CONSAPEVOLEZZA DEL DOLORE

La vera vita dei gay anziani, Gay e problemi della terza età, Gay anziani e ricordi di vita.
Rispondi
Avatar utente
Help
Messaggi: 259
Iscritto il: venerdì 19 giugno 2015, 13:55

Re: CONSAPEVOLEZZA DEL DOLORE

Messaggio da Help » giovedì 15 novembre 2018, 20:37

progettogayforum ha scritto:Mi sento profondamente confuso, confermato solo nella consapevolezza di non saper fare nulla e di non valere nulla, di poter fare danni che neppure riesco a comprendere. La mia antica paura si materializza e il senso di smarrimento è profondo. Ho finito per essere una delusione ancora una volta. Ho trovato persone come si deve, persone che hanno sofferto molto e sono stato io l’ennesima delusione. Non era quello che avrei voluto, sono stato superficiale, ho pensato che fosse tutto molto più semplice di com'era, ho pensato di capire e non avevo capito nulla, come mi è spesso accaduto mi sono sopravvalutato, ho cercato di non vedere i miei limiti e ho commesso errori che non ho neppure compreso e questo testimonia quanto fossi lontano dalla realtà. Ho finito per fare l’esatto contrario di quello che avrei voluto. Non so se è più dignitoso chiedere scusa o semplicemente restare in silenzio. Ho visto cose più grandi me e non ho capito che erano più grandi di me. Ho imparato quanto si possa soffrire e quanta dignità ci sia nella sofferenza e mi sono reso conto che le parole non servono a nulla e aggiungono confusione a confusione. Forse è più rispettoso non aggiungere altre parole.
Project, parli di persone che hanno sofferto davvero, non credo che qualche tua parola posso influire più di tanto. Soprattutto credo che tu sottovaluti la forza d'animo di chi ha sofferto, perché puoi stare certo che non lo tiri giù neanche andandoci contro 24 ore al giorno figurati dicendo qualche parola sconveniente.

Avatar utente
Birdman
Messaggi: 126
Iscritto il: domenica 18 ottobre 2015, 0:48

Re: CONSAPEVOLEZZA DEL DOLORE

Messaggio da Birdman » venerdì 16 novembre 2018, 1:13

progettogayforum ha scritto:Mi sento profondamente confuso, confermato solo nella consapevolezza di non saper fare nulla e di non valere nulla, di poter fare danni che neppure riesco a comprendere. La mia antica paura si materializza e il senso di smarrimento è profondo. Ho finito per essere una delusione ancora una volta. Ho trovato persone come si deve, persone che hanno sofferto molto e sono stato io l’ennesima delusione. Non era quello che avrei voluto, sono stato superficiale, ho pensato che fosse tutto molto più semplice di com'era, ho pensato di capire e non avevo capito nulla, come mi è spesso accaduto mi sono sopravvalutato, ho cercato di non vedere i miei limiti e ho commesso errori che non ho neppure compreso e questo testimonia quanto fossi lontano dalla realtà. Ho finito per fare l’esatto contrario di quello che avrei voluto. Non so se è più dignitoso chiedere scusa o semplicemente restare in silenzio. Ho visto cose più grandi me e non ho capito che erano più grandi di me. Ho imparato quanto si possa soffrire e quanta dignità ci sia nella sofferenza e mi sono reso conto che le parole non servono a nulla e aggiungono confusione a confusione. Forse è più rispettoso non aggiungere altre parole.
Non conosco la situazione, però qualunque sia l'entità del danno che puoi aver arrecato, perlomeno ti ha permesso di conoscere meglio i tuoi limiti, quindi difficilmente ti potrà ricapitare. Chiediti se il danno sia oggettivamente grande o se sia stato ingigantito da una distorsione percettiva dovuta alla sofferenza di chi hai provato ad aiutare o tua per il timore di essere inadatto alla situazione.
Si tratta di una situazione recuperabile o ritieni di aver arrecato un danno irreparabile?

Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5383
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

Re: CONSAPEVOLEZZA DEL DOLORE

Messaggio da progettogayforum » sabato 17 novembre 2018, 12:26

Ieri per me è stata una grande giornata, mi sono sentito profondamente felice, mi sono reso conto che talvolta non so capire le cose, non so guardare lontano e sbaglio le valutazioni, ma c’è chi mi prende sul serio anche così, chi capisce le cose anche per me, chi sa guardare più lontano di me e non sbaglia le valutazioni. Quanto te ne rendi conto, ti senti rinfrancato, hai di nuovo l’impressione che andare avanti ha un senso e che nell'umanità c’è, in fondo, anche molto di buono.

Avatar utente
agis
Messaggi: 1097
Iscritto il: sabato 28 dicembre 2013, 22:27

Re: CONSAPEVOLEZZA DEL DOLORE

Messaggio da agis » sabato 17 novembre 2018, 20:12

Son contento che tu stia meglio caro ma, d'altra parte, bastava consultare un giovane: Apollinaire

Sous le pont Mirabeau coule la Seine
Et nos amours
Faut-il qu'il m'en souvienne
La joie venait toujours après la peine

Vienne la nuit sonne l'heure
Les jours s'en vont je demeure

Les mains dans les mains restons face à face
Tandis que sous
Le pont de nos bras passe
Des éternels regards l'onde si lasse

Vienne la nuit sonne l'heure
Les jours s'en vont je demeure

L'amour s'en va comme cette eau courante
L'amour s'en va
Comme la vie est lente
Et comme l'Espérance est violente

Vienne la nuit sonne l'heure
Les jours s'en vont je demeure

Passent les jours et passent les semaines
Ni temps passé
Ni les amours reviennent
Sous le pont Mirabeau coule la Seine

Vienne la nuit sonne l'heure
Les jours s'en vont je demeure

Rispondi