io marionetta

La realtà dei gay, storie ed esperienze di vita gay vissuta
Rispondi
Avatar utente
875
Messaggi: 387
Iscritto il: lunedì 27 febbraio 2012, 4:37

io marionetta

Messaggio da 875 » martedì 4 giugno 2013, 0:45

ormai è un annetto che tento di cambiare la mia vita...non parte, qualcosa è successo, ma non parte...sto pensando e ripensando a tutti i dolori passati che si ripresenteranno, perché non parte niente...
non posso pretendere niente dalla vita, o dagli altri, devo pretendere da me, ma non ricambio...sono una marionetta...
penso a tutte le cattiverie subite anche da chi non dovrebbero arrivare, e invece? eccole! tornano e schiacciano la mia persona...quei fili che credevo di aver tagliato sono ancora collegati!

non dovrei pensare così, ma è soffocante, non c è quello spiraglio di luce, quando si chiude questo portone? la nuova porta non c è!

mi chiedo se la vita è come la raccontano nei film di spionaggio, tutti contro tutti, un favore a te e uno a me...io camminavo da solo, riuscivo a sostenermi anche con l' aiuto di chi mi voleva bene e questi sono tramutati...

accidenti di quanto legno sono fatto, ma credo che questo legno abbia i tarli, quei tarli che ti divorano e non lasciano niente...per poi non esserci niente, e credo manchi veramente poco...
quei fili di chissà quale materiale, mi tengono a mezz' aria, a pochi centimetri dal terreno, ed è una cosa spaventosa, così spaventosa che mi sta facendo impazzire...

tutto questo mi fa male, tremendamente male, è come una lacerazione, come un foglio di carta che viene trappato, e il mio cuore ne sta risentendo, perché non voglio continuare così

quale è la natura di questa cattiveria?
:?:

barbara
Utenti Storici
Messaggi: 2864
Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22

Re: io marionetta

Messaggio da barbara » mercoledì 5 giugno 2013, 7:45

Caro 875, hai descritto così bene questa marionetta che mi par di vederla! ;)
Questa immagine di provare a camminare con le proprie gambe , senza poterlo fare; questo penzolare a mezz'aria mi pare un'immagine molto efficace per descrivere cosa si prova quando ci si sente impotenti, deboli.
Non è facile sopportare questa sensazione; personalmente la detesto quando la provo. Eppure capita nella vita di sentirsi proprio così. Capita di sentire che gli altri , tutti gli altri sono molto più forti e decisi di te e che non c'è nulla che tu possa fare per cambiare le cose.
Credo che anche in questi momenti però sia importante ricordarsi che questa non è la realtà. Questo è il nostro vissuto su come stanno le cose.
C'è sempre qualcosa che possiamo fare . Questi fili , se ci sono o no, dipendono anche da noi. Userei un'immagine diversa , che possa darti un po' di forza. Prova a pensare a un cavallo , che vorrebbe essere libero , ma vive in una fattoria, a volte confinato in un recinto, altre volte cavalcato da un cavaliere .
O se vuoi pensa a un uccello, addestrato a tornare sempre al nido, con la minaccia che fuori da esso ci sono solo pericoli e niente cibo . La paura di non sopravvivere diventa quel filo forte che lo lega al nido, ma è pur sempre immaginario.
Andare verso la libertà per il cavallo o per l'uccello non sarà semplice, bisognerà trovare il modo e il momento propizio, bisognerà essere preparati a farlo, ma in effetti si tratta di una libertà possibile. Molto più possibile di quanto non sembri.;)

Avatar utente
875
Messaggi: 387
Iscritto il: lunedì 27 febbraio 2012, 4:37

Re: io marionetta

Messaggio da 875 » mercoledì 5 giugno 2013, 15:45

Barbara sei mattiniera :D il mattino ha l' oro in bocca
Il paragone del cavallo e dell' uccello sono più reali rispetto a una marionetta, perché quest' ultima è inanimata!
Purtroppo è questo il periodo che ho vissuto, e credo che dovrò dare un taglio netto!
barbara ha scritto:La paura di non sopravvivere diventa quel filo forte che lo lega al nido, ma è pur sempre immaginario.
E' veritiero che nella vita si ha paura, l' hanno tutti ma riescono a sopprimerla, forse sono particolare io...ma dovrò appunto tagliare di netto:
barbara ha scritto:bisognerà trovare il modo e il momento propizio
:?:

Totoro
Messaggi: 114
Iscritto il: martedì 3 luglio 2012, 4:01

Re: io marionetta

Messaggio da Totoro » mercoledì 5 giugno 2013, 17:45

Ciao Androide, ci sono un paio di ragionamenti fallaci nel tuo sfogo e sicuramente dipendono dall'emozione che ci stava dietro, ma per prima cosa ti voglio dire questo: nessun cambiamento è possibile all'esterno se non parte dall'interno. Intendo dire che una persona può voler cambiare la sua condizione di solitudine quanto vuole, ma se dentro di se è convinta che il mondo sia popolato da brutte persone o che l'amore non esista, si saboterà sempre da sola, qualsiasi tentativo faccia per cambiare la sua condizione. Ti porto questo esempio perché l'ho visto fare ad una persona che m'è vicina e di cui conosco bene la situazione, la tua la conosco solo a grandi linee, ma probabilmente anche per te c'è qualcosa che funziona da blocco ed impedisce un effettivo cambiamento.
875 ha scritto:sto pensando e ripensando a tutti i dolori passati che si ripresenteranno
Questo si chiama rimuginare e non fa mai bene, inoltre è un modello di pensiero fallace, serve niente più che a darti l'illusione di avere una certezza. Logicamente parlando non c'è prova del fatto che ciò che s'è presentato in passato si ripresenterà in futuro, proprio perché il futuro non è conoscibile. C'è solo la possibilità che si ripresenti, non la certezza. inoltre il fatto che ti senti immobile, fragile o quant'altro non vuol dire che lo sei, lo sei solo nel momento in cui ti percepisci come tale. Quindi non dare troppo peso a cose del genere, non fissartici troppo sopra, o finiranno per condizionarti negativamente, come da principio del mio intervento, e finirai per auto-sabotarti.
 


"La capacità di stare da soli è la capacità di amare. Può apparirti paradossalle, ma non lo è. E' una verità esistenziale: solo le persone in grado di stare da sole sono capaci di amare, di condividere, di toccare il nucleo più intimo dell’altra persona, senza possederla, senza diventare dipendenti dall’altro, senza ridurla a un oggetto e senza diventarne assuefatti."

Avatar utente
875
Messaggi: 387
Iscritto il: lunedì 27 febbraio 2012, 4:37

Re: io marionetta

Messaggio da 875 » sabato 8 giugno 2013, 11:17

Ciao Totoro, purtroppo mi sento come un fiore a cui dai acqua ogni giorno e lo metti al sole per crescere, ma la differenza è nell' acqua non fresca ma stagnante e quel sole che dura poco tempo...sto evitando di ripensare in questi giorni a cosa è stato e cosa no, sto riprendendo alcuni progetti e sono progetti penso importanti perché riparto a piccoli passi...
Programmare, organizzare e agire sono gli aggettivi che voglio mettere in conto, quelle paure ancora le sento e sto cercando di non ascoltarle!
Ho incontrato una persona di recente e mi ha "strigliato" perché mi ha visto molto avvilita e parlando di me ho messo poco in evidenza la mia persona...non sono da poco, questo lo devo capire, la vita è mia e la gestisco io.
:?:

Avatar utente
FreedomTower
Messaggi: 137
Iscritto il: domenica 1 luglio 2012, 0:16

Re: io marionetta

Messaggio da FreedomTower » venerdì 14 giugno 2013, 14:17

Ciao 875 :)
Si, evidentemente era un momento di sentimenti estremamente negativi, però il tuo ultimo commento fa capire che vedi ancora tanti spiragli di luce e che quindi sei lontano dal perdere completamente le speranze.
E' positivo!
Don't make me sad
Don't make me cry
Sometimes Love is not enough when the road gets tough
I don't know why

Avatar utente
875
Messaggi: 387
Iscritto il: lunedì 27 febbraio 2012, 4:37

Re: io marionetta

Messaggio da 875 » sabato 29 giugno 2013, 11:59

FreedomTower ha scritto:Ciao 875 :)
Si, evidentemente era un momento di sentimenti estremamente negativi, però il tuo ultimo commento fa capire che vedi ancora tanti spiragli di luce e che quindi sei lontano dal perdere completamente le speranze.
E' positivo!
Grazie, spero sia la positività perché qualcosa accada...ma forse sbaglio qualcosa ancora...


Sbagliare, è questo il mio problema? Sbagliare sempre e sempre senza avere l' animo in pace, con qualcosa di diverso? E' per questo che mi ritrovo fermo, come in una rotonda stradale, con la freccia inserita aspettando di trovare il passaggio libero? O forse sono solo mie impressioni?

Sto cercando di riprendere i miei progetti passati, ma qualcosa manca, forse devo cercare, il mio destino sarà sempre e solo cercare...tristezza...non riuscire a concludere niente, un progetto, un sogno...non è giusto...
Abbiamo tutti delle capacità, anche il più carognoso, però è incredibile quanto ci sottovalutiamo e veniamo sottovalutati...cosa manca mai si sa, ma intanto le cicatrici aumentano, e alcune ferite non rimarginano.
:?:

Tozeur
Messaggi: 544
Iscritto il: giovedì 29 dicembre 2011, 1:07

Re: io marionetta

Messaggio da Tozeur » sabato 29 giugno 2013, 12:13

caro m875 secondo me sei troppo ipercritico nei tuoi confronti. Sbagliare qualcosa è una cosa normalissima che può capitare a tutti perché non siamo delle macchine (tra l'altro anche loro sbagliano). Uno sbaglio può anche aiutare a migliorare, crescere e non fare più lo stesso errore. Se sbagli, pazienza, persegui ancora quello che devi fare e non fermarti. Non è detto che vada male anche la seconda volta!
riguardo il fatto del sottovalutarci mi hai ricordato una consueling molto in gamba che durante un corso sulla compilazione di un curriculum disse che quando arrivava il punto in cui bisognava parlare delle nostre abilità, dovevamo chiederlo a una persona molto vicina a noi perché noi generalmente siamo propensi a sottovalutarci e potevamo scrivere cose non vere su noi stessi!
Alone but not lonely

Avatar utente
875
Messaggi: 387
Iscritto il: lunedì 27 febbraio 2012, 4:37

Re: io marionetta

Messaggio da 875 » sabato 29 giugno 2013, 12:19

Tozeur ciao!
Tozeur ha scritto:secondo me sei troppo ipercritico nei tuoi confronti. Sbagliare qualcosa è una cosa normalissima che può capitare a tutti perché non siamo delle macchine (tra l'altro anche loro sbagliano). Uno sbaglio può anche aiutare a migliorare, crescere e non fare più lo stesso errore. Se sbagli, pazienza, persegui ancora quello che devi fare e non fermarti. Non è detto che vada male anche la seconda volta!
Ho imparato a esserlo perché nessuno mi ha mai considerato capace di fare qualcosa di testa mia e di concluderla...ma non importa ADESSO, OGGI perché il passato è passato...certo, errori ne ho fatto e ne farò, la vita perfetta non credo più che esista...
:?:

Tozeur
Messaggi: 544
Iscritto il: giovedì 29 dicembre 2011, 1:07

Re: io marionetta

Messaggio da Tozeur » sabato 29 giugno 2013, 15:08

Dici che gli ALTRI non ti considerano capace di fare e concludere le cose. Allontana queste voci e giudizi altrui e rispondi a queste domande: io posso essere capace di fare una determinata cosa che mi è utile? Posso portarla a compimento? Personalmente considero che ognuno di noi ha grandi potenziali ma spesso viviamo nell'ambiente sbagliato e, specialmente, siamo circondati dalle persone sbagliate! Questa comunque non deve essere una scusa per rassegnarsi al proprio destino, anzi avere certe persone accanto ci aiuta a capire come non dobbiamo diventare!
Alone but not lonely

Rispondi