Prof condannata per aver punito studente omofobo

Solitudine, emarginazione, discriminazione, omofobia...
Rispondi
Avatar utente
Cagliostro
Messaggi: 413
Iscritto il: venerdì 4 febbraio 2011, 23:36

Prof condannata per aver punito studente omofobo

Messaggio da Cagliostro » venerdì 18 febbraio 2011, 17:10

Project, non so se questa è la sezione giusta per questo topic. Ti ringrazio fin da ora e nel caso avessi sbagliato, spostalo pure dove ritieni più opportuno. :mrgreen:

Ho trovato questa notizia on-line, un'insegnante di Palermo è stata condannata a un anno di reclusione per aver fatto scrivere 100 volte alla lavagna "sono un deficiente" ad uno studente omofobo perchè, insieme a due coetanei, aveva impedito a un compagno di classe di entrare nel gabinetto dei maschi dicendogli «non ti facciamo passare perchè tu sei una femminuccia, un gay».
Due si sono scusati ma lui si è rifiutato perciò l'insegnante decise di punirlo. La famiglia dello studente ha difeso a spada tratta il ragazzo chiedendo un risarcimento danni perchè secondo loro il figlio era stato psicologicamente traumatizzato.
Lascio il link per chi vuole leggere e commentare: io trovo assurdo che venga condannata un'insegnante perchè ha cercato di contrastare un comportamento sbagliato e lesivo per gli altri ragazzi. Forse i genitori dello studente "aggressore" avrebbero dovuto far capire al figlio che stava sbagliando ma evidentemente la pensano allo stesso modo del figlio: l'omofobia deve far parte intregrante di quella famiglia.

http://gaynews24.com/?p=19076
Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana e non sono sicuro della prima
Albert Einstein


Chi semina raccoglie,
ma chi raccoglie si china...
...e a quel punto è un attimo...

jack89
Messaggi: 81
Iscritto il: domenica 27 dicembre 2009, 21:25

Re: Prof condannata per aver punito studente omofobo

Messaggio da jack89 » venerdì 18 febbraio 2011, 17:31

mah.. far scrivere 100 volte "sono un deficiente" mi sembra vada nella direzione opposta a quella dell'educare alla diversità: da un deficiente non ci aspetta che comprenda la diversità e la rispetti, è una sorta di rimarcare il suo diritto a comportarsi male in quanto deficiente.

magari era meglio una sospensione no?

Avatar utente
claude86
Messaggi: 93
Iscritto il: lunedì 6 settembre 2010, 21:13

Re: Prof condannata per aver punito studente omofobo

Messaggio da claude86 » venerdì 18 febbraio 2011, 17:40

"non è stata fatta giustizia. La mia cliente è profondamente offesa ed amareggiata. Si sente tradita dalle istituzioni"

non solo lei, ma tutti gli uomini di buona volontà

Nemesis

Re: Prof condannata per aver punito studente omofobo

Messaggio da Nemesis » venerdì 18 febbraio 2011, 17:54

jack89 ha scritto:mah.. far scrivere 100 volte "sono un deficiente" mi sembra vada nella direzione opposta a quella dell'educare alla diversità: da un deficiente non ci aspetta che comprenda la diversità e la rispetti, è una sorta di rimarcare il suo diritto a comportarsi male in quanto deficiente.
magari era meglio una sospensione no?
Un deficiente? Quel ragazzo si è finto deficiente solo perchè gli faceva comodo, in realtà è molto intelligente e sfrutta la sua intelligenza in atti di delinquenza e bullismo. E' assurdo scrivere che non ci si aspetta che comprenda la diversità e la rispetti, lui DEVE rispettare le altre persone come è giusto che faccia ogni altra persona sulla faccia della Terra.
Se l'insegnante ha sbagliato, ha sbagliato solo nella punizione, fosse per me l'avrei preso a cinghiate in faccia.
Ha fatto bene a fargli scrivere "sono un deficiente", a umiliarlo di fronte agli altri perchè è il solo tipo di punizione efficace per una persona che ha fatto dell'umiliare gli altri il suo credo. La sospensione, che in ogni caso non sarebbe scattata, non serve a niente con persone simili.
Questa professoressa è un esempio lodevole perchè per una volta tanto ha difeso Abele e non Caino, si è schierata dalla parte del ragazzo vittima di bullismo e non dalla parte del bullo.
Io ho subito anni e anni di bullismo, ho ricevuto insulti di ogni tipo e nessun insegnante mi ha mai difesa, se parlavo non mi credevano oppure non mi davano ragione.
Sono arrivata al punto che non ero nemmeno capace di parlarne a casa perchè la vergogna era tale che stavo troppo male per farlo e perchè a furia di subire ero diventata inerme, credevo davvero fosse colpa mia se si comportavano in quel modo. Ci sono notti in cui sogno di dover tornare a scuola e sto male, momenti in cui ricordo il passato e mi si stringe lo stomaco e ciò che mi fa rabbia è che quegli s****i che mi hanno ferita vivono tuttora molto meglio di me continuando a comportarsi da bulli, mentre le cicatrici che mi porto addosso per causa loro non se ne andranno mai.
Se un solo insegnante avesse punito uno di quelli facendogli anche soltanto scrivere "sono un deficiente" le cose sarebbero andate in modo molto diverso.

jack89
Messaggi: 81
Iscritto il: domenica 27 dicembre 2009, 21:25

Re: Prof condannata per aver punito studente omofobo

Messaggio da jack89 » venerdì 18 febbraio 2011, 21:53

Io ho subito anni e anni di bullismo, ho ricevuto insulti di ogni tipo e nessun insegnante mi ha mai difesa, se parlavo non mi credevano oppure non mi davano ragione.
Mi dispiace, davvero.

Ma resto dell'avviso che un insegnante che fa scrivere "sono un deficiente" a un alunno sia un pessimo insegnante. Ci sono altri tipi di punizione sensati.

barbara
Utenti Storici
Messaggi: 2864
Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22

Re: Prof condannata per aver punito studente omofobo

Messaggio da barbara » venerdì 18 febbraio 2011, 22:16

E' un vero peccato che questa vicenda sia finita così. Se l' insegnante non avesse reagito d'istinto , probabilmente avrebbe potuto ottenere un risultato più efficace. Specialmente se si vuole andare contro corrente , è fondamentale rispettare certe regole e mantenere il sangue freddo. In caso contrario si passa dalla parte del torto e ciò non giova affatto all'obiettivo che si vuole perseguire.
Alla fine il messaggio che è passato fra gli studenti e le famiglie è contrario a quello che l'insegnante stessa si augurava. Probabilmente i giudici di primo grado hanno cercato di salvare il salvabile, ma era oggettivamente difficile sostenere che il tipo di punizione scelta fosse educativa.
Capisco bene la rabbia di Nemesis e la condivido. Proprio per questo certe battaglie vanno combattute senza improvvisare e ponderando bene le proprie mosse.
Ciò non toglie che la scelta dei genitori di quel ragazzo di denunciare l'insegnante è , a mio avviso, la cosa più deleteria che un genitore potrebbe fare per il proprio figlio in un'occasione del genere.

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2405
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: Prof condannata per aver punito studente omofobo

Messaggio da Alyosha » venerdì 18 febbraio 2011, 23:04

Si anche per me l'insegnate ha fatto bene. E' brutto punire un ragazzo facendogli scrivere "sono deficiente" ma ancor apiù brutto maltrattare le persone in questo modo e ancora peggio il fatto che ormai agli insegnanti on è più riconosciuta alcuna autorità e alcun ruolo educativo, per cui appena si è in contrasto con loro li si scavalca subito. Sono stati tanto massacrati gli insegnanti, ma la scuola è e resta uno dei pochi spazi dove può passare il rinnovamento. Forse avrei tentato modi più gentili che avessero veramente fatto capire a questi ragazzi quanto hanno sbagliato, quello si, perché in effetti così secondo me non hanno capito proprio nulla..

Avatar utente
Volonté Duvall
Messaggi: 195
Iscritto il: domenica 9 gennaio 2011, 10:34

Re: Prof condannata per aver punito studente omofobo

Messaggio da Volonté Duvall » mercoledì 9 marzo 2011, 17:02

Nemesis ha scritto:Un deficiente? Quel ragazzo si è finto deficiente solo perchè gli faceva comodo, in realtà è molto intelligente e sfrutta la sua intelligenza in atti di delinquenza e bullismo. E' assurdo scrivere che non ci si aspetta che comprenda la diversità e la rispetti, lui DEVE rispettare le altre persone come è giusto che faccia ogni altra persona sulla faccia della Terra.
Se l'insegnante ha sbagliato, ha sbagliato solo nella punizione, fosse per me l'avrei preso a cinghiate in faccia.
Ha fatto bene a fargli scrivere "sono un deficiente", a umiliarlo di fronte agli altri perchè è il solo tipo di punizione efficace per una persona che ha fatto dell'umiliare gli altri il suo credo. La sospensione, che in ogni caso non sarebbe scattata, non serve a niente con persone simili.
Questa professoressa è un esempio lodevole perchè per una volta tanto ha difeso Abele e non Caino, si è schierata dalla parte del ragazzo vittima di bullismo e non dalla parte del bullo.
Io ho subito anni e anni di bullismo, ho ricevuto insulti di ogni tipo e nessun insegnante mi ha mai difesa, se parlavo non mi credevano oppure non mi davano ragione.
Sono arrivata al punto che non ero nemmeno capace di parlarne a casa perchè la vergogna era tale che stavo troppo male per farlo e perchè a furia di subire ero diventata inerme, credevo davvero fosse colpa mia se si comportavano in quel modo. Ci sono notti in cui sogno di dover tornare a scuola e sto male, momenti in cui ricordo il passato e mi si stringe lo stomaco e ciò che mi fa rabbia è che quegli s****i che mi hanno ferita vivono tuttora molto meglio di me continuando a comportarsi da bulli, mentre le cicatrici che mi porto addosso per causa loro non se ne andranno mai.
Se un solo insegnante avesse punito uno di quelli facendogli anche soltanto scrivere "sono un deficiente" le cose sarebbero andate in modo molto diverso.
Nemesis, capisco come ti senta ancora per ciò e come ti sia potuta sentire, visto che l'ho vissuto sulla mie pelle. Le cicatrici non potranno andare via, ma una cosa resta con esse, ovvero che bisogna fare di tutto per evitare che ne compaiano altre. E' giusto dunque che tu ritenga giusta, se nn limitata, l'azione punitiva della professoressa, però prova a pensare se questa tua visione di violenta punizione non sia dettata dalla sofferenza che hai sopportato e da quegli anni. Non rispondere al rancore con rancore, solo questo.
A mio parere quel gesto può essere stato buono, perchè comunque intacca una sfera che forse ahimè ormai è l'unica che interessa i giovani coetanei nostri, ovvero il rispetto all'interno del branco: "umiliarlo" davanti agli altri potrebbe essere servito, ma non ne sono così sicuro.
E' ovvio che manca l'azione più importante, ovvero un intervento da parte della famiglia dell'omofobo che cerchi di fargli capire che ha sbagliato ma purtroppo i fatti ci dicono altro...
L'educazione deve partire da sè stessi. Se noi nn siamo così mentalmente aperti, deve partire dalla famiglia, vero nucleo educativo e pedagogico...
Ma anche in questo caso lascia a desiderare.
Il problema è radicato, è un morbo sociale...e l'unica cosa che la massa sa fare è vedere in noi il morbo.
Scoprii di essere un Nessuno...di non essere completo.
Proprio come tutti loro, ero venuto al mondo senza un cuore.
Avrebbe fatto qualche differenza?
Se avessi un cuore...allora sarei "qualcuno"?

http://shufflecoffee.blogspot.com/

Avatar utente
davide
Messaggi: 465
Iscritto il: domenica 2 gennaio 2011, 23:38

Re: Prof condannata per aver punito studente omofobo

Messaggio da davide » mercoledì 9 marzo 2011, 19:50

Gandhi dicevs:occhio per occhio il mondo e il mondo diventa ceco.Avrà fatto bene,avrà fatto male?bè ora è inutile starne tanto a discutere perche l'atto è stato compiuto.Semplicemente in quell'istante l'insegnante ha ritenuto che quello fosse il metodo più "efficace" con cui colpevolizzare l'alunno e tentare di fargli prendere consapevolezza di cio che aveva fatto.Delle volte le maniere forti servono,anche se non credo che quel"Deficiente" lo abbia scosso più di tanto.I ragazzi d'oggi sono diventati di ferro nel senso che ci vuole altro per smuoverli dentro(ovviamente qui si generalizza).Quello che fa davvero indignare è stato il comportamento dei genitori,se il loro figlio ha ricevuto dei cosidetti traumi "psicologici" il poveretto che è stato additato allora che avrebbe dovuto subire?? Sembra di essere finiti in una dimensione alternativa dopo chi dovrebbe essere punito finisce per essere l'innocente e il malcapitato diventa il colpevole perche si è trovato al posto sbagliato nel momento sbagliato...roba da pazzi

sono una foglia che danza portata dal vento. vengo a cercarti...per incontrarti di nuovo come fosse la prima volta

Rispondi