Devianza

Solitudine, emarginazione, discriminazione, omofobia...
Avatar utente
Cagliostro
Messaggi: 413
Iscritto il: venerdì 4 febbraio 2011, 23:36

Re: Devianza

Messaggio da Cagliostro » giovedì 17 febbraio 2011, 16:01

Boy-Com sei perdonato per l'OT! :mrgreen:
Grazie per le vostre risposte, più vi leggo e più mi accorgo di quanto ignorante sono, non conosco nemmeno la metà delle cose di cui parlate e questo mi mette in imbarazzo però colgo l'occasione per imparare. :P
La "devianza" che sia stabilita dalla genetica, dalla società, dalla religione è quindi relativa giusto? La devianza diventa tale quando uno la considera devianza, cioè non normalità.
Domanda da 10 milioni di dollari, ma chi stabilisce cos'è la normalità e cosa significa essere normali?
Per esempio per me normale può essere il mio compagno di scuola che va in giro coi capelli rasati e la svastica tatuata sul cranio, per un altro potrebbe essere una devianza e quindi un comportamento anormale e condannabile.
Alla fine lo scopo di stabilire cos'è una devianza è utile, a chi serve?
Voglio tante risposte! :P
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana e non sono sicuro della prima
Albert Einstein


Chi semina raccoglie,
ma chi raccoglie si china...
...e a quel punto è un attimo...

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2405
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: Devianza

Messaggio da Alyosha » giovedì 17 febbraio 2011, 16:22

Si Cagliostro hai fatto una sintesi perfetta la "devianza" viene solo stabilita a tavolino, non centra assolutamente con la genetica (PRIMA CHE ASTER CI BACCHETTI DI NUOVO PER LE FESSERIE CHE SPARIAMO :mrgreen: ), ne con la natura. Non c'è qualcuno che definisce "deviante" qualcosa, ma è piuttosto un modo collettivo di vedere le cose, particolarmente diffuso, ma non per forza corretto. Le società però sono in movimento, sono organismi molto complessi e si trasformano man mano che emergono nuove esigenze. Tieni presente, però, che già parlare di "devianza" presuppone un certo modo di vedere le cose, con il quale sono profondamente in conflitto, ovvero, presupporre che ci sia una "normalità". La normalità semplicemente non esiste. Ci sono cose che hanno livelli di "condivisione" e quindi di "consenso" via via diversi.
Per esempio per me normale può essere il mio compagno di scuola che va in giro coi capelli rasati e la svastica tatuata sul cranio, per un altro potrebbe essere una devianza e quindi un comportamento anormale e condannabile.
E' esattamente così, ciò che per me è "normale" per qualche altro non lo è, ma questo a livello di relazioni personali. A livello sociale il singolo si scontra sempre con il cosidetto "senso comune", che conserva la memoria di un popolo, pregi e difetti. Il senso comune è ciò che ci lega assieme e che ci fa sentire membri di una comunità, una sorta di liquido amniotico nel quale siamo da sempre immersi. E' questa la difficoltà che noi, nella nostra situazione, viviamo: quel modo di vedere l'omosessualità ci appartiene anche quando non lo condividiamo. E' questa la difficoltà del C.O.: liberarsi di quella visione radicata dentro te così profondamente che a volte è difficile anche solo riconsocerla. Alcune volte questa visione è talmente radicata che ce l'hai ancora prima di sapere che sei omosessuale e come nel mio caso fatichi proprio a vederle certe cose. Andare contro corrente, contro la visione del senso comune è difficile. Ma se sai di avere ragione sei chiamato a farlo, sono queste menti qui e quste persone, che hanno la forza di cambiare il senso comune di un epoca. Oggi sono minoranza ma se c'hanno visto giusto domani (magari anche secoli dopo) il mondo camminerà con loro e avrà imparato qualcosa dalla loro ostinazione.
Alcune cose del senso comune sono profondamente vere, altre sono solo retaggi di un tempo che non c'è più e dovrebbero francamente essere superate. C'è da fare uno sforzo per cambiare certe idee, tutti quanti assieme e nel modo giusto. Bisogna cambiare la visione piano piano, con convinzione, ma senza issare palizzate o intraprendere crociate gli uni contro gli altri. Chi ci condanna è comunque una persona come noi, se certe cose siamo riuscite a capirle noi, possono capirle anche loro. Bisogna avere tanta fiducia nel prossimo e di contro anche tanta pazienza e nprepararsi a tante sconfitte. Ma se c'hai la testa dura alla fine la spunti :).

Sai meno della metà delle cose che so io, ma hai anche meno della metà dei miei anni e considerato che per il primi diei più o meno, ho trascritto alfabeto e fatto di conto non è improbabile, che finirari col saper più di me. Serve avere la mente aperta al ragionamento non riempirla inutilmente di contenuti o peggio di segatura. Il nozionismo non serva a nulla riflettere con la mente libera da qualunque schema o preconcetto si.

barbara
Utenti Storici
Messaggi: 2864
Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22

Re: Devianza

Messaggio da barbara » giovedì 17 febbraio 2011, 19:22

Sai Cagliostro, ieri ho assistito a una lezione sull'omofobia, tenuta da una psicoterapeuta di fama nazionale. Molto brava veramente!
Ha detto una cosa che mi ha colpito. ha detto che in adolescenza in particolare da parte dei maschi l'omofobia risponde a una necessità di affermare la propria virilità.
In pratica i ragazzi usano l'omofobia per rassicurare se stessi , per confermare , per costruire la loro immagine di maschi virili.
Tutto ciò accade perché non sono stati abituati a trovare altri modi per esprimere il loro essere maschi e perché il concetto di ciò che è "maschio" è un concetto rigido, cioè fin da piccoli sono stati abituati a pensare che c'è una separazione fra cose da maschi e cose da femmine, che le cose da femmina hanno meno valore, ecc.
Inoltre la non conoscenza dell'essere gay ha portato loro a pensare che essere gay é essere poco virili (cosa che non è vera ovviamente). Di conseguenza prendere le distanze da un gay rassicura i maschi adolescenti in un momento della vita in cui si sentono confusi su tutto, virilità compresa.
Allora secondo questa lettura , dire che l'omosessualità è una devianza serve a dire "io sono normale" e a sentirsi "a posto".
Il che è sbagliato ovviamente e fa soffrire molte persone. Ma se capisci che dietro certe frasi c'è una loro debolezza forse riuscirai a farti meno condizionare dalla loro opinione . Mi piacerebbe sapere che ne pensi, Cagliostro.

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2405
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: Devianza

Messaggio da Alyosha » giovedì 17 febbraio 2011, 19:53

Mi convince molto questa lettura, che ovviamente taglia più sul livello psicologica. Non è che ti ricordi il nome della psicologa mi piacerebeb leggere qualcosa di suo in effetti :)

barbara
Utenti Storici
Messaggi: 2864
Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22

Re: Devianza

Messaggio da barbara » giovedì 17 febbraio 2011, 20:00

Margherita Graglia .Molto simpatica.

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2405
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: Devianza

Messaggio da Alyosha » giovedì 17 febbraio 2011, 20:08

Grazie Barbara visto che ci siamo postiamo questo allora:
http://www.digayproject.org/Archivio-no ... m=186&l=it
credo che presto leggero il libro :):).

«Alcuni dei “guariti” spesso sono bisessuali, persone che avevano già un’attrazione per l’altro sesso. La terapia può incidere sui comportamenti, ma non sul desiderio o sulle fantasie».
Deve essere difficile però costringersi ad atteggiamenti sessuali non spontanei.


Mi va di sottolineare questo, perché credo che è l'unica cosa che avessi ottenuto, cercando di migliorarmi in tutto questo tempo, modificare i miei comportamenti.

Avatar utente
Cagliostro
Messaggi: 413
Iscritto il: venerdì 4 febbraio 2011, 23:36

Re: Devianza

Messaggio da Cagliostro » giovedì 17 febbraio 2011, 22:15

Ho finito di studiare e finalmente posso rispondere! :D
Barbara, ho letto con molta attenzione il tuo post: posso adottarti come mamma? Ne avrei bisogno!
Penso che buona parte degli adolescenti per affermare la loro virilità siano disposti a tutto, parecchi ragazzi della mia scuola sono presi di mira da questi bulli. La loro paura di essere additati come gay è tale che addirittura sfocia anche nella violenza fisica pesante.
Anch'io mi sono trovato a volte ad avere a che fare con questa gente e non è bello. Nessuno minaccia la loro virilità e se questo comportamento dev'essere parte dell'iniziazione alla vita adulta allora spero che passi il più velocemente possibile perchè è veramente un inferno per chi subisce.
Ho letto l'intervento di Margherita Graglia postato da Boy-Com, sono d'accordo quando afferma che l'omosessualità non è una malattia da curare. Io non sono malato, sono una persona che ama "diversamente" da come ama la massa, che ha una sua identità e non penso che per questo motivo debba sottopormi a qualche terapia.
In terapia dovrebbe andare chi vede l'omosessualità come una malattia o una minaccia alla loro stabilità. :evil:
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana e non sono sicuro della prima
Albert Einstein


Chi semina raccoglie,
ma chi raccoglie si china...
...e a quel punto è un attimo...

Nemesis

Re: Devianza

Messaggio da Nemesis » venerdì 18 febbraio 2011, 15:38

boy-com ha scritto:Nemesis credo di essermi proprio spiegato male e in effetti rileggendo mi rendo conto che l'affermazione l'ho buttata lì senza spiegarla
Acc, il solito equivoco! :mrgreen:
Tranquillo, non rispondevo a te, stavo argomentando in generale, magari sono stata io che non mi sono fatta capire bene!
Ad ogni modo mi sembra che siamo d'accordo... Alla prossima! :P

barbara
Utenti Storici
Messaggi: 2864
Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22

Re: Devianza

Messaggio da barbara » venerdì 18 febbraio 2011, 21:31

Vuoi essere adottato? Cagliostro, prendi le marche da bollo che faccio subito i documenti! :lol:
Dove lo trovo un figlio che studia anche quando non dev'essere interrogato???? :mrgreen:
Scherzi a parte, i tuoi saranno sicuramente fieri di te :)

Avatar utente
Cagliostro
Messaggi: 413
Iscritto il: venerdì 4 febbraio 2011, 23:36

Re: Devianza

Messaggio da Cagliostro » venerdì 18 febbraio 2011, 21:49

barbara ha scritto:Vuoi essere adottato? Cagliostro, prendi le marche da bollo che faccio subito i documenti! :lol:
Dove lo trovo un figlio che studia anche quando non dev'essere interrogato???? :mrgreen:
Scherzi a parte, i tuoi saranno sicuramente fieri di te :)
Diciamo che l'invisibilità è la mia condizione naturale in famiglia.
I miei fieri di me? Proprio per niente! Non si può avere tutto nella vita.
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana e non sono sicuro della prima
Albert Einstein


Chi semina raccoglie,
ma chi raccoglie si china...
...e a quel punto è un attimo...

Rispondi