Crea sito
 
Oggi è venerdì 20 aprile 2018, 8:50

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 1 di 1 [ 5 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: GAY E AMICIZIE SPECIALI
MessaggioInviato: domenica 26 novembre 2017, 9:40 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5209
Questo post è dedicato ad un aspetto spesso sottovalutato delle relazioni interpersonali e in particolare delle relazioni interpersonali tra gay, ossia al valore e al significato delle amicizie profonde tra gay.

Per introdurre l’argomento, riporto qui di seguito un brano di una mail che ho rivenuto da un ragazzo trentunenne.

“Io non ho un ragazzo, cioè non ho una storia di coppia nel senso che a questa espressione si dà comunemente. Ho avuto delle occasioni ma non era esattamente quello che volevo. Puntare tutto su una sola persona, se le cose vanno bene, può portare alla felicità, ma se le cose vanno male o semplicemente non vano bene come si sperava, porta a lunghi periodi di stress quando il rapporto va in crisi e lentamente viene meno. Io ho vissuto un paio di volte questa esperienza e, francamente, non intendo ripeterla. Non so se la mia è una rinuncia a trovare l’amore, ma francamente non credo che sia così. Il mito del compagno ideale, del cosiddetto principe azzurro non mi convince e francamente penso che il mio benessere personale dipenda sostanzialmente da me e da quello che faccio molto più che da un’altra persona che dovrebbe darmi la felicità, o meglio, l’altra persona può essere importante ma se va bene si costruisce in due e non ci si può aspettare che tutto ci piova dal cielo con l’arrivo del principe azzurro.

Attualmente, come ho detto non ho un ragazzo, ma ho un amico speciale col quale qualche volta c’è anche un po’ di sesso, ma capita di rado, siamo essenzialmente due amici che si vogliono bene, che si stimano, che si rispettano, che si capiscono, che possono benissimo avere ciascuno la propria vita, ma che, prima di tutto, parlano chiaro tra loro, che non si raccontano falsità, e penso che sia proprio per questo che il nostro rapporto va avanti. Dall’ultimo incontro in cui abbiamo fatto sesso sono passati più di due mesi, in questi due mesi un paio di volte abbiamo fatto sesso per telefono, so bene che sembra squallido, ma per noi non lo è mai stato, serve a confermarci nell’idea che tra noi c’è anche quel tipo di interesse, però ci tengo a sottolineare che non è certo per il sesso che noi stiamo, per così dire, insieme. Il nostro rapporto si basa proprio su altre cose, che viste dall’esterno possono sembrare stupide e di nessun significato, come per esempio il nostro modo di trasmetterci reciprocamente sicurezza circa il fatto che continuiamo a volerci bene, e soprattutto il parlare chiaro. Quando lui ha sentito il bisogno di stare con un altro ragazzo, me lo ha detto nel modo più semplice. Io francamente sapevo che questo fatto non avrebbe messo in crisi il nostro rapporto, che è andato avanti, per un po’ senza sesso, ma con le stesse attenzioni reciproche, con le stesse sottolineature del fatto che ci vogliamo bene. Lui ha passato un lungo periodo di problemi con l’università e ha perso un paio d’anni, se devo dire la verità, questo fatto mi ha creato molti più problemi del fatto che lui stesse con un altro ragazzo, tra l’altro con un ragazzo molto serio che gli ha voluto bene veramente. Quando è uscito dal periodo negativo e si è rimesso a studiare me lo ha fatto sapere, senza troppe sottolineature, perché sapeva che la cosa mi avrebbe fatto immensamente piacere. Io credo che alla base del nostro rapporto ci sia la certezza che continueremo a volerci bene, ovviamente senza vincoli di nessun genere, ma continueremo a volerci bene. Io so che lui non si dimenticherà di me e che tra noi ci sarà sempre la massima sincerità. Quando ci sentiamo per telefono ci tengo moltissimo a chiudere la telefonata sottolineando che sono contentissimo di aver parato con lui, e sono contentissimo veramente, lui è meno espansivo ma sa benissimo che gli vorrò sempre bene. In effetti, ci conosciamo ormai da 10 anni e il nostro rapporto non è mai andato veramente in crisi. Insomma, siamo una certezza uno per l’altro. Non so se questo significa essere una coppia, in un certo senso lo siamo, ma solo in un certo senso.”

Un’altra testimonianza può evidenziare il valore centrale delle piccole cose.

“Caro Project, per me oggi è una giornata stupenda! Alcuni giorni fa ho avuto occasione di conoscere un po’ più da vicino un ragazzo bellissimo che conoscevo anche prima ma molto superficialmente. Abbiamo parlato e un po’ mi ha stupito. Gli ho chiesto se ha una ragazzo e mi ha detto che non è fidanzato e che adesso sta cercando altro, cioè sta cercando soprattutto amici veri. Non nego che questa risposta ha un po’ raffreddato i miei entusiasmi, ma poi ci siamo messi a parlare di tante cose e quello che lui mi ha detto mi è piaciuto molto. Parliamo molto su skype, scherziamo, stiamo bene insieme, ma ci ripetiamo sempre che si tratta solo di amicizia. Io fatico un po’ a considerarlo solo un amico, per me è molto di più, ma lui insiste sul fatto che siamo solo amici, anche se l’amicizia non è affatto una cosa banale, certo non ci sono prospettive sessuali però mi rendo conto che a me ci tiene veramente. Mi ha detto una cosa che mi ha fatto pensare molto: “Io sono gay, ma cerco solo un amico vero, tu sei un ragazzo come si deve e mi sto affezionando a te, ma non sono innamorato di te, sto solo bene con te.” Io mi sono chiesto che differenza c’è. La differenza sta nel sesso? Non so proprio che cosa pensare. Una sera viene sotto casa mia del tutto inaspettatamente e andiamo a prendere una pizza e poi restiamo a parlare in macchina, io penso che si arriverà a fare un po’ di sesso, ma non succede, gli dico che me lo sarei aspettato ma mi risponde: “Te lo avevo detto, io cerco solo un amico vero, se non ti sta bene devi dirmelo chiaro.” Penso di averlo offeso e non credo che mi chiamerà di nuovo, ma non succede così, dopo tre giorni, torna ancora sotto casa mia, io scendo a lui mi dice: “Solo amici?” e io gli dico: “Ok!”.”

Una terza testimonianza, interessante è di un quarantenne single che ha creato un rapporto di amicizia con un cinquantenne, anch’egli single.

“Ha dieci anni più di me e le sue esperienze le aveva fatte, ma anche io avevo avuto le mie storie, come risultato abbiamo cercato di evitare di metterci insieme per chissà quale ragione o con chissà quali speranze, siamo rimasti su cose di basso profilo, semplici ma reali. Ci sentiamo spesso, spesso parliamo di cose di lavoro, perché lavoriamo in settori molto affini, ci sentiamo soprattutto nei momenti di difficoltà, quando c’è bisogno di sfogarsi un po’. Lui ha problemi con i genitori anziani e deve pensarci lui perché è figlio unico. Ci si vede di rado, ci si sente per telefono in pratica ogni giorno, però non sono mai telefonate rituali o ripetitive. Partiamo dai problemi del lavoro e poi finiamo a parlare di tutt’altro. Ogni tanto mi propone una pizza, poi la maggior parte delle volte non riusciamo a combinare nulla perché lui è vincolato dalla famiglia e allora ci sentiamo per telefono e parliamo un po’. Non abbiamo mai parlato della possibilità di trasformare il nostro rapporto in un vero rapporto di coppia, prima di tutto perché non sarebbe possibile per ragioni logistiche e poi perché è un’ipotesi che realmente non interessa né a lui né a me. Semplicemente stiamo bene così. Così le cose funzionano. La telefonata non ci manca mai e ogni tanto c’è pure una pizza, ma quando ci sono problemi seri ci sentiamo sempre. Forse sarà un tentativo di porre un rimedio alla solitudine, però in qualche modo funziona e gli effetti positivi li sento. Lui mi dice che adesso si sente tranquillo, che non ha più la sensazione di avere fatto fallimento nella sua vita, che ha recuperato una prospettiva per il futuro in modo da non invecchiare completamente solo. Io gli dico che mi sento a mio agio, ed è proprio così. Certo non era questo il mio sogno di tanti anni fa, ma il mio sogno non aveva nulla di reale, mentre il mio amico (non dico nemmeno il mio compagno) esiste veramente ed è un punto di riferimento fondamentale.”

Questi tre documenti, che rappresentano modi diversi ma tutti non standard di vivere l’affettività e la sessualità gay, descrivono situazioni molto più comuni di quando non si creda; sono in effetti tre risposte diverse alla crisi del modello tradizionale di coppia. I modelli di relazione affettiva ispirati al matrimonio eterosessuale tradizionale sono da molti anni in crisi anche nello stesso campo eterosessuale e i tentativi di applicarli al campo omosessuale si sono dimostrati funzionali solo in una percentuale relativamente ridotta di casi: le coppie omosessuali stabili e rigidamente monogamiche esistono e in tempo di HIV non è certo un fatto negativo, ma i gay che non cercano più un rapporto di coppia di quel tipo ormai sono molto numerosi. Tendono quindi a formarsi nuovi modelli, come le tre mail dimostrano chiaramente. Cerchiamo ora di capire che cosa ci sia alla base di questi nuovi modelli.

Si rileva innanzitutto che la sessualità non è l’elemento determinante della relazione, in alcuni casi è presente in modo sporadico, cioè non è esclusa a priori, in altri non entra in modo esplicito nel rapporto ed è anzi tenuta deliberatamente lontana. La base di queste relazioni è l’affettività e il valore centrale è il parlare sempre con la massima chiarezza, cioè il non nascondere nulla al proprio amico-compagno. La fedeltà sessuale non è un elemento fondante, mentre l’onestà nel dichiarare i propri sentimenti lo è.

In secondo luogo viene spesso sottolineata l’assenza di legami formali: il rapporto è totalmente libero è resiste proprio perché voluto e rinnovato giorno dopo giorno. Paradossalmente, la stabilità deriva proprio dall’assenza di legami formali.

In terzo luogo, l’affettività viene coltivata attraverso una serie di attenzioni reciproche che manifestano un interesse alla persona del proprio compagno. Quell’interesse può essere anche sessuale, ma può anche essere semplicemente affettivo, può tradursi in un amarsi anche senza sesso, in un rapporto di tipo quasi familiare.

L’apparente debolezza interna delle relazioni di questo tipo le rende per un verso più rare e per l’altro più stabili delle relazioni di tipo quasi matrimoniale basate sulla fedeltà sessuale. In altri termini, per creare rapporti basati sull’affettività bisogna essere se stessi più che conformarsi a modelli e bisogna aver maturato una certa esperienza della vita affettiva, ma proprio per questo, quando queste relazioni nascono, sono il frutto di una scelta ben meditata da parte di persone che ormai sono andate oltre le visioni mitiche della vita di coppia.
__________
If you like, you can join the discussion on this post on Gay Project Forum: http://gayprojectforum.altervista.org/T ... riendships



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: GAY E AMICIZIE SPECIALI
MessaggioInviato: domenica 26 novembre 2017, 22:30 

Iscritto il: domenica 19 luglio 2015, 20:41
Messaggi: 81
Io - e parla uno che non ha mai avuto una storia - non mi accontenterei di un rapporto aperto o di un'amicizia. Di certo non li butterei via (a volte le circostanze non permettono altro), ma preferirei andare più in profondità. Anche se il dolore per un amore perduto sarebbe dilaniante, il fatto di sapere che il mio "amico speciale" si frequenta con un altro sarebbe ancor più inaccettabile. Va benissimo sentirsi per telefono o vedersi per una pizza ogni tanto, eppure non può rimanere tutto lì. Cerco amore, quello in cui ci si coinvolge affettivamente, effettivamente, emotivamente, fisicamente in un mix così intenso da rendere vera l'esclusività che comporta. E' raro, ma possibile. Poi, per carità, dobbiamo scendere a compromessi per l'estrema complessità delle dinamiche della vita, tuttavia le ali per volare alto ce le abbiamo.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: GAY E AMICIZIE SPECIALI
MessaggioInviato: domenica 17 dicembre 2017, 17:28 

Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 22:05
Messaggi: 241
Bella risposta quella di Lao, che condivido pienamente. Un'amicizia per quanto bella e profonda non può sostituirsi ad una relazione affettiva. Che poi la vera amicizia è rara quanto il vero amore.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: GAY E AMICIZIE SPECIALI
MessaggioInviato: lunedì 18 dicembre 2017, 0:46 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5209
Anche io condividerei la risposta di Lao, ma il fatto è che, quando certe condizioni non si realizzano e probabilmente non possono proprio realizzarsi, bisogna pur vivere lo stesso e si cambia proprio mentalità, non si è più massimalisti e si cerca di non perdere l'esistente in nome di cose che rischiano seriamente di rimanere solo ipotesi. Molti atteggiamenti cambiano con l'età, perché cambiano le prospettive reali.



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: GAY E AMICIZIE SPECIALI
MessaggioInviato: martedì 19 dicembre 2017, 21:03 

Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 22:05
Messaggi: 241
Non so a cosa fai riferimento di preciso con le condizioni che non si realizzano. Una storia d'amore si può vivere a qualsiasi età. Certo per chi è avanti con l'età è più difficile, ma non impossibile.


Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 1 di 1 [ 5 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010