AMORI GAY IMPOSSIBILI E AMICIZIE POSSIBILI

Solitudine, emarginazione, discriminazione, omofobia...
Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5331
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: AMORI GAY IMPOSSIBILI E AMICIZIE POSSIBILI

Messaggioda progettogayforum » martedì 22 agosto 2017, 19:05

Vorrei dirti solo che il 50% degli etero che si sposano felici arrivano poi davanti al giudice per il divorzio o la separazione, e questo sia che ci siano sia che non ci siano figli, che i ragazzi etero, ancora oggi, sono fortemente condizionati (molto più dei gay) nelle loro scelte affettive dalle famiglie, dalle aspettative sociali e dalle logiche di casta, proprio perché il matrimonio ha un rilievo esterno sociale ed economico, che gli etero con figli e in crisi di coppia hanno problemi enormi di affidamento dei figli, e questi sono sono i problemi più visibili. Un gay ha meno libertà a livello sociale, su questo non ci piove, cioè non può esporsi in pubblico come un etero, ma non sarei tanto certo che una cosa del genere costituisca un handicap. Vedo tanti gay in coppia, che si sentono realizzati. Certo i loro genitori in moltissimi casi non sanno nulla della vita dei figli. La felicità dei ragazzi gay non è pubblica come quella degli etero, ma è sicuramente molto meno soggetta a vincoli formali che potrebbero diventare soffocanti. In pratica tutti i ragazzi gay o quasi hanno un gruppetto di amici (sia gay che etero) coi quali possono essere se stessi, sembra poco, ma si tratta di amici veri. Siamo proprio sicuri che la vita etero sia poi così invidiabile? Francamente credo proprio che non lo sia.

Lao
Messaggi: 81
Iscritto il: domenica 19 luglio 2015, 20:41

Re: AMORI GAY IMPOSSIBILI E AMICIZIE POSSIBILI

Messaggioda Lao » martedì 22 agosto 2017, 21:34

Le coppie etero possono andare incontro a problemi, è palese, inoltre credo anch'io che per un ragazzo/uomo gay sia possibile raggiungere la felicità. Tuttavia resta il fatto che siamo una minoranza, quindi le possibilità di trovare la persona giusta si riducono, senza contare che molti (io compreso) non sono dichiarati. In queste circostanze conoscere un ragazzo gay in una piccola realtà di provincia non è facile. Se su 10 ragazzi uno solo è gay (e vado per eccesso), è più facile che mi innamori di un etero. Questi discorsi fatti così in astratto hanno delle falle, perché non viviamo in un pallottoliere, però il fattore minoranza incide.


Torna a “DISAGIO GAY”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite