my life

La realtà dei gay, storie ed esperienze di vita gay vissuta
Rispondi
lucke93
Messaggi: 19
Iscritto il: giovedì 11 ottobre 2012, 15:44

my life

Messaggio da lucke93 » mercoledì 31 ottobre 2012, 1:23

Ciao project ho scritto un paio di topic in questo forum ma ancora non mi sono presetato per bene :)
Sono un ragazzo di 19 anni e abito in un paesino non molto grande...
Da poco ho scoperto questa nuova vita anche se andandoci a pensare è da molto che avrei dovuto capirlo e ora ti spiego il perchè:
Alle scuole medie mentre facevamo uno dei nostri soliti scherzi al supplente mi trovo appoggiato dietro al mio amico che stava appoggiato sul muro.Quella scena in quel momento non ha avuto nessuna percussione su di me ma nei giorni succesivi pensavo spesso a ciò che è successo, mi immaginavo sempre la scena di me dietro al mio amico ed erano pensieri erotici xD. Vabbé andando avanti nella mia vita si toglie questa scena dalla mente e inizio verso la fine delle scuole medie a fare pensieri strani sui ragazzi invece che sulle ragazze; all'inizio mi sembra un po strano ma poi è come se per me era tutto normale.Arrivo al 2 anno di liceo dove passo molto tempo con un ragazzo che conoscevo dalle elementari, tra filoni tra uscite il pomeriggio ecc ci passo molto tempo... Capisco che quando sto con lui è come se succedesse qualcosa dentro di me è come se me ne fossi innamorato e credo che è stato proprio cosi. Da quei giorni incomincio a capire che qualcosa in me è cambiato penso " ma sono gay?" Ne parlo con la mia migliore amica ( per chi ha letto il post su CO è la stessa persona) e lei mi risponde che forse era solo un momento di passaggio ecc.. Quindi io cercho da quel momento di nn pensarci più... Arriviamo a quando finisco il liceo, penso penso e penso e capisco che sicuramente sono gay. Dalle medie fino ad ora penso ai ragazzi, quando ero cn la mia ragzza a volte pensavo ai ragazzi per....,guardo i ragazzi quindi sono sicuramente gay. Io all'inizio non l'ho accettato anzi ho pensato anche che l'essere gay è una malattia mentale ( anche se nn sono di questa idea) e ho cercato di masturbarmi sulle ragazze, ci riuscivo pure con fatica ma non era quello che volevo cosi dopo un periodo di questa fase ho capito che sono gay e che mi devo abituare a questa cosa. Ora l'ho detto alla mia amica, sicuramente lo dirò anche al mio migliore amico ma più in là e cosi facendo fino a quando nn sarò del tutto felice :)
Godiamoci la vita intensamente non soltanto con moderazione ma con la consapevolezza della bontà di quel momento perché la vita è una grande avventura, bevendo fino in fondo anche dall'amaro calice del dolore perché non vada persa nemmeno una goccia di vita

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2410
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: my life

Messaggio da Alyosha » mercoledì 31 ottobre 2012, 13:19

Sono contento sia riuscito a sciogliere questo primo nodo con la tua amica, spero che questo possa rasserenarti. Crearsi degli spazi in cui potersi sentire a proprio agio è davvero importante. In bocca al lupo per tutto il resto!

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5450
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: my life

Messaggio da progettogayforum » mercoledì 31 ottobre 2012, 23:11

Ciao lucke93, beh posso solo dirti che la tua storia è assolutamente un classico, anche in questo forum troverai sicuramente parecchi altri ragazzi che sono arrivati alla consapevolezza di essere gay quasi esattamente come ci sei arrivato tu. Ho l’impressione che il fatto di renderti conto di essere gay non ti abbia affatto sconvolto e questo è estremamente positivo perché significa che non ti fai condizionare e che vivi in un ambiente che non fa su di te troppe pressioni su queste questioni. Stai certo che l’essere gay non ha nulla a che vedere con le malattie mentali e che tante ansie e tante difficolta che i gay devono affrontare non esisterebbero proprio se vivessimo in una società libera dall’ignoranza e dal pregiudizio. Oggi però, nonostante tutto, un ragazzo gay che abbia buon senso ha tutte le possibilità di costruirsi una vita pienamente soddisfacente anche sul piano affettivo.

Avatar utente
Volonté Duvall
Messaggi: 195
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 10:34

Re: my life

Messaggio da Volonté Duvall » giovedì 8 novembre 2012, 12:25

Come ha detto Project, la tua storia è, diciamo, un "classico" nell vita di un adolescente.
Spesso lo si scopre alle medie, come è successo a te e come è successo a me, in gita :)
Si sta con una ragazza, per zittire quel senso. per provare a fare come tutti gli altri, no?
Si pensa "cià, è solo una vaga perversione, se sto con una bella bambina passerà, mi farò meno problemi, sarò come vogliono e si aspettano tutti e mi farò meno paranoie".
E' difficile capire cosa si vuole, e cosa si è, in un mondo dove si adottano etichette moolto strette ed asfissianti.
Ora, la soluzione sta esclusivamente entro di sè: capire cosa fare e come reggere all'urto di tale scelta.
Non penso che l'accettazione di se sia una passeggiata, un bicchier d'acqua da mandar giù in un sorso: o meglio, c'è chi ne è certo fin da principio, e allora avrà di sicuro meno problemi di chi invece è un poco più indeciso, o semplicemente continua a voler mentire agli altri e a se, che forse è la mia situazione.
Io ti auguro che la tua posizione sia la prima, e non quella dell'indeciso, perchè siamo giovani (ho la tua stessa età, guarda te ;) ) e a questa età servono comunque certezze, poche ma salde, visto che tutto attorno a noi cambia.
L'università, il cambiar città, il trasferirsi lontano, cambiare compagnie, etc. etc.
Ti auguro, in poche parole, che ogni cambiamento nella tua vita possa essere il meno doloroso possibilie, cosa che non sta accadendo per me :roll:
Tanti calorosi saluti
M.
Scoprii di essere un Nessuno...di non essere completo.
Proprio come tutti loro, ero venuto al mondo senza un cuore.
Avrebbe fatto qualche differenza?
Se avessi un cuore...allora sarei "qualcuno"?

http://shufflecoffee.blogspot.com/

Rispondi