racconto

La realtà dei gay, storie ed esperienze di vita gay vissuta
Rispondi
Avatar utente
875
Messaggi: 387
Iscritto il: lunedì 27 febbraio 2012, 4:37

racconto

Messaggio da 875 » sabato 28 gennaio 2017, 20:24

X
Ultima modifica di 875 il venerdì 9 novembre 2018, 16:51, modificato 1 volta in totale.
:?:

Clarkent68
Messaggi: 4
Iscritto il: mercoledì 15 febbraio 2017, 23:36

Re: racconto

Messaggio da Clarkent68 » sabato 25 febbraio 2017, 15:16

ciao,
già proprio così mi sento come un cavallo da traino.
Quanto vorrei poter correre in una grande prateria essere un cavallo da prateria?!!
Purtroppo vedo la cosa al quanto difficile, impossibile cambiare direzione per andare a correre in un prato, alla fine ci si ritrova sempre in quella strada buia e senza certezze diversa della realtà come ci dice il racconto. Strana realtà.
Spero che quando sarò nella prateria, la speranza è sempre l'ultima a morire, vorrei poter condividere l'esperienza del prato senza paura, angosce cose che ora vivo come esperienza da traino. Ma la cosa più strana che ricordo ritornando indietro nel tempo, nel mio passato, mi sembra di essere stato un cavallo da prateria. Purtroppo strana realtà.....

Avatar utente
agis
Messaggi: 1131
Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27

Re: racconto

Messaggio da agis » sabato 25 febbraio 2017, 22:44

ihihihihihihi cavalli golosiii ^_^

Avete perfettamente ragione ragazzi :O)***

io però come aiutarvi non so. :?

In fin dei conti son solo una povera talpa mpf tsk pth

ma tu guarda lavori :roll:

Avatar utente
Help
Messaggi: 276
Iscritto il: venerdì 19 giugno 2015, 13:55

Re: racconto

Messaggio da Help » domenica 26 febbraio 2017, 11:35

Pensiero molto profondo. Sarebbe da approfondire.

Anche io l'ho affrontato in un mio testo sulla noia che ho pubblicato qui sul forum. Ma diciamo che la tua visione è più negativa, alla fine il cavallo per te prenderà sempre la via più buia.

Invece io non credo sia così. Ti cercherò di spiegare una cosa un po' complessa, quindi nel caso non la capissi, ti rimando direttamente alla fonte, ovvero la serie televisiva Westworld. In pratica in questa serie televisiva viene affrontato l'argomento "Intelligenza Artificiale", i personaggi della storia sono praticamente tutti robot, che nel corso del film iniziano a prendere coscienza di loro stessi.

Ma come fa un robot a prendere coscienza di esistere, di poter compiere azioni al di fuori del dominio di dati su cui è stato programmato?

Il regista, con un escamoutage a mio dire geniale, vede il raggiungimento della coscienza come un labirinto, la vera e propria coscienza è il centro e ogni passo casuale ci può portare più vicini o più lontani dal nostro obiettivo.

Così il cavallo, prendendo vie casuali, non per forza farà la mossa peggiore possibile, solo una di cui non si conosce il risultato. La cosa positiva è che anche dopo infinite mosse sbagliate si può comunque raggiungere l'obiettivo, per quanto possa sembrare di stare fermi immobili ogni vicolo cieco ci porterà comunque a scegliere la via giusta.

Avatar utente
agis
Messaggi: 1131
Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27

Re: racconto

Messaggio da agis » domenica 26 febbraio 2017, 18:02

Help ha scritto: Anche io l'ho affrontato in un mio testo sulla noia che ho pubblicato qui sul forum.
Ma... ma... ma...
motorino Helpino :?
Tu sei un autore assai facondo ^_^
Where under earth did you publish that? :oops:

Avatar utente
Help
Messaggi: 276
Iscritto il: venerdì 19 giugno 2015, 13:55

Re: racconto

Messaggio da Help » domenica 26 febbraio 2017, 18:34

Lo misi qui

viewtopic.php?f=56&t=5202

Anche se l'argomento affrontato in questo post non è l'argomento centrale. Ma non ha riscosso successo, non fosse per Project che è fan di tutti :lol: .

Rispondi