SONO GAY E VOGLIO USCIRE DALLA SOLITUDINE

Solitudine, emarginazione, discriminazione, omofobia...
Avatar utente
il principe
Messaggi: 191
Iscritto il: venerdì 20 novembre 2009, 15:21

Re: SONO GAY E VOGLIO USCIRE DALLA SOLITUDINE

Messaggio da il principe » lunedì 28 giugno 2010, 17:32

In genere non mi piace postare perchè non so mai cosa scrivere, ma leggendo questa mail non posso non ribadire che spesso rimango stupito nel leggere pensieri altrui che riflettono perfettamente i miei. (e penso che per molti altri sia così)
"Warping the minds of men and shepherding the masses has always been your church's domain. You lure sheep with empty miracles and a dead god".
Sydney Losstarot - Vagrant Story

Avatar utente
Telemaco
Amministratore
Messaggi: 682
Iscritto il: sabato 26 giugno 2010, 23:05

Re: SONO GAY E VOGLIO USCIRE DALLA SOLITUDINE

Messaggio da Telemaco » giovedì 1 luglio 2010, 18:38

non posso che quotare "il principe", la vicenda di quello che si è scoperto essere Ennis è sorprendentemente simile alla mia :roll:
# Non basta un giorno di freddo per gelare un fiume profondo.
(Gǔlǎo de zhōngguó yànyǔ)

zeno
Messaggi: 37
Iscritto il: martedì 29 giugno 2010, 10:07

Re: SONO GAY E VOGLIO USCIRE DALLA SOLITUDINE

Messaggio da zeno » sabato 3 luglio 2010, 12:01

Ehi ciao!!
Ho letto la mail che hai mandato a project, e dopo ho visto che eri tu... :D
Beh visto che sei intervenuto nel mio post, non ti parlerò della questione genitori ma... vorrei dirti un'altra cosa, se può aiutarti...

Riguardo alla tua paura di restare solo, di non avere mai una storia... beh ecco, questa paura e questo senso di solitudine li ho sempre provati anche io.

Mi sono sempre preso delle cotte terribili soprattutto per i miei amici etero, e quando mi è capitato di innamorarmi di un gay la cosa non è mai stata corrisposta... Fino all'età di 22/23 anni ho sempre avuto (rare) "storielle" fatte più che altro di... sesso... Si, chiamiamoli pure incontri...

Mi trovavo nella stessa situazione di molti in questo forum. Vedevo le coppiette felici e pensavo che per me quel momento non sarebbe mai venuto.

Pensavo anche di "non piacere" ai gay. Tra l'altro io non sono per niente effemminato, tutti quelli a cui ho detto di essere gay in un primo momento non ci hanno nemmeno creduto... "come? tu? ma no! hahah mi prendi in giro?" (con questo intendo dire che in un cerso senso faccio anche più fatica a fare conoscenza perchè in un primo impatto pensano tutti che io sia etero)

D'altro canto non mi sono mai piaciuti certi "fenomeni da baraccone" (senza offesa per nessuno eh!:)) che si incontrano in giro (magari nei locali o in chat): gente super-tirata, che crede di essere chissà chi soltanto per l'apparenza, che pensa solo al sesso, con cui la conversazione più "elevata" che si può fare riguarda il grande fratello, la moda, le discoteche, il fondotinta ecc :)
Ho sempre sognato un ragazzo "normale", insomma... Una persona semplice, che si sappia si divertire ma che abbia anche un minimo di cervello...

Beh ecco, il succo di tutto ciò è che poi all'improvviso, ho conosciuto un ragazzo, diciamo per caso, ed è nato una bella storia!! Ora sto insieme a lui da quasi due anni!

Quello che dico sempre, anche ai miei amici (gay e non) è di non angosciarsi troppo... In fin dei conti, l'amore quando arriva arriva no? O così io credo...

Quindi lo dico a tutti voi: se ORA non avete il ragazzo/a non dovete sentirvi dei falliti o altro... Non è facile trovare la persona giusta, ne per un gay ne per un etero!
Tutti prima o poi hanno trovato l'amore no? I nostri genitori, amici, gente che si vede in giro... Belli e brutti che siano! Si perchè secondo me non è nemmeno una questione di bellezza e di aspetto fisico (tra l'altro, non che io sia questo gran figo ::)

è un po' come quando ci si angoscia per cercare di addormentarsi... non ci si riesce!! Secondo me bisognerebbe vivere al propria vita tranquilli e... quando meno ce lo si aspetterà arriverà la persona dei nostri sogni!

Certo è giusto darsi da fare per conoscere nuove persone, ma non bisogna angosciarsi...

Spero di essermi spiegato... In bocca al lupo.

PS: quello che ho detto, non lo dico "dall'alto" perchè io il ragazzo ora ce l'ho... In realtà l'ho sempre creduto... Per quanto riguarda la questione genitori caro Ennis, non so aiutarti, come sai---

Un abbraccio!

Avatar utente
Telemaco
Amministratore
Messaggi: 682
Iscritto il: sabato 26 giugno 2010, 23:05

Re: SONO GAY E VOGLIO USCIRE DALLA SOLITUDINE

Messaggio da Telemaco » sabato 3 luglio 2010, 15:35

ma che carina la risposta di Zeno, sottoscrivo... ;)
# Non basta un giorno di freddo per gelare un fiume profondo.
(Gǔlǎo de zhōngguó yànyǔ)

Avatar utente
Ennis
Messaggi: 166
Iscritto il: giovedì 17 giugno 2010, 9:00

Re: SONO GAY E VOGLIO USCIRE DALLA SOLITUDINE

Messaggio da Ennis » lunedì 5 luglio 2010, 8:42

grazie mille ragazzi!
in effetti anch'io un pò di speranza l'ho sempre avuta... il problema è che mi sembra di perdere tempo... i ragazzi etero della mia età hanno già provato alle medie quello che io sto provando solo adesso: poter parlare di "problemi di cuore" con qualcuno...

Boy.com
Messaggi: 3
Iscritto il: martedì 19 ottobre 2010, 19:53

Re: SONO GAY E VOGLIO USCIRE DALLA SOLITUDINE

Messaggio da Boy.com » martedì 19 ottobre 2010, 20:19

Ho trovato per caso questo forum in rete e mi sono inscritto... Ho letto il tuo post e le risposte e siete gente simpatica. Anche se non posso identificarmi totalmente con la tua storia, posso solo dirti che mi sento felice di averla letta. Io so di essere più o meno omosessuale da almeno dieci anni. Adesso ne ho ventotto e dopo l'ennesima storia fallimentare con una ragazza, ho deciso di fare i conti con me stesso. Sono persino in cura da uno psicologo, perché la fatica che uno deve fare per chiarirsi con se stesso è davvero tanta e la tentazione di rimettere di nuovo tutto dentro pure. Anch'io, nonostante ho sempre avuto rapporti completi con donne ho sempre avvertito quel sordo senso di repulsione che mi ha sempre portato a interrompere le storie. Ho avuto un'avventuretta con un ragazzo, ma non ho più approfondito la cosa e pian piano anni ho relegato la mia attrazione omosessuale allo spazio delle perversioni, qualche sito, qualche porno e il resto immaginatelo voi. E' questo è il male peggiore che reputo di essermi fatto, avere rinchiuso questo pezzo così importante di me nello spazio di qualche minuto per poi tornare a fingere a me stesso prima che agli altri. Adesso dentro me c'è una vera e propria guerra, perché la verità è che l'omofobico peggiore è quello che uno si porta dentro, che lo si riconosca oppure no. Il disagio maggiore e la cosa più insopportabile è questo velenoso e angosciante senso di solitudine. Uno lo mastica fra i denti tutto il giorno e se lo ritrova sotto le coperte la sera. E' questa la cattiveria più profonda che uno si fa, isolarsi quando invece avrebbe bisogno di parlare, confrontarsi. Ora vengo al dunque è da giorni che cerco una chat, un sito, un forum, una qualunque cosa dove potessi parlare dei miei problemi o anche solo confrontarmi. Ho provato ad entrare in qualche chat gay e il risultato è stato drammatico, perché al momento non è quello che cerco (poveretto uno s'è pure dovuto sopportare mezz'ora delle mie fisime pur di vedersi un culo via web che ovviamente poi non ha visto). Però dico porca puzzola! Se uno mette gay su google trova solo porno e chat di pervertiti (non sto giudicando è solo che non è di questo che al momento ho bisogno), se uno mette omosessualità trova siti di psicologi (interessanti, ma inutili per me che ho bisogno solo di parlare, visto che dallo psicologo ci vado già) e finalmente ho avuto il lampo di genio di mettere omosessualità e solitudine e finalmente ho trovato voi e finalmente mi sono inscritto. E' questo che mi dà fastidio più di tutto associare l'omosessualità alla perversione, ognuno di noi ha le sue sacrosante perversioni, ma se digito su google eterosessuale non trovo film porno! Questo rintanarsi per trovare gente, mi dà fastidio, sopratutto in un momento i cui non mi sono capito. Vorrei aspettare di vederci chiaro prima di venire allo scoperto, ma se non vengo allo scoperto ho paura che sarò mai in grado di vederci chiaro. E' un gatto che si morde la coda e mi chiedo invece quanto sarebbe infinitamente più semplice se uno fosse libero di sperimentarsi e capire, invece di ammattire, rovinare la propria vita e quella delle sciagurate partner che incontri.
Scusate questo lungo sfogo forse succede a tutti coloro che hanno taciuto per anni di non sapere più smettere quando cominciano a parlare

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5450
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: SONO GAY E VOGLIO USCIRE DALLA SOLITUDINE

Messaggio da progettogayforum » martedì 19 ottobre 2010, 21:23

Benvenuto Boy.com,
ho letto con la massima attenzione il tuo post. Le cose che dici sono verissime e di ragazzi che passano esperienze analoghe alla tua ce ne sono molti. Se hai dato un’occhiata al forum hai potuto notare che questo forum non ha nulla a che vedere con l’immagine dei gay che si trova in rete associata alla pornografia. Progetto Gay è nato per dire le cose come stanno e non ha fini commerciali di nessun genere. I ragazzi che scrivono su questo forum sono molti, ma quelli che lo leggono, e che lo leggono assiduamente, sono moltissimi. Questo è il segno che la realtà dei ragazzi gay non corrisponde affatto ai modelli che si trovano su internet. Tra i gay, circa il 30% arriva alla consapevolezza dell’essere gay solo dopo anni di vita etero più o meno soddisfacente. Quello che capita a te non è una cosa rara e anche in questo forum puoi trovare parecchi ragazzi che hanno avuto una vita etero e poi si sono riconosciuti gay. Credo che molti di questi ragazzi potrebbero essere interessati a parlare seriamente con te. Quanto alle chat, anche Progetto Gay ha le sue, ma non sono chat erotiche, ci sono i moderatori e l’ambiente è gradevole, un po’ goliardico qualche volta ma ci si conosce tutti, perché in effetti il gruppo è piccolo (qualche decina di persone) ed è stabile. Se ti andasse di parlare con i ragazzi potresti utilizzare il secondo canale della chat (la chat internazionale mibbit), che in genere è assai poco frequentata ed è più adatta a un discorso serio. L’altra chat, quella internazionale Esper, che è il primo canale di chat di Progetto Gay, la sera è animata da parecchi ragazzi e un po’ di allegra confusione c’è. Vedrai tu quello che riterrai di fare. Benvenuto nel Forum, credo proprio che ti ci troverai a tuo agio!

Avatar utente
Ennis
Messaggi: 166
Iscritto il: giovedì 17 giugno 2010, 9:00

Re: SONO GAY E VOGLIO USCIRE DALLA SOLITUDINE

Messaggio da Ennis » martedì 19 ottobre 2010, 22:40

benvenuto boy.com! :D

d'accordissimo con tutto quello che dice project: questo forum è distante anni luce da quello che solitamente trovi digitando la parola gay su google...

ti ringrazio per aver postato su un mio post... grazie a te ho riletto la mia presentazione (di qualche mese fa) e devo dire che di passi avanti ne ho fatti parecchi! e tutto merito di progettogay!

vedrai che ti troverai benissimo qui, c'è davvero bella gente, simpatica e con la testa sulle spalle, disposta ad ascoltare e a confrontarsi...

a presto e ancora benvenuto! :D
You do it to yourself you do

Alyosha
Utenti Storici
Messaggi: 2410
Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41

Re: SONO GAY E VOGLIO USCIRE DALLA SOLITUDINE

Messaggio da Alyosha » mercoledì 20 ottobre 2010, 3:35

Wow, non mi aspettavo una risposta così celere... in verità non mi aspettavo neanche una risposta visto che il post era abbastanza vecchiotto. Ennis veramente volevo ringraziare te per averlo scritto questo post, perché mi ha dato il coraggio di rispondere al post e quindi di iscrivermi al forum. Penso ti abbia avuto tanto coraggio, di certo molto più del mio, che da quando ho scoperto come stavano le cose, ho avuto la brillante idea di fare finta che non fosse successo nulla e continuare a sbattere come un mulo sempre nello stesso muro. Che dire più ci penso e più tremo pensando al male che mi sono fatto in questi lunghi anni. Queste scelte preordinate, queste strade sempre dritte e noiose e quei lunghi silenzi che a tratti diventavano sospiri. Questo stare continuamente lì a cercare di correggersi e darsi continue spiegazioni, vuote sorde ai tuoi pruriti. La mia è una storia di solitudine durata dieci anni e forse tutta una vita, comunque stiano le cose, mi sono sempre sentito "diverso" e poco accettato. Ho camminato tanto e tanti sforzi ho fatto per tirare fuori la mia identità e camminando camminando sono inciampato tante di quelle volte e tutte le volte mi sono rialzato e ho cambiato strada. Sono pieno di dolore, per tutte le ragazze che ho ferito, per tutte le volte in cui non mi sono sentito abbastanza e quelle in cui mi accorgevo con sgomento, dopo di aver ottenuto quello che pensavo di volere, di non volerlo affatto. Ho tanto sofferto perché chi ama pretende per se sempre ragione e chi non ama sembra non aver diritto a soffrire o stare male. Sono stanco di dover dare spiegazioni, stanco di dover dire "mi dispiace", stanco di dover rendere conto ai genitori, agli amici e a Dio. Ho tanta paura e più vado avanti e più aumenta la paura e la confusione, paura di starmi sbagliando per l'ennesima volta, confusione apocalittica ("terremoto e tragedia" direbbe l'Attila di Abadantuomo). Immagino che come me ci siano tante altre persone mute, che stiano li a contarsi i segreti inconfessabili e forse il primo grande sforzo e uscire da questo guscio di silenzio che crediamo ci protegga e invece ci tiene prigionieri. In effetti sta notte non ho fatto altro che leggere e anche adesso sto procedendo un po a ruota libera. Anche se non vi conosco affatto sento che è stato molto bello incontrarvi tutti quanti.
P.S.: Ennis da domani appena avrò più lucidità, guardo bene come funziona il forum la chat e tutto quanto e prometto di smetterla di inquinare il tuo post :D. Nel frattempo ho seguito il consiglio di farmi una mail diversa da quella che uso di solito per postare in questo forum e però ho lasciato un nick-name quasi identico al precedente. Spero di non confondermi troppo (tra orientamento sessuale e nick-name stiamo proprio messi bene per adesso a confusione) e di non far confondere troppo voi.

barbara
Utenti Storici
Messaggi: 2864
Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22

Re: SONO GAY E VOGLIO USCIRE DALLA SOLITUDINE

Messaggio da barbara » mercoledì 20 ottobre 2010, 6:47

Benvenuto Boy,com, la tua testimonianza é davvero toccante. La sofferenza che si coglie é così intensa che verrebbe spontaneo dirti di non essere troppo severo con te stesso. Ma so che sarebbe inutile. Ognuno di noi vive quel che vive e non c'è parola che possa cambiare ciò che sentiamo dentro.
Hai illuso delle ragazze e questo ti pesa, proprio perché avresti tanto voluto comportarti diversamente. Ma per una serie di ragioni molto importanti per te hai cercato di far tua l'unica identità che eri in grado di accettare. E il resto é venuto di conseguenza. Il fatto stesso che tu ti senta in colpa verso gli altri e verso te stesso dimostra che l'hai fatto per cause di forza maggiore .
E non é certo colpa tua se viviamo in un paese omofobo che getta sulle spalle di un ragazzo un peso così grande. Un peso che un adolescente, che già vive sulla propria pelle le difficoltà del suo diventare adulto, non dovrebbe essere obbligato a sopportare.
Eppure succede proprio questo e un ragazzo alla fine si difende come può.
Scrivere ciò che hai scritto é un gesto di grande sincerità . Quando sentiamo l'esigenza di voltare pagina abbiamo bisogno di riti come questo, che ci convincano che é davvero possibile.
Molti si riconosceranno nella tua storia e scrivendola, a tua volta, hai già aiutato altre persone. Benvenuto qui , Boy.com.

Rispondi