Crea sito
 
Oggi è venerdì 15 dicembre 2017, 18:11

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 1 di 1 [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: AMORE GAY PRIMA E DOPO
MessaggioInviato: sabato 2 dicembre 2017, 18:34 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5126
Ciao Project,
ho letto tanti articoli sulle coppie gay, da quelli di tipo scientifico-sociologico a quelli di gossip, a quelli di sessuologia di coppia, in quegli articoli si parla di tutto, di sesso, di fantasie sessuali, delle possibili realizzazioni di quelle fantasie, di ruoli sociali, di tolleranza e ovviamente di bellezza e di fascino, ecc. ecc., ma secondo me ci manca sempre l’elemento fondamentale, ossia il fatto che ci si ami veramente.

Amare sarà anche un questione di sesso, questo non lo nego, ma secondo me è molto di più. Non so perché con certe persone succede e con altre persone non succede affatto, ma volersi bene significa prima di tutto rispettarsi, capirsi, pure nella propria diversità. L’altro non è un altro me stesso, in lui non amo me stesso ma qualcosa di diverso che sento affine, certo, ma non identico, amo la sua libertà anche quando lo allontana da me, amo il suo essere diverso da me e il suo amarmi nonostante tutto, un amarmi che mi valorizza e mi fa sentire vivo, apprezzato, gratificato.

In coppia si sta bene solo quando ci si ama veramente, quando si desidera il bene dell’altro, quando la sua felicità conta più della nostra, ma per volersi bene non è affatto necessario essere in coppia.

Ho avuto una bellissima storia con un ragazzo che ho amato tantissimo e che mi ha amato tantissimo, adesso non stiamo più insieme, eppure ci amiamo lo stesso, perché il rispetto, l’affetto, la comprensione che c’erano tra noi sono rimasti identici, è venuta meno l’esclusività sessuale, eppure noi continuiamo ad amarci, anche se lui ha un nuovo compagno e poi, chi ha detto che si possa amare solo una persona alla volta?

Se il mio ex avesse bisogno di me, per lui farei qualunque cosa, perché gli voglio bene, e sono certo che il suo attuale compagno non sarebbe affatto geloso e sarebbe il primo a spingermi in quella direzione, tra l’altro ci conosciamo e ci stimano. L’unica cosa che avrebbe potuto mettere in crisi i rapporti tra me e il mio ex-compagno sarebbe stata l’inganno, il raccontare una cosa e farne un’altra, ma è proprio quello che tra noi non è mai accaduto.

Non sono gli obblighi legali a creare i sentimenti. Non ho mai capito i ragazzi che odiano i loro ex, se li odiano “dopo” vuol dire che non li amavano “prima”. Ho sempre considerato il mio ex una persona ottima sotto tutti i punti di vista, di lui mi fidavo totalmente. Ora non siamo più una coppia ma io continuo a considerarlo una persona ottima, non ho cambiato opinione su di lui per il fatto che non siamo più una coppia.

Secondo me, noi tutti, e in particolare noi gay ci facciamo trascinare dal modello di rapporto matrimoniale tradizionale, che contiene delle oggettive assurdità. Provo a spiegarmi meglio: quando un uomo e una donna si sposano, almeno quando si sposano con un rito religioso, si promettono amore eterno, intendendo per amore non solo rispetto e dedizione ma addirittura coinvolgimento sessuale esclusivo e nel promettere una cosa di questo genere si impegnano a garantire qualcosa che non è in loro potere.

Io posso promettere rispetto e assistenza in caso di necessità, queste sono le cose che posso promettere, quanto al coinvolgimento sessuale esclusivo, che non è una scelta ma è qualcosa di libero e spontaneo, posso al massimo affermare che quel coinvolgimento c’è adesso, ma siccome non è un atto volontario non posso promettere niente per il futuro.

Ma forse il matrimonio tradizionale prescinde dall’amore, non mi obbliga ad amare una persona per tutta la vita ma solo ad astenermi dai rapporti sessuali con altre persone, il che vuol dire che mi obbliga a dei comportamenti assolutamente non spontanei.

Ora, forse nel campo etero un comportamento di questo genere può avere senso perché ci sono gli interessi dei figli da salvaguardare, ammesso e non concesso che per i figli sia meglio avere un genitore costretto a livello legale alla fedeltà sessuale, cosa che mi sembra del tutto assurda, o che almeno considero come una indebita semplificazione perché mira a garantire forzatamente quello che non è coercibile. Ma per una coppia gay, in cui non ci sono figli, il modello matrimoniale non ha senso, perché l’unica cosa che conta è l’amore, che è cosa diversa dalla fedeltà sessuale.

Io non sono un ragazzo, ho 55 anni e il mio ex-compagno ne ha pochi di meno. Due anni fa ho avuto un infarto e rischiavo di finire male. Non avevo più parenti stretti ed ero affidato in pratica alle associazioni di volontariato. Al mio ex-compagno non avevo detto nulla per non creargli obblighi di nessun genere. Lui è venuto a sapere che io ero in ospedale da altre persone ed è venuto subito a trovarmi in ospedale.

Era estate e lui era in ferie col suo compagno. Hanno interrotto le ferie e sono venuti subito da me, sono venuti tutti e due, e hanno fatto i turni per non lasciarmi solo fino alle dimissioni e poi sono venuti a stare a casa mia, si sono proprio trasferiti a casa mia, finché io sono stato in convalescenza, cioè per circa due mesi e se ne sono ritornati a casa loro solo quando hanno visto che io potevo essere autosufficiente e anche dopo son venuti spesso a trovarmi e lo fanno ancora. Io ho visto che il mio ex era contento e che il suo compagno era un uomo serissimo. Mi sono sentito amato da loro.

So bene che questo non è il tipo di amore che in genere si considera più importante, eppure, per me, questo tipo di amore è stato l’unica vera spinta verso l’uscita dai miei problemi, cioè l’unica vera spinta verso la vita. Aggiungo una cosa: da allora trascorriamo le feste insieme e posso solo dire che stiamo bene.

Trent’anni fa non avrei mai immaginato una situazione del genere. Trent’anni fa avevo in mente tanti modelli e sognavo cose che mi sembravano bellissime ma erano del tutto irreali e non ero in grado di dare un valore alle cose che effettivamente ne avevano. Poi, piano piano, ho cominciato a rendermi conto e a capire che cosa vuol dire veramente amarsi. L’ho capito, in pratica solo da vecchio.

Pensa, Project, che quando col mio ex-compagno abbiamo deciso di separarci io credevo che non ci saremmo più visti, perché secondo me, allora, le alternative erano solo due o amore perfetto (la favola) o l’indifferenza totale, se non addirittura astio e odio. E invece non è stato affatto così. Non mi sono mai sentito tradito o imbrogliato, non ho mai pensato di avere buttato via gli anni della mia vita, niente di tutto questo, semplicemente, ho imparato a capire quanto ci può essere di bello in un rapporto che resta un rapporto d’amore, di rispetto e di affetto reciproco, anche quando l’attrazione sessuale viene meno.

Non sono un assertore dell’amore libero nel senso di vivere la sessualità in modo superficiale col primo che capita e poi ciao! No, niente di tutto questo, ma l’amore è libero e, se è vero amore, non viene meno nemmeno quando l’attrazione sessuale svanisce. Ho provato a raccontare la mia esperienza a dei ragazzi gay giovani ma mi hanno guardato con sospetto, come se fossi una caso patologico, per loro i modelli ci sono eccome e penso che sia proprio questa la ragione che provoca in loro tanta insoddisfazione.

Se interiorizzo profondamente i modelli delle favole e li confondo con la realtà, finirò per essere sempre deluso dalla realtà. La realtà deve essere capita, bisogna imparare a vederne i lati positivi, che sono tanti anche se non sono così evidenti.

Ho impiegato anni a superare i modelli di comportamento di tipo matrimoniale ma posso affermare che adesso mi sento molto più libero.

Devo dire però che non credo che la mia esperienza sia facilmente generalizzabile, perché il mio ex-compagno è veramente una persona speciale; se mi fossi innamorato di una persona superficiale, incapace di sentimenti veri e condizionata al punto di dover reagire sempre e soltanto nella maniera standard, probabilmente in quegli schemi ci sarei rimasto impegolato anche io. Non voglio quindi farmi maestro, perché sono stato estremamente fortunato, però devo dire che la mia esperienza fuori-schema non è stata per niente fallimentare ed è stata in pratica la scoperta di un mondo nuovo, molto meno condizionato e molto più autentico.

Se lo ritieni opportuno, pubblica questa mail, forse a qualcuno potrebbe essere utile.

Lorenzo
___________

Read this post in English: http://gayprojectforum.altervista.org/T ... -and-after



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 1 di 1 [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010