I miei libri

La letteratura a tema gay e non
Avatar utente
konigdernacht
Moderatore Globale
Messaggi: 939
Iscritto il: giovedì 25 giugno 2009, 0:27

Re: I miei libri

Messaggioda konigdernacht » sabato 18 settembre 2010, 13:51

Vi consiglio vivamente "Il mirto ed la rosa" di Annie Messina, regalatomi da due zietti specialissimi :mrgreen:

Ambientato in un Oriente storico, è la storia di un principe che compra un ragazzo in un mercato di schiavi, il quale si rivelerà inseparabile e come se tale ragazzo fosse esistito solo per amare il suo principe.
Diverse scelte di potere faranno sì che ad un certo punto il principe si trovi di fronte all'ultima scelta della vita di ogni uomo, e qui si rivelerà l'amore del suo amato ragazzo :mrgreen:

Un libro veramente bello :D
Ultima modifica di konigdernacht il lunedì 21 maggio 2012, 17:42, modificato 1 volta in totale.
Zerchmettert, zernichtet ist unsere Macht
wir alle gestürzt in ewige Nacht

Avatar utente
Dante
Messaggi: 17
Iscritto il: venerdì 10 settembre 2010, 11:36

Re: I miei libri

Messaggioda Dante » sabato 18 settembre 2010, 14:47

Per quanto rigurda libri a tematica gay, vi consiglio di leggere Leavitt, sopratutto "ballo di famigla": è una raccolta di racconti sullo sfondo dell'america degli anni ottanta. Se non lo conoscete, provate per credere!
Homo sum, humani nihil a me alienum puto

Avatar utente
konigdernacht
Moderatore Globale
Messaggi: 939
Iscritto il: giovedì 25 giugno 2009, 0:27

Re: I miei libri

Messaggioda konigdernacht » sabato 18 settembre 2010, 22:01

Mai letto nè sentito dante :) mi informerò :mrgreen:
Zerchmettert, zernichtet ist unsere Macht
wir alle gestürzt in ewige Nacht

Avatar utente
Annabel Lee
Messaggi: 146
Iscritto il: domenica 3 ottobre 2010, 21:39

Re: I miei libri

Messaggioda Annabel Lee » giovedì 10 marzo 2011, 0:25

Di Leavitt va letto un po' tutto:
• La trapunta di marmo (serie di racconti; in uno viene ricostruito il profilo di Bosié, il famoso amante di Wilde);
• Il Matematico Indiano (che ancora non ho letto, ma parla di un matematico che conosce un matematico indiano e finiscono per innamorarsi);
~ Gli altri sono già stati citati =p

Io in casa ho anche "Le Memorie di Adriano" (M. Yourcenar) che seppur non essendo esattamente a tematica omosessuale dedica una buona parte al rapporto fra l'imperatore Adriano e il suo preferito Antinoo;

Poi ho "Il Ragazzo Persiano" di Mary Renault, che tratta della storia di un ragazzo fatto schiavo (ed eunuco) che si ritrova prima alla corte di un re - di cui mi sfugge il nome - e mi pare che poi si tratti anche di Alessandro Magno (ma non ricordo se il libro è quello).

Di Mary Renault ho letto "Ultime Goccie di Vino", che però parla di pederastia al tempo degli ateniesi. Secondo me è fatto benissimo e sfalda alcuni miti legati alla pederastia davvero antipatici (spesso sento dire che TUTTI i ragazzi venivano corteggiati, quando non è vero =_=).

Poi ho un libro che adoro: "Virginio" di Silvio Raffo, che è davvero particolare: tratta di un ragazzo androgino che viene assunto da una donna molto mascolina come nanny, perciò il libro racconta le avventure (non sessuali) di Virginio sotto forma di lettere che lui invia alle sue zie di Napoli. Personalmente lo adoro perché è molto delicato e tratta l'argomento del cambio di sesso con molto garbo e i personaggi non sono eccessivamente standard o stereotipizzati.

Poi ho tentato di leggere qualcosa di Aldo Busi ma ho preso e riportato il libro in biblioteca dopo solo l'infanzia. "Seminario di Gioventù" per me è troppo forte e smaliziato, senza contare che è lunghissimo.

Con il resto della biblioteca (i libri più nuovi) continuo domani xD
« It was the best thing to do; nobody ever said it was also the right one. »

Avatar utente
konigdernacht
Moderatore Globale
Messaggi: 939
Iscritto il: giovedì 25 giugno 2009, 0:27

Re: I miei libri

Messaggioda konigdernacht » giovedì 10 marzo 2011, 2:11

Annabel Lee ha scritto:Poi ho tentato di leggere qualcosa di Aldo Busi ma ho preso e riportato il libro in biblioteca dopo solo l'infanzia. "Seminario di Gioventù" per me è troppo forte e smaliziato, senza contare che è lunghissimo.
Io ho cercato di leggere in più periodi della mia vita Aldo Busi, ma ho sempre trovato la sua scrittura noiosa, plebea, sfacciata e volgare: aria fritta. Mi veniva l'asfissia nel leggere anche solo una pagina.
Grande stima per l'intellettuale ma non è il mio genere!
Zerchmettert, zernichtet ist unsere Macht
wir alle gestürzt in ewige Nacht

Avatar utente
Annabel Lee
Messaggi: 146
Iscritto il: domenica 3 ottobre 2010, 21:39

Re: I miei libri

Messaggioda Annabel Lee » giovedì 10 marzo 2011, 16:52

konigdernacht ha scritto:
Annabel Lee ha scritto:Poi ho tentato di leggere qualcosa di Aldo Busi ma ho preso e riportato il libro in biblioteca dopo solo l'infanzia. "Seminario di Gioventù" per me è troppo forte e smaliziato, senza contare che è lunghissimo.
Io ho cercato di leggere in più periodi della mia vita Aldo Busi, ma ho sempre trovato la sua scrittura noiosa, plebea, sfacciata e volgare: aria fritta. Mi veniva l'asfissia nel leggere anche solo una pagina.
Grande stima per l'intellettuale ma non è il mio genere!

Sinceramente non ho mai fatto caso alla personalità di Busi, so che ha partecipato a un reality show negli ultimi anni e questo gli ha fatto perdere moltissimi punti nel mio personale modo di vedere l'arte; per l'unico libro che ho tentato di leggere, invece, è un problema molto probabilmente mio perché più che per il modo di scrivere (pesante e noioso) è stato il tema del libro, soprattutto perché era mirato a stupire, a colpire le persone con un pessimo gusto volgare: non ho mai amato quegli artisti che mirano solo a scioccare le persone e sollevare polveroni, anche perché poi sotto il polverono non c'è nulla di concretamente bello.
Senza contare che Busi nella mia ottica, appunto "svende" l'arte (non se stesso, perché caratterialmente non lo conosco).


Termino l'elenco di libri che ho in camera (poi dovrei controllare nelle varie librerie sparse per casa e negli scatoloni in soffitta che dal trasloco nessuno si è preso la briga di ordinare xD):

"La Morte a Venezia" di Thomas Mann, già entrato nei libri di letteratura, parla di uno scrittore in 'crisi' che decide di andare in villeggiatura a Venezia. Lì incontra il giovanissimo Tadzio e se ne innamora perdutamente, senza che il ragazzino ne venga mai a conoscenza, perché è un libro di totale (e stupenda) introspezione. Ha ancora dei toni di tardo decadentismo, ambientato in una Venezia divisa fra un'epidemia di colera e il tipico paesaggio di villeggiatura borghese. Inoltre sembra sia una specie di autobiografia dell'autore, ma per questo vi rimando a Wikipedia, io mi sono limitata a leggerlo xD

"Pao Pao" di Pier Vittorio Tondelli è nuovo nella mia libreria ed è in lista d'attesa per essere letto; «narra le storie amorose e poco marziali che travolgono una compagnia di giovani durante l'anno di servizio militare» e ammettodi averlo preso alla cieca dalla sezione omoerotica della Feltrinelli mentre cercavo qualcosa di leggero e possibilmente con Happy Ending. Tra l'altro, l'autore è quello di "Altri Libertini", e questo mi hanno detto essere una garanzia (effettivamente l'ho anche trovato in una proposta di approfondimento sul testo di letteratura dell'anno scorso), personalmente però non posso dare un giudizio.

"Bello e Impossibile" di Giovanni Lombardo Radice se non sbaglio parlava di un ragazzo innamorato di un altro e i due erano presi da un costante tira e molla, il tutto osservato dagli occhi del migliore amico etero di uno dei due. Se avete voglia di qualcosa di allegro, tenetevene alla larga, in ogni caso è scritto in modo semplice e quindi risulta leggero. Io l'ho odiato perché non è allegro, nemmeno un po'.

"Coming Out" di Pupa Pippia è una raccolta di storielline di Coming Out che l'autrice dice nella prefazione/proogo di aver raccolto facendo la barista. Per niente impegnativo e molto simpatico ha la pecca di non soffermarsi molto sui personaggi in sé (che talvolta appaiono perfino simili fra loro), ma sembra proprio che le storie vengano raccontate seduti ad un bancone. Non contiene solo storie gay ma anche lesbo; tutto sommato è piacevole, ma non ne consiglierei l'acquisto: se ve lo trovate fra le mani leggetelo, altrimenti compratelo solo se avete veramente voglia di qualcosa di leggero e velocissimo.

"La Maschera" è il primo libro della trilogia Fantasy/horror di Paola Poggioli, autrice cresciuta sul web. E' molto più yaoi che omoerotica, ma è un libro curato e ben scritto, senza contare che è originale. Dal restro del libro: «La Maschera è la storia di un amore che diviene quasi follia, il racconto di un ragazzo dalle doti uniche e dell'uomo dall'immenso potere che lo porterà a svilupparle.»

Inoltre mi pare di avere da qualche parte il libro tratto da Brokeback Mountain (ma potrebbe essere il contrario) ma non l'ho letto e non so dove cercarlo xD
Cercando su internet, si chiama "Gente del Wyoming" ed è di Annie Proulx.



In ultimo, so che la serie di Marcel Proust "Alla ricerca del tempo Perduto" tratta di omosessualità in vari libri, ma con sicurezza in "Sodoma e Gomorra" il quarto volume (su sette). Essendo questa la serie più lunga di sempre ho tutte le intenzioni di aspettare l'estate per cimentarmi nella lettura, perciò se qualcuno l'ha letto e me lo sconsiglia ne terrò davvero conto perché mi intriga ma non so cosa aspettarmi, soprattutto se la serie è così lunga non voglio perdere tempo ^^'''


Comunque, io leggo maggiormente in internet, se devo essere sincera. Ci sono molte storie che meritano tantissimo, molto più di altri libri sopracitati.
« It was the best thing to do; nobody ever said it was also the right one. »

Machilosa
Messaggi: 385
Iscritto il: giovedì 7 luglio 2011, 22:56

Re: I miei libri

Messaggioda Machilosa » martedì 9 agosto 2011, 23:03

Il mio post c'entra forse poco, ma tant'è.
Oggi sono andato nella libreria di Torino del sopracitato Angelo Pezzana; ho immaginato che fosse ben fornita di libri a tema gay e siccome è specializzata in libri in lingua, volevo prendere il "Maurice" di Forster in versione originale. Cerca e ricerca, di Forster salta fuori solo "A Passage to India". Dopo aver passeggiato un po' in tondo, indeciso sul da farsi, mi butto: "E va ben, chiediamolo alla cassa; certo non mi guarderanno storto nella libreria del co-fondatore della International Gay Association"; il tono naturale e deciso con cui ho chiesto l'informazione m'ha stupito; mi chiedo se ho solo immaginato il sorriso eloquente dell'elegante commesso; "L'abbiamo ordinato, ma deve arrivare a breve." Acc....! Tocca ripetere il gesto "eroico". Così mi sono comprato "Das Parfum" -niente a che vedere con l'omosessualità. >_<

Nicomaco
Messaggi: 423
Iscritto il: giovedì 2 giugno 2011, 16:40

Re: I miei libri

Messaggioda Nicomaco » sabato 20 agosto 2011, 10:50

konigdernacht" ha citato:
"L'intruso" di non ricordo chi (se lo ritrovo, ve lo scrivo)
Storia autobiografica di un giornalista il cui compagno è malato di AIDS. Ripercorrimento dell'esperienza personale di questo e della coppia fino alla morte del compagno. Un libro-testimonianza stupendo

Se posso permettermi "L’intruso" è del giornalista americano Brett Shapiro, compagno di Giovanni Forti, morto di aids nel 1992.
L’ho letto anch’io una vita fa (dopo avere visto in TV l'intervista che Giovanni Forti, già gravemente malato, concesse, credo, al compianto Enzo Biagi) ed è in effetti un libro-testimonianza molto bello.
La verità, vi prego, sull'amore (W.H. Auden)

Avatar utente
konigdernacht
Moderatore Globale
Messaggi: 939
Iscritto il: giovedì 25 giugno 2009, 0:27

Re: I miei libri

Messaggioda konigdernacht » sabato 20 agosto 2011, 17:34

Nicomaco ha scritto:Se posso permettermi "L’intruso" è del giornalista americano Brett Shapiro, compagno di Giovanni Forti, morto di aids nel 1992.
L’ho letto anch’io una vita fa (dopo avere visto in TV l'intervista che Giovanni Forti, già gravemente malato, concesse, credo, al compianto Enzo Biagi) ed è in effetti un libro-testimonianza molto bello.
Dovevi assolutamente permetterti, Nicomaco :mrgreen:
Grazie per aver completato l'informazione su questo libro che mi era tanto piaciuto! Saranno passati una decina d'anni ma è ancora in libreria che aspetta d'essere ripreso ;)
Zerchmettert, zernichtet ist unsere Macht
wir alle gestürzt in ewige Nacht

Avatar utente
Perseo
Messaggi: 26
Iscritto il: sabato 20 agosto 2011, 21:27

Re: I miei libri

Messaggioda Perseo » domenica 21 agosto 2011, 1:29

konigdernacht ha scritto:
Annabel Lee ha scritto:Poi ho tentato di leggere qualcosa di Aldo Busi ma ho preso e riportato il libro in biblioteca dopo solo l'infanzia. "Seminario di Gioventù" per me è troppo forte e smaliziato, senza contare che è lunghissimo.
Io ho cercato di leggere in più periodi della mia vita Aldo Busi, ma ho sempre trovato la sua scrittura noiosa, plebea, sfacciata e volgare: aria fritta.


Wow, che snobismo intellettuale! :shock:

Ahah scherzo ovviamente! Comunque è un topic interessantissimo, grazie a tutti dei consigli (utilissimi)

:D


Torna a “LIBRI”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti