Abisso di solitudine..Possibile uscita??

Adolescenza gay, giovinezza gay, gay e scuola, gay e università, ragazzi gay e genitori
Rispondi
ho voglia di te
Messaggi: 5
Iscritto il: martedì 21 giugno 2011, 17:12

Abisso di solitudine..Possibile uscita??

Messaggio da ho voglia di te » giovedì 7 luglio 2011, 23:38

ciao Project..era da parecchio ke nn visitavo il forum...oggi dp 2 settimane di assenza dovute a motivi ke ora ti spiego ho deciso di riscreverti....le cose cn quel ragazzo ke mi piaceva o ke pensavo mi piacesse nn sn andate bn...nn ho avuto il coraggio di scrivergli su facebook e ho pensato ke sia stato meglio allontanarlo e andare avanti... nn mi pento della mia scelta, credo ke sia stata la migliore ke potessi prendere per il mio bene e anke in un certo senso per il suo... dp di lui nn ho avuto altre "cotte" adolescienziali ma ora ho un problema dentro personale anzi c'è lo avuto anke quando ho scritto la prima volta.. è riaffiorata la mia solitudine interiore anzi penso ke nn se ne sia mai andata. ultimamente nn so più ki sn...mi sento confuso,perso,in balia di un contesto familiare,personale,emotivo,di adattamento ke nn mi appartiene per nnt...sn cambiato radicalmente..sn diventato cinisco,scetticista,sadico ed alcune volte in balia di profonde crisi di pianto...per colpa di cambiamento sto perdondo tt quello ke c'èra di buono nella mia vita..sto perdendo le persone cn cui avevo ftt coming out e mi chiudo in me stesso....ho solo voglia di scappare,evadere da questo contesto sbagliato ke ho...nn so cosa fare...ho bisogno di un punto fermo..di una persona di cui mi possa fidare, nn necessariamnte di una storia ma diciamo di un amicizia ke mi dia la forza di risollevarmi anzikè buttarmi sempre più giù...ho bisogno di distrarmi di parlare di sfogarmi...ma ho paura..paura di trovare la persona sbagliata a cui parlare appunto e tengo tutto dentro...odio,gioia,rancore,rabbia.incomprensione tutto represso dentro di me....spero di nn avervi annoiato cn questo mio piccolo topic....grz a tt.. :) :) :) :)

guy21
Utenti Storici
Messaggi: 1014
Iscritto il: martedì 19 maggio 2009, 19:33

Re: Abisso di solitudine..Possibile uscita??

Messaggio da guy21 » venerdì 8 luglio 2011, 0:03

capisco quello che provi è assolutamente normale credimi, ci sono già passato innumerevoli volte e so cosa significa sentirsi soli, essere depressi ecc....
purtroppo pensare continuamente a queste cose a pensieri negativi e a continuare a fissarsi sulle cose del momento fa male molto male e col passare del tempo diventa più difficile rialzarsi e andare avanti. per cui quello che posso dirti e consigliarti è non arrenderti e pensare positivo, fai tutto quello che vuoi, divertiti sfogati con qualcuno, insomma prenditi un tempo di pausa da tutto e fai tutto quello che ti fa stare bene o meglio. solo facendo piccoli passi giorno per giorno e pensando a cosa fare per cambiare la situazione anche con cose stupide tipo non so fare un giro in bicicletta può aiutare un pò. so che all'inizio è dura e quando si prendono brutti colpi si vuole smettere di fare tutto ma bisogna reagire. so che le mie sono tante belle parole e niente fatti e carne al fuoco ma credimi anche io sto male sto cercando di rialzarmi e spero un giorno di ricominciare ed essere felice. ciao a presto!

tatos76
Utenti Storici
Messaggi: 152
Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2009, 22:16

Re: Abisso di solitudine..Possibile uscita??

Messaggio da tatos76 » venerdì 8 luglio 2011, 0:12

Ciao, penso che puoi incominciare (ma già lo hai fatto) da qui...a me ha aiutato!

Anche se poi bisogna mettersi a lavorare per capire questa solitudine come 'la costruiamo intorno a noi'...

PS: Quoto guy18!!! (per come scrivi...ma sei sicuo di avere 18 anni? :D )
Ho fatto un patto sai. Con le mie emozioni. Le lascio vivere. E loro non mi fanno fuori. (Vasco)

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5450
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: Abisso di solitudine..Possibile uscita??

Messaggio da progettogayforum » venerdì 8 luglio 2011, 13:21

Ciao, non è l'essere gay che ti fa stare male, ma l'essere gay in un ambiente del tutto incapace di capire che cosa significa realmente essere gay. Che fare? Beh, innanzitutto cercare di lavorare al massimo per accelerare il momento dell'indipendenza economica che può anche portare ad una uscita dall'ambiente originario in cui ti trovi per andare verso ambienti diversi. Al di là di questo non vedo perché tutto debba andare in crisi. Come dice gay18 di fatto succede e pure spesso, ma è anche vero che da quete situazioni si esce prima di tutto non drammatizzandole e non prefigurandosi destini di solitudine che con ogni probabilità non ci saranno proprio. Ci vuole un po' di fiducia nella vita che è imprevedibile e può farci cambiare condizione quando meno ce lo aspettiamo. Coraggio!!

Rayden
Messaggi: 67
Iscritto il: sabato 1 gennaio 2011, 19:19

Re: Abisso di solitudine..Possibile uscita??

Messaggio da Rayden » sabato 9 luglio 2011, 21:54

Da un po' di tempo a questa parte anche io provo ciò che provi tu, abbandonato alla compagnia della solitudine e dominato dal senso di smarrimento. Non mi stupisce il fatto di dover fingere ogni giorno di non essere ciò che sono, perché si tratta di una consapevolezza che ho acquisito fin dal momento in cui mi sono reso conto della mia natura ed ho imparato ad accettarla. Ciò che mi rende infelice e depresso è la sensazione che l'inadeguatezza rispetto all'ambiente che mi circonda e la nausea nei confronti di una società che non mi corrisponde possano non essere stati d'animo temporanei e passeggeri. La sola idea che questa situzione possa prolungarsi per mesi, anni o addirittura per sempre mi spaventa e mi fa desiderare di sparire da questa realtà, fuggendo senza direzione e senza meta alla ricerca di una serenità di cui credo di non conoscere ancora né il volto né il sapore.

Torino non è una città piccolina, anzi direi che con quasi un milione di abitanti dovrebbe accogliere diversi ragazzi come me. Eppure, sembra che le cose non stiano proprio così, perché, se davvero ci sono altre anime come la mia, esse sono completamente invisibili e non saprei se ciò derivi da loro dubbi o incertezze sulla propria identità o piuttosto dal timore di sussurrare "eccomi, ci sono anch'io". D'altra parte, se io fossi l'unico ragazzo "diverso" o "speciale" in questa città che non mi è ancora familiare, nonostante ci viva da sempre, allora davvero farei bene a preoccuparmi, perché non so quanto si possa resistere nel condurre un'esistenza in cui la parte più autentica - e forse più bella - del proprio essere e dei propri sentimenti sia condannata a non poter essere condivisa nella realtà di tutti i giorni con qualcuno che sia felice di conoscerla e approfondirla.

Come te, anche io avrei tanto bisogno di incontrare una persona di cui poter fidarmi, che sia in grado di ascoltarmi senza che debba temere il suo giudizio, con cui poter intrecciare una relazione seria e duratura o anche soltanto un'amicizia non contaminata dalla necessità di nascondere sempre una parte di me.

Dici di essere diventato cinico, scettico, sadico...credo che si tratti di una reazione più che legittima di fronte ad una realtà esterna che fa stare male e rispetto alla quale ci si ritrova impotenti e indifesi. Anche io sono spesso spinto da una forza distruttiva interiore molto potente...mi capita di voler radere al suolo tutto ciò che nel mondo esiste, per poter finalmente voltare pagina e avere almeno la speranza di poter ricominciare avendo a che fare con un'umanità più umana.

E' troppo facile dire che bisogna "reagire", come se non lo facessimo già ogni giorno che passa. Se io non avessi reagito e non continussi a reagire, sicuramente ora non sarei qui. Ad un certo punto, però, ci si rende conto che reagire non è sufficiente in un contesto che è sordo e indifferente a qualunque reazione.

Il mio desiderio è solo quello di conoscere un ragazzo come me, con cui poter parlare di ciò che mi preoccupa, che possa incontrare quando mi sento solo, che possa abbracciare quando ho bisogno di quell'affetto che non ho mai ricevuto. Ovviamente, il poter ricambiare tutto questo mi farebbe sentire molto felice.

In fondo, non mi sembra con ciò di essere egoista, a meno che si giudichi egoismo la voglia di essere davvero se stessi o il desiderio di sentirsi finalmente "a casa".

Rayden

P.S. Ho voglia di te, scusa se non sono stato molto confortante e non ho suggerito rimedi per tornare a farti sorridere, ma spero comunque che il mio sfogo possa farti sentire un po' meno solo.

barbara
Utenti Storici
Messaggi: 2864
Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22

Re: Abisso di solitudine..Possibile uscita??

Messaggio da barbara » domenica 10 luglio 2011, 9:17

C'è una cosa che mi chiedo sentendo i vostri discorsi: ma le persone che vi stanno accanto non si accorgono di nulla? Come è possibile che questo malessere non sia riconosciuto? Siete giovani e dunque in un'età in cui la famiglia ancora si preoccupa in genere di sapere un figlio sta o non sta bene con se stesso. Nessuno vi chiede il perchè di certi segnali di disagio che anche involontariamente emergono?

Jek70
Utenti Storici
Messaggi: 518
Iscritto il: venerdì 15 maggio 2009, 19:41

Re: Abisso di solitudine..Possibile uscita??

Messaggio da Jek70 » domenica 10 luglio 2011, 10:48

Qui tocchi una nota dolente Barbara.
In linea di massima questo genere di malessere non viene percepito. Un po' perchè noi stessi lo camuffiamo piuttosto bene e se serve lo motiviamo con cose della quotidianità e un po' perchè spesso certi segnali spesso le persone che ci stanno accando non li vogliono vedere e soprattutto capire.

Avatar utente
riverdog
Messaggi: 299
Iscritto il: venerdì 9 luglio 2010, 0:27

Re: Abisso di solitudine..Possibile uscita??

Messaggio da riverdog » domenica 10 luglio 2011, 13:43

Di HoVogliaDiTe non conosco bene la situazione.... spero tu riesca a guardare al futuro con ottimismo e voglia di fare! :D

Però di Rayden ho avuto modo di leggere qualcosa (notevole).... mi sembra che tu le basi le abbia gettate (ed anche bene)..... sperare in un futuro migliore, in una società diversa, in condizioni favorevoli per gli omosessuali del futuro è leggittimo, ma tu non hai tutto questo tempo a disposizione, la tua vita è adesso!
Oltretutto i problemi ambientali sono piuttosto relativi, un ragazzo che vive il suo essere gay in ottica privata per star bene non ha bisogno di stravolgimenti sociali, ha solo bisogno di costruirsi una "sua società" (anche piuttosto ridotta perché i "rapporti a basso contenuto di formalità" si possono costruire con pochi "eletti") ..... mi chiedo, tu hai provato a far ciò? a muoverti un pochetto sempre con prudenza?
PS L'utilizzo del termine "speciale" non mi sembrava affatto inappropriato, ma (fortunatamente) non è sinonimo di "unico" ;)

Saluti ad entrambi!!

hope_94
Messaggi: 7
Iscritto il: giovedì 2 giugno 2011, 12:38

Re: Abisso di solitudine..Possibile uscita??

Messaggio da hope_94 » lunedì 11 luglio 2011, 9:34

mi rispecchio molto in quello che ha detto rayden. Io ho soli sedici anni ma anch'io spesso mi sento solo, incompreso, un po depresso perché appunto non ho ( o meglio avevo una persona per me molto speciale per cui ero disposto a fare tutto per lui, ma lui non avrebbe fatto altrettanto per me) una persona di cui mi posso fidare, una persona da abbracciare, uno da avere accanto per darti la forza di andare avanti in questi momenti. Quello che mi deprime ancora di più è che non ho la forza e il coraggio di dirlo a tutti quello che sono e quello che sento ( anche se diverse volte ho pensato di andare in giro con una maglietta con scritto sono gay e disponibile :D ). Anche per me come il sogno di tanti voi è quello di incontrare l'anima gemella, uno con cui trascorrere le proprie giornate. Un consiglio che posso darti per non sentirti solo è ignora quelli che ti fanno stare male. Cerca di stare solo con le persone giuste. Io sono innamorato da più di due anni della stessa persona e nonostante mi abbia fatto molto male io non riesco a lasciarlo perdere. Però ultimamente sto facendo dei passi in avanti e conoscendo altra gente lo sto ignorando e questo mi fa sentire meglio. Adesso ci faccio meno caso per quello che mi fa.
Anch'io sono cambiato molto da quando ho scoperto di essere gay. Ho subito tante di quei torti che ho completamente perso la fede in dio. Molte volte mi chiedo ma perché tutta questa sofferenza a me? Ma ormai ho imparato ad accettarlo ed ogni volta che sto male una volta passato ne esco più forte e determinato di prima. Anche il mio carattere è cambiato. Adesso sono più suscettibile, sensibile ma nello stesso tempo forte. Ci sono stati vari periodi in cui mi sentivo confuso, mi chiedevo cosa ci facessi io in questo stupido mondo, addirittura in certi momenti per la mente mi è passato il pensiero del suicidio. Ma ripensando alla mia famiglia e a quelle poche persone che voglio bene so che posso dare ancora qualcosa a loro. La nostra è una vita difficile e spero che un giorno verremo ricompensati per tutti gli sforzi che facciamo e le continue sofferenze che subiamo

guy21
Utenti Storici
Messaggi: 1014
Iscritto il: martedì 19 maggio 2009, 19:33

Re: Abisso di solitudine..Possibile uscita??

Messaggio da guy21 » lunedì 11 luglio 2011, 12:08

devo dire che mi è molto piaciuto il post di hope_94 complimenti mi sono ritrovato nelle tue parole.

Rispondi