Uomo gay sposato con figli

Solitudine, emarginazione, discriminazione, omofobia...
Rispondi
Avatar utente
frustration
Messaggi: 45
Iscritto il: venerdì 3 febbraio 2012, 9:39

Re: Sposato con figli

Messaggio da frustration » sabato 22 settembre 2012, 3:55

Condivido pienamente quanto già detto dagli altri...anch'io quando mi sono sposato non avevo piena coscienza della mia vera natura, e non volevo nascondermi dietro un matrimonio...io ci credevo....
capisco lo spirito con cui dici ciò che dici riguardo alle nostre mogli Nero, ed in parte lo condivido anche, ma se tu ti rendessi minimamente conto della profonda sofferenza che quotidianamente noi viviamo, sono sicuro non faresti certe affermazioni...
La nostra quotidianità è la peggior tortura e la peggiore delle punizioni, credimi.

Alyosha, che dirti....grazie di cuore x le belle parole e per la comprensione...
Da quando hai cambiato nickname mi piace di più ciò che scrivi :mrgreen:
Can you repeat the part of the stuff where you said all about the things ?
(Homer Simpson)

Avatar utente
Nero
Messaggi: 11
Iscritto il: lunedì 17 settembre 2012, 11:41

Re: Sposato con figli

Messaggio da Nero » sabato 22 settembre 2012, 11:21

Frustration, è proprio perchè condivido quello che tu scrivi , che dico certe cose, sono sicuro che quello che affermi sia vero "La nostra quotidianità è la peggior tortura e la peggiore delle punizioni" ed è proprio questo il punto, oggi un ragazzo che si trova ad affrontare questa situazione, potrebbe cercare su questo forum delle opinioni estranee che lo aiutino a farsi un quadro quanto più ampio possibile della situazione, ecco io credo a che quel ragazzo servano anche quelle più dure.
Solo questo, perciò affermavo di non voler giudicare nessuno.

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2418
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: Sposato con figli

Messaggio da Alyosha » sabato 22 settembre 2012, 14:32

frustration sono io che devo ringraziare voi, se ho maturato una considerazione diversa è proprio leggendo i vostri post. Purtroppo non si nasce comprensivi, le situazioni si capiscono o quando ci trova direttamente coinvolti o quando si prova ad ascoltare evitando di dare giudizi grossolani ed esterni alle cose. Valutare ciò che si vede in superficie è un errore che facciamo tutti e nemmeno io ne sono esente. Sono contento abbiate questa valvola di sfogo e non solo per voi, ma anche perché gente come me può accedere alle vostre esperienze e arricchirsene.
SI quella in cui ci siamo conosciuti è stat una fase di passaggio per me molto turbolenta :), spero di essermi ripreso... Come spero che presto anche tu cambierai nick e che possa acquietarsi la tua frustrazione.
Un abbraccio sentitissimo!

Leo70
Messaggi: 71
Iscritto il: martedì 28 giugno 2011, 23:35

Re: Sposato con figli

Messaggio da Leo70 » sabato 22 settembre 2012, 23:37

Beh dai...ci siamo compresi...povero Nero!!!!
Siamo esseri umani, tutti possiamo sbagliare una valutazione ...ma anche un'interpretazione!!!
Credo che nessuno qui voglia creare problemi o citicare l'altrui posizione...siamo un po' tutti sulla stessa barca...chi più chi meno.
Come va cari maritini? Affettuosissimi papà? Cerchiamo di sdrammatizzare un po' altrimenti finiamo tutti in depressione...
Per quanto mi riguarda, terminata la mia parentesi di gloria (indimenticabile camminata in riva al mare di una settimana fa con un giovane uomo...)sono ritornato con i piedi per terra: non ci sono alternative se si vuole tirare avanti!
Che si fa ragazzi? Avete dei consigli? Sono a conoscenza che alcuni del forum a volte si incontrano...ben per loro...ma sono single!! Per noi sposati con figli, a parte chi lo fa per lavoro, è molto difficile trovare una scusa per viaggiare. Spesso l'unica possibilità per noi diventa avere la fortuna di conoscere qualcuno in zona...e trovarsi a metà strada...ma non è per niente facile, anzi!!!
Che fare allora...non sarebbe male "regionalizzare" un po' gli iscritti...ma ne andrebbe di mezzo la privacy!!
In effetti trovarsi di persona, camminare fianco a fianco, guardarsi negli occhi, potersi aprire liberamente con un proprio simile...beh è tutta un'altra cosa!!!
Nella nostra situazione familiare poi, condivisione, comprensione ed empatia sono fondamentali.
Un abbraccio a tutti.
Leo

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5556
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: Sposato con figli

Messaggio da progettogayforum » domenica 23 settembre 2012, 13:34

Ciao Leo, se devo essere sincero non punterei sull’idea di un rapporto a due ma sulla creazione di una rete di amicizie che permetta di stare bene insieme, di parlare, di confrontarsi, senza che ci siano altre finalità. Quando mi capita di uscire coi ragazzi del Progetto, siamo sempre un gruppetto, ieri eravamo sette. Essere in un gruppo non crea attese né illusioni, l’atmosfera è molto più distesa e il dialogo può diventare serissimo. Non c’è l’illusione di stare sul punto di cominciare una storia d’amore, si tratta di cose che sono apparentemente di basso profilo e che non somigliano a una storia d’amore, in effetti sono bei rapporti di amicizia che sono comunque fondamentali, non presentano gli aspetti critici delle relazioni di coppia ma contribuiscono enormemente alla stabilità affettiva dei singoli. Io penso che queste cose possano essere il vero punto di partenza per un gay sposato. Sembrano cose di serie B, ma sono realmente fondamentali e molto più stabili e molto più facili da gestire della maggioranza dei rapporti di coppia.

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2418
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: Sposato con figli

Messaggio da Alyosha » domenica 23 settembre 2012, 17:01

Che è poi esattamente quello che vorre in questo momento, una rete di amicizie... anzi vorrei proprio una comitiva gay...

Leo70
Messaggi: 71
Iscritto il: martedì 28 giugno 2011, 23:35

Re: Sposato con figli

Messaggio da Leo70 » lunedì 24 settembre 2012, 10:03

Ciao Project,
assolutamente d'accordo con te sull'opportunità di creare una rete di amicizie, è proprio quello che mi auspicavo nel mio precedente intervento...ma come d?
Ripeto che chi è sposato e con figli gli è un po' difficile viaggiare se proprio non lo fa per lavoro!
Non resta altro che sperare di conoscere qualcuno in zona e ritagliarsi una mezza giornata.
E non credo che sia una difficoltà solo mia questa da quanto mi è stato riferito anche da altri iscritti ...

Fortezza
Messaggi: 26
Iscritto il: giovedì 26 gennaio 2012, 22:48

Re: Sposato con figli

Messaggio da Fortezza » martedì 25 settembre 2012, 17:09

Sono situazioni in cui tutti viviamo, me compreso. Ma come per Leo, Frustration o bad_boy e altri il nostro matrimonio non è stata una copertura. Con la maturità forse certe cose ci appaiono più chiare ma sempre incerte sulle scelte da fare con tutte le paure e annessi ed è giusto come dice Alyosha affontare la sessualità e tutto il resto come una condizione "normale" da vivere dalla scuola in poi.
Quello che è successo a me o a Leo o a giait non è la svolta, al momento, di bad_boy: forse perché non ne abbiamo il coraggio o altro. Ma dobbiamo fare il grande passo o questo passo poi significa rimanere soli come scrive Alyosha ? Qui non siamo soli: ho trovato compagni d'avventura, di viaggio con cui mi sono aperto, sfogato, confrontato. E penso che sia una bella cosa, anche per come dice di Project, poter instaurare quei legami d'amicizia, magari anche non virtuali, che ci possono far star meglio. Poter vedere un volto che vive le stesse tue ansie, paure e non uno schermo freddo. Certo non abitiamo tutti nella stessa città ma se anche fossimo vicini una scusa plausibile si potrebbe penso trovare e non penso ci sarebbero problemi di privacy: nessuno sta mettendo nessuno alla gogna. Un collega un impegno di lavoro, non so, sto inventando, ma almeno siamo usciti dal guscio. Quello che stiamo vivendo è un orientamento e non una maschera? E allora lasciamo che il nostro vento "orienti" la nostra barca a vela dove vuole, basta avere le cime ben salde (per ora). Se poi saltano, vedremo il da farsi.

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5556
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: Sposato con figli

Messaggio da progettogayforum » martedì 25 settembre 2012, 20:55

Ciao Fortezza!
Beh, ti dico una cosa, per I gay sposati, come per tutti gay, la cosa fondamentale non è cercarsi un compagno, cosa che è problematica anche per I gay che non hanno vincoli matrimoniali. Oggi moltissimi gay non vivono in coppia per loro scelta, sia ben chiaro non perché devono darsi al sesso sfrenato ma perché non si sentono a loro agio in una situazione di vincoli stretti. Per tutti i gay la cosa fondamentale è l’amicizia, è creare legami meno impegnativi ed esclusivi dei legami di coppia ma comunque tali da dare alla omosessualità il volto umano di persone reali e non il senso della trasgressione o peggio del tradimento.
Sabato scorso sono stato con un gruppo di ragazzi del progetto, beh, è stata une bellissima giornata, proprio una giornata tra amici. Queste cose servono a vedere i gay e l’omosessualità per quello che sono realmente al di là di qualsiasi mitizzazione in positivo o in negativo. Per un gay sposato, anche solo poter parlare tranquillamente faccia a faccia con altri gay significa poter uscire dalla dimensione dell’angoscia e della solitudine. Poi ognuno farà i suoi conti con la sua realtà ma partendo dall’amicizia e mettendo da parte le scelte dettate dalla frenesia tipica di chi si avvicina alla omosessualità senza conoscere di che cosa si tratta e quindi inevitabilmente con una marea di miti e di pregiudizi ben radicati in mente.

Fortezza
Messaggi: 26
Iscritto il: giovedì 26 gennaio 2012, 22:48

Re: Sposato con figli

Messaggio da Fortezza » martedì 25 settembre 2012, 22:55

Ciao Project, beh ben lontan da me pregiudizi e simili e chiedo scusa se per caso qualcuno possa interpretare la mia frase poter instaurare quei legami d'amicizia, magari anche non virtuali, che ci possono far star meglio come la ricerca di un qualcosa che per anni magari uno può aver represso e deve nella realtà darsi a trasgressioni o tradimenti. Condivido in pieno quello che dici: legami d'amicizia in cui ci si confronta, ci si lascia alle spalle angoscia e frustrazioni per appunto uscire anche dalla solitudine. Ho avuto la fortuna (poca) di conoscere ragazzi e persone gay rispettandone la lora vita senza invidiarli ne compatendoli. Forse come loro anche noi nel nostro dolore vogliamo avere quei rapporti umani come persone normali per quello che stiamo attraversando senza trovare il principe azzurro e pensare che per un gay lo sia, con o senza trasgressioni. Tardi, si ma lo stiamo attraversando. Ecco perché sono e siamo quà, per confrontarci e parlare.
Spero che il mio post non abbia fatto fraintendere nemmeno te.

Un saluto
Fortezza
Ultima modifica di Fortezza il mercoledì 26 settembre 2012, 0:45, modificato 1 volta in totale.

Rispondi