David Leavitt - "Il matematico indiano"

La letteratura a tema gay e non
Blueboy
Messaggi: 368
Iscritto il: martedì 27 aprile 2010, 23:02

David Leavitt - "Il matematico indiano"

Messaggioda Blueboy » giovedì 28 luglio 2011, 11:45

Qualche mese fa ho letto questo libro, che tuttora lascio riposare sul comodino in attesa che finisca di dirmi tutto ciò che ha da comunicare. Appassionante, presenta una vasta serie di personaggi di cui sarà difficile fare a meno una volta conclusa la lettura. Un testo ricco di riferimenti storico-culturali e di elementi da cui iniziare un approfondimento su particolari, eventi, figure. Attenzione, è una realtà dichiaratamente romanzata. Lasciarsi trasportare è piacevole ma può indurre una certa confusione tra verità storica e finzione letteraria, specialmente quando si tenta di confrontare le dimensioni temporali presente, passata e fittizia e la presenza di persone o personaggi in questo contesto. Interessante la Cambridge dei primi anni del Novecento, in special modo la vita della congrega intellettuale che colora (di tutte le tinte) la narrazione. Il vero ruolo tecnico e stilistico del matematico Ramanujan sarà chiarito soltanto nell'ultima pagina, per chi dopo l'intera lettura ancora non lo avesse capito; nondimeno il rapporto tra i due uomini protagonisti è notevole, e non manca di trasmettere un messaggio importante.

Un libro sulla libertà di amare come sappiamo farlo, a modo nostro: senza atti di regola, fuori dagli schemi codificati e non necessariamente con le dimostrazioni consuete. Un libro per dichiarare che un amore può essere grande anche se non si fa riconoscere con i gesti, e che ogni grande amore è legittimamente libero di svilupparsi nel suo modo d'essere.
        Blueboy

Avatar utente
4k4
Amministratore
Messaggi: 99
Iscritto il: lunedì 11 maggio 2009, 19:34
Età: 21

Re: David Leavitt - "Il matematico indiano"

Messaggioda 4k4 » giovedì 28 luglio 2011, 12:33

Molto interessante :)
Penso che prima o poi me lo procurerò anch'io, visto che ho letteralmente adorato "La lingua perduta delle gru", del medesimo autore.
Età: 25 anni

Nemesis

Re: David Leavitt - "Il matematico indiano"

Messaggioda Nemesis » domenica 14 agosto 2011, 9:53

Gran bel libro, mi ha colpito molto sia la storia che il ritmo con cui viene narrata e la profondità dei personaggi.
Ho adorato come l'autore descrive senza essere pesante i pensieri dei protagonisti e l'evoluzione dei loro sentimenti.
Non sapevo dell'esistenza dell'altro libro, ma andrò a informarmi perchè sono molto curiosa.


Torna a “LIBRI”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite