Delusione in sogno!

La realtà dei gay, storie ed esperienze di vita gay vissuta
Rispondi
Junior
Messaggi: 33
Iscritto il: venerdì 2 giugno 2017, 17:42

Delusione in sogno!

Messaggio da Junior » domenica 20 gennaio 2019, 23:16

Ciao a tutti ragazzi, questo penso sia il terzo post che faccio e vorrei riportare un'esperienza vissuta e degli spunti di riflessione sui quali ragionare in maniera pacifica, senza criticare in modo offensivo.

Torniamo ancora a Dicembre di un anno fa, momento nel quale mi sono innamorato di Evaristo (nome fittizio della persona amata). Lui ha molti anni più di me, una ventina (non ditemi "Eh ovviamente, pensi che una persona più grande di te possa mettersi con un ventenne?!" ebbene si, perché ho conosciuto personalmente diverse situazioni di gay con compagni molto più grandi di loro).
Tra me ed Evaristo era nata una simpatia, fatta da piccoli gesti, da piccoli scambi affettuosi, abbracci e continue mail.
Più il tempo passava, più sentivo di provare un grande sentimento per questo uomo, il quale inizialmente non mi aveva colpito. L'amore è giunto dopo tre mesi che ci siamo conosciuti, parlati e il suo modo di fare, la sua delicatezza, la sua voce avevano letteralmente preso il mio cuoricino :o
Ogni volta che ci vedevamo io lo riempivo di piccoli regalini che possono parere insulsi; una calamita, un portachiavi, un CD del suo cantante preferito.

Io, vista la sua grande simpatia nei miei confronti, credevo di avere già la strada spianata e di poter in modo concreto avere una persona amata al mio fianco.
A fine Maggio, a bruciapelo, mi ha abbracciato così forte quasi da soffocarmi!.., questo gesto si era proprio scolpito in me!

Giunta l'estate decisi di parlargli chiaramente, di esporre quello che provavo.... il sentimento purtroppo non era ricambiato e così per mesi abbiamo dovuto tagliare ogni rapporto, onde evitare che io soffrissi- lui mi lasciò dicendo vagamente che ci saremmo potuti nuovamente rivedere.
Circa a Novembre abbiamo provato nuovamente a parlare ed in seguito ad una mia proposta di uscita Evaristo si è tirato indietro dicendomi che avrebbe desiderato sentirci per scritto solo ogni tanto.
Il problema principale da parte sua è stato proprio la mancanza di chiarezza nei miei confronti nel momento della mia confessione cuoricinosa (!), forse temeva di ferirmi.

Ora da due mesi abbiamo tagliato ogni tipo di rapporto anche se purtroppo, non consciamente mi capita di pensarlo- soprattutto nei sogni.
Quando sto smaltendo del dolore psicologico sono proprio i sogni il mio tormento.
Un anno fa ho perso mio nonno, al quale volevo bene più di qualunque ogni altra persona al mondo e ogni una/due sere appare nei miei sogni, momenti nei quali soffro la sua assenza.

Ultimamente sogno spesso anche Evaristo. Un esempio, io ero rinchiuso in una bolla gigantesca di sapone e non potevo interagire con il mio """ex"", mentre lui mi cercava chiedendomi dove fossi.



Dall'episodio di Evaristo la sofferenza è stata così faticosa da smaltire (la sto ancora smaltendo ahimé) che non sono più riuscito ad avere il minimo coinvolgimento sentimentale ed emotivo.
Ho ricevuto diverse proposte di andare a letto- richieste che ho rifiutato in quanto un rapporto sessuale senza alcun tipo di affetto, di solidarietà, di reciprocità mi sembra vuoto, senza senso (Non rivolgo alcuna critica a chi lo fa, ognuno è libero di fare ciò che vuole!).
Voi cosa ne pensate dei soli rapporti sessuali?
Vi è mai capitato che una delusione che credevate superata si riversasse facendovi soffrire durante il sonno?

Avatar utente
agis
Messaggi: 1146
Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27

Re: Delusione in sogno!

Messaggio da agis » lunedì 21 gennaio 2019, 1:50

Scusami Junior non mi è facile capire. Diciamo che tu hai grosso modo 20 anni e lui una quarantina e partiamo dai fondamentali. Prima di arrivare a questo fatidico chiarimento estivo che, raccontato così, sembra piuttosto strano, avevate fatto reciprocamente coming out?

Junior
Messaggi: 33
Iscritto il: venerdì 2 giugno 2017, 17:42

Re: Delusione in sogno!

Messaggio da Junior » martedì 22 gennaio 2019, 10:50

Lui é dichiarato
Io gliel'ho compreso nel pacchetto "ti amo"

Avatar utente
agis
Messaggi: 1146
Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27

Re: Delusione in sogno!

Messaggio da agis » martedì 22 gennaio 2019, 15:42

Junior ha scritto:
martedì 22 gennaio 2019, 10:50
Lui é dichiarato
Io gliel'ho compreso nel pacchetto "ti amo"
ma...ma...ma :o
Dunque vediamo Junior qui le cose si fanno interessanti.
Una serie di ipotesi son dunque possibili. Comincerei ad eliminare le più improbabili.
Innanazi tutto che tu sia un orribile mostro obbrobbrioso :lol: . A vent'anni siete più o meno tutti carinosissimi e, se anche così fosse, lui non ti avrebbe incoraggiato per tutti sti mesi e, soprattutto, non ti avrebbe fatto un bearhug da romperti le costole.
Un'altra ipotesi abbastanza improbabile è che lui sia ancora più talebano di me nel considerare i problemi che possono essere legati ad una grande differenza di età tra i partners in una relazione stabile. Personalmente cominciai una storia importante con un ragazzo di 28 anni quando ne avevo 48 e le mie preclusioni personali sono legate a differenze di età ancora più importanti di quella che hai citato tu.
E' anche abbastanza improbabile che ad una quarantina d'anni lui sia già andato incontro ad una andropausa. Bisognerebbe sentire project che ha casistiche più estese e sistematiche delle mie ma, se questo fosse il caso e lui si sentisse sessualmente inadeguato rispetto a te, non sarebbe la prima volta che m'imbatto in una situazione di questo tipo di caduta precoce del desiderio ma almeno la terza.
Le ipotesi che mi appaiono più probabili a questo punto sono però
1) che lui sia out con te ma non lo sia in un contesto relazionale famigliare e/o lavorativo dove non si sentirebbe di far fronte alla tua presenza come partner stabile.
2) che pur essendosi etichettato come gay sia in realtà un asessuale/greysessuale/demisessuale a sfondo omoromantico. Si definiscono generalmente così le persone che amano le cocccole , i baci, e quelli che nel sesso chiamiamo i preliminari ma hanno forti turnoffs/blocchi relativamente alla genitalità del rapporto, Un po' come ci sentiremmo noi gay esclusivi se si pretendesse che provassimo piacere a leccare una pussy :lol: .
Lui che giustificazioni ti ha dato per l'interruzione della vostra relazione? :)

Avatar utente
Help
Messaggi: 280
Iscritto il: venerdì 19 giugno 2015, 13:55

Re: Delusione in sogno!

Messaggio da Help » mercoledì 23 gennaio 2019, 16:38

È sciocco separarsi da una persona che si vuole frequentare. Non capisco perché perdere tempo, scrivigli e digli che anche se non come partner, nella tua vita c’è bisogno del rapporto che avevate.

Questo silenzio non serve a niente.

Avatar utente
agis
Messaggi: 1146
Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27

Re: Delusione in sogno!

Messaggio da agis » giovedì 24 gennaio 2019, 9:18

Ok Help ma in effetti dir qualcosa non è semplice perché non si capisce quali siano state le caratteristiche del loro chiarimento. Per lo più è meglio scambiarsi poche parole chiare prima che non doversene scambiare molte ed di tono più concitato dopo. Non basta ovviamente dire siamo entrambi gay perché questo magicamente si traduca in un'intesa sessuale.

Avatar utente
Help
Messaggi: 280
Iscritto il: venerdì 19 giugno 2015, 13:55

Re: Delusione in sogno!

Messaggio da Help » giovedì 24 gennaio 2019, 11:23

Sinceramente agis non credo sia quello che ho detto (mi riferisco all'ultima parte del messaggio).

Se una persona ti interessa come fidanzata allora ti interessa a maggior ragione come amica. Un rifiuto non è un dramma, e non capisco perché un rapporto che rendeva felici entrambi debba interrompersi per questo.

Junior ha fatto capire che l'altra persona coinvolta è ancora interessata ad averlo come amico, ma ridurre il rapporto a un banale scambio di email è inconcepibile. Ogni minuto dedicato a fare qualcosa che non sentiamo è un minuto perso, ogni minuto che dedichiamo a non fare quello che vogliamo è un minuto perso 2 volte.

Il succo del messaggio è: "Definisci questo rapporto. Siete amici e vi comportate come tali o non siete niente? Le email non sono contemplate".

Avatar utente
agis
Messaggi: 1146
Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27

Re: Delusione in sogno!

Messaggio da agis » giovedì 24 gennaio 2019, 15:57

Il mio intervento non voleva avere carattere oppositivo Help. Tu dici che un rapporto non può essere ridotto ad un banale scambio di email ma io conobbi Barbara nel 1998 ed abbiamo festeggiato l'anno scorso il ventennale della nostra conoscenza. Con il tempo dalle email si passò in una certa misura a Skype ma Skype ha i suoi aspetti difficoltosi sul piano logistico (differenza di fusi orari, impegni personali ecc,) Non ci siamo mai incontrati fisicamente perché lei vive in Virginia ma, in questi vent'anni, forse qualcosa è rimasto nel chiaroscuro di queste pagine virtuali ;). Tuttavia, quando io conobbi Barbara agli albori delle comunicazioni internettiane, avevo già 38 anni e lei era una donna cisgender etero di 33. Il mantenimento di un rapporto di amicizia anche a queste condizioni può essere attualmente cosa del tutto agevole per me. Ma sarebbe stato altrettanto agevole quando di anni ne avevo 18 o 20? Ribadisco Junior: too few arguments to function ^_^ non è facile farsi un'idea; dipende da aspettative ed esigenze che tu non ci hai ancora pienamente esplicitato :)

Avatar utente
riverdog
Messaggi: 298
Iscritto il: venerdì 9 luglio 2010, 0:27

Re: Delusione in sogno!

Messaggio da riverdog » sabato 26 gennaio 2019, 12:08

Troncare o non troncare un rapporto in qualche modo insoddisfacente per una palese asimmetria sentimentale è senz'altro un bel dilemma; in linea di massima l'ideale sarebbe conservare un barlume di rapporto con qualcuno che - vuoi o non vuoi - rappresenta o ha rappresentato qualcosa di serio dal punto di vista affettivo... Quante persone potremmo mai incontrare nella nostra vita con un pedigree del genere? Dubito saranno tantissime... ma è vero anche che un qualsivolglia rapporto deve apportare, non di certo il contrario... E per apportare vuol dire che una perlomeno parziale risposta deve esserci... altrimenti... che senso può mai avere?! Quindi tutto questo preambolo per dire una semplice parolina... "dipende"! Si va alla pesa, come i pugili prima del match... e si valuta.
Entriamo nel caso specifico... questo Evaristo (ndr: se ci tieni davvero così tanto a lui, un nomignolo leggermente più decente... con un piccolo sforzetto... forse forse lo potevi anche azzardare... ahah!) - secondo me - qualche errorino, più o meno coscientemente, l'ha commesso... Ha pure una certa età, possibile non si sia minimamente accorto di dove si stesse andando a parare?! Mmmh, non so... Ma fondamentalmente le persone si distinguono in due categorie: ci sono quelli che guardano lontano, fiutano "il pericolo" e arginano per tempo anche a costo di sembrare netti, perentori, in altre parole... stro#zi... E poi ci sono i miopi, che un po' non ci arrivano, ma un po' si adagiano per loro comodo, tirano a campare, minimizzano... sperano che poi tutto si dissolva da sé senza colpo ferire... magari sotto sotto si crogiolano anche di certe piccole attenzioni... "massì, c'è Junior che mi fa i regalini, ma che tenero, è tanto caro... peace and love"... e poi, bang, cascano dal pero... tirano i remi in barca e ti presentano il conto - salato - tutto d'un colpo.
Però anche Te, caro Junior, cerca di farne tesoro di queste situazioni... Un tempo mio nonno mi diceva "lo sai qual è l'oggetto più stupido che ci sia? Il fiammifero! ...si fa (s)fregare da tutti! Ma lo sai qual è l'oggetto più sveglio di tutti? Sempre il fiammifero!! ... lo (s)freghi una volta ma poi col cavolo che ci riesci di nuovo!"... ma sei così giovane... :)
Adesso però l'Evaristo in qualche modo sta cercando di agevolarti... quel non possiamo vederci, possiamo "solo sentirci" "per scritto" "ogni tanto"... beh, più chiaro di così!! Cosa deve fare per farti capire che c'hai preso una cantonata, deve dirtelo chiaro e tondo in tv da maria de filippi?! Vai avanti, cavolo, chiudila te questa busta... Mi sembra logico che il pensiero ti assalga nei sogni se non ti sforzi di stroncarlo quando gli occhi sono ben aperti... Non hai perso nulla, credimi, le risposte - quelle vere - sono qualcosa di ben diverso, e presto o tardi te ne accorgerai.
Visti i fatti, sentiti i testimoni... il mio giudizio è incontrovertibile... in questi casi si taglia, punto. Ma devi fare un sforzo chiaro in tal senso... aspettare qualche mese e poi tornare a bussare per vedere se l'aria è cambiata da quelle parti, non significa tagliare... magari ti autoconvinci che nel frattempo la tua vita sta andando avanti comunque, ma stai viaggiando con una fantasma accanto che non hai mai voluto scacciare in maniera perentoria. Poi, qualora mi stessi sbagliando, un sentimento forte e sincero, gira che ti rigira, in qualche modo una strada per tornare verso casa la troverebbe comunque... Ma quando tutto è delegato alla volontà di un singolo, beh, difficilmente può esserci spazio per qualcosa che contempli due diverse entità... Non può cercarti solo nei sogni lui... chi ca##o è, Freddy Krueger?!
In definitiva, secondo me, il problema non sono i sogni, quelli possono starci benissimo, belli o brutti che siano, a volte illuminanti altre distorcenti. Per rispondere alla tua domanda conclusiva, beh, sì, penso sia capitato un po' a tutti di veder riapparire in sogno delusioni passate... Ma adesso una domanda la faccio io a te... Sono i sogni che tornano a tormentarti riportandoti a delusioni del passato oppure sono le delusioni non del tutto superate ed archiviate a tornarti in sogno perché gli dai ragione di esistere, più o meno consapevolmente, già nella vita reale? Ed una seconda domanda (ché stamattina mi sento tanto gigi marzullo...), che valore daresti in tutto ciò ad un mero atteggiamento d'orgoglio ferito da parte tua? In fin dei conti, fino a che punto puoi dire di conoscerla davvero questa persona... ma è umano, umanissimissimo, a volte a staccarci dal nostro personalissimo immaginario col quale attorniamo un altro individuo può non bastare una vita.

Rispondi