Abisso di solitudine..Possibile uscita??

Adolescenza gay, giovinezza gay, gay e scuola, gay e università, ragazzi gay e genitori
Rispondi
arrofus
Messaggi: 151
Iscritto il: mercoledì 29 settembre 2010, 1:06

Re: Abisso di solitudine..Possibile uscita??

Messaggio da arrofus » lunedì 11 luglio 2011, 12:53

Uscita possibilissima!
A me capita spesso di passare periodi tristi, in cui non riesco a fare niente e penso al peggio. Però dopo un po' di tempo mi riprendo e sai come? Imponendomi di cominciare a fare qualcosa: studiare, fare una corsa, imparare qualcosa d'inglese.

Poi dopo un po' cambia la prospettiva, basta uscire con gli amici,(anche se non sono dichiarato, quindi non è il massimo dell'amicizia per certi versi), ritornare alle abitudini, darsi da fare e il buon umore torna. Una cosa necessaria è non colpevolizzarsi per i periodi tristi, farli passare perchè ci vuole un po' di tempo.

Ovviamente sono solo chiacchiere, però tieni presente che questi periodi possono capitare a tutti, gay o non gay. Inoltre io nell'uscire con gli amici spesso mi rilasso e ritrovo il buonumore, nonostante con loro ho scelto di fingere di essere eterosessuale. Però ci sono altre cose della loro compagnia che mi fanno stare allegro: la vita non è tutta nell'orientamento sessuale, ovviamente.

Di sicuro provo un po' di disagio e cerco di farmi qualche amico gay o cmq che mi capisca più facilmente; è difficile, ma già il forum aiuta.
Tieni presente che se riesci a conoscere qualche ragazzo gay che abita vicino a te che non ti attrae fisisamente, piano piano potreste diventare amici. Se ti attrae anche fisicamente meglio.
Se conosci già,anche poco, qualche ragazzo gay o comunque che ti capisce, ti consiglio di coltivare tali amicizie: col crescere della familiarità il rapporto con loro si farà sempre più soddisfacente e ciò ti aiuterà a stare meglio. Serve moltissimo, fidati, più di quanto si può immaginare.

Se non ne conosci, sulle chat gay per regione puoi trovare (1 su un milione) qualcuno che alla fine cerca un amico...è difficilissimo ma puoi accorgertene anche dai primi discorsi. Se comincia a parlare di sesso chiudi subito, altrimenti piano piano puoi cominciare a parlarci. Io così ho fatto ed ora ho un amico che abita molto vicino a me, parliamo spesso su msn(di svariate cose) e ciò già mi fa moltissimo piacere. Prossimamente penso che usciremo con i suoi amici(etero), presso i quali lui è già dichiarato. Ti assicuro che la cosa mi aiuta davvero molto, anche se è nato con un disperato tentativo di trovare in chat qualcuno che non sia un sessuomane.

Spero possa esserti utile la mia esperienza.
Ciao ;)
Ultima modifica di arrofus il domenica 3 giugno 2012, 16:17, modificato 1 volta in totale.

Rayden
Messaggi: 67
Iscritto il: sabato 1 gennaio 2011, 19:19

Re: Abisso di solitudine..Possibile uscita??

Messaggio da Rayden » giovedì 14 luglio 2011, 0:19

C'è stato un periodo in cui mi ponevo la stessa domanda che ti fai tu, Barbara, e la risposta che mi sono dato rispecchia quella di Jek70. Ci sono state delle volte in cui qualcuno, particolarmente attento o magari dotato di una sensibilità molto spiccata, ha captato qualche piccolo segnale di disagio, ma io sono sempre riuscito a cavarmela, cogliendo la prima scusa che mi veniva in mente per cambiare discorso oppure ricorrendo a quelle giustificazioni banali che si rivelano un'ottima scialuppa di salvataggio ad ogni occasione. Del resto, non credo che ci sia mai stato chi abbia davvero capito, o se c'è stato lo ha fatto in silenzio, e se così fosse non potrei che ringraziarlo, perché al suo posto avrei fatto la stessa cosa, possibilmente tendendo una mano senza la necessità di fare domande né la pretesa di avere risposte.

Riverdog, mi rendo conto che la vita è un attimo che dovrei cogliere senza temporeggiare in un labirinto di esitazioni e riflessioni, ammettendo a me stesso che qualche volta occorre che levi l'ancora e mi lasci trasportare dalle onde, abbandonandomi alla direzione in cui esse mi vorranno condurre, indipendentemente dal fatto che potrò approdare saldamente sulle bianche spiagge di un'isola felice oppure naufragare nella tempesta sugli scogli appuntiti di una terra sconosciuta. In entrambi i casi avrei comunque raggiunto una meta. Allo stesso tempo, però, mi accorgo di non esserne in grado senza che qualcuno mi accompagni, salpando insieme a me da un porto costruito su sentimenti estremamente forti nella loro fragilità.

Hope_94, non immagini quanto ti capisco...anche io ho avuto 16 anni e ho sperimentato cosa significa convivere con 1000 sentimenti contrastanti, che ti scuotono il cuore in una lotta da cui molto probabilmente non uscira né un vincitore né un vinto, mentre tu cerchi disperatamente di far fare loro la pace. Ora ho qualche anno in più, ma in questo aspetto credo che il tempo abbia voluto appositamente fermarsi, quasi a voler far durare all'infinito quella lotta di 9 anni fa. Crescendo, però, maturerai una maggiore consapevolezza di te stesso e delle tue esigenze, imparando a controllare certe emozioni e capendo che ci sono emozioni che non possono essere controllate. Da ciò che scrivi sembra comunque che tu abbia già esplorato dentro di te, anche se so perfettamente che senza quell'anima gemella che tanto desideri la tua ricerca nei meandri dei tuoi sentimenti non potrà dirsi davvero completa né tanto meno conclusa (come ora la mia, del resto :D ). Però non abbatterti: scrivi, presentati, sii prudente senza però chiuderti ermeticamente e soprattutto sii fiducioso...io ora cerco di fare così.

Arrofus, ho sperimentato che i momenti di distrazione e di svago, che spezzano la solita routine di tutti i giorni, come una passeggiata o una serata tra amici, possono rivelarsi molto positivi per percepire meno le difficoltà che mi porto dentro. Per quanto riguarda la possibilità di trovare amicizie o qualcosa di più dalle mie parti, confermo che qui, se c'è qualcuno, è più trasparente di Casper :D . In ogni caso, sulle chat trovi di tutto, ma basta digitare 2 parole su google perché compaiano una serie di siti (o meglio, annunci) che mettono la nausea alla prima lettura (non tutti, però, non bisogna generalizzare). Non voglio giudicare quel mondo, è solo che non fa proprio per me, forse perché ho un carattere talmente particolare e complicato che per riuscire a tenergli testa ci vorrebbe un ragazzo che sia incasinato almeno quanto lo sono io ;) .

Rayden

(Perdonami l'invasione del tuo topic, HoVogliaDiTe :) )

Rispondi