Crea sito
 
Oggi è mercoledì 22 novembre 2017, 15:04

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 1 di 1 [ 10 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: MANUALE DI SESSO GAY
MessaggioInviato: domenica 26 agosto 2012, 14:54 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5112
Raccolgo qui di seguito alcune riflessioni sulla sessualità gay, sono cose generalissime ma credo possano aiutare ad inquadrarne concretamente gli elementi fondamentali.

La parola “omosessualità” pone l’accento sulla dimensione sessuale e, in questo modo, allontana da una visione realistica della omosessualità stessa che non è un comportamento sessuale ma una forma d’amore.

L’omosessualità consiste nella tendenza ad innamorarsi e a creare relazioni affettive e sessuali con persone dello stesso sesso, è una variante naturale della sessualità umana che riguarda circa l’8% della popolazione, sia maschile che femminile, più o meno nelle stesse proporzioni.

L’omosessualità è vissuta con disagio, cioè non è vissuta nella pienezza del suo valore umano, quando uno dei due elementi costitutivi, affettività e sessualità, viene eliminato o sottovalutato.

Il rifiuto dell’affettività gay porta a vivere l’omosessualità in dimensione esclusivamente sessuale, evitando qualsiasi coinvolgimento affettivo. In questo modo la sessualità tende a compensare l’affettività assente espandendosi e diventando un valore pervasivo. La partecipazione affettiva, che è la base della soddisfazione in un rapporto interpersonale e anche in un rapporto che coinvolge la sessualità, venendo meno, toglie alla sessualità il suo valore più alto e quindi la capacità di essere profondamente gratificante.

La sublimazione della sessualità, legata spesso a forme di educazione repressive della fisicità del bambino e dell’adolescente, trasmesse attraverso comportamenti mai espansivi degli adulti, toglie alla omosessualità, in modo più o meno marcato, la spinta della pulsione fisica o induce a vivere quella pulsione fisica con sensi di colpa, come se la fisicità potesse degradare l’amore.

Per vivere bene la propria sessualità e quindi anche la propria omosessualità occorrono entrambe le componenti, cioè sia l’affettività che la sessualità.

Affettività e sessualità omosessuale sono profondamente influenzate dall’educazione. Nei paesi del Nord Europa, in cui l’omosessualità è considerata una cosa normale, i problemi di non accettazione sono praticamente inesistenti, nei paesi dell’Europa del Sud e in molti altri paesi, dove pure non esiste nessuna criminalizzazione della omosessualità ma permane tuttavia una mentalità diffusamente omofoba fomentata dalle religioni e da certi gruppi politici, i problemi di non accettazione della omosessualità sono diffusi e i gay vivono in situazioni di disagio. Esistono purtroppo ancora oggi paesi in cui l’omosessualità è criminalizzata e porta all’impiccagione in piazza addirittura di ragazzi sedicenni. In questi paesi si mette in atto una vera e propria azione di sterminio in aperta violazione dei più elementari diritti umani.

L’educazione sessuale degli adolescenti e in particolare degli adolescenti gay, inesistente, in Italia, a livello istituzionale o implicitamente delegata alla chiesa, diviene di fatto appannaggio della pornografia, che ha alla base interessi economici colossali che nulla hanno a che vedere con l’educazione sessuale e con il benessere sessuale dei ragazzi e degli adulti. La pornografia finisce per creare moduli di comportamento sessuale che si radicano profondamente nella mente degli adolescenti. La pornografia enfatizza solo la componente sessuale e tende a deprimere e a svalutare la componente affettiva. Un ragazzo gay mi diceva: “Preferisco mille volte un film a tema gay, magari con un minimo di sesso, rispetto ad un porno. In un film mi ci rivedo, c’è una storia, ci sono sentimenti che sento anche miei, in un porno c’è solo sesso cinematografico che ha ben poco a che vedere con la realtà.” Un altro ragazzo mi diceva: “Vedo in genere la prima parte dei porno, dove c’è qualcosa che ha un minimo di senso affettivo, poi, quando cominciano a fare sesso a tutta forza, cambio, tanto è sempre la stessa cosa.”

Un rapporto serio tra due ragazzi, sia a livello affettivo che a livello sessuale, presuppone, come condizioni minime, il rispetto e la stima personale basata su una conoscenza reciproca non superficiale. Senza questi presupposti non si costruiscono rapporti umani seri di nessun tipo.

Nell’uso della sessualità, oggi, data la consapevolezza dei rischi connessi alle malattie sessualmente trasmissibili, e in primo luogo dell’aids, il rispetto delle regole di prevenzione rappresenta una priorità assoluta e inderogabile, sia per il rispetto di sé che per il rispetto dell’altro.

Nella sessualità gay non esistono obblighi o regole di nessun genere, non esistono modelli di comportamento, non esistono pratiche sessuali indispensabili né copioni o rituali obbligatori. Non bisogna farsi condizionare in nessun modo da modelli di comportamento prefabbricati, meno che mai da quelli derivati dalla pornografia.

La sessualità ha tanto più valore quanto più è spontanea. La sessualità di coppia si costruisce in due, confrontandosi alla pari. Le forzature sono sempre segno di scarso rispetto o di immaturità.

Non è raro che i ragazzi gay si sentano a disagio perché avvertono che il loro desiderio sessuale non corrisponde ai modelli veicolati dalla pornografia o alle richieste del partner, questo disagio si basa sull’errato presupposto che la sessualità gay debba seguire un copione in cui i comportamenti sono predefiniti. In realtà, la soluzione dei problemi di armonia sessuale è il tipico banco di prova della capacità di resistenza di una coppia. Una coppia solida trova “la sua” strada verso “la sua” sessualità guardando solo alle persone e mettendo da parte qualunque schema prefissato di comportamento.

La sessualità gay non è un surrogato, una brutta copia, un analogo della sessualità etero. Un ragazzo gay non cerca nel suo ragazzo il surrogato o il sostituto di una ragazza, ma è innamorato del suo compagno proprio perché è un ragazzo e l’affettività che lo porta verso quel ragazzo presuppone che siano appunto due ragazzi e che si muovano su un piano di assoluta parità.

In un rapporto d’amore, e quindi anche in un rapporto omosessuale, si richiede la massima onestà reciproca, cioè il dire sempre all’altro ciò che si prova e ciò che si pensa con totale lealtà. Nascondere i propri pensieri al proprio compagno per paura della sua reazione significa temerlo o considerarlo incapace di un confronto alla pari e queste cose sono segno di un rapporto non paritario.

La soddisfazione nella sessualità non viene da una o da un’altra specifica pratica sessuale ma dal fatto che la sessualità è vissuta con un profondo coinvolgimento affettivo.

La masturbazione individuale è un’attività sessuale fondamentale che contribuisce nell’adolescenza a strutturare la sessualità adulta creando associazioni stabili tra fantasie sessuali e reazioni fisiologiche di erezione e di eccitazione sessuale, contribuendo cioè a fissare gli archetipi sessuali di una persona ossia i tipi e le caratteristiche fisiche in grado di indurre una reazione sessuale fisiologica. La masturbazione non è né un comportamento infantile né un modo di fare da sfigati ma è una cosa che va presa sul serio e va valorizzata non riducendola per nessuna ragione ad un modo per “scaricarsi”.

La masturbazione non è un comportamento adolescenziale che si supera quando si vive in coppia, ma è una componente ordinaria della sessualità di un individuo che non sparisce ma si dirada quando c’è una stabile vita di coppia e che, nella vita di coppia, serve a mantenere un contatto anche a distanza col proprio partner quando questo è lontano.

La masturbazione, non è una perdita di tempo ma, come tutte le attività sessuali, richiede tempo, e va praticata in condizioni di tranquillità e, possibilmente, senza interruzioni. Se la masturbazione è troppo veloce lascia un senso di insoddisfazione. I tempi adeguati, in queste cose, sono fondamentali. La masturbazione non è e non deve essere un’attività meccanica ma deve coinvolgere la fantasia sessuale in modo profondo, cioè deve consentire di vivere proiettivamente o di rivivere nel ricordo esperienze sessuali particolarmente desiderate e coinvolgenti.

Le fantasie masturbatorie, cioè le fantasie che accompagnano la masturbazione, sono il primo indice di orientamento sessuale. La difformità tra le fantasie masturbatorie e i comportamenti sessuali di coppia è uno dei principali segni di disagio nella sessualità di coppia. Un ragazzo che ha un compagno ma che preferisce masturbarsi usando un porno più che pensando alla sessualità che ha vissuto col compagno, molto probabilmente ha vissuto una sessualità di coppia non appagante.

Affettività e sessualità in una relazione omosessuale seria vanno sempre insieme. È cosa comunissima per esempio che anche solo parlare al telefono col proprio compagno faccia andare in erezione, ci sarebbe se mai da stupirsi se non accadesse. È cosa frequentissima, se i due partner sono lontani, masturbarsi insieme mentre si sta al cellulare o in cam, tutto questo è un modo di conservare vivo anche l’interesse sessuale. Sarebbe invece sintomo serio di disagio se un ragazzo, nel colloquio telefonico col partner lontano si limitasse a sole formule di cortesia e poi si masturbasse guardando un video in rete. In una situazione del genere è probabile che non esista neppure un rapporto di coppia.



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: MANUALE DI SESSO GAY
MessaggioInviato: domenica 26 agosto 2012, 16:24 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 24 agosto 2010, 19:37
Messaggi: 430
Come al solito sei stato perfetto nell'esporre i tuoi argomenti,Project,non posso che appoggiare tutto quello che dici.
Di contro sento tanti ragazzi gay che si fissano sui ruoli sessuali nel rapporto con il proprio partner,ed è una cosa che mi manda davvero in bestia,mi da la sensazione che si voglia emulare la coppia etero con quegli schemi.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: MANUALE DI SESSO GAY
MessaggioInviato: domenica 26 agosto 2012, 22:25 
Moderatore Globale
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 25 giugno 2009, 0:27
Messaggi: 939
serpentera ha scritto:
mi da la sensazione che si voglia emulare la coppia etero con quegli schemi.
o che si risponda pedissequamente agli "stereotipi gay" dell'attivo o passivo, quando magari una più profonda sessualità di coppia comporta quella democratica versatilità che in una coppia etero non esiste :mrgreen:



_________________
Zerchmettert, zernichtet ist unsere Macht
wir alle gestürzt in ewige Nacht
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: MANUALE DI SESSO GAY
MessaggioInviato: mercoledì 29 agosto 2012, 17:27 

Iscritto il: lunedì 30 gennaio 2012, 1:28
Messaggi: 93
Fantastico Project! Sono tutte cose che leggendole paiono assolutamente logiche, eppure spesso ci vogliono anni per comprenderle e farle proprie.
M'è capitato spesso di incontrare ragazzi con un'assoluta incapacità relazionale ed una forte attività sessuale. Spesso, una delle loro domande primarie e preferite è:sei attivo o passivo? A me questa domanda ripugna davvero e mi fa perdere in quel dato istante qualsiasi tipo di eventuale interesse verso la persona.
eppure fino a poco tempo fa mi faceva un gran male.Mi sentivo diverso, sbagliato,perchè non riuscivo a vivere serenamente queste situazioni "normali".
M'è toccato innamorarmi per capirne l'essenza.

Ultimamente m'è capitato di affrontare l'argomento con persone diverse, etero, anche sui 50 anni.
Quando si parla in modo serio queste persone sono molto incuriosite dall'argomento e prima o poi ti chiedono di delucidare la questione "attivo-passivo".
Ho trovato molto positivo il fatto che le persone intelligenti fanno in fretta a capire la questione e provano curiosità sincera per un argomento che si rendono conto al volo di non conoscere...

un'ultimo appunto. Noi siamo gay. In un modo o nell'altro abbiamo la necessità di comprendere ed inventarci un mondo al di fuori degli stereotipi. (anche se purtroppo credo che tanti non siano in grado di fare questi passaggi e si infilino appieno negli stereotipi puri, accrescendo ed avvalorando gli stessi).
Gli etero in fondo questa fortuna non ce l'hanno .
Credo che una relazione seria su sessualità ed affettività come questa farebbe estremamente bene anche agli etero soprattutto in fase di sviluppo, dunque nelle scuole. Eppure non m'è mai capitato di sentire discorsi così seri... D'altronde,dai, parlare di masturbazione a scuola......Non sia mai!!!!


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: MANUALE DI SESSO GAY
MessaggioInviato: giovedì 20 settembre 2012, 15:56 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 22 maggio 2012, 11:59
Messaggi: 97
konigdernacht ha scritto:
o che si risponda pedissequamente agli "stereotipi gay" dell'attivo o passivo, quando magari una più profonda sessualità di coppia comporta quella democratica versatilità che in una coppia etero non esiste :mrgreen:

ò.O'
cioè ma che c'entra ?
A uno piace ciò che piace...ma scusa eh.
Se a uno piace solo essere passivo/attivo allora non ha un rapporto sessualmente profondo col partner ? Che un buon rapporto di coppia tra gay IMPLICHI la versatilità lo dici tu. Anzi sembri affermarlo con una certa sicurezza che sa anche di presunzione.
Poco tempo fa Project aveva pubblicato la lettera di un ragazzo a cui non piaceva il sesso anale e si è sempre sentito un po' diverso/sbagliato ,come se non bastasse, anche dagli altri gay e che poi ha trovato un compagno a cui neppure piaceva la cosa e con cui diceva di avere ora un rapporto appagante.
Dovremmo informarlo che quello che ha col partner è un rapporto tutt altro che profondo e appagante ?
no.


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: MANUALE DI SESSO GAY
MessaggioInviato: venerdì 21 settembre 2012, 19:44 
Moderatore Globale
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 25 giugno 2009, 0:27
Messaggi: 939
Nessun atto di presunzione, sam, e ti invito a rileggere il mio commento bene.

Ho solamente esposto la ovvia ed analitica differenza tra un rapporto gay ed etero: fermo restando che alla base di entrambi ci deve essere amore (nella mia visione), è indubbio che il rapporto gay è più "paritario" rispetto a quello etero: se nel rapporto etero c'è un attivo ed un passivo (categorie che io detesto definire, in concordanza con serpentera), nel rapporto gay ognuno può essere attivo e passivo vicendevolmente.
Ciò non significa che è migliore il rapporto gay rispetto a quello etero, o quello versatile rispetto a quello monocategorico, in quanto ho fatto un commento di analisi e non di valore!



_________________
Zerchmettert, zernichtet ist unsere Macht
wir alle gestürzt in ewige Nacht
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: MANUALE DI SESSO GAY
MessaggioInviato: venerdì 21 settembre 2012, 20:05 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 22 maggio 2012, 11:59
Messaggi: 97
Guarda che l'ho letto bene ....e infatti ho citato la parte che non condividevo; sul fatto che una certa cosa comporti un'altra cosa....insomma non sto a ripetermi....
Se non altro sono d'accordo che probabilmente il rapporto di coppia tra gay è predisposto ad essere più paritario , siccome è libero da certi preconcetti come il fatto che uno dei due (la donna nelle coppie etero) è quello dal quale ci si aspetta che cucini, che pulisca, che sopprima la propria la rabbia, che arredi la casa ecc....


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: MANUALE DI SESSO GAY
MessaggioInviato: venerdì 21 settembre 2012, 20:26 
Moderatore Globale
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 25 giugno 2009, 0:27
Messaggi: 939
sam ha scritto:
come il fatto che uno dei due (la donna nelle coppie etero) è quello dal quale ci si aspetta che cucini, che pulisca, che sopprima la propria la rabbia, che arredi la casa ecc...
Trovo anche questo uno solido e assodato stereotipo, come affermi anche tu.
Parlo ovviamente della mia visione, ma trovo molto bello che sempre nella coppia gay, entrambi si curino della casa, cucinino, arredino. Ciò avviene ovviamente anche nella coppia etero, e sopratutto nel mondo contemporaneo, molti uomini diventano "le donne di casa" mentre le donne fanno carriera e portano il pane in casa!
Insomma, c'è un variegato mo(n)do che piano piano si discosta dall'archetipo-stereotipo di uomo-lavoro / donna-casa, che già per esempio in molte microsocietà regionali italiane non esiste già dagli inizi del '900 :mrgreen:



_________________
Zerchmettert, zernichtet ist unsere Macht
wir alle gestürzt in ewige Nacht
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: MANUALE DI SESSO GAY
MessaggioInviato: venerdì 21 settembre 2012, 22:51 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 22 maggio 2012, 11:59
Messaggi: 97
Guarda che mi sa che non hai capito . Ho detto esattamente quello che stai dicendo tu...
Ho citato dei preconcetti sessisti che esistono (purtroppo) nelle coppie etero e che invece non ci sono (presumo) in quelle gay.
Non ho capito come hai fatto a travisare...


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: MANUALE DI SESSO GAY
MessaggioInviato: giovedì 4 ottobre 2012, 17:11 
Utenti Storici
Avatar utente

Iscritto il: domenica 6 settembre 2009, 18:19
Messaggi: 619
leggo solo ora questo manuale di sesso gay, che alla fin fine sembra che parli anche di una dimensione affettiva che ci deve essere tra una coppia omosessuale.

Beh, cmq le cose che hai scritto, caro project, sono davvero importantissime, e soprattutto verissime, spero che questo topic sia stato letto da tantissimi ragazzi gay anke se non sono registrati al forum.

Sono cose che alla fin fine valgono anche per una coppia etero, perchè spesso succede che anche tra eterosessuali ci sia solo un intesa sessuale e non affettiva e altri problemi connessi. però è normale che essendo in un forum gay, si parla di coppie omosessuali.

Grazie mille project per questo topic, leggerlo mi ha risolto davvero tanti dubbi :)



_________________
Non è forte chi non cade, ma chi cade ed ha la forza per rialzarsi!
Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 1 di 1 [ 10 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010