La mia prima vera storia d'amore...

La realtà dei gay, storie ed esperienze di vita gay vissuta
Avatar utente
los
Messaggi: 105
Iscritto il: giovedì 1 agosto 2013, 11:03

Re: La mia prima vera storia d'amore...

Messaggio da los » venerdì 6 settembre 2013, 23:26

Diabolik85 ha scritto:Certo se uno leggesse bene quello che c'è scritto... :roll:
cmq.....c'è molto poco da fraintendere.... e poco da leggere bene....quello che è chiaro sono solo posizioni inconcialiabili sul modo di vedere i rapporti...e del porsi nei confronti del prossimo...ma ognuno vive la sua vita da gay a modo suo.........
ma a proposito una cosa che non ho capito....ma il seguito della storia è in attesa perchè deve ancora avvenire un seguito o altro?
:roll:
Non potrà mai esistere una seconda possibilità.

Diabolik85
Messaggi: 142
Iscritto il: giovedì 5 settembre 2013, 13:40

Re: La mia prima vera storia d'amore...

Messaggio da Diabolik85 » venerdì 6 settembre 2013, 23:36

La terza parte della storia deve essere ancora pubblicata perchè... un pezzo al giorno :mrgreen:

derkleineBaum
Messaggi: 134
Iscritto il: lunedì 29 luglio 2013, 0:41

Re: La mia prima vera storia d'amore...

Messaggio da derkleineBaum » sabato 7 settembre 2013, 0:09

spero si concluda molto romanticamente :oops:
Resta con te,
insieme a te ...

Diabolik85
Messaggi: 142
Iscritto il: giovedì 5 settembre 2013, 13:40

Re: La mia prima vera storia d'amore...

Messaggio da Diabolik85 » sabato 7 settembre 2013, 0:54

Ed ecco la terza parte della storia...

In quei 15 giorni di stacco,ne successero di cose..nella mia testa il pensiero fisso era sempre e solo lui..c'era chi mi consigliava di divertirmi ma non ce la facevo (scopando a destra e a manca),così decisi di pubblicare un profilo su uno dei tanti siti a tematica..mi scrissero un po' di ragazzi ma più o meno tutti cercavano solo quella cosa,il sesso.E a me non andava..qualcuno si rivelò diverso a pelle,ma quando lo incontrai dal vivo :o era proprio vero che l'apparenza ingannava e i discorsi relativi al mondo gaio che avevamo fatto io e ****** mi tornavano in mente..dopo quell'incontro,mi vidi anche con un ragazzo un pochetto più serio,più fine diciamo,che a differenza dell'altro mi chiese il permesso di un bacio e non tentò di cacciarmi la lingua in bocca..ovviamente la mia risposta fu un NO!iniziavo a capire che era inutile conoscere nuova gente in quel modo,seppur quest'ultimo ragazzo fosse stato colpito da me e io un po' da lui,lasciai perdere e non proseguii la conoscenza..avrei preso in giro me stesso e lui,e non mi andava di usarlo per dimenticare qualcun altro.

Ormai il giorno di rientro dalle vacanze di **** si avvicinava sempre di più,io iniziai a fargli semplicemente uno squillo sul cellulare,come mi aveva chiesto nell'email pre-partenza:"Se ci sei ancora e non ti ho perso per sempre,fammi uno squillo". Lui rispose allo squillo.Dovevo fargli capire che io ero preso da lui ma tutte le volte che me lo ritrovavo di fronte qualcosa mi frenava..e così il 9 agosto tornò dal mare,in quel caso gli scrissi per primo un'email e lui mi rispose che era contento che non fossi sparito e che non riusciva a capire il perché del mio silenzio.Gli risposi che gliel' avrei spiegato a voce e nell'ultima email che mi scrisse il giorno prima di vederci,aggiunse anche qualche dettaglio (gli chiesi io come andava con il ragazzo con il quale si era divertito un po') del suo ultimo incontro con quel ragazzo,coccole e notte passata abbracciati :evil: quanta invidia!Inoltre mi scrisse di non sentirmi obbligato nel dovergli spiegare il perchè della mia assenza,a quel punto pensai che avesse capito tutto e preferiva sorvolare.. :ok: decisi che quando l'avrei visto venerdì gli avrei detto tutto,ma proprio tutto..però al PASSATO!eh lo so,il solito fifone.. :cry: :roll:

Ferro
Messaggi: 232
Iscritto il: lunedì 1 giugno 2009, 21:34

Re: La mia prima vera storia d'amore...

Messaggio da Ferro » sabato 7 settembre 2013, 9:54

los ha scritto:...resta comunque irrilevante....le persone sono persone e basta, che senso ha una descrizione così dettagliata, e poi i modi da etero?
...e che vuol dire?
...ma ci vogliamo veramente preoccupare di queste cose?
Magari dire che aveva modi da persona per bene...sarebbe stato meglio....o forse è così importante sottolineare se uno ha modi da etero o polsi snodati...
Comunque appare palese che nella vita quello che si fa, ti viene restituito....eri con un ragazzo e ne frequentavi un altro....hai frequentato lui e ti ha mollato per un altro....

...a meno che nel finale non si venga a sapere che convolate a nozze :D :D
Si vabbè ma anche che palle!
Mamma mia qua si deve stare a guardare alle parole, era per intendere che era maschile oppure manco maschile si può usare perchè anche l'effemminato ha la sua virilità?
Insomma ma sta raccontando un fatto della sua vita, non facciamo i pesanti ma che stiamo in tribunale?

Ferro
Messaggi: 232
Iscritto il: lunedì 1 giugno 2009, 21:34

Re: La mia prima vera storia d'amore...

Messaggio da Ferro » sabato 7 settembre 2013, 10:04

los ha scritto:
Diabolik85 ha scritto:Certo se uno leggesse bene quello che c'è scritto... :roll:
cmq.....c'è molto poco da fraintendere.... e poco da leggere bene....quello che è chiaro sono solo posizioni inconcialiabili sul modo di vedere i rapporti...e del porsi nei confronti del prossimo...ma ognuno vive la sua vita da gay a modo suo.........
ma a proposito una cosa che non ho capito....ma il seguito della storia è in attesa perchè deve ancora avvenire un seguito o altro?
:roll:
Secondo me stai, senza offesa, stai tirando un pippone esagerato.
Un ragazzo che ha un storia con un figo non può sentirsi gratificato? Ma poi saranno anche ca.... suoi? :D

Non per fare l'avvocato ma certe tue osservazioni e critiche (alcune) sono condivisibili ma non riguardano il mondo gay ma riguardano la coppia in generale.
Quando si sta in crisi si può cercare altro, guardarsi intorno o affrontare a muso duro la situazione, ad ogni modo i rapporti non sono sempre così definiti e chiari.

E poi che hai da dire sulle mie storie??? :lol:

Avatar utente
los
Messaggi: 105
Iscritto il: giovedì 1 agosto 2013, 11:03

Re: La mia prima vera storia d'amore...

Messaggio da los » sabato 7 settembre 2013, 11:24

...ah ecco....ottima precisazione.... i rapporti non sempre sono cosi definiti e chiari...
Non potrà mai esistere una seconda possibilità.

Diabolik85
Messaggi: 142
Iscritto il: giovedì 5 settembre 2013, 13:40

Re: La mia prima vera storia d'amore...

Messaggio da Diabolik85 » domenica 8 settembre 2013, 0:54

Ferro, grazie per l'intervento, ho apprezzato molto quello che hai scritto :oops:

Quel venerdì sera ***** era più tenero del solito,sorridente,contento di rivedermi e molto curioso su cosa avrei dovuto dirgli..dopo aver cenato ci dirigemmo verso la città e finimmo in un posto molto romantico,per sbaglio..si vedeva tutta la città dall'alto,tante luci,colori,le stelle,gli aerei..intorno a noi c'era però altra gente,ma alla fine non stavamo facendo nulla di male..due amici che scrutavano l'orizzonte insieme e che pensano..parlammo di tutto e di più,come al solito,tranne di quello che volevo dirgli..continuavo a sottolineare il fatto che poteva prenderla male,che avrebbe potuto avere una reazione strana e più gli dicevo così e più non riusciva a capire a cosa potesse essere di così "sconvolgente"..non immaginava niente di quello che avrei voluto dirgli..ci spostammo,finimmo in un posto un po' tetro e cupo,dove i discorsi finirono su cose tristi..poi,verso le 23 mi disse che voleva sapere la cosa che dovevo dirgli,che era curioso e tornammo nel primo posto romantico dove eravamo finiti..eravamo soli,io e lui,la luna e le stelle e alla domanda:"Allora,cosa mi devi dire?" seguì un lungo silenzio di circa 5 minuti buoni..cercò di farmi parlare facendo poi altre domande ma io guardavo la città in silenzio...e seguì un dialogo:
IO:"possibile che non hai capito niente?"
LUI:"emh,no,cosa avrei dovuto capire?"
IO:"ma come?con tutti i segnali che ho lanciato.."
LUI:"quali segnali?"
IO:"ma stai facendo apposta?"
LUI:"no,dai,lo sai come sono fatto,io non capisco mai niente.."
IO:"e dai,nemmeno ora hai capito?"
LUI:"no,ho in mente due cose ma una è bella e l'altra un po' meno,però bo.."
IO:"ti ricordi quando ti ho fatto il discorso del rischio e ti chiedevo consigli di come affrontare una situazione?o quando ti ho chiesto se era meglio accontentarsi delle stelle o pretendere la luna?"
LUI:"ma dai,ma non è una cosa brutta quella che mi stai per dire,se è quello che penso.."
IO:"come no?si poteva rovinare un'amicizia e io non volevo.."
LUI:"vuoi dire che ti piaccio/piacevo?"
IO(arrossito):"sì,mi piacevi...ecco perchè sono sparito.."
LUI:"ma dai,è una cosa bellissima,perché non me l'hai detto prima?"
IO:"te l'ho detto,non volevo rovinare una bella amicizia"
LUI:"quanto sono stato stupido,se solo l'avessi capito..."

E tornammo verso la città..e io mi sentivo ancora più male..ero stato un codardo,non avevo avuto il coraggio di dirgli che mi piaceva ancora,che sentivo qualcosa dentro di me..andammo ad un bar a bere qualcosa insieme,poi verso le 4 di mattina se ne tornò a casa..la serata era stata comunque molto intensa...e alla proposta di rivedersi la settimana dopo risposi con un "ok,va bene" un po' svogliato..

Sorpresa delle sorprese,domenica mattina mi ritrovo in camera,sto navigando in rete e tra me e me sento che ******* mi scriverà di uscire la sera stessa,non so come mai...tempo di pensare a questa cosa e dopo 20 minuti mi arriva un suo sms:"che ne dici se ci vediamo dopo cena?" Ovviamente non mi faccio scappare l'occasione,prendo la palla al balzo e accetto..la serata va come al solito,abbiamo sempre argomenti nuovi dei quali parlare,fin quando ci troviamo distesi in un prato,io e lui,da soli..si cade in discorsi un po' tristi,rimarca sempre il fatto "ma se m'avessi fatto capire qualcosa,forse ora saremmo da qualche altra parte (ma dove?ahah),io che spingo il mio gomito verso il suo viso,lui che non fa nulla,io che mi innervosisco,sono quasi tentato di sputare tutta la verità ma qualcosa ancora mi frena..sono quasi le 3 di mattina,ci stavamo addormentando nel prato,ci alziamo e torniamo verso la mia casa e la sua macchina..lui capisce che stavo per dirgli qualcosa al prato e che ad un certo punto mi sono innervosito..sta iniziando a capirmi e non può che farmi piacere..ma il primo match point l'avevo sprecato,non poteva andare avanti così,mi stavo stancando della situazione...

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5446
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: La mia prima vera storia d'amore...

Messaggio da progettogayforum » domenica 8 settembre 2013, 2:12

E' proprio avvincente!! E sa molto di realtà!!

Avatar utente
Dany
Messaggi: 97
Iscritto il: sabato 1 giugno 2013, 22:59

Re: La mia prima vera storia d'amore...

Messaggio da Dany » domenica 8 settembre 2013, 4:15

...boh...non so....trovo irrilevante questa descrizione...e cerco di riportarla con gli stessi parametri in una situazione etero.... trovo difficile che uno descriva l'incontro con una ragazza....alt peso tette grosse o piccole fisico snello o chiatto...e modi da?
...che modi si potrebbero definire per una donna?
Per quelli che erano una volta i miei standard direi milf, sweet o semplicemente g****a... come promesso devo leggere il resto della storia... XD

E' troppo tardi... la finisco domani di leggere... 'notte
Quello che vuoi veramente non lo avrai mai... semplicemente perchè lo vuoi..

Rispondi