Crea sito
 
Oggi è venerdì 20 luglio 2018, 22:41

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 1 di 1 [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: UN RAGAZZO GAY INNAMORATO DEL SUO PROFESSORE
MessaggioInviato: venerdì 8 dicembre 2017, 9:29 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5278
Ciao Project,
sono arrivato al forum http://gayprojectforum.altervista.org attraverso un link in uno dei tuoi blog. Ti faccio i miei complimenti, perché è un forum veramente molto ben fatto e ci si trovano molte risposte che non si trovano altrove. È un peccato che i motori di ricerca non lo indicizzino adeguatamente. Ho visto che il blog in Italiano, invece, è molto indicizzato, ma per uno che non parla Italiano, avere un blog in Inglese sarebbe molto importante. Insisti e cerca di andare avanti, prima o poi riuscirai ad avere successo, almeno io lo spero.
Adesso vengo alla ragione di questa mail. Innanzitutto mi chiederai perché una mail (e da un indirizzo email a tempo) e non un bel post sul forum. La risposta a me sembra quasi ovvia. Voglio preservare al massimo la mia privacy e ho bisogno di capire come funzionano realmente le cose prima di fidarmi di te.
Ho quasi ventitré anni, sono uno studente di discipline scientifiche in una grande università di una città dell’Europa del Nord, dove vivo. Nella mia università ci sono anche associazioni gay, il clima per i gay dichiarati è piuttosto favorevole, ma il mio problema è che io non sono dichiarato e non voglio dichiararmi perché questo mi creerebbe qualche problema in famiglia (e non solo) o forse più che qualche problema mi provocherebbe un po’ di imbarazzo. Conosco tanti gay dichiarati; qui, in effetti dichiararsi non è un problema, con parecchi di quei ragazzi vado anche d’accordo ma vorrei cercare la mia strada in un altro modo e tra poco capirai perché.
Le associazioni gay universitarie sono posti piuttosto seri e non ho niente contro queste cose, ma lì la sessualità diventa un fatto sociale, un argomento di conversazione, un qualcosa che deve essere condiviso e ci sono inevitabilmente degli standard in cui io non mi riconosco pienamente. Cerco di spiegarmi meglio, io non mi innamoro dei miei coetanei ma di uomini adulti, i miei colleghi di corso mi considerano etero perché con loro io ho dei classici rapporti di amicizia come quelli tra ragazzi etero, perché i miei colleghi di università non mi attraggono sessualmente, mentre certi miei professori sono per me anche un interesse sessuale e ovviamente un discorso simile, in una associazione universitaria gay, suonerebbe piuttosto strano. Ho fatto una piccola indagine tra i ragazzi gay che conosco e non ce n’è neppure uno che abbia interessi simili ai miei, quindi ho preferito lasciare da parte le associazioni universitarie gay.
Non c’è bisogno di dire che mi sento molto solo, anche perché non posso parlare con nessuno della mia vera vita. E allora me ne sto da parte ed evito di farmi coinvolgere in modo diretto. Studio molto, ho buoni risultati, ma purtroppo non ho una mia vita affettiva-sessuale, vivo solo di fantasie e di proiezioni.
Lo scorso anno sono stato inserito in un gruppo di laboratorio di sei studenti, coordinato da un professore quarantenne che non è solo bravissimo ma anche bellissimo. Certe volte si stava in laboratorio anche per quattro ore di seguito. Una volta abbiamo messo su un esperimento che doveva durare per sei giorni di seguito e doveva essere monitorato senza interruzioni, giorno e notte. I miei cinque colleghi venivano solo la mattina, io mi sono offerto di rimanere lì e di monitorare l’esperimento e, in pratica, sono rimasto in Istituto una settimana di seguito, giorno e notte. Il professore veniva spesso il pomeriggio e qualche volta si tratteneva anche fin oltre la mezzanotte. Per me, vederlo era una vera felicità, parlavamo quasi soltanto dell’esperimento, io gli ho proposto una modifica e ho cercato di spiegargliene le ragioni, e lui mi è stato ad ascoltare con la massima attenzione e poi ha deciso di mettere in pratica quella modifica e la cosa mi ha fatto immensamente piacere. Le ultime due sere, è venuto in laboratorio e ha portato con sé la cena per lui e per me e abbiamo cenato insieme. Alla fine dell’esperimento mi ha proposto di fare con lui una piccola pubblicazione per descrivere l’esperimento e suoi risultati. Mi ha detto che avremmo lavorato insieme per tre giorni e che non sarebbe stato un grosso impegno.
La pubblicazione dell’articolo col mio nome dopo quello del professore mi ha creato una situazione di imbarazzo terribile coi miei colleghi che mi hanno considerato un opportunista e un arrampicatore sociale, ma in effetti anche loro avrebbero potuto partecipare in modo molto più concreto alla gestione dell’esperimento.
Il mio rapporto col professore era ottimo, ma ovviamente, per quanto riguardava me, non si trattava solo di una collaborazione si studio e di ricerca, io mi ero innamorato del professore, anche se non sapevo niente di lui. Non è sposato, questo lo so di certo. Sta spesso in giro sia in Europa che negli USA. L’ho sempre visto girare da solo, ma non ne so più tanto. Con me era perfettamente a suo agio, ma anche molto professionale. Nelle tante ore passate insieme abbiamo parlato solo dell’esperimento, non c’è mai stato nemmeno un cenno alla vita privata.
Adesso il periodo del gruppo di ricerca è finito, ogni tanto vedo il professore che va su e giù per le scale dell’Istituto, qualche volta vado a salutarlo nel suo ufficio e un paio di volte mi ha anche invitato a pranzo alla mensa dell’Istituto, ma non c’è mai stato nulla che andasse di un solo centimetro fuori dal perimetro del rapporto professionale. Sui social non ha un profilo, io ho la sua mail, ma è quella ufficiale dell’università. Non so che fare, Project, Io me ne sono innamorato ma ho paura di combinare guai. Molto sinceramente penso che lui abbia del tutto rimosso la vita affettiva e ormai si sia consacrato totalmente alla ricerca, ma io ho la vaga sensazione che la ricerca sia solo un modo per evitare di pensare. Ho la vaga sensazione che lui sia gay e, nonostante tutta la sua ostentata professionalità, penso di essere per lui anche una grande tentazione. Questa sensazione l’ho avuta più volte, non saprei nemmeno dirti una ragione precisa che mi spinge a pensarlo, ma dei piccoli sorrisi, delle frasi cominciate in un modo e finite in un altro, delle pause troppo lunghe e certi modi di distogliere lo sguardo mi hanno fatto pensare. Devo essere io a fare il primo passo o devo aspettare di essere fuori dall’università, se mai ne uscirò fuori, per fare con lui un discorso da pari a pari? Io credo che a lui accada una po’ qualcosa di simile a quello che accade a me, ma a parti invertite. Io sono troppo giovane per lui secondo il “modello standard” e lui è troppo vecchio per me, ma il modello standard non detto che debba sempre valere. Ci sono molte cose che quel modello non spiega. Certo all’università un professore non si può compromettere con uno studente, perché effettivamente sarebbe troppo rischioso, e mano ancora uno studente può fare la dichiarazione d’amore a un professore.
Certe volte sono tentato di rischiare il tutto per tutto e penso che alla fine vincerei la mia scommessa, ma non lo voglio mettere in situazioni imbarazzanti. Ecco, io continuo ad andare avanti così. Sulla soglia di un rapporto che potrebbe essere bellissimo, e secondo me non è solo un’ipotesi astratta, ma sia a me che a lui manca il coraggio di fare il passo senza ritorno, sia per opportunità che soprattutto per la paura di sentirsi rispondere con un rifiuto. È il mio primo amore e ho paura di bruciare tutto per la fretta.
Adesso puoi capire come mi sento e che cosa posso provare. Io sogno il mio professore ogni notte, ma non lo sogno in cattedra ma nel mio letto, è diventata ormai una specie di ossessione… Che devo fare, Project? Ti è mai successo di vedere situazioni simili alla mia?
Se lo credi opportuno pubblica la mail, perché è abbastanza neutra.
G.O.
_________
Read this post in English: http://gayprojectforum.altervista.org/T ... -professor



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 1 di 1 [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010