Libri con tema l'omofobia

La letteratura a tema gay e non
Avatar utente
IsabellaCucciola
Messaggi: 1386
Iscritto il: venerdì 30 marzo 2012, 18:40

Libri con tema l'omofobia

Messaggioda IsabellaCucciola » mercoledì 19 dicembre 2012, 17:04

Quello che segue è un elenco (naturalmente non esaustivo) di libri riguardo al tema dell’omofobia.

OUT. LA DISCRIMINAZIONE DEGLI OMOSESSUALI di Maura Chiulli
Si può essere gay in Italia? Il racconto delle "diversità" offerto da Maura Chiulli fotografa un'Italia in cui ignoranza, sessismo e discriminazione sono gli unici colori. Il Bel Paese si dimostra arretrato rispetto al mondo e all'Europa, incapace di garantire diritti ai suoi cittadini omosessuali. Uomini e donne che vivono, amano e pagano le tasse anche per chi li insulta per strada, li sbeffeggia dai palchi della politica, li aggredisce tra i banchi di scuola e nelle vie delle città. Le testimonianze raccolte cozzano con l'idea stessa di "civiltà" e spingono all'indignazione per un nuovo "Orgoglio Omosessuale".

MALEDETTI FROCI & MALEDETTE LESBICHE. LIBRO BIANCO (MA NON TROPPO) SULLE AGGRESSIONI OMOFOBE IN ITALIA di Maura Chiulli
I gay danno fastidio: perché si mostrano in Tv senza più pudore, perché non vogliono sentirsi una categoria "discriminata e speciale", perché spesso hanno molto da dire sulle libertà e i diritti di tutti. E nel contempo, non c'è alcun dubbio che negli ultimi due anni in Italia si sono moltiplicati e accresciuti i casi di intimidazioni, insulti, persino selvaggi pestaggi contro omosessuali. Estemporanee o premeditate, spesso compiute da vere e proprie squadracce, queste azioni sono il sintomo di una cupa e rancorosa rabbia verso le libertà e i diritti che faticosamente si stanno facendo largo nella società civile. Il braccio armato di questa forza oscura sono giovani sottoproletari sbandati, neofascisti a piede libero con precedenti, ultra e cafoni da stadio. Ma il mandante è una borghesia retriva e reazionaria, né di destra né di sinistra, la cui occhiuta complicità garantisce un humus di complicità e approvazione. Chi ha in odio la diversità e il vento di cambiamento sociale, nel contempo, minimizza e insabbia, tanto che sono pochissimi i casi che vengono veramente denunciati o emergono sui media. Come dimostra questo libro, la strada verso una società aperta è ancora lunga e tortuosa. Ma ormai non è più possibile chiuderla e fare finta di niente...

Presentazione del libro:
http://www.youtube.com/watch?v=hmAg7YqWAtg

OMOFOBIA. STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERVENTO di Margherita Graglia
Il libro presenta un'analisi aggiornata e scientificamente fondata sul fenomeno dell'emofobia sociale, ossia quell'insieme di rappresentazioni culturali, di credenze, di atteggiamenti e di pratiche sociali che invalidano, sviliscono o aggrediscono le identità e i comportamenti non eterosessuali. Pur essendo il tema dell'orientamento omosessuale di costante attualità nel dibattito nazionale, mancano, infatti, informazioni accurate che chiariscano le dimensioni coinvolte nel processo di esclusione/inclusione, siano esse di natura individuale, sociale o culturale. Il volume, oltre a fornire informazioni sull'omonegatività da un punto di vista psicologico, sociologico, antropologico ed educativo, intende anche illustrare gli strumenti, concettuali e operativi, per la progettazione di interventi di sensibilizzazione ai temi dell'identità sessuale, di decostruzione degli stereotipi e di riduzione dei pregiudizi, presentando linee guida e best practices nazionali e internazionali. Rivolto, innanzitutto, ai professionisti interessati a comprendere i meccanismi di esclusione sociale e a rendere più efficaci gli strumenti di promozione del benessere individuale e collettivo, il volume vuole proporre, al pubblico interessato, alcune riflessioni utili pe capire le dimensioni coinvolte nel dibattito contemporaneo sulla cittadinanza delle persone lesbiche, gay, bisessuali o transessuali (LGBT).

PER UNA SESSUALITÀ LIBERA. L'OMOSESSUALITÀ, L'OMOFOBIA E LA CONDANNA SOCIALE di Massimiliano Buccia
Parlare ancora del diverso. Certo, perché nonostante alcuni cambiamenti di costume, rimane ancorata in noi la paura del diverso, in particolare l'omofobia. Infatti, l'omosessualità viene considerata da molti un comportamento nevrotico e anormale, dunque un comportamento patologico. Questo saggio vuole evidenziare che l'omosessualità sana e non nevrotica è un fatto, che il fondo discriminatorio ancora esistente può essere eliminato perché basato su un insieme di opinioni e pregiudizi senza alcun valore scientifico, coltivato in gran parte dalle Chiese e dallo Stato, sempre attenti a voler controllare e dominare totalmente l'individuo.

OMOFOBIA. IL PREGIUDIZIO ANTI-OMOSESSUALE DALLA BIBBIA AI GIORNI NOSTRI di Paolo Pedote, Giuseppe Lo Presti
Oltre 500 citazioni tracciano una storia del pregiudizio nei confronti degli omosessuali. L'omofobia li ha descritti come portatori di una tara psicofisica, individui che si sono opposti alla volontà divina, all'umana ragione e alla natura. Questo saggio è il tentativo di costruirne un pilastro, anche attraverso le parole di chi ha espresso la dignità e il valore della diversità omosessuale, contribuendo a demolire i muri della prigione millenaria che è il contra naturam.

Isabella
Ogni sera quando mi ferisco una parte di me si chiede cosa stia facendo, ma io non so cosa risponderle. Guardo il sangue colare dalla ferita, colare a terra, goccia dopo goccia, come una clessidra.

Torna a “LIBRI”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite