Relazione complicata...

Coppie gay, difficoltà, prospettive, significato della vita di coppia dei gay
Rispondi
angel932
Messaggi: 1
Iscritto il: mercoledì 9 dicembre 2015, 15:48

Relazione complicata...

Messaggio da angel932 » mercoledì 9 dicembre 2015, 16:10

Ciao Ragazzi,
anzi tutto mi presento visto che sono nuovo, mi chiamo Angelo e ho 22 anni. Vi seguo da parecchio e alcuni vostri topic sono stati davvero utili. Oggi sono qui per chiedervi un consiglio...
Ho una relazine da più di un mese con il mio ragazzo che ha 17 anni.
all'inizio ci vedevamo spesso anche se i suoi genitorni non sono molto contenti che lui esca con un ragazzo, oltre tutto più grande... Dopo il nostro primo mese ( Praticamente due settimane fa') non ci siamo mai visti, io gli chiedevo di uscire e lui si giustificava dicendo "devo studiare", "stasera non posso sono con i miei genitori", " oggi devo andare con la mia amica", " non ho voglia di uscire" Ecc... poi un giorno mi scrive questo messaggio che vi incollo: "Pit... Sei sicuro che ti vada bene? Cioè... Per me stare insieme non vuol dire vedersi ogni giorno ma pensare all'altro ogni giorno e il vedersi passa quasi in secondo piano... Poi io sono ancora ''piccolo'' e quindi magari non ti va bene che ci siano quasi sempre anche i miei amici... Mi danno sicurezza, ci sono molto legato e sono indispensabili in questa età per me... Però non voglio che tu ti senta messo in secondo piano... Semplicemente io mi sento bene a fare così e voglio chiederti se veramente questo ti possa ''bastare'' e soddisfare..." A me onestamente non so se tutto questo basti anzi sento al necessità di vedelo ma dopo questo messaggio mi scoccia pure chiedergli di uscire... ho bisogno di un consiglio...

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5382
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: Relazione complicata...

Messaggio da progettogayforum » mercoledì 9 dicembre 2015, 21:21

Benvenuto Angelo!! Grazie di quello che dici del Forum, spero che possa esserti utile!!

Quanto al messaggio, posso dirti che lo apprezzo molto, è molto onesto. Tieni presente che si tratta di un ragazzo molto giovane che deve avere il suo tempo per crescere e per capire quale sarà la sua strada. Voglio dire che in rapporti del genere devi sempre tenere presente che l'altro (che non ti sta ingannando) comunque è libero e che può avere mille altre esigenze affettive (amici, famiglia) che possono essere importanti quanto la tua presenza, se non di più. Se gli vuoi bene, devi lasciargli la possibilità di vivere la sua vita. Dai suoi comportamenti è evidente che tu non sei e non puoi essere tutto per lui e che vuole muoversi con molta prudenza, cosa che mi sembra segno di grande consapevolezza di sé e di buon senso. Sembra un ragazzo che ragiona prima di agire, ed è una cosa apprezzabilissima.

Rispondi