Crea sito
 
Oggi è martedì 21 novembre 2017, 23:20

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 1 di 1 [ 3 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Un desiderio, un miraggio, una chimera
MessaggioInviato: mercoledì 22 ottobre 2014, 18:27 

Iscritto il: mercoledì 23 gennaio 2013, 14:47
Messaggi: 6
Ciao a tutti :)
E' da almeno due anni, più o meno, che non entro in questo forum. Tuttavia sento ora più che mai il bisogno di sfogarmi circa la mia situazione. Sono Francesco, ho compiuto da poco 18 anni e vivo in un paesino di periferia a circa 20 km da Milano. Non so bene se questo topic mi serve solo come sfogo o è un tentativo di chiedere consiglio. In ogni caso, senza tirarla troppo per le lunghe, questo è il quadro generale della mia condizione. In seconda superiore iniziai a chiedermi come mai non fossi mai stato attratto dalle ragazze, ma i miei desideri e le mie fantasie si limitassero solamente alla sfera maschile. E già verso la fine della seconda sentivo dentro di me ciò che di fatto sono. Quella stessa estate i miei genitori vennero a conoscenza della mia omosessualità e, dopo un periodo giustamente burrascoso, pian piano sembrarono accettarlo. Ora, a distanza di 3 anni da quel momento, ne parlano tranquillamente, sembrano averlo quasi completamente digerito. Per un certo periodo frequentai assiduamente dei siti di incontri, in terza ebbi il primo incontro con un ragazzo che però, solo dopo due settimana, mi fece intuire cosa effettivamente lui cercasse ossia semplice sesso. Adesso è da quasi due anni che la mia sessualità sembra essersi assopita. Due anni fa mi rassegnai al fatto che, in un paesino come il mio, il confronto e la possibilità di trovare persone con la mia stessa caratteristica erano quantomeno improbabili. E da allora non faccio altro che guardare con distacco a tutte quelle sensazioni che il mio corpo e la mia mente quotidianamente cercano di trasmettermi, i minuti negli spogliatoi della scuola, la bellezza di un ragazzo, il desiderio di toccare, sentire, amare o molto più semplicemente e meno romanticamente confrontarmi con qualcuno che capisca, che provi quello che provo io. Col passare dei giorni il desiderio si è trasformato in un'illusione, che un giorno questo potrà accadere, poi in un lontano miraggio, e in una chimera. Sono al quinto anno, forse (spero!) l'ultimo di liceo, e le uniche persone a saperlo sono i miei genitori, una vecchia amica di famiglia e una mia compagna di classe. Mi guardo intorno vedo solo incomprensione, timore, ignoranza. Oggettivamente mi rendo conto che questa visione è eccessivamente pessimistica, ma ci convivo ormai da due anni. E ormai, la speranza si è spostata all'università... Ho deciso di evitare le insidie dei siti d'incontri. Certo, nessuno mi impedirebbe (soprattutto ora che ho 18 anni) di provare ad andare una sera in un locale gay, ma temo che troverei anche lì quello che meno mi interessa. Non cerco sesso (certo, la curiosità è la stessa di un qualsiasi altro diciottenne che ancora non abbia ancora fatto esperienze), ma solo un confronto diretto, vero, non virtuale. Ma qui mi sento isolato, anche se so che non è così. Deve essere chiaro che non sono certo un tipo semplice, dal momento che esco raramente la sera, non vado mai in discoteca e tendo ad essere molto selettivo con le persone che mi stanno attorno, nello scegliere le amicizie. Ma ora più che mai avrei bisogno di qualcuno cui parlare, qualcuno nella mia stessa situazione. Non nego che il desiderio che questo qualcuno possa essere anche "compatibile" con il mio modo d'essere esista, ma resta decisamente in secondo piano. Beh, mi rendo conto che non molti ragazzi hanno avuto la fortuna di trovarsi dei genitori che in così breve tempo comprendessero, ma ciononostante il disagio resta.
Probabilmente molti si annoierebbero a leggere questo topic, ma per lo meno sono riuscito a sfogarmi :)


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Un desiderio, un miraggio, una chimera
MessaggioInviato: mercoledì 22 ottobre 2014, 20:52 
Utenti Storici

Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22
Messaggi: 2861
ciao, smalltownboy! non abitiamo lontani , per cui posso dire di conoscere il tipo di situazione in cui vivi . La provincia milanese è fatta anche di realtà chiuse e assai bigotte, dove tutti sanno tutto di tutti.
La sensazione di essere osservati blocca non poco le persone che sentono di andare "contro corrente".
E' vero tuttavia che alla fine delle superiori si può almeno migrare in qualche università a Milano o in un'altra grande città, dove si è abbastanza anonimi da farsi la propria vita senza troppi problemi. E questa è una grande opportunità.
Ho letto anche molte storie di isolamento che piano piano si risolvono ,quando si entra nell'ottica di incontrare qualcuno con cui poter essere se stessi . Nel forum molti ragazzi descrivono questo momento come liberatorio. In fondo non è difficile ad esempio in questa chat trovare qualcuno che abiti almeno nella provincia di Milano. Se si prendono determinate precauzioni , come vedersi in pieno giorno in un luogo affollato e in città, è possibile evitare molti rischi . Bisogna essere molto chiari e determinati con la persona da incontrare , e credo metà del lavoro sia già fatto.
Credo che potrai trovare altri suggerimenti confrontandoti in chat con altre persone. Aspetto di leggere come procedono le cose. :)


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Un desiderio, un miraggio, una chimera
MessaggioInviato: giovedì 23 ottobre 2014, 1:14 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5112
Grazie smalltownboy!! Il tuo post trasmette proprio delle sensazioni e risveglia tanti ricordi, posso dire che è comunicativo al massimo grado.
La paura di vedersi allontanare le possibilità in un futuro remoto c'è ma ci sono anche le opportunità perché questo non succeda il prossimo anno sarai all'università, forse a Milano ma forse anche in qualche altra città e potrai avere un'autonomia di movimento che oggi neppure immagini. Il mondo dell'università è un'altra cosa e la possibilità, quanto meno di trovare amicizie serie c'è eccome.
Posso dire che apprezzo moltissimo il tuo modo di procedere che non si abbandona alle malinconie e nemmeno alle illusioni facili. Certo le perplessità ci possono essere ma di ragazzi gay che si sono realizzati a tutti i livelli, compreso il lato affettivo, ne ho visti parecchi, ma comunque, è vero, per loro la libertà di movimento e lo stare in un ambiente più grande sono state cose fondamentali. Ci sono ragazzi di Progetto a Milano e ce ne sono anche a Roma (che forse è un po' troppo lontana) e la possibilità di realizzare un contatto serio c'è. Prudenza certo, ma è possibile. Usa la chat di Progetto, che è un ambiente che può essere un po' goliardico ma non ha nulla a che vedere con i siti di incontri perché ci sono tanti ragazzi che hanno la testa sul collo e i piedi ben saldi per terra. Ne verrai fuori benissimo!!
Ri-benvenuto nel forum!!



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 1 di 1 [ 3 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

cron
phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010