GAY E NOSTALGIE ETERO

Approccio dei ragazzi gay verso la sessualità
Rispondi
Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5527
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

GAY E NOSTALGIE ETERO

Messaggio da progettogayforum » venerdì 15 maggio 2009, 1:20

admin ha scritto:Ciao Project,
che succede sul forum? C’è maretta o mi sbaglio? Vabbe’ alla fine non è che poi la cosa mi tocchi molto. Piuttosto ti volevo parlare di una questione, ho il tuo contatto msn, perché me lo avevi dato tempo fa. Non so se ti ricordi, ho trovato la data della prima mail che ti avevo mandato sul blog msn ed è del 30 marzo 2008, ero il 23enne, ora 24enne, ex-etero convinto, gay nemmeno tanto convinto solo da qualche mese. Te la dico tutta, senza finzione, quando ti ho conosciuto non mi eri simpatico nemmeno un po’, di quello che ti dicevo io non ti stava bene nulla avevi sempre da di ridire e parlavi sempre di prudenza. Non mi sembravi nemmeno un gay ma uno che ha paura del sesso, che sublima, che rinvia, insomma, scusa l’espressione, ma non mi sembravi all’altezza di quello che cercavo io. Vabbe’, mandato a quel paese te e il progetto ho cercato altre strade, ho conosciuto dei ragazzi sulle chat, quelle che non ti piacciono e con quei ragazzi ci sono pure stato, cioè con alcuni di loro ho avuto dei rapporti sessuali. Quando stavo con questi ragazzi mi tornava in mente la mia ultima ragazza, con la quale non ho mai avuto rapporti sessuali. Quella ragazza mi amava. Sapevo che non era una cosa per me, ma quella ragazza mi amava. Scusa se parlo in modo esplicito, ma poi con quei ragazzi quando ci si arrivava mi restava una sensazione di delusione, mi dicevo: “Ma è tutto qui?” Cioè era proprio sesso nel senso elementare del termine. Ho letto che tu parli di amore gay, ma quale amore? Al massimo sesso. Io con la mia ultima ragazza avevo un rapporto serio, parlavamo tantissimo, lo vedevo che a me ci teneva, ma i ragazzi che ho conosciuto sulle chat di me se ne fregavano proprio, o erano fissati col sesso, ma molto più di me o erano depressi, frustrati e complessati all’incredibile, un assortimento incredibile di assurdità, forse sono stato solo sfortunato. Nelle cose del sesso sono sempre stato prudente perché non voglio finire nei guai per stupidità e a qualcuno (anzi più che a qualcuno) ho proprio detto di no senza mezzi termini. Due o tre mi piacevano molto e non sembravano nemmeno maniaci ma a loro di me non importava proprio nulla. Io avrei voluto costruire con loro un rapporto analogo a quello che avevo con la mia ragazza con in più il sesso gay, invece si finiva per fare solo sesso, ci si sentiva una o due volte, poi si andava al sodo, ci si vedeva, ecc. ecc.. Le prime volte avevo un sacco di aspettative, ma non ci vedevamo per parlare, quando ci provavo mi guardavano strano come per dire: “Ma questo che vuole?” Project, non sai quanto ho rivalutato la mia ultima ragazza! Era proprio un’altra cosa. Qualche volta mi è proprio dispiaciuto non essere etero. Uno poi è stato proprio il massimo, in sostanza si capiva benissimo che era convinto che io fossi del tutto cretino ma mi correva appresso perché fisicamente non sono niente male. Project, ma non è che tu magari hai le idee un po’ distorte sui gay? Ne parli sempre in modo sublime come se fossero, o meglio come se fossimo, perché ci sto anche io, molto meglio degli etero ma non è così. Lo so che sono gay ma dopo avere conosciuto tanti gay da vicino mi dispiace di non essere etero perché l’ho provato ma era proprio un’altra cosa, l’amore etero esiste, che esista quello gay non è affatto evidente.
Se vuoi, questa mail pubblicala. Mandami due righe e dimmi come posso fare a parlare un po’ con te, ultimamente ti ho rivalutato parecchio.
Bacio.

Rispondi