Crea sito
 
Oggi è venerdì 15 dicembre 2017, 10:30

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 6 di 7 [ 67 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: La mia vita è un fallimento
MessaggioInviato: martedì 15 luglio 2014, 13:58 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5126
Beh, è stato un anno fondamentale!! Hai fatto cose che, a vederle prima, sembravano impossibili e invece le hai fatte. Ti chiedi il senso di tutto questo? Beh prima di tutto una forma di indipendenza recuperata, poi, finalmente lavorare per qualcosa che ti interessa veramente e soprattutto costruire per il futuro!! Gli altri? Ok, bisogna farci i conti ma non credo proprio che il bilancio di quest'ultimo anno per te sia stato negativo!! E' stato un anno di cambiamenti enormi!! E penso che sia solo l'inizio!!



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La mia vita è un fallimento
MessaggioInviato: martedì 19 agosto 2014, 16:19 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 27 febbraio 2012, 4:37
Messaggi: 383
Basta.
Mi dico basta perché non riesco ad avanzare...non ho più forza, sono stanco, tremendamente. Non mi ritrovo più, mi sento cadavere che trascina un altro cadavere.
Vorrei sparire, nascondermi perché mi vergogno...perché mi sento perseguitato e perché sto riconoscendo di essere malato. Cura non ne trovo, solo amarezza, sempre la stessa solfa. Sono debole e perdente nonché vigliacco e ignorante. Ho lavorato troppo poco la terra con il cucchiaio e mai ho cambiato attrezzo.
I doveri sono sempre presenti nella vita, gli sforzi sono sempre presenti ma non ho più forze, la gioia per me non esiste, esisto solo come trampolino...che vergogna. Chiudo, e passo a quella sopravvivenza da piatto di minestra. Proverò anche lì.

Un abbraccio e auguri.



_________________
Cambiare è difficile

Non cambiare è impossibile

Nel cambiare, ti ferisci, rimarrai ferito, rimarrai segnato e non potrai farne a meno

--------------------------------------------------------------------------------------

Essere come il caffè nei momenti più difficili.
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La mia vita è un fallimento
MessaggioInviato: martedì 19 agosto 2014, 20:15 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5126
875!! Ma che dici!! Dai che lo sai che le cose non stanno come le hai descritte!! Non sono per niente così!! Hai avuto un coraggio enorme, la fatica si fa sentire, certo che si fa sentire, ma non ti mettere in mente che non cambi nulla, perché non è così. Le difficoltà ci sono, è vero, ma d'altra parte la strada che hai scelto è oggettivamente difficile e che qualcosa vada storto lo devi mettere in conto e poi chi ti conosce un po' di più sa che persona sei e sa che con te è possibile un dialogo serio. Adesso sei forse un po' troppo solo e in questi momenti l'umore diventa oscillante, ma bisogna reagire con forza e non farsi spaventare da nulla. Passo su skype a vedere se ci sei.



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La mia vita è un fallimento
MessaggioInviato: sabato 30 agosto 2014, 20:51 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 27 febbraio 2012, 4:37
Messaggi: 383
Questo è l ultimo post, assolutamente l ultimo.
Sarà un altro post egoista, eccentrico e opportunista.
Mi chiedo dove vado, se realmente è la mia strada e quanto ammonta il prezzo che sto pagando ancora...perché...devo fregarmene, devo pensare che non c'è domani, non serve impegnarsi, perché è quello che non sto facendo...vorrei fare passi più lunghi ma ho dei piombi alle caviglie, non le sopporto, sento un continuo movimento nel mio ventre mentre la testa è piena di pensieri, qualsiasi, anche brutti da morire...non mi interessa sapere che domani è un altro giorno perché sono tutti giorni uguali, da anni...e anni.
Cambiare credo sia anche qualcosa che la vita ti fa vedere e toccare, perché sa cosa tu vuoi, non si chiede alla vita, essa ti da...ti da cose che mai si aspettano e a volte sono aspre...troppo.
Non credo più neanche a terapie psicologiche, perché arrivano a un limite e a volte non vieni ascoltato...c'è quella cosa che vuoi togliere ma non te la toglie se non te stesso e magari in modo indesiderato...da falliti, da ingestibili. Così è la vita, esaurimento e relax, buttati nel da farsi che a volte è come salare nebbia al mattino, inutile.
Da qui chiudo, me ne vado con un grazie per la sopportazione!
Auguri



_________________
Cambiare è difficile

Non cambiare è impossibile

Nel cambiare, ti ferisci, rimarrai ferito, rimarrai segnato e non potrai farne a meno

--------------------------------------------------------------------------------------

Essere come il caffè nei momenti più difficili.
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La mia vita è un fallimento
MessaggioInviato: lunedì 1 settembre 2014, 18:02 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 29 dicembre 2011, 1:07
Messaggi: 527
Il cambiamento è possibile, dipende solo da noi.
Il cambiamento non sempre avviene all'improvviso ma richiede un impegno lungo e costante. E' ovvio che ci saranno sempre le cadute ma bisogna trovare un senso a quelle.

Abbandonare il forum non è la strada giusta, è una scelta su cui potresti riflettere.

Buona giornata



_________________
Ora che sono pioggia
e come il mare vado via,
che la lunga strada del tempo
io l'ho vissuta
che ho accettato il principio
di non capire me stessa
che ho odiato ed amato, come tutti del resto
la mia vita.
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La mia vita è un fallimento
MessaggioInviato: domenica 12 ottobre 2014, 10:05 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 27 febbraio 2012, 4:37
Messaggi: 383
La pecorella smarrita.....

passato un mese altri cambiamenti attorno a me si sono creati.
Nuova casa, nuovi coinquilini, nuovo anno accademico...mi chiedo realmente se sono cambiamenti utili, certo è che possono accadere, ma a me cosa servono. Detto questo riconosco l idiozia, ma sono stanco...mille cambiamenti nel quotidiano mai una certezza, mai una piccola mensola dove appoggiare una bella foto ricordo che riguarda la mia personalità, una nota certa sopratutto positiva, solo monotonia, solo tristezza...
Vorrei scrivere di un incontro avvenuto tramite la counseling dell' università. ..lei mi ha detto che sarebbe meglio una neuropsicologa piuttosto che una psicologa/psicoterapeuta...che potrei esser ricoverato in un istituto di igiene mentale...penso che forse una raschiata al fondo sia forse opportuna ma forse non lo è...vorrei migliorare la mia vita ma è difficile, mi sento povero in tutto, misero....in pratica ricado in depressione e non mi va bene...non voglio ma non so come fare


ciao
buona domenica a voi



_________________
Cambiare è difficile

Non cambiare è impossibile

Nel cambiare, ti ferisci, rimarrai ferito, rimarrai segnato e non potrai farne a meno

--------------------------------------------------------------------------------------

Essere come il caffè nei momenti più difficili.
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La mia vita è un fallimento
MessaggioInviato: domenica 12 ottobre 2014, 11:07 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5126
Ciao 875!! Ci conosciamo da tanto tempo ormai e capita spesso che ci si scambi qualche messaggio la sera su skype, specialmente a proposito di gatti, lo so che è banale, però penso che non lo sia poi tanto. Hai fatto cose che prima ti sembravano impossibili, ma le hai fatte: nuovo anno accademico... pensa a un paio d'anni fa, tutte queste cose non erano neppure all'orizzonte ma le hai realizzate. Certo che vorresti anche altro, capisco benissimo che tu possa cercare un punto di riferimento affettivo forte, però lì almeno degli amici li hai e non è una cosa da nulla. So lo che puoi avere bisogno di qualcosa di diverso, di tuo, che ti coinvolga molto di più, che ti serva a costruire un progetto, ma quello non dipende solo da te perché per essere in due bisogna incontrarsi. Quanto al discorso dello psicologo... beh... francamente mi sembra il classico scarica barile. Magari ci sei andato in un momento particolarmente grigio, ma ormai ti conosco un po' e penso che tu abbia soprattutto bisogno di compagnia, di svagarti di pensare di meno e di giocare di più. Dalle tendenze depressive non esce con l'analisi ma con la socializzazione. Tante volte abbiamo scherzato su skype e allora le tendenze depressive non c'erano, certo, se stai troppo tempo da solo la depressione si fa sentire. Tu stai costruendo per te, è faticoso, è vero, ma cominci un nuovo anno accademico... ti pare poco? Dici che non sai che cosa te ne viene per te... beh piano piano ti inserisci in un ambiente nuovo e acquisisci un retroterra culturale specifico per la tua facoltà, certo questo non ti risolve i problemi affettivi, ma piano piano in quell'ambiente potrai trovare anche amici veri e forse anche altro.
Non ci abbandoniamo ai pensieri negativi, guarda anche a quello che hai costruito!! L'idea della pecorella smarrita è bella ma tu sei una pecorella che è andata in un'altra città per studiare e non mi pare proprio che tu sia smarrito, stanco e un po' deluso può essere, ma solo quello. Su di morale!!! :D



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La mia vita è un fallimento
MessaggioInviato: lunedì 13 ottobre 2014, 18:55 

Iscritto il: giovedì 9 ottobre 2014, 18:58
Messaggi: 29
875 ha scritto:
Ho passato un anno importante e interessante, guardandomi attorno, conoscendo altre persone ma qualcosa ancora non va...sarà che passiamo un anno di crisi sarà che ho passato la vita senza avere un vero supporto ma non riesco ad andare oltre. Non riesco a riprendere con gli studi, ho paura di sbagliare, certo provare e provare per sapere, ma l angoscia e la paura mi sovrastano, non dovrei ascoltarla. Sono ancora un bambino, che sta sul grembo materno senza cercare colpe o responsabili perché sono così.
Mi sento stanco mentalmente, e non riesco ad andare avanti.
Probabilmente ho il DOC, anche se dubbi sul mio orientamento non ne ho, non avrei dubbi su cosa potrei fare nella vita...ma non riesco a volerlo fare!
Questo è terribile! Mi uccide dentro. Mi hanno detto che la vita è una merda, che dobbiamo affrontarla con denti e unghie, e piena di ostacoli e rinunce nonché sacrifici.
Questo non riesco a sopportarlo e mi sento un fallimento.
Ho scritto tante e tante volte in questo forum e ogni volta con discorsi pessimistici e forse reali, ma è una realtà che non so affrontare.
Questa preparazione al test è andata avanti fino a ieri, sono scoppiato e ho passato una pessima nottata.
Ho tanti desideri in questo momento che sembrerebbero egoistici, ma non lo sono.
Ho passato anni con persone che non mi rispettavano e volevano che vivessi un' altra vita e quasi ci sono riusciti.

Con questo forse darò addio alla mia vita vera.
Mi sento solo. Estremamente solo. E non parlo di quella solitudine anormale, però è così.

Forse la farò finita.



"Quando tutto ti sembra cadere, quando ti senti solo e non ce la fai più, ricorda che là fuori c'è qualcuno che sente il tuo richiamo e ti viene incontro"... E' una citazione di uno sceneggiato americano molto bello e quanto mai veritiero... Ci sono passato nella tua fase, hai voglia, e quante volte avrei voluto farla finita, ma poi si è instillato sempre, il famoso tratto del cervello dedito alla sopravvivenza e che fa di tutto e ti fa pensare a come potresti rimanere se non riesci ad ucciderti ecc, e alla fine ho sempre desistito... CHe posso dirti? Nulla, la forza deve partire dentro da te... Non è una vita facile, specie per chi gay.... Ma una possibilità esiste sempre, bisogna solo mettersi in gioco sino allo stremo ed accettare tante, tantissime batoste, perché per conquistare quel briciolo di felicità concessa, bisogna digerire tanta, tantissima merxa e te lo dice uno che tutt'ora ne digerisce e tutt'ora si ritrova solo, con un amico vero solamente e con famiglia contro, amici che lo hanno sempre usato a comodo e consumo (come la famiglia) e l'amore mai arrivato, poiché non voglio fare CO e gli unici gay che conosco non sono compatibili, non mi piacciono seppur io gli piaccia... Ma non smetto di credere... Ed ogni giorno faccio tesoro di tutta la mexxx che ingerisco, per poter crearmi sempre più un carattere forte e che mi aiuti a combattere per trovare quella felicità che merito. Non mollare, là fuori c'è davvero qualcuno che ti aspetta e che possa cambiarti le carte in tavola e dare un senso a tutto ;)


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La mia vita è un fallimento
MessaggioInviato: lunedì 13 ottobre 2014, 19:09 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5126
Bella, alessandrino, veramente molto bella!! :)



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: La mia vita è un fallimento
MessaggioInviato: venerdì 18 dicembre 2015, 15:36 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 27 febbraio 2012, 4:37
Messaggi: 383
E' passato un altro anno...a oggi poco è cambiato!
Certo, ho dato degli esami, passando molti altri si trascinano, ma non è solo quella la vita
Ho provato ad avvicinarmi ad alcune associazioni, a fare volontariato, ma non son entrato, anzi...mi son ritirato.
Certe volte pensavo veramente che senso aveva, ma poi pensavo che l'andare avanti qualcosa avrebbe cambiato. Invece niente.
A pochi giorni da Natale, ho di nuovo il biglietto aereo per andare a trovare i miei genitori, con spicci in tasca e nessuna certezza, se non nel ricadere nell'oblio, nell'incertezza, nella paura e angoscia.
Ho provato anche a contattare uno specialista, ma è stato un incontro duro, non è più come 4 anni fa, qualcosa è cambiato, ma in modo piatto.

Sto pensando anche a come uscirne, a come evitare certe cose, ma ho gli occhi trasparenti, perché duri si nasce e non si diventa. Son avvilito, sconfitto.

Vorrei fuggire sparire, tagliare il superfluo e rimanere senza blocchi. Ma è ancora complicato.

Domani è un altro giorno, si vedrà



_________________
Cambiare è difficile

Non cambiare è impossibile

Nel cambiare, ti ferisci, rimarrai ferito, rimarrai segnato e non potrai farne a meno

--------------------------------------------------------------------------------------

Essere come il caffè nei momenti più difficili.
Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 6 di 7 [ 67 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Yahoo [Bot] e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010