GAY MA USANDO IL CERVELLO

Solitudine, emarginazione, discriminazione, omofobia...
Rispondi
Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5541
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

GAY MA USANDO IL CERVELLO

Messaggio da progettogayforum » lunedì 10 maggio 2010, 14:06

L’esigenza questo post nasce dai colloqui con i ragazzi, la sua finalità è sottolineare l’equilibrio che un ragazzo gay deve avere senza sconfinare per un verso in comportanti irresponsabili e per l’altro in atteggiamenti aprioristicamente rinunciatari e depressi.

Non insisterò mai abbastanza sulla necessità di mantenere un atteggiamento “razionale”, di pensare prima di agire, di valutare la portata “oggettiva” dei problemi, con un’espressione sintetica, di essere gay pensanti.

Capire di essere gay, tanto più se si vive in contesti in cui l’omosessualità non è accettata, non è facile e le delusioni che un ragazzo gay deve trovarsi a fronteggiare possono essere molto forti. Tutto questo ha una sua dimensione oggettiva e deve essere affrontato razionalmente, né sottovalutando la portata dei problemi fino a mettere in pratica comportamenti sconsiderati e imprudenti, né sopravvalutandola sentendosi di conseguenza schiacciati da cose tropo più forti di noi.

La prudenza, l’equilibrio e il buon senso devono essere i principi guida nell’assunzione di qualsiasi decisione. La precipitazione, la faciloneria, e per l’atro verso la tendenza ad una visione negativa delle cose, ad ingigantirne la portata, a vedere come tragedie cose che fanno parte della vita ordinaria di tutti, sono le peggiori consigliere per un ragazzo gay, che rischia di sconfinare in comportamenti pericolosi senza neppure rendersene conto o, per l’altro verso, di sentirsi schiacciato ed oppresso da fantasmi che non esistono.

A che serve un forum? A che serve una chat? La risposta è semplice, serve a confrontarsi con altri ragazzi, a capire come essi affrontano gli stessi problemi, a moderare gli eccessi, ad imparare a controllare la propria emotività, a capire che cosa vuol dire prevenzione, a non dare all’idea di essere gay nessuna valenza tragica, con un’espressione sintetica, potrei dire che serve ad imparare a vivere la propria omosessualità con equilibrio e con buon senso.

Mi accade spesso di parlare con ragazzi che si sentono quasi condannati a priori dalla sorte, che non vedono davanti a sé nessuna prospettiva, che si sentono assolutamente incapaci di dominare gli eventi. Questi ragazzi presentano una visione radicalmente negativa della vita che rasenta concezioni di pessimismo filosofico totale. Eppure questi ragazzi hanno desideri, sogni, hanno un’idea precisa di come vorrebbero realizzare la loro vita, le delusioni li hanno spesso resi incapaci di reagire, tanto che un insuccesso nella vita professionale, negli studi o nella vita affettiva dà loro la sensazione di non essere all’altezza, di essere marginali, di non contare nulla e questo fatto li travolge in una deriva di sentimenti negativi fino alle ipotesi più estreme. In realtà manca in tutto questo un atteggiamento di equilibrato realismo. Gli insuccessi nella professione, nello studio e nella vita affettiva sono una componente ordinaria della vita di tutti della quale bisogna essere coscienti.

Che cosa si può fare di fronte a questi eventi negativi? La risposta è semplice: affrontare “il problema concreto” nello specifico, mettendo da parte gli atteggiamenti catastrofistici e le risposte in termini di rassegnazione a una propria incapacità costitutiva. Se il problema è di lavoro, si cerca di superarlo, se è ambientale si cerca di cambiare lavoro, ma in concreto, se è di studio ci si mette a studiare, senza lamentazioni di principio e senza atteggiamenti di “o tutto o nulla!” L’intelligenza non sta nel non avere problemi ma nell’affrontare quelli che si presentano con una atteggiamento operativo. Se il problema è di tipo affettivo bisogna guardarlo in termini oggettivi: innamorarsi in mood unilaterale porta solo sensi di frustrazione, se ne prende atto e si va per la propria strada. Se in un rapporto di coppia le cose vanno male si parla chiaro, se la risposta non è soddisfacente si passa oltre e non si cerca di ottenere l’impossibile. Il mondo è grande e le opportunità sono moltissime. Le soluzioni ai problemi sono sempre specifiche a mai globali, ogni problema va risolto per se stesso, nel suo specifico, mantenendo un atteggiamento di relativo coinvolgimento, senza farsi travolgere dai sentimenti e soprattutto da visioni troppo assolutistiche delle cose. Una relazione affettiva tra due ragazzi gay, una relazione seria, non è una favola di due principi azzurri, ma è la storia vera di due ragazzi con tutti i problemi e i condizionamenti che si portano appresso, ha un senso proprio perché è reale e ha tutti i caratteri della realtà, le favole sono belle ma non sono vere.

Mi capita spesso in chat di trovarmi davanti a ragazzi che non ammettono gli insuccessi, che alla prima difficoltà hanno l’impeto di buttare via tutto, ragazzi che di fronte al primo risultato negativo ad un esame si sentono inadeguati e vogliono abbandonare tutto, o ragazzi che cominciano a non andare più a scuola e, quando c’è ancora modo di rimediare, si rifugiano in un atteggiamento catastrofistico che li porta alla depressione, ma a una depressione che potrebbe essere superata con un po’ di impegno serio, che risolverebbe il problema alla radice. Per l’altro verso vedo persone che sottovalutano nettamente le difficoltà e, cosa realmente pericolosa, nei contatti sessuali trascurano le cose fondamentali per la prevenzione.

L’equilibrio di un ragazzo gay deve essere la sua prima caratteristica: pensare prima di agire, agire a ragion veduta, non deprimersi ma saper reagire in termini operativi e oggettivi, evitare i catastrofismi e mettersi al lavoro per risolvere i problemi reali. La maturità di un ragazzo si manifesta nel suo saper affrontare le difficoltà senza sopravvalutarle e senza fuggire, nel saper tenere i piedi per terra e nel saper apprezzare quanto di buono c’è nella vita (ed è tantissimo!) e poi nel saper accettare un confronto vero, nel non chiudersi in posizioni aprioristiche e assolute, nel saper cambiare parere e atteggiamento quando è necessario, nel non abbandonarsi alla depressione mettendosi invece a lavorare per costruire un futuro migliore.

Avatar utente
Carlo
Messaggi: 14
Iscritto il: sabato 3 aprile 2010, 14:33

Re: GAY MA USANDO IL CERVELLO

Messaggio da Carlo » lunedì 10 maggio 2010, 18:16

Quello che dici sicuramente è vero, Project; anzi, è efficace il modo in cui lo dici perché non fai tanti giri di parole, ma arrivi subito al concreto. E anche nel proporre soluzioni a problemi sostieni che sia importante giungere subito alla radice del problema. E questa cosa mi fa veramente piacere, perché è un pensiero che ho iniziato a maturare da quando ho preso consapevolezza di me stesso [...]. Usare il cervello sempre, anche se detto da me forse non è il massimo della serietà...comunque sia, non si può nemmeno negare allo spirito un po' di tristezza ( intesa anche come lievissima depressione ) o un po' di euforia...ovviamente sempre con i piedi ben saldi a terra. Personalmente credo che questo post sia rivolto soprattutto ai ragazzi giovani - un po' come me - che hanno da poco realizzato di essere omosessuali. Quando si entra nel mondo dell'omosessualità, si crede che sia tutto uguale all'eterosessualità ( almeno per quanto mi riguarda ), soltanto che la componente femminile/maschile è stata sostituita da quella maschile/femminile...si crede che si apra un mondo completamente diverso, iper-meraviglioso...invece i conti da fare sono tanti: i problemi non mancano, anzi direi che piovono a vagonate...ora, con questo non voglio dire che tutto sia un disastro sia in partenza, ma per affrontare i problemi che prima o poi capiteranno lungo il cammino, la testa sulle spalle va sempre tenuta. Ci possono essere degli errori, ma dipende da quali...fare sesso con il/la primo/a ragazzo/ragazza che capita non è proprio il massimo della serietà e sicuramente non è sintomo di una testa sulle spalle. Ci si può divertire di più, ci possono essere più amicizie, ci può essere "più tutto" ( scusate il pessimo italiano ), ma sempre sempre con un minimo di riflessione PRIMA di ogni cosa; durante un atto, che può essere un bacio, come sesso orale, come sesso completo e via dicendo, il cervello non è più in grado di pensare. E dopo che è successo quel che è successo, al massimo si possono ravvisare solo sensi di colpa per non averci pensato prima. Quindi, lo dico soprattutto ai giovani come me, vi prego, testa SEMPRE sulle spalle. Perché di possibilità e incontri ce ne saranno a migliaia ( non è un incitamento alla promiscuità ), ci saranno sicuramente momenti di tristezza ( come i fantomatici amori unilaterali o addirittura quelli nei confronti di un/a ragazzo/a etero ), ma la vita è e resterà una sola...a meno che non siate un gattino...=D un saluto a tutti!! =)

Ferro
Messaggi: 232
Iscritto il: lunedì 1 giugno 2009, 21:34

Re: GAY MA USANDO IL CERVELLO

Messaggio da Ferro » lunedì 10 maggio 2010, 22:12

Hai ragione Carlo quando dici che il cervello non è più in grado di pensare.
Si entra in dimensioni parallele e a prescindere dai rischi che possono correre, ci si sente anche un pò umiliati se certi momenti non si vivono bene

Avatar utente
Carlo
Messaggi: 14
Iscritto il: sabato 3 aprile 2010, 14:33

Re: GAY MA USANDO IL CERVELLO

Messaggio da Carlo » martedì 11 maggio 2010, 19:56

Verissimo, Ferro. Ci sono certi momenti nella vita in cui compi dei gesti per sentirti più grande, in modo che tutti possano vederti come una persona "figa"; ma quando si scopre che non è così, l'imbarazzo comincia a pervadere il corpo e si è schiacciati dalla terribile sensazione di umiliazione...si capisce - a volte troppo tardi - che quello che si è fatto è stato il più grande errore che si sarebbe mai potuto fare...

Rispondi