RITROVARSI

La vera vita dei gay anziani, Gay e problemi della terza età, Gay anziani e ricordi di vita.
Rispondi
Avatar utente
progettogayforum
Amministratore
Messaggi: 5439
Iscritto il: sabato 9 maggio 2009, 22:05

RITROVARSI

Messaggio da progettogayforum » mercoledì 9 gennaio 2019, 11:41

Ieri, per me, e non solo per me, è stata una giornata difficile ma importantissima, che però, grazie a Dio, si è conclusa bene. Quante cose deve imparare un vecchio! Quanto deve imparare sulla consistenza effimera della vita e sul suo valore assoluto, sulla velocità con cui si può passare dal buon umore allo sconforto più profondo e talvolta anche dallo sconforto più profondo a una forma di felicità totale, simile a quando si scarica un peso opprimente e si ricomincia a respirare. Vedo spesso intorno a me persone impegnate nella scalata sociale, che a quella scalata finiscono per dedicare ogni sforzo e ogni pensiero della loro esistenza, alcuni arrivano a sentirsi realizzati in quelle cose che a me paiono in fondo insignificanti e mi chiedo se il mio atteggiamento non sia come quello della volpe che vede l’uva troppo in alto e si consola dicendosi che non è matura, o forse sarà che quando si è vecchi si vede in modo diverso la scala dei valori. Poi ci sono dei giorni in cui ci si rende conto di quello che veramente può portare alla felicità e può dare alla vita un valore assoluto. È come ritrovare le motivazioni e il significato dell’esistenza, sembrano parole grosse, ma quando si passa dal timore di avere perso definitivamente quel significato alla felicità di averlo ritrovato, il salto è così sostanziale che parlare di assoluto ricomincia ad avere senso. Queste lezioni sulla vita non si apprendono da soli ma ci vengono insegnate attraverso la vita degli altri, della quale in genere non si comprende il valore nell'egoismo che accompagna l’avanzare dell’età. In certi momenti si capisce quanto la vita degli altri non sia solo degli altri, quanto appartenga anche a noi, quanto sia in realtà condivisa, quanto valore abbia nella nostra stessa vita. Si capisce come la felicità, quella vera, nasce solo da sentimenti condivisi. È possibile superare l’egoismo quando si è vecchi? La potenza del rapporto umano con alcune persone rende evidente che è effettivamente possibile. Gli orizzonti brevi e i tempi limitati della vecchiaia aiutano ad aprire gli occhi sul senso assoluto della vita e a capire che la felicità non è mai una conquista ma sempre un dono che ci viene fatto.

Rispondi