COPPIE GAY E SOLITUDINE

Coppie gay, difficoltà, prospettive, significato della vita di coppia dei gay
Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5332
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

COPPIE GAY E SOLITUDINE

Messaggioda progettogayforum » sabato 3 luglio 2010, 18:52

Ciao Project,
ho 38 anni, non ho un compagno o meglio non ce l’ho più, l’ho cercato per anni, all’inizio credevo che non avrei mai conosciuto un altro ragazzo gay invece poi alla fine ne ho conosciuti e anche parecchi, tutti fuori da giri strani, tutti ragazzi non dichiarati (sembra strano lo so, ma li ho incontrati), la prima volta che ho conosciuto un ragazzo gay mi è sembrato di toccare il cielo col dito e quando ho capito che era interessato a me ero proprio in orbita, avevo 23 anni, poi le cose tra noi sono andate bene per un po’ ma dopo piano piano non è stata più la stessa cosa. È un bravissimo ragazzo che ormai non sento più da parecchio tempo. Quando è finita ci sono rimasto un po’ stranito ma me lo aspettavo, era in qualche modo inevitabile. Sarà stata la noia, il fatto di conoscersi veramente (abbiamo anche convissuto per tre anni), fatto sta che a un certo punto ci siamo accorti che non avevamo più una spinta vera per restare insieme, non parlo nemmeno di spinta sessuale. In pratica all’inizio abbiamo vissuto di entusiasmi perché ognuno si era immaginato che l’altro fosse come ce lo aveva in testa lui, poi abbiamo capito che non era così e le cose sono andate a spegnersi. Non abbiamo mai litigato, ma eravamo al punto che eravamo di impaccio l’uno per l’altro e allora ci siamo lasciati. Qualche rimpianto certo c’è stato e da tutte e due le parti, ma la volontà di ricominciare da capo non l’abbiamo avuta. Dopo ho conosciuto altri quattro ragazzi, con i primi tre ho avuto solo rapporti sessuali, una cosa tutto sommato gradevole ma non eravamo innamorati o forse lo siamo stati solo nei primissimi tempi ma sono state cose che non sono mai durate più di sei mesi, con l’ultimo invece c’era anche un’intesa ad altri livelli, stavamo bene e abbiamo deciso di vivere insieme. È durata quattro anni. Diciamo che è stata una cosa più voluta che vissuta con l’entusiasmo degli innamorati. Lui è una bravissima persona, lo stimo, gli voglio bene, ne sono stato anche innamorato nel vero senso della parola ma anche questa volta solo all’inizio, quando abbiamo cominciato a vivere insieme mi sono accorto che aveva un mondo tutto suo e lui ha capito che io ne avevo uno tutto mio, alla fine stavamo insieme per conforto reciproco. Poi ci siamo separati. Vorrei sottolineare che le mie due storie importanti non sono finite per ragioni di tradimento o per cose simili ma per il fatto che di fatto continuavamo ad essere due persone distinte con due mondi distinti. All’inizio c’era l’illusione che il sesso e anche l’amore affettivo potessero costituire un elemento in grado di farci superare i particolarismi e le nostre specifiche maniere di vedere la vita, ma alla fine non abbiamo costruito realmente qualcosa di comune. In questi giorni, a 38 anni, mi capita di aver conosciuto un ragazzo di 27, un ragazzo gay, non dichiarato, tra l’altro un bel ragazzo che mi attrae molto fisicamente. Ho l’impressione che lui a costruire qualcosa ci proverebbe anche seriemente ma io francamente non me la sento. Sarebbe come ripetere per la terza volta la stessa storia. Con gli altri ragazzi eravamo arrivati all’idea di convivere attraverso il sesso, cioè piano piano si arrivava a una forma di coinvolgimento sessuale reciproco e poi ci si illudeva che quello fosse il senso di un rapporto di coppia, come se il sesso potesse operare il miracolo e fare di due ragazzi una cosa sola. Questa volta non me la sento, non perché non sia sessualmente ed affettivamente coinvolto, anzi! Ma perché ormai non ci credo più. Quello che non mi sta bene è proprio il fatto che ci si possa piano piano ricadere per finire poi come tutte le volte precedenti, con un arrivederci e grazie. Mi piacerebbe tenere questo ragazzo come amico, ma pure lì a una certa distanza. Temo che lui abbia cominciato ad innamorarsi di me, lo vedo dal fatto che lo sento dipendente da me, che non mi dice mai di no, che si adegua a tutto quello che crede vada bene a me. In un certo senso mi fa tenerezza ma mi fa anche un po’ pena, ma non lo voglio fare soffrire, se adesso ci buttiamo in una storia che poi finirà regolarmente per stanchezza reciproca, alla fine ci staremo male in due e lui starà sicuramente peggio di me, perché io ormai verso queste cose mi sento vaccinato mentre per lui è la prima volta. Mi dice che sono una persona di cui si fida totalmente e io gli ripeto che per essere gay bisogna prima di tutto imparare ad essere soli nel senso che se sei gay la solitudine è il tuo modo di vita normale, ti puoi anche innamorare e puoi anche convivere, ma poi finisce e la solitudine torna. Se non sai stare solo il fatto di essere gay lo vivi male, ma se alla solitudine non solo ci fai il callo ma cominci a trovarci anche qualcosa di positivo, alla fine essere gay non ti pesa più. Verso questo ragazzo ho un dovere: quello ci non raccontare frottole, di non parlare di cose sublimi ma di mezze cose vere, non di amore totale, ma di come trovare un equilibrio in due. Project, so quello che pensi tu delle coppie gay, cioè di come dovrebbero essere, tu sottolinei molto che ci deve essere amore, e questo è giusto ma l’amore vero, quello che ho conosciuto io, è molto più tiepido di come lo dipingi tu e lo stesso vale per il sesso, sì è importante, e chi lo nega, però non basta nemmeno quello a fondere due persone. Amarsi in una coppia gay significa voler amare l’altro (e sottolineo il verbo volere) per quello che è realmente, non si tratta di essere due metà di un tutto ma di essere due singoli che si stimano, si rispettano ma che capiscono senza illudersi che l’altro è altro e resterà altro comunque. Il ragazzo che si è innamorato di me vuole provare seriamente una convivenza e sono convinto che ci si metterebbe con tutta la buona volontà, lui è convinto che riuscirebbe a cambiarmi la vita, io, francamente, non dico che sono convinto del contrario ma mi aspetto al massimo un bel rapporto che possa durare qualche anno. In una situazione del genere, che vivo da disilluso, secondo te che devo fare? Al di là di dirgli la verità non posso andare. Se gli dico di no gli faccio male adesso e se gli dico di sì gli farò male dopo. Ho l’impressione che lui sogni da un rapporto di copia delle cose che dopo non potrà comunque ottenere. Realmente non so che fare, per me non è una scelta di istinto, è veramente una decisione da prendere perché a questo ragazzo io voglio bene e forse per questo cerco di allontanarlo da me.
Se credi che questa mail possa servire anche a qualche altro pubblicala pure.
Grazie Project. Ti sarei grato se mi mandassi il tuo contatto msn.

Avatar utente
Explorer5
Messaggi: 22
Iscritto il: lunedì 3 maggio 2010, 22:53

Re: COPPIE GAY E SOLITUDINE

Messaggioda Explorer5 » sabato 3 luglio 2010, 20:03

è una situazione problematica cio' che dici :? che vuoi non fargli del male,allontanandolo, ma penso che soffrireste troppo e potresti pentirtene non sai come fondamentalmente questo ragazzo si comporta richiede del tempo,conoscere una persona, non è forse il tuo il caso di scoprire che ci è sbagliati e che quindi hai paura di essere contradetto in quelle che sono le tue esperienze?Questo ragazzo potrebbe renderti felice non trascurare questa possibilita', non potrai mai saperlo se non avvii un confronto con lui. ;)
Ama la verità, ma perdona l'errore. Voltaire

ennio91
Messaggi: 2
Iscritto il: mercoledì 23 giugno 2010, 23:35

Re: COPPIE GAY E SOLITUDINE

Messaggioda ennio91 » sabato 3 luglio 2010, 23:43

concordo appieno con il tuo pensiero sulla solitudine gay... ogni gay deve imparare a convivere prima di tutto con la sua solitudine, perchè se non ci si abitua poi vive male il suo essere gay, e spesso si affeziona e si illude troppo facilmente delle persone che incontra. è successo a tutti le prime volte, ma dopo che impari questo trucchetto vivi meglio! ^^

Jek70
Utenti Storici
Messaggi: 518
Iscritto il: venerdì 15 maggio 2009, 19:41

Re: COPPIE GAY E SOLITUDINE

Messaggioda Jek70 » domenica 4 luglio 2010, 10:52

La disillusione è comprensibile (ho 39 anche io) e questa spinge a non farsi più castelli in aria e credo anche che alla nostra età sia giusto non vivere di favole.

Tuttavia però non è nemmeno corretto rifiutare a priori le opportunità che la vita ci propone.

Dici di non voler fare soffrire questo ragazzo perchè gli vuoi bene. Già questa cosa è bella perchè comunque vuol dire che lo vedi sotto un aspetto affettivo e di stima.

Dare consigli in queste situazioni ovviamente non è mai facile e credo neppure corretto, però fossi in te non getterei la spugna e direi di vederla in modo razionale.

Dal momento che allontanandolo comunque lui ci soffrirebbe e anche tu da quel che mi pare di aver capito, perchè non provare a vedere se invece fra di voi le cose potrebbero funzionare?

Anche se poi dovessero durare per un periodo e non per tutta la vita non credi che comunque ne sarebbe valsa la pena?

Condividere con una persona, che oltretutto non ti è indifferente, un percorso della propria vita è sempre un arricchimento.
Voler bene ad una persona e fare un percorso di vita insieme indipendentemente dalla durata che questo avrà credo sia sempre una cosa importante e che rende la vita degna di essere vissuta.

Ferro
Messaggi: 232
Iscritto il: lunedì 1 giugno 2009, 21:34

Re: COPPIE GAY E SOLITUDINE

Messaggioda Ferro » domenica 4 luglio 2010, 12:56

Mah si potrebbero trovare migliaia di storie simili alle tue di un ragazzo di 38 anni che non vuole più illudersi delle donne!
Questi problemi sono problemi uguali per tutti con la differenza che non esistendo legami legali come il matrimonio per noi omosessuali quando una relazione finisce finisce e basta, non ci sono leggi o figli che tengano.

Questo però fa si che le nostre relazioni siano più genuine e vere, la maggioranza dei matrimoni sono tutti falliti nella migliore delle ipotesi si va avanti per inerzia.

Detto ciò di che ti lamenti? E perchè non bisognerebbe illudersi?

Bisogna sicuramente essere realisti questo è vero però perchè pregiudicarsi la possibilità di avere qualcuno accanto a cui si vuole bene?
No io questo non lo capisco, sei deluso? Ok, vuoi rinunciare a questa cosa?
Bene rassegnati alla tua solitudine ma per piacere quando fra qualche anno ti sentirai solo e fallito non prendertela con l'omosessualità ma prenditela con te stesso.

barbara
Utenti Storici
Messaggi: 2864
Iscritto il: mercoledì 14 aprile 2010, 9:22

Re: COPPIE GAY E SOLITUDINE

Messaggioda barbara » domenica 4 luglio 2010, 13:09

Mah si potrebbero trovare migliaia di storie simili alle tue di un ragazzo di 38 anni che non vuole più illudersi delle donne!
Questi problemi sono problemi uguali per tutti con la differenza che non esistendo legami legali come il matrimonio per noi omosessuali quando una relazione finisce finisce e basta, non ci sono leggi o figli che tengano.


è la stessa cosa che avrei detto io, Ferro. E' importante secondo me sottolineare che le famiglia del mulino bianco non esistono; dunque stare insieme una vita non é affatto facile. Non sarei così drastica però nel dire che tutti i matrimoni sono un fallimento.
Ognuno dà un significato alle proprie scelte che può non essere condivisibile da altri, tuttavia se si decide di superare i momenti di crisi e condividere aspetti che con l'età diventano importanti , credo che questo tipo di scelta debba essere rispettata come quella contraria di separarsi non appena il rapporto diventa faticoso.
il fatto di non avere figli , come ogni cosa, può avere un risvolto positivo, perchè è indubbio chequando i figli ci sono bisogna tener conto delle loro esigenze: senza arrivare all'assurdo di vivere insieme solo per loro non si può nemmeno pretendere che accettino di passare da una convivenza all'altra.
Nel forum ho sentito quasi sempre parlare della mancanza della paternità solo come aspetto negativo e dunque mi sembra importante sottolinearlo.
Sono pienamente d'accordo con l'affermazione che a un certo punto di un rapporto di coppia bisogna fortemente "volere" di stare insieme.
A quest'uomo potrei solo dire che la solitudine di cui parla in fondo é frutto di una scelta e in quanto tale mi pare molto differente dalla solitudine subita di chi raramente riesce a incontrare qualcuno da amare.
In questo senso capisco le sue resistenze a mettere in discussione un equilibrio che in qualche modo ha i suoi vantaggi. Forse per capire quante chance ha un rapporto per durare bisognerebbe valutare le compatibilità di carattere e cose del genere, ma spesso quello che ci attrae di una persona prescinde completamente da ciò e solo in un secondo tempo ci si rende conto di quanto può essere complicata o meno una convivenza.
Ricette non credo ce ne siano su questo tema.

editore
Messaggi: 111
Iscritto il: giovedì 14 maggio 2009, 21:35

Re: COPPIE GAY E SOLITUDINE

Messaggioda editore » domenica 4 luglio 2010, 17:03

Il fatto è che ci sono persone fatte per la vita di coppia e complementare e persone fatte per una vita più solitaria e individualista, ci sono persone che non sono fatte per vivere con un partner ma al massimo per vivere una amicizia particolare dove si è più che amici ma comunque non una coppia, non ciò che si intende tradizionalmente per coppia.
Bisogna capire a quale delle due categorie si appartiene e trovare dai propri dei propri simili. Io trovo molto apprezzabile il fatto che questo uomo no, voglio illudere quel giovane, magari coinvolgendo in una storia di coppia che dopo 3-4 anni finisce, perché gli ruberebbe soltanto qualche anno della sua vita.


Torna a “COPPIE GAY”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite