Crea sito
 
Oggi è giovedì 23 novembre 2017, 5:50

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




 Pagina 1 di 1 [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: MODELLI DI AFFETTIVITA' E SESSUALITA' GAY
MessaggioInviato: venerdì 26 novembre 2010, 20:34 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05
Messaggi: 5112
Accade spesso che persone del tutto estranee alla realtà gay parlino di matrimonio gay o di coppie gay, estrapolando semplicemente al campo gay dei modelli di affettività e di sessualità tipici del mondo etero. Accade che anche gli stessi gay siano spesso portati a conformare più o meno consapevolmente i loro comportamenti ad analoghi comportamenti etero. In realtà i modelli di affettività e di sessualità etero non sono esportabili nel mondo gay perché mentre nella realtà etero dominano categorie come la complementarità sessuale, il suo fine procreativo e la dimensione sociale del rapporto di coppia, nella realtà gay dominano categorie come la parità sessuale, l’orientamento non procreativo della sessualità e la privacy. Questo post mira a puntualizzare l’originalità dei modelli di affettività e di sessualità gay rispetto ai corrispondenti modelli etero.

Modelli sessuocentrici e modelli a sessualità diffusa


Le diverse concezioni della vita affettiva possono essere classificate a seconda del ruolo che in esse assume la sessualità. Esistono modelli in cui la sessualità riproduttiva domina a tal punto da rendere secondaria anche la scelta del/della partner, in altri casi la sessualità, considerata fondamentale anche al di là della finalità riproduttiva, resta comunque al centro della vita affettiva, il che significa che una rapporto interpersonale assume un significato importante solo quando sfocia in un rapporto sessuale, che la fedeltà si identifica esclusivamente con la fedeltà sessuale e che il rapporto va in crisi quando il rapporto sessuale non è più gratificante.

Alcune affermazioni tipiche di certi modelli di sessualità etero come: “lo scopo essenziale della sessualità è la nascita dei figli”, “la masturbazione è inammissibile perché significa sprecare il seme”, “il rapporto tra due persone dello stesso sesso non può essere un rapporto d’amore perché non può trasmettere la vita”, “la verginità è una virtù importantissima” e simili, sono indici di modelli sessuocentrici. Analogamente può dirsi quando si ritiene che un contatto sessuale etero non sia realmente gratificante quando manca la penetrazione e si afferma che tutto ciò che viene prima è soltanto una preparazione. Sono sempre in una dimensione sessuocentrica le sottolineature della mascolinità e della femminilità come ruoli ben definiti anche a livello sociale. La dimensione sessuocentrica della vita affettiva può portare a dare particolare enfasi al rapporto sessuale e quindi ad ansia di prestazione.

Nel diffondere modelli sessuocentrici un ruolo particolare compete alla pornografia che identifica la sessualità con i rapporti sessuali e diffonde, per imitazione, modelli di comportamento non spontaneo che possono essere profondamente condizionanti. Mi capita spesso di parlare con ragazzi non più giovanissimi cresciuti con una educazione o meglio con una diseducazione sessuale affidata esclusivamente alla pornografia. Il vero danno provocato a questi ragazzi dalla pornografia consiste nell’impedire o nel ritardare lo sviluppo di una vera sessualità affettiva.

I modelli sessuocentrici arrivano a diffondersi anche tra i gay proprio attraverso la pornografia. Molte caratteristiche dei modelli sessuocentrici etero sono assimilate acriticamente anche dai gay che non fanno che trascrivere quei modelli in chiave gay. Un antidoto potente contro i danni della pornografia è rappresentato dai modelli affettivi non sessuocentrici derivati dagli esempi della vita familiare. I ragazzi gay cresciuti in famiglie in cui dominavano modelli di sessualità diffusa (coccole, affettuosità) sono in un certo senso vaccinati contro le visioni sessuocentriche della pornografia.

La trascrizione meccanica in chiave gay dei modelli sessuocentrici etero induce i ragazzi a non fare troppa attenzione ai propri sentimenti ma a considerare fondamentali solo le reazioni strettamente sessuali. Mi capita spesso di parlare con ragazzi che attribuiscono una importanza fondamentale alla sessualità tecnica intesa come centro della vita affettiva, tipiche in questo senso sono le situazioni dei ragazzi che si concentrano totalmente sulla propria risposta sessuale, in questi casi l’ipervalutazione della sessualità tecnica porta talvolta a reazioni nevrotiche come il mettersi alla prova a livello sessuale (esperimenti sessuali) cosa che può manifestarsi anche in modo ripetitivo e disturbante al limite del contenuto ossessivo. In queste situazioni sarebbe necessaria una vera rieducazione affettiva o meglio una rieducazione alla sessualità affettiva cosa possibile però solo con un partner che non abbia anche lui una visione sessuocentrica dell’affettività.

L’affettività può però manifestarsi anche in modo diffuso, con caratteristiche che non sono affatto sessuocentriche. Questo non vuol dire che non esista una sessualità nel senso stretto del termine ma solo che questa sessualità è una componente del rapporto affettivo ma non ne è l’essenza. La sostanziale differenza tra affettività sessuocentrica e sessualità diffusa consiste nel fatto che una sessualità diffusa permea di sé tutto il comportamento affettivo di una persona e non si limita ai momenti tecnicamente sessuali. Ovviamente la sessualità diffusa non è né etero né gay ma è un modo di concepire la sessualità, resta però che, da quello che vedo, ho l’impressione che per una coppia gay la sessualità diffusa, in assenza di condizionamenti della pornografia, sia una dimensione spontanea, certamente non indotta dall’esterno e non imitativa. Il significato profondamente affettivo e appagante che può avere una abbraccio per un ragazzo gay non è legato al fatto che l’abbraccio può preludere ad un rapporto sessuale ma deriva dalla dimensione di calore, di intimità che quell’abbraccio assume in una dimensione di sessualità diffusa.

Una conseguenza significativa della sessualità diffusa gay si ritrova nel confine tendenzialmente più labile tra amicizia e amore. Per un gay pensare ad una dimensione sessualizzata dell’amicizia non è necessariamente dirompente proprio perché la sessualità spesso non è vista come l’essenza del rapporto di coppia, in questo senso l’infedeltà episodica diventa tollerabile perché è intesa come un modo sessualizzato di dimostrare il proprio affetto ad un amico più che come un tentativo di costruire una coppia alternativa.

La coppia gay “possibile”

Vorrei dedicare la seconda parte di questo post al concetto di coppia gay possibile. Con questa espressione intendo indicare che per un gay la possibilità di realizzare al 100% i suoi desideri in termini di vita di coppia rappresenta una eventualità non comune. Un etero ha molte più possibilità di scelta e molta più libertà di azione, per un gay la realizzazione di una vita di coppia è legata all’eventualità a priori improbabile che il ragazzo del quale si innamora sia gay.

Quando un ragazzo gay si innamora di un ragazzo etero, cioè ne è attratto in modo forte e a livello globale, sia affettivo che sessuale, prima o poi deve prendere atto che i suoi desideri non si realizzeranno, a quello stesso ragazzo gay potranno presentarsi poi delle occasioni concrete di conoscere altri ragazzi gay e di poter creare con loro un rapporto di coppia “possibile”, questa dimensione di coppia resta però spesso apparentemente indebolita dal fatto che ci sono altri ragazzi anche etero e, direi, quasi sempre etero, che risultano per il ragazzo gay decisamente più attraenti sul piano sessuale del suo compagno “possibile”. Su questa base si potrebbe pensare in modo automatico ad una fragilità di coppia. In realtà non è così, se la coppia “possibile” non soddisfa in pieno uno dei due partner sotto il profilo del desiderio sessuale, che può rimanere concentrato anche su altri ragazzi (partner impossibili), resta comunque che si tratta di un rapporto “possibile” ossia reale contrapposto a desideri che sono irrealizzabili. Il rapporto di coppia in questi termini non può essere sessuocentrico e si modifica, pur mantenendo una dimensione sessuale, ponendo al centro una affettività-sessualità diffusa. È il caso classico del voler bene al proprio ragazzo in modo profondo considerandolo come un compagno di vita nel senso più serio del termine pur senza provare per lui una forte attrazione sessuale. In queste situazioni la sessualità si vive come un completamento del rapporto affettivo e non come un valore di per se determinante, si vive una sessualità affettiva di coppia e nello stesso tempo una masturbazione non dedicata al proprio compagno ma a un ragazzo “impossibile” verso il quale ci si sente sessualmente attratti.

Il meccanismo che ho descritto è tipico dei gay ed ha un valore enorme nel processo di crescita della persona in quanto allontana da visioni molto schematiche della sessualità. Devo sottolineare che questi rapporti di coppia non sono di serie B rispetto ai rapporti in cui desiderio sessuale e affettività vanno perfettamente d’accordo, ma stanno in rapporto con quelli come la realtà possibile sta alle ipotesi teoriche. La più grande paura per un ragazzo gay non è non avere un compagno con cui fare sesso ma non essere amato e la coppia “possibile” risponde al bisogno affettivo in modo serio ed è proprio per questo che i ragazzi che vivono un rapporto di “coppia possibile” non sono frustrati, come si potrebbe pensare dall’esterno. È evidente che la visione sessuocentrica dell’affettività è incompatibile con queste situazioni.



_________________
BLOG PROGETTO GAY http://progettogay.myblog.it/
BLOG STORIE GAY http://nonsologay.blogspot.com/
SITO PROGETTO GAY https://sites.google.com/site/progettogay/
STORIE GAY E NON SOLO https://gayproject.wordpress.com/
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: MODELLI DI AFFETTIVITA' E SESSUALITA' GAY
MessaggioInviato: sabato 27 novembre 2010, 14:57 

Iscritto il: martedì 19 ottobre 2010, 19:53
Messaggi: 3
Wow.... che post! Un po di capogiro m'è venuto in effetti:). Mi aspettano cose abbastanza complicate a quanto vedo... Comunque grazie per averlo pubblicato. Sopratutto sulla prima parte, quando parli di relazioni etero. Mi veniva in mente che forse anche quelle sono sbagliate e sin troppo blindate da modelli precostituiti. Sulla seconda staremo a vedere. Ti confesso tutta la mia paura a mettermi seriamente in gioco e a gestire le emozioni che per adesso provo per i ragazzi, che sento cominciano a muoversi dentro. Ho paura che stia sbagliando tutto, che con un ragazzo provero la stessa sensazione di repulsione. Ho pure la paura contraria, che invece possa innamorarmi facilmente ed essere molto più fragile. Per un verso mi sento come rinato credimi. Sono gioioso, aperto, in una parola mi sento vivo. Mi ero rassegnato all'idea di stare da solo, questi continui fallimenti con le donne mi avevano spossato. Per altro verso sono pieno di paure. Come sarà la mia vita? Si capirà prima o poi? Prima ero scudato dal fatto che avevo sempre una ragazza (o che mi aveva lasciato o con cui stavo o da conquistare). Adesso? La gente non si accorgerà del fatto che resto solo? Che sono assolutamente indifferente alle avance delle ragazze. Il mio collega è già da una settimana che mi chiede affettuosamente perché non ci provo con questa o quell'altra.
Ora leggo che forse con i ragazzi sarà anche più difficile. Però mi importa poco. Non so spiegarlo bene, per adesso mi sento solo felice di essermi liberato di questa ossessione di dovere per forza stare con una donna. Tra l'altro non so perché ma da quando ho scoperto che non mi interessa il genere, sembro riscuotere pure più successo. All'università c'è un ragazzo che mi piace, lo fisso in continuazione. Ho visto che proprio mi evita e ho subito pensato che è etero (parentesi: perché devono spulciarsi, allicchittarsi, imporfumarsi peggio di noi gay, però dovrebbero spiegarmelo!!!! Mi depistano così!!! :lol: ). Ho visto invece che l'altro giorno non faceva che fissarmi... brividi lungo la schiena....
In realtà per adesso non mi interessa neanche la cosa concretamente. Mi piace solo pensare che possa essere almeno possibile. Per il resto è tutto davvero troppo strano. La mia vita continua uguale, con i colleghi universitari parlo uguale a prima. Anzi ti dirò è pure peggio, perché prima infilavo sempre qua e là discorsi sull'omosessualità ora non lo faccio più. Sembravo più gay prima che adesso probabilmente. Tutto fuori scorre uguale, mentre dentro le giostre si muovono e tutto sta cambiando. Ho tanta paura ho 28 anni e devo ricominciare tutto da capo: il primo bacio, il cuore che mi batte all'impazzata. L'ansia e la paura di non sapere cosa fare, ne come muovermi. Sono contento però credimi. Non voglio più mentire, non voglio più impormi e condizionarmi. Ho sofferto sin troppo e credo di essermi meritato le cose che vorrò, ma sopratutto anche quelle che non ho voluto. Ho scritto troppo come al solito:). COmunque grazie ancora per il post, mi ha dato tanta possibilità di riflettere


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: MODELLI DI AFFETTIVITA' E SESSUALITA' GAY
MessaggioInviato: sabato 27 novembre 2010, 15:16 
Utenti Storici

Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41
Messaggi: 2360
Sapevo che prima o poi mi sarei confuso con i due nick ... :mrgreen:...


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: MODELLI DI AFFETTIVITA' E SESSUALITA' GAY
MessaggioInviato: sabato 27 novembre 2010, 15:36 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 3 ottobre 2010, 13:55
Messaggi: 246
boy deciditi o punto o trattino... stai diventando un codice morse ahahhah :mrgreen:


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: MODELLI DI AFFETTIVITA' E SESSUALITA' GAY
MessaggioInviato: sabato 27 novembre 2010, 16:11 
Utenti Storici

Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41
Messaggi: 2360
Ahahahahah :lol: ... con te non si può essere mai seri...


Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: MODELLI DI AFFETTIVITA' E SESSUALITA' GAY
MessaggioInviato: sabato 27 novembre 2010, 17:50 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 settembre 2010, 18:29
Messaggi: 114
boy ho un suggerimento per un terzo nick: Eboy.com vendita...beh potete immaginare ciò che si venderebbe online.pagamento alla consegna del pacco :lol: :lol: :lol:



_________________
Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo
Non connesso
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: MODELLI DI AFFETTIVITA' E SESSUALITA' GAY
MessaggioInviato: sabato 27 novembre 2010, 22:33 
Utenti Storici

Iscritto il: mercoledì 20 ottobre 2010, 0:41
Messaggi: 2360
:lol: :lol: :lol: Ok rettifico... con VOI due non si può mai essere seri. Però adesso cerchiamo di ricomporci :ugeek:


Non connesso
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
 Pagina 1 di 1 [ 7 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

cron
phpBB skin developed by: John Olson
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group


Creare forum
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010