perché?

Solitudine, emarginazione, discriminazione, omofobia...
Rispondi
Grain of Sand
Messaggi: 48
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2011, 17:26

perché?

Messaggio da Grain of Sand » domenica 11 settembre 2011, 11:57

Che tristezza...la serata di ieri mi ha fatto riflettere e mi ha gettato un po’ nello sconforto...
Un’amica alla quale tengo molto per l’ennesima volta ha ribadito la difficoltà che prova nel reprimere quello che sente per me...più o meno un mesetto fa, dopo un periodo di tensione, le avevo parlato del mio stato confusionale e delle mie insicurezze a livello di orientamento sessuale anche per spiegarle perché, nel momento in cui avevo capito che lei cercava qualcosa di diverso dall’amicizia, mi fossi un po’ chiuso in me stesso e allontanato...nonostante sia stata molto comprensiva ed il nostro rapporto sia “rinato” (ed anzi io mi sento ancora più legato a lei perché lei ed un ragazzo sono gli unici a sapere di me) io soffro nel sapere quanta fatica faccia a far finta di nulla, a vedermi come un semplice amico.
Ieri sera dopo una giornata di silenzio, il suo messaggio mi ha spiazzato o meglio mi ha preoccupato...è facile lamentarsi di essere soli (a livello di coppia), mi capita spesso, ma è tremendamente difficile sapere che qualcuno è lì che non aspetta altro se non avere una chance con te e non poterci far nulla...specie se questo qualcuno è una persona splendida, che ti fa star bene e nella quale ritrovi molto di ciò che hai sempre cercato.
Non riesco a non chiedermi PERCHE’?
Perché dev’essere tutto così difficile? Perché non posso contraccambiare questo sentimento? Perché non posso volerle bene nel modo in cui lei vorrebbe? Perché non posso stare con lei senza dubbi? Perché non riesco a provare quello che realmente vorrei? E ancora mi viene da dire: perché non può arrivare qualcuno, un ragazzo (perché ormai so che è quello che cerco) che possa dirmi “è stato giusto così perché tu stavi aspettando me...ed ora io sono qui”.
Eppure so di non poter accantonare questa cosa e buttarmi, perché non sarebbe giusto, perché l’ho già fatto in altre situazioni e non ho fatto che fare del male a ragazze meravigliose.
Come se non bastasse a fine settimana rivedrò dopo tanto tempo una mia compagna di università...nell’ultimo nostro incontro lei mi ha chiaramente detto che le ho sempre fatto un certo effetto e che sarebbe pronta per lanciarsi in qualcosa di più... -.-
Non so come andrà questa volta, ho un po’ paura di scoprirlo, a volte mi verrebbe voglia di girare con un cartello: “Sono gay, non innamoratevi di me per favore!” :roll:
Ok, ora sto cercando di auto sdrammatizzare, ma mi fa male pensare al “male che sto facendo” ad alcune persone senza volerlo e senza poter far nulla per evitarlo...perché devo infrangere cuori se già sento che il mio cade a pezzi?
Basta, bon, ora la smetto, non so perché ho scritto questa cosa, forse volevo solo sfogarmi e non sapevo come fare, spero che vada tutto bene e che la tristezza passi... :(
Buona domenica a tutti ragazzi.

guy21
Utenti Storici
Messaggi: 1014
Iscritto il: martedì 19 maggio 2009, 19:33

Re: perché?

Messaggio da guy21 » domenica 11 settembre 2011, 12:20

devo dire che hai scritto ciò che penso molte volte, è successo anche a me le cose che scrivi, e devo dire che mi chiedo le stesse identiche cose, mi ci ritrovo al 100% in quello che scrivi, e mi chiedo anche il perchè. mi chiedo sopratutto il perchè dio ci abbia dato questo sentimento bellissimo che può migliorare il mondo, fare del bene a tutti e insomma migliorare le cose e farcelo provare per poi stare male se non corrisposto?
perchè provare un sentimento inutile se non posso condividerlo con chi è destinato perchè? perchè?
credo che non troverò risposta a queste domande.

Avatar utente
marc090
Amministratore
Messaggi: 888
Iscritto il: sabato 23 aprile 2011, 1:00

Re: perché?

Messaggio da marc090 » domenica 11 settembre 2011, 15:47

guy20 ha scritto:devo dire che hai scritto ciò che penso molte volte, è successo anche a me le cose che scrivi, e devo dire che mi chiedo le stesse identiche cose, mi ci ritrovo al 100% in quello che scrivi, e mi chiedo anche il perchè. mi chiedo sopratutto il perchè dio ci abbia dato questo sentimento bellissimo che può migliorare il mondo, fare del bene a tutti e insomma migliorare le cose e farcelo provare per poi stare male se non corrisposto?
perchè provare un sentimento inutile se non posso condividerlo con chi è destinato perchè? perchè?
credo che non troverò risposta a queste domande.
Forse un po' banale come frase (la mia ovvio :) ) ma missà proprio che la risposta non è da cercare in Dio ma nell'uomo e questa strana società che ci siamo costruiti...
Per prima cosa portarono via i comunisti, e io rimasi in silenzio perché non ero un comunista. Poi se la presero coi sindacalisti, e io che non ero un sindacalista non dissi nulla. Poi fu il turno degli ebrei, ma non ero ebreo.. E dei cattolici, ma non ero cattolico... Poi vennero da me, e a quel punto non c'era rimasto nessuno che potesse prendere le difese di qualcun altro.
Martin Niemoller


Marc090 -- Amministrazione di ProgettoGay

Machilosa
Messaggi: 385
Iscritto il: giovedì 7 luglio 2011, 22:56

Re: perché?

Messaggio da Machilosa » domenica 11 settembre 2011, 22:10

Eh, belle domande, belle domande... mi pare di rileggere il post in cui parlavo della mia situazione, estremamente simile.
Bè, se fai cadere fanciulle ai tuoi piedi ad ogni passo, prima o poi saprai irretire anche il ragazzo dei tuoi sogni. Certo ci si chiede perchè debba essere così complicato intercettarsi in mezzo alla folla! Quasi capisco chi si mette delle piume in testa e gira starnazzando per farsi notare...

Hellas
Messaggi: 32
Iscritto il: martedì 6 settembre 2011, 21:59

Re: perché?

Messaggio da Hellas » lunedì 12 settembre 2011, 8:58

Non devi sentirti "in colpa " secondo me .... ragiona al contrario : iniziate una relazione , contraccambiando il sentimento :poi ti innamori di un ragazzo , iniziano i casini, l'hai illusa per niente.
Perche' dobbiamo fare del male a delle persone amiche , magari rovinare loro la vita , non si puo' e deva mai scherzare con i sentimenti.
E' vero, si sta male nel non ricambiare un sentimento e non poter dare l'amore che si vorrebbe , ma non e' "colpa" certo tua/nostra...

Grain of Sand
Messaggi: 48
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2011, 17:26

Re: perché?

Messaggio da Grain of Sand » lunedì 12 settembre 2011, 17:15

Grazie a tutti...lo so che non c'è colpa Hellas e condivido quello che hai scritto, per questo non voglio inziare nulla senza esserne fermamente convinto! Purtroppo ciò non toglie che mi dispiaccia! :(
Machilosa ha scritto:Eh, belle domande, belle domande... mi pare di rileggere il post in cui parlavo della mia situazione, estremamente simile.
Bè, se fai cadere fanciulle ai tuoi piedi ad ogni passo, prima o poi saprai irretire anche il ragazzo dei tuoi sogni. Certo ci si chiede perchè debba essere così complicato intercettarsi in mezzo alla folla! Quasi capisco chi si mette delle piume in testa e gira starnazzando per farsi notare...
Lo so, sembra sempre che ti rubi i post -.- ma questo dimostra che ciò che ci succede non è poi così fuori dal comune e da un lato da speranza sapere che è una cosa che tanti stanno affrontando o hanno già affrontato magari brillantemente!
Dire che faccio cadere fanciulle ad ogni passo è un "tantinello" eccessivo e l'idea di irretire qualcuno mi fa sentire un ragno... :lol:
Aggiungendo questo allo starnazzare con le piume in testa abbiamo fatto la vecchia fattoria... :D
Scherzi a parte ciò che dici è vero, ma sicuramente questi "uomini-starnazzanti" hanno TANTO più coraggio di me! Poi per il futuro non so, come non so se troveremo mai una risposta...mi piace però pensare che la vita non sia un insieme di avvenimenti casuali più o meno assemblati...chissà...
Per ora si aspetta, si cerca di fare meno danno possibile e si spera...Non tutti i giorni sono tristi, ieri per esempio ho festeggiato il primo anno di matrimonio di mia sorella...lì, a casa sua, con la mia famiglia, suo marito ed i genitori di lui, non ho potuto non pensare al futuro...pensavo che la tristezza mi avrebbe di nuovo colto ed invece in me c'era una sorta di calma e di accettazione...forse non avrò la possibilità di costruire una famiglia tradizionale, forse non troverò nessuno e la mia famiglia sarà composta solamente da me ed un gatto ( :) ), ma non per questo avrà meno valore!

Machilosa
Messaggi: 385
Iscritto il: giovedì 7 luglio 2011, 22:56

Re: perché?

Messaggio da Machilosa » lunedì 12 settembre 2011, 23:23

Grazie a tutti...lo so che non c'è colpa Hellas e condivido quello che hai scritto, per questo non voglio inziare nulla senza esserne fermamente convinto! Purtroppo ciò non toglie che mi dispiaccia! :(
Lo so, sembra sempre che ti rubi i post -.- ma questo dimostra che ciò che ci succede non è poi così fuori dal comune e da un lato da speranza sapere che è una cosa che tanti stanno affrontando o hanno già affrontato magari brillantemente!
Dire che faccio cadere fanciulle ad ogni passo è un "tantinello" eccessivo e l'idea di irretire qualcuno mi fa sentire un ragno... :lol:
Aggiungendo questo allo starnazzare con le piume in testa abbiamo fatto la vecchia fattoria... :D
Scherzi a parte ciò che dici è vero, ma sicuramente questi "uomini-starnazzanti" hanno TANTO più coraggio di me! Poi per il futuro non so, come non so se troveremo mai una risposta...mi piace però pensare che la vita non sia un insieme di avvenimenti casuali più o meno assemblati...chissà...
Per ora si aspetta, si cerca di fare meno danno possibile e si spera...Non tutti i giorni sono tristi, ieri per esempio ho festeggiato il primo anno di matrimonio di mia sorella...lì, a casa sua, con la mia famiglia, suo marito ed i genitori di lui, non ho potuto non pensare al futuro...pensavo che la tristezza mi avrebbe di nuovo colto ed invece in me c'era una sorta di calma e di accettazione...forse non avrò la possibilità di costruire una famiglia tradizionale, forse non troverò nessuno e la mia famiglia sarà composta solamente da me ed un gatto ( :) ), ma non per questo avrà meno valore!
Un gatto è un componente nobilissimo ed irrinunciabile della famiglia! ;)
Aspirare ad una famiglia "normale" è la cosa più comprensibile di questo mondo: non abbiamo altri esempi, niente sembra più auspicabile e socialmente accettabile; una famiglia gay non l'abbiamo mai vista ed è ben difficile desiderare qualcosa di cui non si conosce l'esistenza. Ma non penso possa essere tanto diversa. Sono sempre due persone che si vogliono bene e si sostengono a vicenda, o no?
Una famiglia in due non è forse la stessa cosa di una in tre o più, ma non è detto che il solo fatto di essere etero dia la certezza di avere dei figli e soprattutto non ti assicura di mettere al mondo dei figli "riusciti"! Sono tanti gli inconvenienti in agguato...
Non condivido affatto chi dice: "dobbiamo pensare solo al presente per non perdere la vita inseguendo il futuro", perchè altrimenti si farebbe davvero la fine della cicala, ma anche temere qualcosa di così tanto al di là da venire non porta a nulla di produttivo.
Il fatto che la vita sia un insieme di eventi casuali... bè, lì sta il divertimento del gioco! Se tutto accadesse deterministicamente, ci annoierebbe come un videogioco di cui si conoscono perfettamente i meccanismi, senza più nessuna sorpresa da offrire. Se le cose non potessere andare storte, non potremmo sapere nè godere quando invece vanno a buon fine! Ho sempre pensato che sceglierei il Purgatorio, se avessi questa facoltà: è l'unico reparto dell'Aldilà a prevedere la possibilità di cambiamento! A ben vedere, considerato il peccato reiterato di sodomia, nulla mi nega l'accesso al 7° girone!

Ovviamente non volevo far valere il mio diritto di copyright! Anzi, leggere testimonianze simili è proprio piacevole! Cioè, non che gioisca delle turbe altrui, ma mi fanno sentire più normale.
Perdonami l'uso di termini forti: è un mio vezzo stilistico! >_< Allora correggiamo "irretire" e diciamo piuttosto "conquistare", attrarre come le api al miele o le mosche alla carogna. Meglio? ;)

Grain of Sand
Messaggi: 48
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2011, 17:26

Re: perché?

Messaggio da Grain of Sand » lunedì 12 settembre 2011, 23:41

Un gatto è un componente nobilissimo ed irrinunciabile della famiglia! ;)
Aspirare ad una famiglia "normale" è la cosa più comprensibile di questo mondo: non abbiamo altri esempi, niente sembra più auspicabile e socialmente accettabile; una famiglia gay non l'abbiamo mai vista ed è ben difficile desiderare qualcosa di cui non si conosce l'esistenza. Ma non penso possa essere tanto diversa. Sono sempre due persone che si vogliono bene e si sostengono a vicenda, o no?
Una famiglia in due non è forse la stessa cosa di una in tre o più, ma non è detto che il solo fatto di essere etero dia la certezza di avere dei figli e soprattutto non ti assicura di mettere al mondo dei figli "riusciti"! Sono tanti gli inconvenienti in agguato...
Non condivido affatto chi dice: "dobbiamo pensare solo al presente per non perdere la vita inseguendo il futuro", perchè altrimenti si farebbe davvero la fine della cicala, ma anche temere qualcosa di così tanto al di là da venire non porta a nulla di produttivo.
Il fatto che la vita sia un insieme di eventi casuali... bè, lì sta il divertimento del gioco! Se tutto accadesse deterministicamente, ci annoierebbe come un videogioco di cui si conoscono perfettamente i meccanismi, senza più nessuna sorpresa da offrire. Se le cose non potessere andare storte, non potremmo sapere nè godere quando invece vanno a buon fine! Ho sempre pensato che sceglierei il Purgatorio, se avessi questa facoltà: è l'unico reparto dell'Aldilà a prevedere la possibilità di cambiamento! A ben vedere, considerato il peccato reiterato di sodomia, nulla mi nega l'accesso al 7° girone!

Ovviamente non volevo far valere il mio diritto di copyright! Anzi, leggere testimonianze simili è proprio piacevole! Cioè, non che gioisca delle turbe altrui, ma mi fanno sentire più normale.
Perdonami l'uso di termini forti: è un mio vezzo stilistico! >_< Allora correggiamo "irretire" e diciamo piuttosto "conquistare", attrarre come le api al miele o le mosche alla carogna. Meglio? ;)
Penso assolutamente che una famiglia gay sia esattamente come un'altra famiglia, solo, come hai detto tu, forse è così lontana da tutto ciò che siamo soliti vedere che ci si chiede come potrebbe essere...beh io spero di scoprirlo!
Però nello stesso tempo non posso "perdermi" in un futuro troppo futuro e già solo il fatto di essere qui a scrivere mi fa sentire un passo avanti rispetto ad una settimana fa e due passi avanti nella mia accettazione...e questo penso sia molto positivo!
Certo, la vita è tutta da scoprire, e siamo noi che ne delineiamo il percorso con le nostre scelte ed il nostro camminare...quello che intendevo è che non penso avvenga tutto solo per puro caso, credo che le cose capitino a chi, in qualche modo, ha le spalle abbastanza grosse per affrontarle (magari anche se non lo sa e si sente tremendamente fragile! Forse è solo un pensiero che trovo confortante, ma non posso non crederci!)
Forse al momento ne sono così convinto anche perchè sto ascoltando One of us

"What if God was one of us
Just a slob like one of us
Just a stranger on the bus
Trying to make his way home"

:)

Sai che mi fai davvero sorridere? Mi piace l'idea di attrarre come una carogna fa con le mosche! :lol:
Me la stampo bene in testa

Per non parlare poi del discorso sul 7° girone che...
ahahahahahahahahahahahahahahahaha...questo è l'unico commento che mi vienne in mente ora come ora!
:lol:

Solar Pons
Messaggi: 36
Iscritto il: venerdì 19 agosto 2011, 13:32

Re: perché?

Messaggio da Solar Pons » lunedì 12 settembre 2011, 23:51

Grain of Sand ha scritto:Che tristezza...la serata di ieri mi ha fatto riflettere e mi ha gettato un po’ nello sconforto...
Un’amica alla quale tengo molto per l’ennesima volta ha ribadito la difficoltà che prova nel reprimere quello che sente per me...più o meno un mesetto fa, dopo un periodo di tensione, le avevo parlato del mio stato confusionale e delle mie insicurezze a livello di orientamento sessuale anche per spiegarle perché, nel momento in cui avevo capito che lei cercava qualcosa di diverso dall’amicizia, mi fossi un po’ chiuso in me stesso e allontanato...nonostante sia stata molto comprensiva ed il nostro rapporto sia “rinato” (ed anzi io mi sento ancora più legato a lei perché lei ed un ragazzo sono gli unici a sapere di me) io soffro nel sapere quanta fatica faccia a far finta di nulla, a vedermi come un semplice amico.
Ieri sera dopo una giornata di silenzio, il suo messaggio mi ha spiazzato o meglio mi ha preoccupato...è facile lamentarsi di essere soli (a livello di coppia), mi capita spesso, ma è tremendamente difficile sapere che qualcuno è lì che non aspetta altro se non avere una chance con te e non poterci far nulla...specie se questo qualcuno è una persona splendida, che ti fa star bene e nella quale ritrovi molto di ciò che hai sempre cercato.
Non riesco a non chiedermi PERCHE’?
Perché dev’essere tutto così difficile? Perché non posso contraccambiare questo sentimento? Perché non posso volerle bene nel modo in cui lei vorrebbe? Perché non posso stare con lei senza dubbi? Perché non riesco a provare quello che realmente vorrei? E ancora mi viene da dire: perché non può arrivare qualcuno, un ragazzo (perché ormai so che è quello che cerco) che possa dirmi “è stato giusto così perché tu stavi aspettando me...ed ora io sono qui”.
Eppure so di non poter accantonare questa cosa e buttarmi, perché non sarebbe giusto, perché l’ho già fatto in altre situazioni e non ho fatto che fare del male a ragazze meravigliose.
Come se non bastasse a fine settimana rivedrò dopo tanto tempo una mia compagna di università...nell’ultimo nostro incontro lei mi ha chiaramente detto che le ho sempre fatto un certo effetto e che sarebbe pronta per lanciarsi in qualcosa di più... -.-
Non so come andrà questa volta, ho un po’ paura di scoprirlo, a volte mi verrebbe voglia di girare con un cartello: “Sono gay, non innamoratevi di me per favore!” :roll:
Ok, ora sto cercando di auto sdrammatizzare, ma mi fa male pensare al “male che sto facendo” ad alcune persone senza volerlo e senza poter far nulla per evitarlo...perché devo infrangere cuori se già sento che il mio cade a pezzi?
Basta, bon, ora la smetto, non so perché ho scritto questa cosa, forse volevo solo sfogarmi e non sapevo come fare, spero che vada tutto bene e che la tristezza passi... :(
Buona domenica a tutti ragazzi.
Quanto ti capisco Grain, mi trovo nella stessa identica situazione, e soffro perché più do consigli alla mia amica per disinnamorarsi di me più si innamora; più mi allontano da lei più soffre e ne va della nostra amicizia, va letteralmente in panne perché si è isolata aspettandosi che prima o poi mi svegliassi. Mi sento uno stronzo totale perché è la mia migliore amica, ma la mia incapacità di mettere a fuoco tutto ciò le ha come distrutto la vita, si è messa in attesa di me, mentre io uscivo con lei molto tranquillamente perché mi divertivo ed era un'ottima amica a cui volevo bene, ma solo sul piano amicizia. Per questo mi odio, spero di aiutarla a riemergere.

Machilosa
Messaggi: 385
Iscritto il: giovedì 7 luglio 2011, 22:56

Re: perché?

Messaggio da Machilosa » martedì 13 settembre 2011, 23:03

Grain of Sand ha scritto: il fatto di essere qui a scrivere mi fa sentire un passo avanti rispetto ad una settimana fa e due passi avanti nella mia accettazione...e questo penso sia molto positivo!
PG ha davvero un potere incredibile: è così ricco di informazioni da saperti aprire gli occhi su una marea di cose; io mi sento incredibilmente cambiato e rasserenato! Solo pochi mesi fa scrivevo al ragazzo con cui ho avuto una relazione che ormai avevo deciso e capito: mi riferivo al rapporto etero con la mia ragazza di allora. Lui mi aveva risposto: "provo pena per te, sarai un represso a vita." Aveva ragione e torto allo stesso tempo, perchè alla fine ho dovuto fronteggiare la realtà dei fatti.
Grain of Sand ha scritto: Certo, la vita è tutta da scoprire, e siamo noi che ne delineiamo il percorso con le nostre scelte ed il nostro camminare...quello che intendevo è che non penso avvenga tutto solo per puro caso, credo che le cose capitino a chi, in qualche modo, ha le spalle abbastanza grosse per affrontarle (magari anche se non lo sa e si sente tremendamente fragile! Forse è solo un pensiero che trovo confortante, ma non posso non crederci!)
Perdonami: rileggendo meglio, ciò che intendevi era assolutamente chiaro, ma io ho risposto fischi per fiaschi! Mi ostino a pubblicare qualcosa che appaia sensato, ma dopo giornate di studio matto e disperatissimo sono troppo frollato per concepire ancora qualcosa di intelligente! In tal caso sono pienamente d'accordo; c'è sicuramente una casualità di fondo, ma restano sempre il libero arbitrio e la possibilità di dare una spintarella agli eventi! Il fatto di iscriverci qua credo abbia dato una bella spintona, per esempio.

P.s. pure senza C.V., PG ha accolto le mie richieste; aspetto che accetti pure la tua richiesta di iscrizione, a questo punto -sempre che non ci si incroci prima in chat!

Rispondi