Esperienze che fanno riflettere...

Solitudine, emarginazione, discriminazione, omofobia...
Rispondi
Rayden
Messaggi: 67
Iscritto il: sabato 1 gennaio 2011, 19:19

Esperienze che fanno riflettere...

Messaggio da Rayden » domenica 15 maggio 2011, 21:00

Oggi sono stato al Salone Internazionale del Libro (conosciuto anche come Fiera del Libro), un grande evento che si tiene annualmente a Torino e che raccoglie centinaia di migliaia di visitatori. Oltre agli innumerevoli stand di altrettante innumerevoli case editrici, sono stati organizzati molti incontri ad ingresso libero con scrittori, giornalisti, professori ed esponenti del mondo della comunicazione, chiamati a trattare argomenti di attualità.

Fra gli incontri in calendario oggi, mi ha colpito quello di uno scrittore (non più giovane) venuto a presentare il suo nuovo libro, in cui racconta delle proprie esperienze vissute come omosessuale. All'inizio non sapevo se andare ad assistere, temendo che, non essendo dichiarato, avrebbe potuto essere imbarazzante per me. Poi mi sono deciso e sono entrato nella sala, anche perché, nonostante i giovani fossero relativamente pochi (e questo mi ha un po' deluso), c'erano così tanti spettatori e invitati speciali che la mia presenza sarebbe passata assolutamente inosservata (e così è stato).

Non voglio parlare dei contenuti del libro che è stato presentato né del commento dello scrittore, ma soltanto dell'intervento che ha fatto l'esponente di una sezione friulana di un'importante associazione nazionale a tutela dei diritti GLBT. Trattando delle iniziative più recenti dell'associazione, ha mostrato in slide una fotografia che lo riproduceva mentre dava un bacio al suo compagno (beato lui :D) e che sarebbe stata utilizzata per promuovere a livello locale la giornata internazionale contro l'omofobia.
Quindi, ha raccontato che, in seguito alla diffusione dei volantini contenenti quell'immagine, si è sollevata una bufera nella Giunta regionale, con critiche così aspre e invettive così dure contro un atteggiamento tanto scandaloso ed immorale (come ho detto, nient'altro che un bacio, come se ne vedono in qualunque pubblicità, giornale o rivista, soltanto tra due uomini), da indurre lui ed il suo compagno a preoccuparsi che la sera la porta di casa fosse sempre ben chiusa a chiave.

Dopo di che, ha osservato che negli ultimi giorni vi è stato un esponente politico che, in un comizio, rivolgendosi ad un avversario politico gay, gli ha dato del "busone" (termine spregiativo per indicare una persona omosessuale). Ma ciò che mi ha impresso più amarezza è stato udire la ripetizione delle frasi pronunciate negli ultimi anni da questo signore qui sotto, in un'intervista poi pubblicata su youtube: http://www.youtube.com/watch?v=T7-WJSm6qZ4.

La cosa mi lasciarebbe poco più che indifferente se si trattasse di un uomo qualunque, perché ormai ho capito da tempo che di gente ignorante ce n'è tanta. Il problema è che questo non è un tizio qualunque, ma si tratta dell'attuale prosindaco di Treviso (il quale non è sindaco solo perché ha già ricoperto quell'incarico per due mandati consecutivi), che ha ricevuto e continua a ricevere un consenso strepitoso nella sua città dai suoi concittadini.

Com'è possibile che martedì ci si trovi a festeggiare la giornata contro l'omofobia e, svegliandosi il mercoledì, si torni a sostenere chi giudica incostituzionale la pubblicità di due uomini che si tengono per mano, a gridare allo scandalo per una foto raffigurante due ragazzi che si baciano, a ritenere che la soluzione per i gay sia la "pulizia etnica".

E' doppiezza, ipocrisia, incoerenza, cattiveria o semplice ignoranza? In tal caso, è meglio la gente il martedì sera si conceda una bella sbronza, così che almeno mercoledì potrà dormire tutto il giorno.

Rayden

P.S. Scusate per la lunghezza, (forse avrei potuto inserire questo post in coda a quello che apre il topic di Nemesis), però l'esperienza di oggi mi ha devvero rovinato la giornata...

guy21
Utenti Storici
Messaggi: 1014
Iscritto il: martedì 19 maggio 2009, 19:33

Re: Esperienze che fanno riflettere...

Messaggio da guy21 » domenica 15 maggio 2011, 21:43

posso capire l'amarezza perchè l'ho anche io, non se nè può più di questa gente.
comunque se non si fanno iniziative o cose del genere dubito che cambierà qualcosa, già noi siamo pigri impauriti e terrorizzati. se poi bolliamo ogni singola iniziativa a nostro favore bè allora ci facciamo del male da soli, ci tiriamo addosso la zappa. almeno così la penso.

barbara
Utenti Storici
Messaggi: 2864
Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22

Re: Esperienze che fanno riflettere...

Messaggio da barbara » domenica 15 maggio 2011, 22:23

Quoto in pieno, Guy!

Avatar utente
Atlas
Messaggi: 8
Iscritto il: mercoledì 27 aprile 2011, 10:24

Re: Esperienze che fanno riflettere...

Messaggio da Atlas » lunedì 16 maggio 2011, 0:01

non credo sia incoerenza o ipocrisia, tanto il prosindaco di treviso non penso festeggi la giornata mondiale contro l'omofobia, coerentemente con se stesso:)
"Perché un uomo solo che grida il suo no, è un pazzo. Milioni di uomini che gridano lo stesso no, avrebbero la possibilità di cambiare veramente il mondo."

Rayden
Messaggi: 67
Iscritto il: sabato 1 gennaio 2011, 19:19

Re: Esperienze che fanno riflettere...

Messaggio da Rayden » lunedì 16 maggio 2011, 23:19

E' vero Atlas, se guardiamo al vicesindaco non si può parlare di incoerenza. Il fatto è che egli non ricoprirebbe quella carica se non fosse stato sostenuto da diverse migliaia di persone. Peraltro, se ci spostiamo da Treviso all'Italia, quelle migliaia di persone diventano sicuramente svariati milioni, che con il loro consenso e il loro voto permettono a coloro che portano avanti idee omofobe (e lo dimostrano ogni giorno) di raggiungere i ruoli e le posizioni di potere necessari per metterle finalmente in pratica. Se così non fosse, non staremmo qui a parlarne.

Secondo me, una giornata contro l'omofobia si giustifica ed è positiva nella misura in cui va a coronare il raggiungimento di un traguardo, ovvero il comune superamento dei pregiudizi e la comune volontà di condividere dei valori che prescindono dalle posizioni personali di ognuno, esattamente come è successo per altre giornate importanti, come quella dei lavoratori e quella del bambino: stanno a significare che tutti concordano sulla necessità di tutelare i diritti di queste fasce sociali, avendo finalmente trovato una posizione comune, che si fonda su valori condivisi.

E' brutto dirlo, ma per i gay non è così: si pensa, forse inconsapevolmente, di festeggiare con una giornata dedicata il comune sentimento di un Paese contro l'omofobia. L'incoerenza sta proprio nel fatto che manca un sentimento condiviso da festeggiare, così che la giornata di domani finirà per essere una bellissima cornice senza un dipinto da incorniciare.

Rayden

Avatar utente
Sciamano
Utenti Storici
Messaggi: 535
Iscritto il: martedì 4 agosto 2009, 14:35

Re: Esperienze che fanno riflettere...

Messaggio da Sciamano » martedì 31 maggio 2011, 23:37

Hai ragione Rayden, il problema credo proprio che siccome politicamente si è bloccati tra leggi inesistenti se non addirittura spazio per l'omofobia, quello che si può fare è qualche campagna (da tanti duramente criticate) o qualche "festa" o "giorno dedicato a", ma questi sono miseri palliativi: non cambiano la mentalità, non hanno effetti su leggi e politica... e soprattutto non risolvono la grave ignoranza che c'è in tantissima gente.

Il problema dell'ignoranza è che uno vuol conoscere quel che gli interessa, se poi i suoi atteggiamenti ignoranti creano serio danno ad altri, ma non a se stessi e al gruppo familiare e di amici e di colleghi di lavoro suoi, temo che di norma non importi proprio. Alla fine è una questione di egocentrismo...

E' un mondo tremendo quello umano, mi sento un pesce fuor d'acqua.
Cercare la felicità rispettando gli altri, sarebbe una grande conquista per l'umanità!

Rispondi