DA COSA SI CAPISCE QUANDO E' AMORE VERO?

La realtà dei gay, storie ed esperienze di vita gay vissuta
Rispondi
Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5457
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: DA COSA SI CAPISCE QUANDO E' AMORE VERO?

Messaggio da progettogayforum » sabato 29 agosto 2009, 18:05

Caro Ciccio,
Sunshine ha detto cose sacrosante. Francamente non mi sembra una bella storia d’amore ma una situazione piuttosto dissimmetrica in cui lui è per te l’interesse affettivo principale se non esclusivo ma tu non sei altrettanto per lui. Una storia gay autentica parte su base si assoluta parità, ci si cerca reciprocamente, si crea un’esclusività, non ci si nega mai e per nessuna ragione, perché negarsi è un segno palese di disinteresse e francamente si manifestano i propri sentimenti a 360° non polarizzandoli su giochi di allusioni sessuali che fanno pensare invece che a una storia a forte contenuto affettivo a un gioco a sondo sessuale e anche piuttosto disimpegnato, forse condotto ripetendo un copione già sperimentato con altri ragazzi. Un ragazzo innamorato si dedica a capire tutto del suo compagno a stargli vicino ogni volta che se ne presenta l’occasione perché quella è la tipica manifestazione di coinvolgimento affettivo autentico. Dice bene Sunshine: mai perdere la propria dignità! Chi ti spinge a una cosa del genere e gioca con te non ti vuole bene. Naturalmente può essere un’analisi del tutto sbagliata ma l’impressione che dà quello che hai scritto non è positiva.

Ferro
Messaggi: 232
Iscritto il: lunedì 1 giugno 2009, 21:34

Re: DA COSA SI CAPISCE QUANDO E' AMORE VERO?

Messaggio da Ferro » sabato 29 agosto 2009, 18:11

Allora che tu sia cotto in modo adolescenziale è un fatto nonchè una cosa normalissima visto che le fasi della vita non dipendono dall'età anagrafica ma dall'esperienza.

Quindi siccome questo è la tua prima relazione tu non hai 40 anni ma 17.
A 17 anni le cose si vivono come le vivi tu ma forse a te manca quell'incoscienza che si ha a quell'età.
In parte cerca di recuperarla e con quella una buona dose di fatalismo.

In primo luogo L molto probabilmente non sarà l'uomo della tua vita, in secondo concretamente questa storia ti farà soffrire molto MA BEN VENGA!!! :)
Perchè di sicuro crescerai ed L è e rappresenterà a prescindere da come si evolveranno le cose fra di voi, il tuo passaporto per la felicità.

Ci sono molti uomini di mezza età chiusi nel circolo vizioso della loro vita, incapaci di darne una svolta, tu ci sei riuscito con uno spirito talmente positivo da essere un esempio.
Devi essere orgoglioso di te stesso e anche del fatto di avere la voglia di metterti in gioco con una relazione
E' SPLENDIDO!

Per quanto riguarda il tuo L, un pò devi imparare a sedurlo, lui è attratto da te ma è evidente che non è preso ma ci sono tutti i presupposti che con un pò di lavoro puoi conquistarlo .
Ora in una storia c'è sempre quello più innamorato dell'altro, cerca di non essere oppressivo, lascia quella patina di mistero tale da dare la curiosità della scoperta, vivi il sesso con tutte le precauzioni ma anche con leggerezza (L deve essere uno navigato) affidandoti a lui.
Impara a sdrammatizzare e REGOLA NUMERO UNO : NON FAR CAPIRE DI ESSERE COSI' DRAMMATICAMENTE STRACOTTO, fa capire di essere preso e seriamente intenzionato ma non perso come sei

IN BOCCA A LUPO :)

Ferro
Messaggi: 232
Iscritto il: lunedì 1 giugno 2009, 21:34

Re: DA COSA SI CAPISCE QUANDO E' AMORE VERO?

Messaggio da Ferro » sabato 29 agosto 2009, 18:15

project ha scritto:Caro Ciccio,
Sunshine ha detto cose sacrosante. Francamente non mi sembra una bella storia d’amore ma una situazione piuttosto dissimmetrica in cui lui è per te l’interesse affettivo principale se non esclusivo ma tu non sei altrettanto per lui. Una storia gay autentica parte su base si assoluta parità, ci si cerca reciprocamente, si crea un’esclusività, non ci si nega mai e per nessuna ragione, perché negarsi è un segno palese di disinteresse e francamente si manifestano i propri sentimenti a 360° non polarizzandoli su giochi di allusioni sessuali che fanno pensare invece che a una storia a forte contenuto affettivo a un gioco a sondo sessuale e anche piuttosto disimpegnato, forse condotto ripetendo un copione già sperimentato con altri ragazzi. Un ragazzo innamorato si dedica a capire tutto del suo compagno a stargli vicino ogni volta che se ne presenta l’occasione perché quella è la tipica manifestazione di coinvolgimento affettivo autentico. Dice bene Sunshine: mai perdere la propria dignità! Chi ti spinge a una cosa del genere e gioca con te non ti vuole bene. Naturalmente può essere un’analisi del tutto sbagliata ma l’impressione che dà quello che hai scritto non è positiva.

Mi permetto di aggiungere una cosa.

L'amore nasce anche , io penso che è vero che sia asimmetrica la cosa ma anche perchè Ciccio è alla sua prima esperienza quindi si lascia andare.
Probabilmente è più innamorato dell'idea di avere un ragazzo che di avere L.

L'amore non sempre è un colpo di fulmine, certo se dopo qualche mese di frequentazione dovesse emergere che L resta sulle sue e vuole usare Ciccio solo per scopare è giusto che lo si mandi a quel paese :)

Comunque in amore c'è sempre la parte debole

ciccio70
Messaggi: 28
Iscritto il: domenica 23 agosto 2009, 11:49

Re: DA COSA SI CAPISCE QUANDO E' AMORE VERO?

Messaggio da ciccio70 » sabato 29 agosto 2009, 19:22

Per Sunshine86

Grazie della risposta! A me non sembra poi così spietata.... casomai realistica! E quali sciocchezze, hai detto cose serissime!

Hai afferrato in pieno le differenze di atteggiamento tra me ed il ragazzo in questione, dovute alle nostre rispettive storie personali... Forse mi illudo (e poi mi dirò "che cretino sono stato!", ma voglio farlo lo stesso), però penso che questo ragazzo non voglia solo fare sesso con me, ma andare anche oltre, però si tratta di un'impressione forse dettata dal mio coinvolgimento affettivo, una sensazione più che una certezza, che mi deriva dal fatto che si tratta di un ragazzo fondamentalmente serio e dolce di carattere, al quale forse piace vivere la fase precedente l’innamoramento in maniera un po’ leggera, giocosa e spensierata…. È vero comunque che comportandosi così dimostra di non volermi bene (per il momento, spero), come giustamente dice Project.

Credo comunque che manterrò il punto ed aspetterò che sia lui a cercare un'occasione di incontro (se lo farà, altrimenti lascerò perdere e continuerò per la mia strada) per chiarire la faccenda a voce e di persona, in termini pacati e ragionevoli.

Per Project

Grazie per le tue considerazioni schiette e sincere!
Forse sarà perché è la prima volta che provo queste emozioni, ma voglio (forse stupidamente) vedere se davvero può nascere qualcosa, partendo dall’assunto che questo ragazzo mi sembra un tipo serio (anche se devo ammettere che, da quel che vi ho raccontato, avete tutte le ragioni di questo mondo per pensare esattamente il contrario!). E se alla fine di tutto riceverò una colossale batosta, penso che non ne trarrò l’insegnamento che non farsi coinvolgere sia il sistema migliore da adottare all’inizio di una potenziale storia d’amore, anzi, continuerò ad essere sempre la persona calda e affettuosa che ho finalmente scoperto di essere.

E forse questa mia testardaggine è il segno più evidente del mio innamoramento, il non voler vedere, il non voler capire quello che normalmente non si farebbe fatica a comprendere… speriamo bene!

Voglio comunque sorridere alla vita, alle cose belle e meno belle che mi vorrà riservare…

Per Ferro

Crepi il lupo!

Ti ringrazio per i tuoi apprezzamenti, non pensavo che la mia storia, la mia vita potessero essere considerate un buon esempio cui riferirsi…

Tornando alla mia storia d’amore (chiamiamola così, anche se il termine è improprio), è vero, sono stracotto, ed avevo già messo in preventivo che la situazione tra me ed L sarebbe stata sbilanciata (come è d’altronde in tutte le relazioni). La mia intenzione è quella di viverla serenamente, essendo consapevole che potrò soffrire, e anche tanto, ma questo mi renderà una persona più forte e matura…

Condivido la necessità di non opprimere L, mi lasciava dubbioso il fatto che, quando mi trattengo dal chiamarlo o dallo scrivergli, sia lui a cercarmi con frasi tipo “che fine hai fatto?”, come per farmi capire che gli piace ricevere le mie attenzioni….

Certo che se mi dovessi rendere conto (domani o fra due mesi) che L mi cerca solo per il sesso, chiuderò la storia senza rimpianti e compromessi!


Ancora grazie a tutti, non riuscite neanche ad immaginare quanto le vostre parole ed il vostro calore mi siano di aiuto in questi momenti per me così particolari e così strani (ma anche bellissimi). Questo forum è una risorsa davvero impagabile e complimenti a chi lo ha ideato e lo gestisce!
Accettare di essere gay a 38 anni... meglio tardi che mai!

Rispondi