario poi per "riprendersi" il suo ex..fregandosene altamente dei tuoi sentimenti, di te di quello che aveva passato con te..questo è il classico esempio di menefreghismo il più elevato livello che esista. non capisco però perchè si è impegnato così tanto..cioè poteva fare il minimo sforzo..ma forse doveva rendere convincente la cosa..non lo so sinceramente mi disgustano ste cose.. non so che dire mi dispiace molto che hai incontrato già uno stronzo simile, non compatirlo neanche vai avanti per la tua strada... posso immaginare il colpo che hai ricevuto e tutta la sofferenza e l'odio da esso derivati. se provi ancora odio e robe varie bè vuol dire che in un certo senso non lo hai dimenticato del tutto..questo secondo il mio parere ma sicuramente altri ti daranno risposte più precise e approfondite..io sono giovane anche se mi sento vecchio dentro... :lol: ciao a presto ti auguro di trovare serenità, felicità e pace.. :D
Anche io ho pensato ciò che pensi tu riflettendoci,ma non riesco a pensare che sia stato solo egoismo..l'ho visto piangere piu volte e a distanza di tempo era pure ritornato...quindi non so cosa pensare
Leave me paralyzed love,leave me hypnotized..love

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2410
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: Passerà...o no??

Messaggio da Alyosha » sabato 13 ottobre 2012, 12:36

Vedi è una cosa che vorrei cercare di far capire da un pò, in amore non ci sono colpe e non è una frase fatta, ma ha un suo senso ben preciso. In amore si fanno delle scelte e le scelte non sono mai giuste o sbagliate, hanno piuttosto delle conseguenze che possono giovarci i nuocerci, ma questo è ragionare ad un altro livello. In generale non ha alcun senso rivedere sopratutto le scelte già prese nei termini di giuste o sbagliate ne rispetto a te ne rispetto a lui. A cosa mai dovrebbe servire stabilire se una decisione già presa è stata sbagliata, se non a flaggellarsi per l'errore ormai irreparabile compiuto? Le cose che non serve fare in linea di principio possono solo fare danni e quindi conviene non farle. Le decisioni prese bisogna si rivederle, ma per cercare di capirne le ragioni nonper distribuire colpe, le motivazioni di fondo e questo equivale in parole più semplici ad imparare dalle proprie esperienze.

Yin-Yang
Messaggi: 37
Iscritto il: sabato 20 ottobre 2012, 11:01

Re: Passerà...o no??

Messaggio da Yin-Yang » martedì 30 ottobre 2012, 14:04

Ora alla luce di tutto ciò vi faccio una domanda,secondo voi,perchè il mio rancore,il mio senso di vendetta e il mio odio verso di lui dopo tutto questo tempo non si è estinto??cosa devo fare??

----------------

Ciao Sorry

secondo me provi questi sentimenti di odio perchè lo ami ancora nonostante sono certo che ripeti ogni giorno a te stesso che lo odi..

Conosco bene queste sensazioni è come vivere dentro una bolla di sapone come se mancasse sempre qualcosa..

Personalmente sto uscendo fuori da una situazione simile alla tua nel senso che per il mio amore ho dato tutto anche quello che nn avevo e sono stato lasciato lo stesso però ho capito che la <colpa> è stata mia perchè gli avevo permesso di fare come voleva e questo in una relazione costruttiva proiettata nel futuro nn deve accadere mai..

Non conosco formule per fare finire il tormento ancora oggi ci sono alcuni giorni che mi sveglio piangendo vivo come un eremita e nn riesco a farmi piacere nessuno nonostante venga invitato molto spesso a tutte le feste che si svolgono qui dalle mie parti..

Non mi riconosco più..alcuni dicono che il tempo aiuta altri cercano il chiodo che scaccia l altro chiodo nn lo so..

L unica cosa che ho capito è che bisogna credere di più in se stessi ed essere più forti di quanto nn si sia mai stati prima per nn diventare come i nostri ex e proporre agli altri quello che è stato propinato a noi

ma per fare questo nn serve odiare nessuno e neanche prendersela con nessuno invece serve anche se è dura..sorridere sempre perchè nn sai chi un giorno si potrebbe innamorare del tuo sorriso..

Coraggio nn sei solo..

Nep

barbara
Utenti Storici
Messaggi: 2864
Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22

Re: Passerà...o no??

Messaggio da barbara » martedì 30 ottobre 2012, 21:28

Egoismo e generosità in amore... è un tema molto complesso. Da un lato l'amore implica fiducia , capacità di donarsi senza riserve, ma dall'altro lato è necessario anche conservare il rispetto di noi stessi, far valere il diritto che anche i nostri bisogni devono trovare ascolto, esattamente come quelli dell'altra persona.
Ognuno di noi cresce con una diversa tendenza nel dare o nel ricevere. C'è chi è molto concentrato su di sè, sui propri desideri e allora trova facile imporsi e molto difficoltoso adeguarsi . E c'è chi al contrario trova difficile pretendere per sè qualcosa e tende a rispondere "per me è lo stesso" ogni qualvolta si tratti di decidere questo o quello.
Capita che questi due opposti si incontrino e allora diventa difficile trovare una reciprocità, una sorta di eguaglianza tra il dare e il ricevere, perchè chi è abituato a pretendere avrà mano libera, se davanti a lui c'è qualcuno che è molto bravo a rinunciare. Ma è un equiibrio destinato a saltare. Nessuno di noi, per quanto "generoso"può mettere da parte a tempo indefinito i propri diritti .Come osserva Nep , (ed è anche la mia esperienza) anche se è difficile , tra un "per me è lo stesso " e l'altro ,è necessario imparare a dire qualche "no" , qualche "a condizione che" e qualche "io voglio"

Rispondi