Ma il ragazzo per me esiste?

Solitudine, emarginazione, discriminazione, omofobia...
Johnny
Messaggi: 80
Iscritto il: sabato 11 giugno 2011, 19:02

Re: Ma il ragazzo per me esiste?

Messaggio da Johnny » domenica 6 novembre 2011, 12:07

Boy-com, se ti riferisci alla scuola di musica, ho anche scritto che c'è n'è uno che mi piace. Ora se ingabbiassi tutti in questo ragionamento non dovrebbe piacermi nessuno, invece non è cosi: ce ne sono alcuni che mi piacciono ed altri no, quello con cui ci faccio il corso più strettamente vicino, ho pensato fosse gay fin dal primo istante, e non mi piace.

Non solo... non mi piace nemmeno come persona, ho provato ad istaurare un rapporto di collaborazione, ma ha atteggiamenti del tipo che se la tira.
Con altre persone, ci scambio due chiacchiere, e nonostante non mi piacciano fisicamente, non escludo amicizia.
La domanda però è un'altra. Quanto puoi essere amico di qualcuno che sai che sta con te solo con la speranza che cambi idea? Ripeto l'amicizia tra persone interessate non può esistere.

Il fatto che una persona non mi piaccia fisicamente, non significa che non ci coltivo altri rapporti. Infatti i miei amici non mi piacciono fisicamente, e sono amici proprio per questo, vi è un profondo scambio di emozioni ma ad altri livelli.
Hai ragione bisogna lasciarsi andare alle emozioni, ma ti assicuro che i ragazzi gay che conosco dal 2006, nonostante sono passati cinque anni, non è che ora (dal punto di vista di attrazione) mi piacciono di meno o di più di prima.
Nella mia vita non mi è mai piaciuto dopo, diciamo che il primo impatto è sempre fondamentale, anche se è un impatto debole.

Quando assaggi un piatto di pasta, lo saprai se ti piace o no?

Ora vi domanderete: si pensa che tra gay si cerca solo sesso. Perchè questo? Perchè la gente crede che qualcuno gli piace, ma dopo la prima volta che ci va a letto si accorge che non è cosi, e finisce tutto.
Io la trappola mentale ce la vedo invece per chi sceglie un ragazzo non basandosi sull'attrazione fisica, ma dicendo dentro di se, questo è bravo, questo può andare, dopotutto non è male, potrebbe non capitarmi di meglio etc. etc. Discorsi che per me non esistono.

Io credo che i rapporti devono nascere spontanei, anche l'amicizia è cosi, non si può essere amici di tutti.
Ritengo (datemi pure del superbo) di avere l'occhio lungo ad inquadrare le persone, ogni volta che ho detto di non avere pregiudizi, mi sono sempre dovuto ricredere, e per me il motto che è la prima impressione quella che conta, non è mai stato più vero.

In ogni caso a me va bene cosi, il topic l'ho aperto qualche mese fa, ed ora sono consapevole più che mai di fidarmi sempre del mio istinto. Quel ragazzo che mi piace al corso, non fa niente di speciale, semplicemente mi attrae, quell'altro non mi attrae, poi può essere che da altri punti di vista mi ci posso trovare più o meno bene, ma questo è un'altro discorso.
Ma anche con gli etero succede le stessa cosa, non credere, sono pochissimi quelli che mi piacciono, ma alcuni tipi di gay ancora meno, e sono anche quelli che guardacaso, mi trovo meno daccordo e meno in sintonia anche da altri punti di vista.
Io la vedo più cruda: molti ragazzi etero hanno un fascino ed una maschilità che molti gay non hanno e desiderebbero avere.

Purtroppo troppi ragazzi gay prendono il peggio dei mondi, e pochi il meglio.

Avatar utente
riverdog
Messaggi: 299
Iscritto il: venerdì 9 luglio 2010, 0:27

Re: Ma il ragazzo per me esiste?

Messaggio da riverdog » domenica 6 novembre 2011, 12:44

Non penso che tu debba dubitare della tua omosessualità.
Per il resto, penso che, fotografando la tua situazione in questo dato istante, difficilmente troverai una situazione che possa rispondere perfettamente al tuo "integralismo sentimentale".
Ma col tempo si cambia.... e si rivedono tante posizioni

Johnny
Messaggi: 80
Iscritto il: sabato 11 giugno 2011, 19:02

Re: Ma il ragazzo per me esiste?

Messaggio da Johnny » domenica 6 novembre 2011, 12:53

L'unica posizione che sto rivedendo e che mi sta facendo venire inquietanti dubbi, è che se molti partecipano su un forum, piuttosto che in siti con profili e foto, è che forse veramente il discorso che la bellezza è relativa, e che si è superficiali a giudicare solo dall'attrazione fisica, è un discorso che fa comodo a loro...ma il mondo è bello perchè è vario.

Tra chi pensa solo a vestiti e misure, e chi invece è brutto e pretente che gli altri che non sono come loro debbano prendetere meno, non so chi è peggio.

Avatar utente
riverdog
Messaggi: 299
Iscritto il: venerdì 9 luglio 2010, 0:27

Re: Ma il ragazzo per me esiste?

Messaggio da riverdog » domenica 6 novembre 2011, 13:12

Sinceramente mi sono limitato a rispondere ai tuoi due quesiti riguardanti i tuoi dubbi sull'omosessualità e quello contenuto nel titolo del post.... non ho commentato minimamente il tuo pensiero, mi sono limitato ad aggiungere una considerazione sul fatto che nel tempo si cambia (cosa oltretutto ovvia) perché a me è capitato spesso di rivedere qualche convincimento....

Tu parti prevenuto, pensi che io voglia criticare il tuo atteggiamento..... ma non vedo come tu possa sapere cosa penso a riguardo (visto che su qualche considerazione potrei benissimo essere d'accordo con te.....).

L'ultimo tuo post si commenta da solo, e francamente non ne esci benissimo....

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2410
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: Ma il ragazzo per me esiste?

Messaggio da Alyosha » domenica 6 novembre 2011, 13:14

Johnny ma infatti io te lo dico dal mio primo post che non vedo affatto un problema della visione che hai delle cose :D . La questione del ragazzo del corso di musica l'avevo capita al contrario, ma anche se inizialmente ti piaceva e poi approcciandolo non ti piace più il problema non si pone (poi odio anch'io quelli che se la tirano senza alcuna ragione!). Ti ho solo posto nel precedente commento quello che potenzialmente potrebbe rappresentare una difficoltà, se in effetti c'è non esiste nemmeno nessun motivo per porla. :mrgreen:

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2410
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: Ma il ragazzo per me esiste?

Messaggio da Alyosha » domenica 6 novembre 2011, 13:32

Johnny ha scritto:L'unica posizione che sto rivedendo e che mi sta facendo venire inquietanti dubbi, è che se molti partecipano su un forum, piuttosto che in siti con profili e foto, è che forse veramente il discorso che la bellezza è relativa, e che si è superficiali a giudicare solo dall'attrazione fisica, è un discorso che fa comodo a loro...ma il mondo è bello perchè è vario.

Tra chi pensa solo a vestiti e misure, e chi invece è brutto e pretente che gli altri che non sono come loro debbano prendetere meno, non so chi è peggio.
Leggo adesso. Questa sinceramente non l'ho capita proprio. Nel progetto foto non c'è ne sono perché l'obiettivo è quello di un confronto serio, che prescinda dall'interesse primario di cercarsi un ragazzo (che è poi quello che critichi di questo famoso mondo gay) o peggio trasformare il progetto in un sito di incontri. Mi pare tu stia esagerando nella polemica e che la discussione stia vertiginosamente scivolando verso il basso, mi guardo bene dal continuare a prenderne parte.

Johnny
Messaggi: 80
Iscritto il: sabato 11 giugno 2011, 19:02

Re: Ma il ragazzo per me esiste?

Messaggio da Johnny » domenica 6 novembre 2011, 13:36

Riverdog hai dato dell'integralista sentimentale ad una persona sono parole che non puoi dire e poi tirare indietro. Questo non è un mio pensiero, ma un dato di fatto, a prescindere dal fatto che tu possa condividere o meno la mia visione, se ora c'hai ripensato e vuoi ritrattare le tue parole, è un altro discorso.Io le accetto e grazie della sincerità che sempre preferisco, ma ogni azione ha una conseguenza e la tua è stata fonte appunto di importanti riflessioni per me.
Comunque si sono daccordo, che l'omosessualità non c'entra, ma a chi venisse lo stesso dubbio magari leggendo queste frasi sarà di qualche utilità.
Meno male che non avevi criticato, pensa se invece lo facevi...:D
Non me ne importa , di come esco sull'ultimo topic, non devo apparire ne bravo, ne buono, ne educato ne tanto meno necessito di approvazione/disapprovazione altrui. Non sono qui per rimorchiare o per fare buona impressione, solo per esprimere e condividere dei concetti comuni, e le persone le valuto nel reale, non nel virtuale appunto.

Boy com, sul fatto di tirarsela sono contrario anche io, anche se non biasimo perchè in alcuni contesti dove qualcuno "carino" è amico di tutti, e viene scambiato per un'altra cosa, diventa un atteggiamento quasi indispensabile.
Ad esempio c'erano dei tipi che mettevano le mani addosso ed ho cominciato a tirarmela pure io, per scoraggiare questi comportamenti. Ma in contesti normali il tirarsela (che è diverso dall'essere riservati o timidi) non mi piace proprio. Se dovessi pensarla diversamente per me non è un problema :)
Se proprio una difficoltà c'è, è nel dichiararmi a qualcuno che potrebbe essere etero, questa si ce l'ho.

Quello di cui volevo evidenziare (altrimenti la discussione verte solo su di me, ed è brutto) è di essere aperti, ma di non stare troppo a sperare quando frequentate qualcuno, che il rapporto da amicizia, possa evolvere in chissà che cosa. Potrebbe anche essere, ma quasi mai. C'è gente che si frequenta da anni, amici erano, e amici sono rimasti.

Tornando a me, quel ragazzo mi aveva già colpito prima, poi rivendendolo ogni volta provo sempre cose più forti, ci vorrei parlare, quando passa vicino, mi sento proprio attratto e questo è il primo sentore.
Poi certo dovrò mettendere in conto che a prescindere dal suo orientamento, posso non piacere io, oppure posso piacergli ma nessuno dei due avrà mai il coraggio di dirlo...

Avatar utente
marc090
Amministratore
Messaggi: 888
Iscritto il: sabato 23 aprile 2011, 1:00

Re: Ma il ragazzo per me esiste?

Messaggio da marc090 » domenica 6 novembre 2011, 14:00

Johnny ho continuato a seguire la discussione da quando poi ti avevo risposto... diciamo che trovo le tue posizioni aggressive non a caso... e forse non troppo dissimile anche il tuo modo di porti nei confronti della vita.

E' un parere personale, ovviamente lo esprimo sulla base di quello che ho letto, da come hai risposto e come ti sei posto e secondo me, come prima di altri hanno detto... stai evitando il confronto, il confronto con te stesso, con gli altri e con il mondo in se...

Rispondi, ma tendi ad evitare tutte quelle risposte che possano farti rivedere le tue posizioni in merito alla questione e ripercuoti anche su questi ipotetici ragazzi parte di questo atteggiamento, perchè sembra che di volta in volta li colpevolizzi per non essere come li vorresti... Il fatto che spesso ti fermi ad una prima immagine non denota una volontà nel mettersi in gioco e io fossi in te, lavorerei su questo...

Ovviamente, non sono nessuno per dirti come affrontare la vita, è un parere personale su quello che ho letto e l'ultima frase semplicemente un consiglio. Ciao.
Per prima cosa portarono via i comunisti, e io rimasi in silenzio perché non ero un comunista. Poi se la presero coi sindacalisti, e io che non ero un sindacalista non dissi nulla. Poi fu il turno degli ebrei, ma non ero ebreo.. E dei cattolici, ma non ero cattolico... Poi vennero da me, e a quel punto non c'era rimasto nessuno che potesse prendere le difese di qualcun altro.
Martin Niemoller


Marc090 -- Amministrazione di ProgettoGay

Johnny
Messaggi: 80
Iscritto il: sabato 11 giugno 2011, 19:02

Re: Ma il ragazzo per me esiste?

Messaggio da Johnny » domenica 6 novembre 2011, 14:10

Chiedo al moderatore di chiudere la discussione, sicuramente è stato un errore parlare di qualcosa di cosi personale in un forum.Grazie a chi ha risposto in buona fede (continuare a farlo però non mi è di nessuna utilità.)
So perfettamente quello che voglio, e non ho bisogno dei vostri consigli, ne tanto meno delle critiche, o delle vostre proiezioni interiori e personali.

Avatar utente
marc090
Amministratore
Messaggi: 888
Iscritto il: sabato 23 aprile 2011, 1:00

Re: Ma il ragazzo per me esiste?

Messaggio da marc090 » domenica 6 novembre 2011, 14:28

Johnny ha scritto:Chiedo al moderatore di chiudere la discussione, sicuramente è stato un errore parlare di qualcosa di cosi personale in un forum.Grazie a chi ha risposto in buona fede (continuare a farlo però non mi è di nessuna utilità.)
So perfettamente quello che voglio, e non ho bisogno dei vostri consigli, ne tanto meno delle critiche, o delle vostre proiezioni interiori e personali.
Esattamente.... :) Anche se non te lo scrivo per insistere.
Per prima cosa portarono via i comunisti, e io rimasi in silenzio perché non ero un comunista. Poi se la presero coi sindacalisti, e io che non ero un sindacalista non dissi nulla. Poi fu il turno degli ebrei, ma non ero ebreo.. E dei cattolici, ma non ero cattolico... Poi vennero da me, e a quel punto non c'era rimasto nessuno che potesse prendere le difese di qualcun altro.
Martin Niemoller


Marc090 -- Amministrazione di ProgettoGay

Rispondi